Nonne troie parte 5

Scritto da , il 2020-01-12, genere incesti

Alla fine per un soffio vengo promosso questo mi da una certa tranquillità e mi permette di andare in vacanza tranquillo.
Intanto dall’Australia è arrivata un’altra brutta notizia. I nostri genitori hanno deciso di separarsi. Mio padre andrà negli Stati Uniti per un altro lavoro mentre mamma probabilmente resterà a vivere a Sidney visto che, pare, stia comprando una casa lì.
“Quindi ci trasferiremo tutti a Sidney chiedo? Io e mia sorella”.
La nonna scuote la testa. “Non per adesso. Di sicuro non quest’anno”.
La cosa mi fa un po rabbia, la zia e la nonna se ne accorgono. “Su adesso non pensiamo a queste cose tristi” sorride zia.
“Pensa alle vacanze e a divertirti” aggiunge nonna.
Zia mi si accosta all’orecchio “fatti un lavoretto così ti rilassi”. Arrossisco ma nonna, che ha sentito benissimo non batte ciglia anzi... “ma si oggi che è stato promosso poi... ci vuole un premio”.
Zia sorride e si alza in piedi. Si toglie la gonna e in un attimo resta col suo bustino nero, le tette appena nascoste e la fica al vento.
Nonna imitandola si slaccia il vestito intero e resta a sua volta con un bustino color carne, le calze e le mutandine.
Mi fanno sedere sul divano e si accomodano ai miei fianchi. Zia mi prende per la testa e mi guida fra le sue grandi poppe in cui sprofondo con tutta la faccia. Intanto nonna armeggia con le mani fra le mie gambe e mi fa uscire il cazzo.
Dopo poco sento le sue mani salde che mi segano a tutta forza.
“Ma come è grosso e duro” mormora nonna.
“E poi sborra come una fontana” mugugna zia che si sta a sua volta masturbando con vigore.
Mi fanno schizzare non una sola volta. Oggi non ci sono regole di asciugamani e sento il calore dei seni di nonna quando se lo porta sul seno e mi fa schizzare nel suo solco.
Io intanto succhio avido i capezzoli di zia Olga neanche volessi farle uscire il latte.
“Ti piace porcellino?”.
Io ho preso consapevolezza e sussurro “voglio leccarti la figa zia”.
“A porco...”.
“La voglio”.
Mi accontenta. Si sdraia sul divano e mi allarga le gambe mentre nonna ci guarda divertita. Mi avvicino cauto, estasiato mentre sento il nylon delle sue calze sfiorarmi il viso. Il tutto aumenta la mia eccitazione tanto che quando sento l’odore pungente della sua figa subito mi ci avvento sopra con la lingua tesa.
Sa un po’ di muschio ma è stupendo. La lecco a tutto spiano come se non avessi mai fatto altro in vita mia e lei geme di piacere. Allunga una mano, mi accarezza la testa “ma come lecchi bene amore di zia” sussurra mentre il liquido caldo le cola fuori e io lo bevo disgusto.
Alla fine sono così eccitato che appena nonna mi accarezza il cazzo teso le sborro in mano.
Zia si fuma una sigaretta soddisfatta per il lavoretto e io mi volto vedendo nonna che mi sorride... “e a me non la dai una leccata?”.
Non chiedo di meglio. Mi infilo fra le sue gambe e i do anche nella sua vagina pelosetta. Il gusto della sua sbroda è diverso, più dolciastro e lei geme molto più forte della sorella tanto che a un certo punto dico “adesso ti fotto” e sono quasi sul punto di spingermi in avanti per ficcarglielo dentro quando la voce severa di zia mi riprende. “Nei con calma... resta al tuo posto!”.
Subito mi raffreddo. Forse ho chiesto troppo.
Torno al mio posto, lecco e faccio venire nonna mentre io me lo sego ancora una volta con la mano.

