Nonne troie parte 4

Scritto da , il 2020-01-12, genere incesti

Passano quasi due mesi.
Due mesi di assidua convivenza con nonna Norma e la sorella minore Olga.
Due mesi in cui c’è la metto tutta per finire la scuola e non farmi bocciare. In fondo ne avrei anche le ragioni. Il trasloco, il trasferimento dei miei genitori, la nostalgia di mia sorella e non parliamo delle beghe sessuali che mi circondano sempre più intensamente.
Bisogna dirlo accadono cose strane a casa delle nonne. Alcune sono probabilmente cose assolutamente innocenti che solo una mente perversa come la mia vede come eccitanti tipo il fatto che la sera le due nonnine, come hanno sempre fatto, si spoglino in salotto per indossare le camicie da notte. Probabilmente non c’è nulla di male, hanno un comò apposta pieno di abiti per la notte vicino alla televisione, lo aprono, tirano fuori una camicia da notte pulita e quindi iniziano a turno a levarsi tutto quello che hanno addosso. Il vestito o la camicetta, poi la gonna a volte sotto hanno la sottoveste.... nulla di che a parte il fatto che spesso, specie zia, non ha le mutande e a quel punto ha solo il bustino nero che comunque è davvero sensuale e trattiene a stento le grosse bocce, ha ancora le calze, di solito nere, che si vedono in tutta la l’iro interezza, con la decorazione a giarrettiera in cima, coi gancetti che le sorreggono...
E già qui, lo ammetto a me viene duro da matti.
Ma, ricordiamocelo, la zia per sua stessa ammissione non porta le mutande, quasi mai... e quando le porta sono una cosina nera tutta di pizzo che non nasconde molto...
Insomma è li davanti a me è sua sorella a figa fuori, solleva una gamba, la poggia sulla poltrona, si sgancia una calza e se la leva, poi l’altra.... e intanto io guardo il cespuglio che fa capolino da sotto. Come ho detto ha i peli della gnocca molto lunghi e folti ed è tutto uno spettacolo.
Ma non finisce qui perché poi si sgancia il bustino, lo leva e le due bocce (una ottava) svettano in tutto il loro splendore. La vista certo è fugace, solo pochi secondi perché subito dopo si infila lesta la camicia da notte ma quel breve istante, quello spogliarello è davvero stupendo.
Poi c’è nonna che fa più o meno la stessa cosa anche se lei, di solito, ha le mutande e non sono neanche tanto sexy. Una cosa bianca, ampia, che davvero nasconde tutto e toglie molto alla mia eccitazione però, cazzo, anche lei quando leva il bustino color cobalto per qualche minuto mi da una bella visione delle sue tette che sono appena un po’ più piccole di quelle della sorella. Come ho detto è una cosa più che normale, sono mia nonna e mia zia che si cambiano. Sono anziane e non fanno nulla di provocante ma a me viene di marmo. Questo mi inquieta perché mi sento ogni volta sporco, ogni volta a chiedermi se sia la mia mente malata di sesso ad immaginare cose che non esistono e a vedere come oggetti sessuali le mie anziane parenti.
Vanno in bagno a lavarsi, ogni sera si fanno il bidet e mi fanno fare altrettanto perché le parti intime devono sempre essere pulitissime per non prendere le malattie dicono.
Io lo faccio ubbidiente ma confesso che prima mi faccio anche una veloce sega eccitato dal loro involontario spettacolo....ogni sera.
A scuola perdo un po’ i contatti con i compagni. Sono sempre stato un allegrone amicone di tutti ma in questo periodo vado in classe quasi come un automa, studio quel minimo per cercare di passare e, pensa un po’, mi studio centimetro per centimetro le gambe delle prof quando hanno la gonna.

