Il Declino

Scritto da , il 2020-01-13, genere dominazione

Il declino delle mie certezze ha un inizio ben definito. Ci sono stati episodi a contorno che hanno aiutato a farmi sprofondare nel baratro che mi sono creata ma il tutto, come in tutto, è partito da una piccola azione. Ho guardato quell’uomo in un modo che non avevo mai guardato nessun uomo. In lui vedevo la potenza, vedevo la forza, vedevo il diritto di dirmi come vivere. Nei suoi gesti, anche i più piccoli, c’erano decisione e fermezza, nel suo sguardo superiorità a prescindere da tutto e tutti. La donna al suo fianco mostrava una timorosa fierezza di esserle vicino, come se il solo poter farsi vedere in sua compagnia fosse un premio, come una carezza disinteressata data al cane di casa.
In quel momento l’invidia verso quella donna crebbe a dismisura, insieme alla consapevolezza che quello non era il mio posto. Quella non era la mia vita. Non ero fatta per stare vicino ad un uomo che non sapesse prendere la mia indole selvaggia e piegarla alla sua volontà. Ero una puledra che andava domata con le buone o le cattive e la persona eletta a Compagno non era all’altezza di quel ruolo.
Ponderai per diversi giorni le ragioni che portarono ad una nuova me, riscoprii una nuova me, un lato che pensavo non esistesse e che invece era celato sotto una coltre di orgoglio e amor proprio. Mi trovai a guardare la vita con occhi da cagna e a mettere una maschera ogni volta che quella parte di me non doveva venire fuori.
Avevo intrapreso un percorso che non ammetteva ne errori ne ripensamenti, ero consapevole del cambiamento avuto e lo avevo accettato, ora dovevo maturare e crescere.
Avida di conoscenza divorai l’etere alla ricerca di risposte e di domande nuove, vidi il piacere in una donna legata in posizione oscene, invidiai la donna rossa che lentamente scendeva nel baratro del piacere con frustate certosine su un clitoride rosso sangue.
Il primo approccio avvenne una sera di primavera, avevo programmato tutto nei minimi particolari, luogo, abbigliamento e qualche risposta di fantasia da dare a qualche curioso.
L’abbigliamento era studiato per lasciare vedere il minimo indispensabile, per fugare ogni dubbio sull’assenza dell’intimo, un trucco mirato valorizzava i miei occhi incorniciati in una maschera nera con pizzo e merletti. Il luogo un club di coppie scambiste, dove sapevo veniva praticato un soft bondage, mi dicevo che iniziare per gradi era il modo migliore rendendomi conto che era la paura a parlare.
Un hotel a qualche kilometro sarebbe stato il mio giaciglio se qualcosa fosse sfuggito al mio controllo e il ritorno mi fosse stato difficile, insomma tutto era studiato, tutto era programmato.
Luci soffuse e un calore eccitante furono l’inizio della mia avventura, ero Roberta un’altra maschera e un’altra storia per una nuova avventura.
Nel giro di poco la gente iniziò a notarmi, seduta ad un tavolino particolarmente in ombra mentre sorseggiavo un bicchiere di vino dozzinale versato in un calice da champagne, una coppia che potevano essere i miei genitori, un travestito non troppo abile nel trucco, un signore campione di tagliatelle era quello che il mio stacco di coscia poteva permettersi. Montò in me un po di sconforto, nessuno dei pretendenti aveva quella sicurezza e fermezza che mi facevano vibrare, non c’era il carisma e la freddezza che avevo visto negli occhi di colui che mi fece scoprire quello che ora andavo coltivando.
Erano quasi le 4 del mattino e il locale andava svuotandosi, insieme alla mia sicurezza. Dovevo trasudare sconforto e tristezza, abbandonata alla consapevolezza che non ero buona nemmeno come serva, come bastone da legare o come tappetino da calpestare. Bramavo una corda, uno schiaffo, una mano che mi stringeva e che mi faceva sentire utile al solo scopo di essere percossa. Avevo demolito le mie certezze di sperimentare con piccoli e studiati passi, sarei stata disposta a tutto.