Mi concedono di guardare, mi concedono di segarmi quando ho voglia e questo regalo della leccata di gnocca non è stato male ma pare non vadano oltre e io, ammettiamolo, ho bisogno di fottere, con. Ian sorella lo facevo quasi ogni giorno e le seghe non paiono placarmi.
Quindi me ne faccio sempre di più specie adesso che alle nonnine la cosa non pare dar fastidio. La sera, per esempio, quando si cambiano è abbastanza normale che io stia nudo a fissarle e mi seghi per tutto il tempo o al pomeriggio quando zia fa il riposino che sia seduto lì vicino e la fissi.... ogni tanto si tocca anche lei e mi chiede anche se voglio leccare... ovviamente dico sempre di si.
Altre volte il riposino lo faccio con nonna, nel lettone con lei che si lascia toccare tranquillamente i seni mentre me lo meno e anche lei a volte lo mena a me.
Insomma non me la passo affatto male. Bisogna però rispettare le regole, fra le altre alle quattro in punto bisogna coprirsi per bene perché spesso e volentieri arrivano le ospiti.
Nonna si siede in cortile su una panchina all’ombra e dopo un po’ arriva la sua amica Alma o la vicina di casa Teresa o altre amiche se non addirittura mia zia Mariuccia, la terza sorella o la zia Mary la sorella più giovane delle quattro.
A volte sono in cinque o sei all’ombra e chiacchierano fino a dopo le sei senza che mai gli manchino gli argomenti. In questi momenti non avviene nulla di sessuale a parte il fatto che io guardo anche loro, guardo le loro gambe, guardo che calze indossano, cerco di immaginare quanto siamo grosse le loro poppe.
La sera dormo nel mio lettino e sogno,

Eravamo nel corridoio buio che va dal bagno alla cucina. Nonna Norma ha appena pisciato, ed è semi nuda. Vedo chiaramente il reggicalze e la pancia rosea. Lì sotto c’è la fica che ancora cola piscio. Poi guardò meglio ed è un cilindro di plastica trasparente. Un cilindro in cui tento in tutti i modi di infilare il cazzo. Il mio cazzo! Norma mi sorride come sempre, amorevole nonna e mi dice 'spingi, spingi'. E io obbedisco.
Entro e a quel punto lei mi imprigiona. Non posso più fuggire.
Vedo zia apparire dal nulla (nuda) “porco hai messo incinta tua nonna... porco schifoso”.
A quel punto mi sveglio. E ho il cazzo di marmo!
Sono le sei del mattino e mi sego praticamente a tutto spiano fino alle otto.
La mia voglia di infilarlo da quel giorno è triplicata ma ormai sono rassegnato. Probabilmente per le mie nonnine il coito col nipote è davvero troppo.

Un giorno una delle vicine di casa, la più zoccola diciamolo pure, interrompe la mia monotonia di seghe con le nonne.
Si chiama Teresa una calabrese matura over cinquanta che nonna e zia non sopportavano più di tanto e di cui parlavano spesso male alle spalle ma a cui le facevano comunque buone per educazione. Un giorno questa matura grassoccia era seduta sui gradini del cortile di casa nostra chiacchierando con nonna col suo solito fare molto volgare.
Io seduto di fronte a lei su una sedia sdraio le vedevo dritto fra le gambe che si aprivano...e si aprivano.... e alla fine.
La gatta!
Sotto al vestito già piuttosto corto la baldracca non aveva le mutande. La barba di pelo nero era lì tutta da vedere, da studiare e da godere.
Infatti lo avevo duro come una pietra e alla fine dovetti alzarmi e andare in bagno a farmi una bella sega.
Così anche Teresa si aggiunse alle mie fantasie con la mano, tanto più che non mi ero solo immaginato le sue porcate, la troia era davvero senza mutande...
Cominciai a fantasticare di come me la sarei potuta scopare in ogni posizione e la guardavo sempre con maggior desiderio fin che forse un giorno lei se ne accorge perché mentre va via mi sussurra “ti piace la sorca vero amore”.
Io prendo la cosa come un invito tanto più che ha 20 anni meno delle zie ma è già vedova e sola e penso che un cazzo lo prenderebbe volentieri.
Due gironi dopo e’ sul terrazzo che stende le mutande. Dal nostro balcone la vedo benissimo. Ovviamente visto che stende le mutande è giusto che non le indossi....
Quindi ha solo una maglietta e sotto ha la sua figona in bella vista. È pelosissima, molto più di quella della zia, una bella foresta di pelo nero. La guardo, lei mi guarda e mi saluta come nulla fosse “ciao Giorgino” ridacchia ancheggiando ancora di più mentre noto che anche sotto alla maglietta bianca non ha reggiseno e si vede anche una buona porzione delle sue abbondanti tettone.
Non c’è la faccio a resistere, me lo tiro fuori mentre lei sghignazza, me lo afferro e mi sego con decisione.
Se le nonnine hanno dei problemi lei forse non ne ha. Magari una bella ripassata di cazzo potrebbe farla felice.