Le nonne vivono in una frazione abbandonata su una collina a tre km da tutto. Sono una trentina di abitanti che vivono quasi a se stanti anche se sono solo una frazione. C’è un bar, anche se è miserissimo, il giornalaio, il tabaccaio e il panettiere ma per il resto, se si vuole un segno di civiltà bisogna farsi tre km... a piedi perché io non ho la macchina.
Abbiamo un veicolo, appartiene a zia Olga che delle due è l’unica patentata. Una 500 con dieci anni di vita e meno di 15.000 km. Là si usa solo per occasioni speciali: andare ai funerali, andare ogni 15 giorni al supermercato a fare la “spesa grossa” è una volta al mese per andare in una cascina da alcuni conoscenti a prendere roba fresca tipo vino, salumi ecc....
L’unica volta in cui zia ha fatto una eccezione è stato quando l’ho usata per fare l’esame della patente. Mi ha accompagnato, ho fatto la mia bella figura con l’istruttore seduto dietro e la zia al mio fianco e mi sono portato a casa la mia bella patente.
Ho chiesto due volte a zia se potevo usare la macchina per andare a fare un po’ il figo con gli amici ma mi ha detto no. Dice che ha paura che mi faccia male.
La guida quindi diventa mia prerogativa solo per andare a fare la spesa, alla fattoria o quando ci dobbiamo davvero spostare per il resto vado ancora a scuola col bus giallo dei bambini, torno a casa e studio.
Quando non studio gioco a pallone.
Quando non gioco a pallone mi faccio un mare di seghe.
Per farmi le seghe, ovvio, spio le due nonnine.
Spiarle mi fa sentire sporco, sborro ma poi, a volte me ne vergogno.
Ad esempio al pomeriggio, subito dopo pranzo, quando le due nonnine per digerire fanno una passeggiata fino in fondo al bosco. Siccome sono vecchie e stanche si portano dietro un seggiolino tipo quelli da picnic molto leggeri e pratici da tenere sotto al braccio.
Io vado con loro....
Camminiamo per un po’ fino ad arrivare ad una radura alberata e li aprono i due seggiolini ma siccome sono diciamo “belle grosse” non è che stiano proprio sedute composte.... Si siedono con le gambe belle larghe.
Ed è li che io, che fingo di giocare a pallone, vedo tutto. Specie zia che non ha le mutande.... vedo davvero tutto!
Anche qui, diciamo, non ci sarebbe nulla di male sono io il porco che sbircia come un maiale no?
Si certo, sarebbe anche vero se non fosse che un giorno ho proprio visto che zia se la toccava. Aveva la mano sotto la gonna e ravanava che era un piacere.
Magari si stava solo grattando un fastidio ma.... insomma ho proprio visto che alla fine ha spruzzato qualcosa.
Quello era un ditalino. Un ditalino coi fiocchi....
In più mia sorella mi ha detto che una volta ha visto anche nonna Norma farsene uno è da allora sono ossessionato da questo pensiero. Perché di zia ho qualche dubbio dopo quello che è successo in autostrada ma nonna, devo dire la verità, non l’ho mai vista fare cose strane o oscene. Non comunque cose inspiegabili come guardare il nipote che sborra...
In compenso ha uno strano vizio. Ogni volta che piscia dopo si cambia le mutande e lo so perché dopo che ha ben ben pisciato esce dal bagno con la gonna ancora alzata, le mutande appena tolte a mo di fazzoletto e va fino in salotto nel famoso armadio dove oltre alle camicie da notte pare tenga tutto il suo intimo.
Magari non ci sarà nulla di male ma vederla attraversare la casa con le calze e il reggicalze in bella vista, i peli della gnocca biondiccia che fanno capolino da sotto le mutande appallottolate a me fa un certo effetto.
E anche li, appena posso, vado giù di sega...

Poi ci sono i pisolini, almeno un ora, dopo la passeggiata. Zia si siede sulla sua poltrona davanti alla tv, si mette bella comoda e parte...
Russa che è un piacere.
Sotto intanto le gambe si divaricano, si divaricano e si divaricano e alla fine il suo cespuglio è così bello visibile che basterebbe allungare una mano.
Io ovviamente sono lì con lei, sdraiato sul divano. Ho la faccia a meno di un metro dal suo intimo. Cavoli come mi piacerebbe allungare il braccio e toccarla o ancora meglio avere una lingua così lunga da raggiungere le sue cosce.
A volte, se mi concentro, mi pare quasi di sentire odore della sua figa.
Anche qui, ovvio, ci vuole un’altra sega. Una sega con destrezza badando che il suo russare sia ritmico e che non apra gli occhi vedendomi smanettare. Forse qualche dubbio lo ha visto che faccio il pisolino col mio asciugamano ma, per ora, non ha mai detto nulla anche se quando riapre gli occhi l’asciugamano è tutto appallottolato e finisce nel cesto della roba da lavare subito dopo.