La mia lucidità era ormai compromessa dallo sconforto e da quel vino dozzinale che era stato il mio unico compagno per tutta la serata. Barcollando guadagnai l’uscita e l’aria fresca mi aiuto a rimettere le idee a posto. L’hotel distava a pochi minuti di camminata, una doccia e una buona dormita avrebbero deterso il mio stato d’animo oltre che alla mia pelle.
Intravidi una figura a lato dell’ingresso, sapevo che mi stava guardando anche se non potevo vederlo bene, fumava con calma e pazienza. Istintivamente abbassai lo sguardo non sentendomi degna di posare lo sguardo su quella figura, ma mi meravigliai quasi subito di questo pensiero spontaneo.
Mi voltai cercando con lo sguardo la via per l’hotel, quando una mano si posò sulla mia spalla destra. Un brivido, una scarica di adrenalina e la mia totale immobilità. Il respiro si fermò per un attimo. Un’altra mano, decisa e ferma come la prima, si posò sull’altra spalla ed insieme si presero la mia dignità lasciandomi la speranza di essere usata.
-Abbassa la testa - Fu il perentorio ordine di una calda voce che esegui immediatamente.
Fui guidata nuovamente verso l’interno del locale che, se possibile, era ancora più buio di qualche ora prima. Riconobbi la musica del frustino sfiorare violentemente la pelle di una persona, l’invidia per quell’essere crebbe, volevo essere al suo posto, lo volevo con ogni parte di me stessa. Fremevo, vibravo, tremavo. Venni riportata all’ordine da una stretta più decisa sulle spalle.
Mi ritrovai in una stanza con una croce di san andrea alla parete addobbata di corde e cinghie. In mezzo alla stanza una gogna di legno, dove una giovane ragazza era imprigionata piedi e mani ,legate a donarle una forma innaturale e decisamente scomoda. Un uomo incapucciato era al suo lato e ritmicamente colpiva le natiche di questa fortunata schiava che con esperienza traeva il massimo piacere dall’umiliazione e dal dolore inflitto.
Venni fatta accomodare su una sedia di ferro, non servì dirmi di stare in silenzio e ferma, lo sguardo del mio salvatore diceva già tutto.
La donna venne liberata e come un automa s’inginocchiò con la testa china e le mani dietro alla schiena in attesa del prossimo regalo dei suoi padroni. Era bella, troppo bella forse per essere trattata così avrei pensato qualche settimana prima, ora era bella abbastanza da guadagnarsi queste attenzioni.
Il mio salvatore si spogliò degli abiti e rimase nudo mostrando la sua erezione con fierezza. Una fitta al basso ventre mi colse all’improvviso. La schiava venne fatta mettere su un lettino ostetrico opportunamente modificato per non avere appoggi saldi con la schiena, si doveva reggere con le mani a dei pomelli di acciaio se non voleva cadere all’indietro. La posizione mise alla mercee del Salvatore e del suo Aguzzino la sua intimità bramosa di piacere e di attenzioni che vennero subito soddisfatte con sferzate decise e mirate con una paletta di legno. L’aguzzino mirava bene e non colpiva mai un centimetro di troppo, ne troppo forte ne troppo piano, vedevo il piacere e il dolore mescolarsi nei suoi occhi, sentivo il rumore della sua libidine percossa dal legno liscio e ad ogni colpo il mio basso ventre sussultava invidioso.
Ad ogni colpo la presa sulle maniglie si faceva sempre più difficoltosa, era questione di pochi colpi e sarebbe caduta al suolo.
-Se cadi, quella è la porta- Una terribile minaccia per la schiava, il gioco psicologico del mio Salvatore faceva leva sul bisogno di piacere della schiava. Con rinnovata motivazione la presa si fece più salda sulle maniglie d’acciaio, in attesa che l’orgasmo arrivasse prepotente e liberatorio. Speravo che cadesse, speravo in una punizione, speravo di prendere il suo posto, di essere io a lottare con me stessa per provare quel piacere che sembra sconvolgere la sua mente. Volevo vederla uscire dalla stanza con la consapevolezza che non sarebbe più stata di nessuno, sarebbe tornata di sua proprietà, una persona non un oggetto.