Alla sera però arriva la doccia fredda. Zia mi prende da una parte “dobbiamo parlare”.
“Cosa?”
“Quello che hai fatto oggi. Non va bene. Quella stronza è la più pettegola e acida del paese. Non può fare cose con lei, andrebbe subito a raccontarle in giro”.
“No ma io....”
“È subito venuta a raccontarci che te lo sei tirato fuori davanti a lei e che sei un maniaco sessuale” aggiunge nonna.
“Cavoli ma era mezza nuda con tutta la patata fuori” provo a giustificarmi.
“Ma tesoro lo sappiamo, è una vacca che lo fa apposta a provocare e poi fa la preziosa. Ma tu non puoi tirarti fuori il cazzo davanti a una così” spiega zia.
“Non ti basta farti le tue seghette amore?” domanda nonna mettendomi una mano sulla spalla.
Io mi alzo dalla sedia un po’ scostante “no. Non mi basta, non mi basta più” dico andando a chiudermi in camera mia.
Pochi giorni dopo comunque le preoccupazioni di nonna e zia si mettono a posto da sole perché Teresa parte per la Calabria dove la sorella si è offerta di ospitarla per l’estate.
Come si dice lontano dagli occhi, lontano dal cuore.
Quella sera mi sognai Teresa, a pecorina, col suo culone in bella vista e io dietro che la inculavo a tutto spiano.
Al mattino chiesi scusa a zia... mi ero segato nel sonno senza neanche accorgermene e avevo allagato le lenzuola.
“Va Bhe a volte può capitare” minimizzò la nonna.
“È lo so ma certo che se ne fa a raffica di seghe” rise zia quasi umiliandomi.
Io andai in bagno, mi misi davanti alla tazza immaginandomela li seduta e mi segai sognando di venirle in faccia...

Questo racconto di è stato letto 2 8 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici e videoprimo pompino raccontostorie per masturbarsiraccinti gayla porca di mia cognatastorie di sesso con suoceraracconti erotincesto storieescort raccontiracconti storie eroticheracconto piccanteerotici racconrii piedi di mia moglieracconti erotici in autobusracconti feetzia racconti eroticirecconti eroticispulppiedi maschili raccontiracconti spankingracconti erotticiracconti fetish piedistorie erotracconti erotici anzianeracconti sesso gratisracconti porno trioracconti erotici vicina di casaraccon ti eroticiracconti tabooracxonti eroticiracconti porno prima voltaracconti in saunaracconti di culi rottiracconti x adultisiti erotici italianiracconti erotici gratuitistorie fetish piediraccontimilu.comracconti di milracconti potnoracconti erotici tra fratello e sorellaracconti ggenere racconti eroticiracconti di veri incestiracconto erotico nonnaracconti di sesso con animalii piedi della profracconti erotuiciracconti zozziracconti erotici nonnadominazione femminile raccontiracconti culoracconti eroticciracconti erotixiracconti erotici padre e figlioi raconti di milustorie di feticismoraccont eroticiracconti erotici baby sitterracconti pormotradimento raccontoracconti erotici harry potterracconti sesso gratisracconti erotici69mi piace mia cognataracconti hard mogliela sorella perversastorie postorie eoticheracconti erotici sorellinastorue pornoracconti.gaylink eroticiraconti picantierositalia raccontiracconti di annunci 69storie di sesso in famigliaracconti porno 69racconti erotistorie erotiche piediracconti porbostorie eccitantistorie saffichepiedi suoceraclisteri sexyracconti cougarracconti feetstorie di sesso pornoracconti di coppie scambistecougar raccontiracc sessracconti reoticisverginamento vaginaleracconti erotici cuckconti erotici