Nonna invece il riposino lo fa da sola in camera da letto. Si mette sopra alle coperte, si mette comoda e accende la tv prima di iniziare anche lei a russare come un treno.
Non chiude la porta quindi se salgo piano piano le scale posso anche sbirciarla.
Non fa nulla di male però, per stare comoda, si toglie il vestito e resta in sottoveste. Slaccia anche i gancetti del bustino da sotto quindi le sue belle mammelle non più trattenute dopo un po’ sono praticamente fuori e in bella vista.
Insomma. Le vedo alla grande.
A volte, quindi, trascuro zia, mi metto dietro la porta e con un asciugamano da una parte e il cazzo nell’altra vado ancora di sega mangiando con gli occhi quelle poppe e sognando che il mio schizzo gli arrivi sopra e le ricopra tutte.

Quindi, tirando le somme... una sega appena sveglio perché faccio sogni davvero osceni, una sega mentre fanno il pisolino visto quanto mi mostrano, una sega dopo che le ho viste spogliarsi e una liberatoria a letto prima di dormire.
Mi sto consumando l’uccello temo. Come ho detto la cosa mi inquieta parecchio perché mi sento sporco a coltivare questa mia ossessione per due donne anziane ma, ogni volta che provo a “guarire” da questa mia ossessione accadono cose che, come ho detto, proprio tanto normali non sono e questo da molto da pensare.

Accade ad esempio, un giorno mentre spio il pisolino di nonna facendomi la solita sega che, appena finito con notevole sollazzo visto che oggi aveva proprio le tette fuori completamente, decido di scendere a bere una coca cola col cazzo ancora umido. Passo e vedo la porta del salotto dove zia fa il suo riposino chiusa. La cosa è strana perché non chiudiamo mai la porta e quindi con grande curiosità mi avvicino, la apro di scatto e trovo zia seduta sulla sua poltrona.
“Azzzz!” esclamò mentre lei mi fissa.
Ha tutte le gambe larghe (come al solito) ma ha anche tutta la mano infilata dentro.
Mi fissa, pare arrabbiata. Si leva la mano dalla patata e si vede chiaramente che è bella umida. “Che vuoi?” sbuffa.
“Niente credevo avessi bisogno di aiuto”.
“Se avessi bisogno di aiuto lascerei la porta aperta” dice mentre si pulisce la mano con un fazzoletto.
Intanto è impossibile non notare che dalle sue gambe spunta un liquame fluente e, infatti, obbediente alle sue regole, sotto al culo ha un asciugamano.
“Cosa c’è sei eccitato?”.
“Un po’....”.
“Vuoi farti la solita sega guardandomi?”.
“Come scusa?”.
“Guarda che lo sento che mi spii e ti seghi non c’è nulla di male. Anche io, come vedi, mi masturbo ogni tanto...”.
“Non c’è niente di male” ripeto io.
“Se c’è lo teniamo per noi però...” precisa lei in tono serissimo.
“...?”.
“Non vorrei che tu andassi in giro a raccontare queste cose. Magari raccontarle a qualche amichetto....”.
Scuoto la testa vigorosamente. “Se qualcuno sapesse potrebbe fraintendere, giudicarci male, potrebbero addirittura decidere che non puoi vivere con noi”.
“Non lo farei mai zia”.
“Davvero giuri che non ti è mai venuto in mente di raccontare che ti lasciamo segare quando vuoi... che ti lasciamo spiare i nostri intimi...”.
“Si zia te lo giuro. Non lo direi mai a nessuno. Mai. Ho troppo rispetto per te e nonna per raccontare queste cose in giro”.
Mi fissa, mi studia un attimo “bravo nipotino.... allora forza, datti alla pazza gioia”.
“Posso...?”.
“Ma certo, anzi oggi avrai un premio visto che mi giuri di essere così bravo” di slancio si sfila le tettone da sotto il bustino e allarga ancor di più le gambe.
Io sono già sul divano e mi sto levando i pantaloni.
Lei lo nota subito un po’ appiccicoso “a vedo che hai già dato oggi...”.
Arrossisco....
“Non preoccuparti, anche io ho voglia di farmene un altro....” e detto fatto si porta due dita fra le gambe e inizia a giocare col suo ciccetto...
La cosa dura una decina di minuti, forse meno, perché più guardo le sue tettone più mi sale il sangue al cervello. Lei ci ha preso gusto, la smanazza per bene con tutta la mano e mi guarda.
“Che bello... c’è lhai davvero grosso ummm” sussurra maliziosa e a quel complimento mi parte lo schizzo. Faccio appena in tempo a prendere l'asciugamani.
La zia ride. “Che spruzzo tesoro”.
“Emmmmm grazie”.
“Dai vieni che adesso c’è il premio”.
Credevo che il premio fosse mostrarmi le poppe ma sbagliavo.
Mi avvicino, ancora a cazzo fuori. Lei si sta ancora smanazzando a tutta forza.
“Forza, se vuoi puoi toccare le tette... lo so che lo vuoi”.
“Davvero posso? Posso anche succhiare...”.
“Se vuoi....” mugugna lei sempre intenta a sgrillettarsi a tutta forza.
Abbasso la testa, mi portò un capezzolo grosso e duro alla bocca e succhio come un pazzo mentre con l’altra mano palpo voglioso l’altro seno. Sento lei gemere più forte. Le piace.
“Arghhh vengo” esclama con un sospiro e una specie di fontanella le spruzza verso l’alto fra le gambe.
La guardo.... ha squirtato come una Troia.
“Che relax -sospira- adesso però mi ci vuole una sigaretta. Molla la latteria caro”.
Io obbedisco. La guardo, lei mi guarda, sgrana gli occhi “ ma è di nuovo duro?”.
“E Bhe zia con quelle poppe”.
Sorride. Allunga la mano, me lo tocca. “Rimetti le mani sui seni”.
“Posso....?”.
“Visto che è colpa mia si”.
Lo faccio, intanto sento le sue mani grandi e calde saggiare il mio cazzo. Inizia a muoverlo ed è fantastico.
I nostri visi sono uno di fronte all’altro. Le mie mani sui suoi seni la palpano con voluttuosa passione, la sua mano lavora alla perfezione.
“Occcazzzzzzo” esclamo sentendolo sborrare. In un fremito di passione avvicino la mia bocca alla sua e la bacio. La mia lingua nella sua bocca senza che lei faccia obiezioni.
E, stavolta, non abbiamo nemmeno usato l’asciugamano penso mentre vedo il suo bustino nero tutto inzaccherato di sperma.
Lei si alza, si spoglia completamente “questa roba è meglio lavarla direi...”.
“Si ottima idea” sorrido io.
“E magari anche tu fatti una doccia che sei davvero sudato e puzzi anche un po...”.
Io annuisco, abbasso la testa e senza osare guardarla le dico “grazie zia”.
“Si ma ricordati che è un segreto”.
“Si zia. Lo giuro”.

