ICDO22 - Parte 2

Scritto da , il 2020-01-12, genere gay

SECONDA PARTE.


Salivo le scale svogliatamente, indugiando con le dita sul ferro battuto del corrimano. Giunto al terzo piano mi trascinai fino al secondo appartamento sulla destra, e prima di suonare il campanello rimasi lì qualche secondo, sconfortato. Poi premetti il pulsante.
Passò qualche secondo, e aprì la porta.
"Arrivi sempre al momento giusto!" esclamò.
Aveva spalancato la porta con un sorriso di gioia, ma non solo: dalla zip aperta dei jeans fuoriusciva la sua vigorosa, durissima erezione. Sorrisi di rimando guardando prima quel ben di Dio, poi lui.
"Sai sempre come tirarmi su di morale" dissi.
Tirò su le spalle con l'espressione di chi sa il fatto suo.
Mi fece entrare, si diresse verso il tavolo, di fronte al computer, dopo aver camminato con estrema disinvoltura per essere uno in t-shirt e jeans col cazzo duro di fuori, e si sedette alla sedia, sempre sorridendo. Il bastone rimaneva dritto e rigido.
Io mi infilai sotto il tavolo, di fronte a lui che, con delicatezza ma rapidità e decisione, accompagnò la mia testa sul suo cazzo. Presi il bastone alla base con la mano sinistra e con la destra lo strinsi ruotando il polso. Il tutto veniva concluso dalla bocca. Anche la sua cappella era grossa e rotonda, ma il tronco era più grosso e leggermente incurvato verso l'alto. Avevano entrambi il cazzo lungo più o meno uguale, ma il suo aveva un gusto più saporito e amaro.
Per tutto il pomeriggio lui sedette con le gambe lievemente divaricate mentre lavorava al computer, e io gli lavoravo il cazzo sotto il tavolo. Avevo provato anche a slacciargli il bottone dei jeans, ma lui me lo aveva impedito con fermezza, e con un sorriso canzonatorio riaccompagnò la mia bocca sulla punta. Prima di spingermi giù, mi guardò negli occhi con intensità, sorridendo impercettibilmente.
Aveva un corpo asciutto, maschile, un collo lungo e taurino, spalle ampie e vita strettissima. Nonostante l’aspetto da maschio quasi truce, la mandibola dai contorni affilati, solcata dalla barba incolta unita ai lati da larghe basette, gli occhi neri e il profilo greco, i suoi modi erano sempre gentili ed entusiasti.
Non me ne rendevo ancora conto, ma era per questo che, inconsapevolmente, glielo succhiavo con foga per ore intere senza mai perdere il ritmo.
Verso le cinque del pomeriggio, quindi dopo quasi quattro ore di pompini, si abbandonò allo schienale della sedia portandosi le mani sulla fronte, massaggiandosela con lentezza e occhi chiusi. Li riaprì dopo qualche secondo e mi fissò, immobile. Io dal canto mio arretrai dal cazzo finché le labbra non circondarono il solco della cappella, affinché potessi leccargliela con gusto mentre la posizione del collo mi veniva facilitata per poter alzare il viso e fissarlo di rimando. Sorrise e mi fece un cenno verso il basso; io diedi un'occhiata sotto di me e vidi la forma delle palle, sode e piene, fasciate dagli skinny jeans.
“Tieniti forte" sussurrò con autorevolezza.
Si sistemò sulla sedia, e io assecondai i suoi movimenti senza staccarmi un secondo. Ora sedeva eretto, con le braccia appoggiate sui braccioli. Portò le mani sul ventre, afferrò il bordo della t-shirt e cominciò a sollevarla, finché, inarcando con attenzione la schiena, e lasciandomi tutto il tempo di indugiare sul suo ventre piatto e sui capezzoli, non fu completamente sfilata. La lasciò cadere distrattamente a lato, mantenendo sospese le braccia, scosse la testa brevemente facendo ondeggiare i bei capelli ondulati e poi, inesorabilmente, portò entrambe le mani all'altezza delle mie guance. Proseguì dietro e le poggiò sulla nuca.
"Ci sei?" mi chiese ansimando un poco, divertito ed eccitato “Secondo me oggi non rimarrai affatto deluso..."
"E quando mai mi hai deluso" pensai distrattamente, ma ero troppo concentrato sulla punta della cappella e al tempo stesso sui suoi occhi penetranti e luccicanti.
Quindi cominciò. Mi spinse giù e al tempo stesso sollevò abilmente il bacino. Io non volevo chiudere gli occhi per aiutarmi a rilassarmi: volevo guardarlo godere, ma soprattutto guardare il movimento fluido della sua pancia, e l'accavallarsi meccanico e al tempo stesso naturale degli addominali, il tendersi dell'ombelico, l'incrociarsi delle costole sotto la pelle. Provai per qualche minuto, ma poi dovetti arrendermi e mi lasciai andare completamente all'attento lavoro di succhiarglielo il più possibile.
Lui a tratti rideva, e mi scopava la bocca senza un attimo di sosta. Qualche volta me lo spingeva il più possibile in gola e poi lo lasciava uscire di scatto dal lato della bocca, come se volesse riprodurre il tipico suono di una bottiglia stappata. In quel momento sentivo tutta la lunghezza del cazzo sfregarmi velocemente sull'angolo delle labbra, per poi proseguire ferocemente sulla guancia, finché non sentivo i suoi peli morbidi e biondi sul naso. Arretrava di colpo e me lo rificcava in bocca.
Qualche momento prima di sborrare, poi, disse ansimando:
“Che voglia… di sfondarti… il buco del culo…”
Uno scatto potente del bacino e mi venne in faccia con uno schizzo di sborra densa. Presi subito il cazzo in bocca per prendere gli altri schizzi.
"Dai, DAI" urlava ad ogni colpo inferto alla mia bocca, che veniva inondata di così tanta sborra da non permettermi di mandarne giù uno schizzo prima di poter prendere quelli nuovi, facendo colare gran parte dello sperma. Mi tratteneva la testa stretta e a malapena potevo scorgere la sua pancia dura come la pietra contrarsi, i suoi bicipiti irrigidirsi e la sua mandibola affilarsi. Molto probabilmente si era trattenuto in questi giorni, perché la sborra non finiva più di schizzargli dal cazzo, ma io mandavo più e mandavo giù a più non posso.
Quando ebbe finito, dopo svariati minuti, avevo ingoiato abbastanza per essere sazio una settimana, faccia e capelli erano quasi completamente ricoperti del liquido che non ero riuscito a prendere. Il cazzo era ancora duro e lo tenevo appoggiato tra le labbra. Lui si distese soddisfatto allo schienale con la testa buttata all’indietro, riprendendo il fiato. Poi la alzò e mi guardò negli occhi, rilassato ma anche sbruffone, e mi disse:
"Questa era tutta per te", poi ne raccolse un po' dalla mia guancia con un dito e se la portò alla bocca, assaggiandola, “dai ammetti che è molto buona.”
Annuii mentre ancora gli tenevo la mazza in bocca.
"Lo sai che dicevo sul serio, sì?" aggiunse con un sorrisetto.
Non sapevo cosa rispondere, così misi due parole in fila in maniera confusa.
"Immagino di sì..."
"Voglio il tuo culo. Lo voglio riempire fino a farti male… ti voglio mettere incinta dio cane…”
Mi venne una fitta al cuore. Feci per alzarmi, gli baciai la punta del cazzo, mi sfregai la faccia in fretta con un fazzoletto trovato per caso sulla scrivania e con una mano mi appoggiai ai suoi addominali: erano duri come il titanio e al tempo stesso soffici come una nuvola, coperti da una leggerissima peluria dorata. Mi sporsi e gli diedi un bacio sulle labbra. Feci per andarmene, mentre lui, con le braccia allargate, mi fissava deluso.

