Il corso del fiume (1di2)

Scritto da , il 2020-01-12, genere sentimentali

Quella sembrava una sera come tutte le altre per Akira.
Gli mancava molto, come al solito, la famiglia lasciata a Kyōto; ma soprattutto Atsumi.
Era esausto. Non aveva tanta voglia di guardare la tivù, e d'altronde, non c'era molto da vedere quella sera.
Succedeva spesso ultimamente.
Accese allora lo stereo.
Aprì il vano CD e stette un po' di fronte ai suoi compact, per scegliere quello giusto.
Non voleva qualcosa di troppo chiassoso.
Avrebbe voluto solo rilassarsi un po'...
"Mmmhh... Oldfield! Sì, il vecchio Mike. Tubular Bells II. Perfetto!"
Inserì il disco, azionò la riproduzione e si sedette sul divano.
Il suono si diffuse per tutto il monolocale, dando alla casa un'atmosfera vagamente surreale.
Akira indossava come sempre, la sua tuta da ginnastica rossa.
Ancora sulle note di "Sentinel", si rilassò sullo schienale e mise i piedi sul tavolino di fronte a lui. Era la posizione che preferiva.

Come gli piaceva fare solitamente, socchiuse gli occhi, concentrandosi sulla musica.

Ma anche quella sera, spesso gli succedeva quando era da solo, venne preso dalla libido, e incominciò a toccarsi i genitali, pensando ad Atsumi. Se la figurava in pose lascive e pensava di toccarla, abbracciarla... Il cazzo gli pulsava e doveva mettersi la mano sotto i pantaloni, per poter tenere sotto controllo la sua smania.
E come sempre, cominciò a muovere la sua mano, immaginandosi in pose plastiche con la sua Atsumi e lei che continuava a ripetere "Kimochi..." tra un gemito e l'altro.

Fu allora che gli successe qualcosa di nuovo.

Percepì di essere risucchiato dal divano!

...

Si ritrovò a Kyōto, fuori dalla sua casa!

...

Sua madre stava salutandolo!

...

Stava forse per impazzire?!

...

Attonito, rispose al saluto della madre.

In quell'istante s'accorse di avere in mano i libri.
Doveva andare a scuola, allora!
Oh, quanto tempo era passato dall'ultima volta!
Poteva anche rivedere Atsumi, quindi!

Gli tornò in mente il monolocale di Milano e la grande foto di Atsumi, appesa vicino alla scrivania: la loro vacanza-studio a Londra. I suoi capelli nerissimi che le scendevano sul collo, il suo nasino un po' all'insù, il suo sorriso abbozzato e sullo sfondo il Tower Bridge...
Quanto tempo per scattare quella foto, lei era imbarazzatissima e stare un po' di profilo. Però alla fine era venuta benissimo. Del resto, lei era splendida, come sarebbe potuta venir male?
...
Diede un ultimo sguardo alla madre, che gli chiese se si sentisse bene.
Lui pensò: "Mi sento bene? Difficile dirlo... sono a casa, tra un po' vedrò Atsumi... ma un secondo fa mi trovavo a Milano. Come posso dire di sentirmi bene? Sto impazzendo. O forse è un sogno... Qualcosa di strano capita di certo. Non posso dire di no! È buffo, ma non sono nemmeno spaventato..."
Si guardò la mano e si accorse di stare tremando. "No, non sto bene, però..."

-Akira? Ehi, Akira?!... Ma ti senti bene?- Sua madre sembrava preoccupata.

-Eh, beh, sai...-
No! Non poteva dirglielo...
-Sì, sto benone, mi sento solo un po' stanco... non ho dormito bene... ci vediamo stasera. Ciao!-

Voltatosi, si incamminò verso la scuola.

Si ritrovò vicino all'incrocio dove si aspettavano sempre lui e Atsumi; era molto nervoso, che cavolo stava succedendo? Niente di normale, era ovvio!

-Buh!-

Akira fece un balzo, si sentiva la pelle dilatarsi ad ogni rapida pulsazione del cuore; la scarica di adrenalina gli permetteva di sentire il flusso di sangue nelle arterie...
Era stata Atsumi!
Lei lo guardava, indicandogli il volto; una mano davanti alla bocca, ma non tratteneva la sua risata...
Akira la stava fissando acceso di rabbia, gli occhi sembravano uscirgli dalle orbite:

-Ma sei impazzita?!- Tuonò.

Lei smise di ridere all'istante.
Il viso di Akira fu davvero severo, se non addirittura adirato... Poi d'improvviso, però, si ricordò di quel gioco, lo facevano spesso, e nessuno dei due se l'era mai presa.

-Scusami Atsumi, io, cioè...vedi... io, insomma...-

Atsumi! Era Atsumi! I suoi capelli... i suoi occhioni neri... le ciglia foltissime...
Non riusciva più a parlare.
Atsumi lo guardava con un'espressione interrogativa...

-Akira, sembra che tu mi stia guardando per la prima volta. Che succede?-

-Oh. Niente, non... io non ho dormito bene... Scusami ancora.-
Le sorrise.
-Andiamo!-

Tra loro non c'era mai stato niente.
Niente. Tranne un bacetto sulle labbra, quando avevano avuto quattro o cinque anni.
Tra loro c'era una semplice, pura e casta amicizia. Tutti e due avevano avuto storie, ognuno sapeva ogni cosa dell'altro.
O quasi.