Questo racconto di è stato letto 4 3 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti ereoticisesso con mio nonnoracconti.pornoerotciraccontierotici raccpntisrorie pornoho scopato mia figliaracconti porn gayracconti gay neriracconti porno piccantiracconti erotic iracconti erotici di sesso analeacconti pornoporno mogli al cinemaracconti hard gratisracconti erotici canistorie eroticheracc 69racconti porno mia cognatastorie di donne maturercconti pornoracconti porno animalistorie pronoeroticiracconti gratiszoofilia raccontiracconto analeracconto erotico sorellaracconti casalinghiraccontiporstorierotichela porcellonaerotici pornoracconti erotici 69storieroticheracconti erotici per adultiracconti porno di nonnestorie lesbicheracconto eroracconto cuginastorie piccantiracconti erticiracconti 69.itracconti generorecconti eroticiracconti erotici ripetizioniracconti di dominazioneraccontioseracconti erotici spintiracconti porno freeracconti dominazione gaycrociera eroticaracconti sensualiracconti erotici dominazioneracconti lesbistorie pornografichela mia ragazza in toplessmarito schiavo raccontistorie di calpestamentoracconti di milu dominazioneconti eroticiracconti veri gayracconti sadomasoracconti erotici sui piedicuck raccontiracconti erotici di coppiaho inculato la mammafiglia ninfomaneraconto pornostorie erotivheschiave sadomasoraccontidi sessoracconti porn gaystorie sexiraconti hardracconti incentuosiincesto con la nonnaracconti erotici slaveracconti eroticissimi