Questo racconto di è stato letto 8 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti eroticheraccontineroticiracconti prnosottomesso alla moglieracconti diincestoerotici racconti.itracconti poerotici gaylecca suoleracconti erotici dal ginecologoracconto transracconti sesso 69incesti teenracconti porno amicaraccontitradimentistorie scabrosedui purun bagnà nt l'olistorie di sesso veroporno racconti eroticiracconti io miluracconti.eroticistorie zoofiliaracconti wroticiracconti gay illustratiannusami i piediamoreinfamiglia.blogspoterositalia raccontiracconti eros gratisgenere dei racconti eroticiracconti erotici suppostascopate con la vicinaracconti suocera porcaracconti erotici.racconri eroticiesperienze con superdotatiracconti erotici dal ginecologoincesto nonnaracconti sesso incestifeticismo raccontistorie di mogli zoccoleracconti/eroticiho scopato mia nonnamilu dominazionemarito porta moglie alla montaho ingravidato mia madreracconti hard sexcuckold sottomessoracconti erotici generoleccasuoleracconti incesto69raccoti pornoeroticoraccontiracconti figaracconti spintiscopare con un cavalloracconti erotci 69racconti moglie scopatafeticismo raccontierotici raccstorie fetishraccontti eroticierotici racvontiracconti nuorai generi di racconti eroticiracconti:eroticiracconti erotici fumettiracconti di guardoniraconti sexracconti di sesso estremoorge familiarieroticiracconti gratisstorie di mariti guardoniracconti erotici al mare