Poche sferzate e l’orgasmo sarebbe arrivato. Era questione di attimi, ma l’esperienza dell’aguzzino non si poteva ingannare e si fermò esattamente un’attimo prima dell’apice del piacere. Il bacino della schiava si sollevava alla ricerca del piacere, lo sguardo offuscato dal implorava una frustata, uno schiaffo, una scudisciata. La presa sulle maniglie era salda, era tutt’uno con quel lettino.
Sentivo la mia intimità umida e bagnata, la voglia di toccarmi era enorme, come la voglia della schiava di godere. I doloranti capezzoli avrebbero gratido un pizzicotto beciso, una torsione o ancora meglio un morso deciso, ma dovevo restare ferma, non mi era stato dato il permesso di muovere nessun muscolo.
La schiava venne fatta scendere e si rimise nella posizione sottomessa ormai abituale, da quello che presumevo, ma negli occhi si vedeva la voglia e il bisogno di godere, l’essere disposti a tutto per un orgasmo. Nei miei occhi si leggeva invidia.
Venne fatta alzare, le mani avanti a lei vennero legate con maestria ed esperienza dall’aguzzino, mentre il Salvatore calava dal soffitto una corda uncinata, che venne fatta passare attraverso i nodi del maestro aguzzino. Piano, ma inesorabilmente, venne fatta sollevare portandola a sfiorare il pavimento con la punta dei piedi. Il dolore doveva essere forte, ma il giro di corda attorno ai suoi polsi e alle sue spalle distribuiva il peso abbastanza bene, se si allungava riusciva ad appoggiarsi e a scaricare quel poco di peso da darle solievo. Era tutto studiato al millimetro, tutto perfetto, tutto tremendamente sadico. Ormai ero un lago.
Presero due fruste e inziarono a girare attorno alla schiava colpendola fugacemente ma con decisione su tutto il corpo, ora il seno, ora il sedere ancora rosso per le frustate avute, le gambe, l’interno coscia, ascielle, collo, piccoli colpi ripetuti su più fronti. Ad ogni colpo il piacere aumentava e i colpi non erano mai casuali, ma mirati per far aumentare il suo dolore e il suo piacere, le gambe non riuscivano più a reggere quel minimo di peso e allargando le gambe sapeva che sarebbe stata colpita li dove il piacere ha origine. Se si fosse retta sulle punta dei piedi non avrebbe mai goduto, se si fossa lasciata andare avrebbe patito un dolore lancinante seguito da un piacere sconvolgente. Aveva la possibilità di scegliere.
Si lasciò andare allargando le gambe quel tanto che bastava da essere frustata sul clitoride e le labbra, l’Aguzzino e il Salvatore si fermarono per un istante che parve interminabile, il dolore prodotto dalle corde doveva essere lancinante. Ebbi un fremito, vibravo al solo pensiero di quello che la schiava stesse provando. Aveva deciso di soffrire per godere. Una lacrima le rigò il volto e fu quello il segnale per l’Aguzzino per sferzare alcune sonore frustate tra le gambe della fortunata. Il mio Salvatore lo segui a ruota e si alternarono velocemente per non lasciare mai che la fonte del piacere della schiava fosse sguarnita dalla causa del suo dolore. Il Salvatore davanti a lei poteva vederla negli occhi, la guardava fissa mentre con più decisione frustava. Sentivo quelle frustate sulla mia pelle, era come se stessero frustando anche a me. Ora un colpo più deciso dell’Aguzzio arrivo dritto sul clitoride ed era come se fosse il mio. Un urlo disumano della schiava sancì l’agoniato orgasmo, ma non la fine delle frustate che aumentarono d’intensità e di forza come una punizione per un piacere non meritato. Io ero allo stremo, non capivo cosa mi stesse accadendo. Sentivo le contrazioni come in un orgasmo, sentivo che il piacere montava in me lo sentivo nella testa, nei muscoli , nei capezzoli. Guardavo le fruste alternarsi sempre più freneticamente e il grido di piacere misto a dolore della Schiava aumentava con loro. Ora un urlo più alto e una scarica elettrica che partiva dalla testa fino ai piedi svelò l’ennesimo orgasmo della schiava, ormai il terzo in pochi minuti. Io ero ferma, non mi muovevo, ma dentro di me urlavo, mi contorcevo, supplicavo il piacere, speravo che le urla nelle mia testa fossero sentite anche dall’aguzzino, speravo in una sberla, speravo in una frustata liberatrice.
Con uno scatto improvviso il mio Salvatore si avventò con i denti sul capezzolo destro della schiava, proprio mentre l’aguzzino gli sferzò un colpo violento e deciso sul clitoride. Un colpo secco. Un urlo e una nuova scarica di piacere percorse il corpo della schiava.
Le urla durarono alcuni secondi, poi solo l’affanno della schiava riempiva il silenzio della stanza. Fu fatta scendere, sorretta dal Salvatore mentre l’Aguzzino le toglieva le corde e le detergeva i polsi lesionati dalla corda. Venne fatta adagiare su un letto in un lato della stanza. Ora non sembravano più le persone di prima, c’era apprensione e amore per quella Donna.
Fu logico capirlo, dovevano avere cura di lei come di un gioco, aggiustarlo quando si rompe e tenerlo sempre in ordine. Il mio Salvatore si avvicinò a me. Era il mio turno.
-Ora puoi andare-
Il mondo mi crollò addosso.
-Padrone, tenetemi con voi- dissi inginocchiandomi e mettendomi nella stessa posizione assunta dalla schiava di prima.
-Sei disposta a vivere una vita che non ti appartiene? Sei disposta a trarre piacere anche dal dolore più cruente? sei disposta ad annullarti solo per il mio piacere? sei disposta a non avere diritti?- Un sogno. Era quello che volevo, quello che bramavo.
La mia risposta fu data nel modo più sottomesso che mi venne in mente. Mi spostai di qualche centimentro indietro. Abbassai la testa al livello del pavimento e dando un bacio alla punta del suo piede dissi -Si padrone-
Fu quello l’inizio. Fu quella la fine.

Questo racconto di è stato letto 7 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici in italianoraccoti pornoracconto erotico tradimentostorie erotichrracconti erotici mracconti eroticjraccontihotracconti ereoticiracconti gaymia moglie è una zoccolaracconti prime segheprima inculata gayracconti hard tradimentotradimenti eroticisex storiecfnm storieerotici racconti gratismia zia porcaracconti etoticierotici racontiracconti scambio di coppiarscconti pornostorie di sesso con caniracconti porno i generiannunci incestoracconti incestuosi veriracconti hard moglieraconti eroticoracconti erostorie erotivheyoutube racconti eroticierotici raccontracconti di bullracconto hotracconti porno nonnoracconti di mogli inculatepadrona e sottomessoraqcconti eroticiracconti brevi hardmogli raccontiracconti porno gay gratiszia vergineil mio cane mi lecca la figaeracconti eroticierositaliaracconti porno di mogli troieracconti scabrosiracconti caldifeticismo raccontigeneri di racconti eroticiracconti gratis di sessoraccontisexiracconto erotico femminileracconti erotici donneracconti incetovu cumpra pornoracconti la ziaragazza si fa montare da un canestrorie pornofrocettoracconti sroticierotic raccontiporno racconti al cinemaracconti erotici padrei piedi della profracontieroticistorie sesso incestoracconti porno di nonnestorie clisteriracconti sensualiracconti erotici tra cuginistorie di sesso gratisracconti erotici.racconti erotici gang bangxlatercornuto raccontorapporti eroticiracconto gayracconti porno freeracconti erotici genericulosfondatoracconti porno ragazziannunci69 tradimentiracconti erotici storie di sesso incestoracconti porno preteraccont69storie pornierotic raccontizia porcellonaracconti porno lesbicherqcconti pornoculo di mia cognatastorie fetish piediracconti inculateraccnti gayspompinamentoi generi dei racconti eroticiesperienze scambio di coppiasega a mio figlio