Camminavano, stranamente in silenzio, uno a fianco dell'altra, mentre la città si stava svegliando.
Lei lo prese sottobraccio.
Akira sentì i brividi corrergli su per la schiena e per il collo, su, fino alla testa.

Oh. Quella sensazione.
Capitava di sovente che si ripetesse quella scena.
Akira era un timidone, le uniche cose che diceva di se', erano quelle che gli capitavano; non parlava quasi mai di ciò che sentiva, aveva molta paura di essere giudicato.

Atsumi non aveva mai saputo nulla dei brividi di Akira.

L'ultima lettera di Atsumi gli era arrivata il giorno prima, parlava di un ragazzo: Jirō.L'ultimo in ordine di tempo.
Non era difficile che una come Atsumi avesse tutti quei corteggiatori, e lui le dava consigli, che però gli pesavano, eccome gli pesavano!
Le stava per domandare di Jirō, quando si ritrovarono di fronte alla scuola superiore, come poteva essere? L'avevano conclusa due anni prima.
Jirō non era ancora entrato nella vita di Atsumi, quindi.

-Non vedo l'ora che passino questi mesi; dopo finalmente a Londra, poi...-

Tutto uguale! Ogni cosa. Tutto uguale, identico.
L'aveva già sentita quella frase. Era la stessa. Il giorno del compito di Inglese.
Identica l'espressione di lui, la gestualità.
Akira aveva fatto le stesse cose due anni prima. Si era mosso alla stessa maniera...
Come lo chiamavano?
...Sì, déjà-vu.
No, non era déjà-vu.
Quella scena l'aveva realmente già vissuta.
Ora doveva trovarsi a Milano, stava sognando e stava ripercorrendo una tappa della sua vita.
Sì, era ritornato alle superiori, ma in sogno!
... Però era tutto così reale, così vero. Le sensazioni, i profumi. Il suo profumo!
Comunque era deciso a godersi il sogno, non preoccupandosene...
Già, ma il compito? Non si ricordava più nulla del noiosissimo Amleto. Erano passati due anni!
Stavano entrando in classe, era tutto come quel giorno.
"Lei sempre sotto braccio a me, mi guarda, sorride, si ferma sulla soglia e mi fa passare per primo..."
Stava varcando la soglia e tutto svanì. I compagni, la lavagna, i banchi. La classe!

Il bagno.
Era nel bagno.
Era vuoto, non c'era nessuno.
Fece un giro su se' stesso.
Nessuno.
Sentiva solo provenire della confusione da dietro la porta.
Si avvicinò allo specchio, aprì il rubinetto, l'acqua scrosciava... Poggiò le mani sul bordo del lavandino e stette a guardarsi nello specchio.
"Che cazzo succede, Akira?" Si domandò.
Si sciacquò le mani e si deterse il viso; si osservò nuovamente nello specchio. "...Che cazzo succede?"

-Akira?-

Era Atsumi che lo stava chiamando fuori dalla porta.

-Arrivo!-

Si asciugò ed uscì.

-Era ora, ci sei rimasto una vita!-

Atsumi gli sembrò splendida.
"È lo stesso giorno... Mi ha aspettato prima di andare a casa, quel giorno... Stavo poco bene, domani avrò l'influenza, non riusciremo ad andare al cinema."
Era tutto uguale, tutto si svolgeva alla stessa maniera; gli amici, i compagni stessi, identici discorsi, con gli stessi tempi, medesima scansione. Tutto uguale.
Tranne loro.
Fu lui a cingerla stavolta, probabilmente tanto tempo passato distante, lo faceva più audace.
Lei si strinse di più, sembrava a suo agio. Quando se ne accorse, ad Akira tornarono i brividi.

-Sai che quando mi prendi sottobraccio, mi vengono i brividi su per la schiena e corrono sul collo fino in testa?-

Ad Atsumi si illuminò il viso ed arrossì; non osò guardare Akira, ma gli rispose.

-Anche a me succede, è per questo che lo faccio, mi piace...-

Sorrisero entrambi, forse per sopperire al momentaneo imbarazzo.
Akira era felice. Gliel'aveva detto finalmente e per di più, lei pareva apprezzare!

Stavano camminando piuttosto lentamente, dovevano girare l'angolo e...
Era sparita la strada!

Era di nuovo a casa, di colpo si sentiva intorpidito.
Era mattino.
Il giorno dopo.
La febbre.
Ecco cos'era quello strano torpore.

Sabato, il giorno del cinema.
"Un'aspirina! No, anzi, due. Ecco cosa ci vuole. Non dico niente alla mamma... avrei bisogno di un bagno caldo, ma a quest'ora mi prendono per matto."
Nell'ingurgitare le pasticche, chiuse gli occhi per il dolorino che sentiva alle tonsille.
...

Questo racconto di è stato letto 2 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici forum al femminilestorie e racconti eroticiraxconti eroticipadrona e sottomessoracconti vecchie troieracconti di sesso estremoracconto incestoho scopato mia figliaracconti erotiicracconti porno bdsmstorie spintesesso porno raccontiincesto annunci 69racconti erotici culettoracconti gay fratellistorie porneracconti eropticiballbusting storierqcconti gayracxonti eroticirocconti eroticiracconti reoticiwww raccontimilu comprima volta con transracconti erotic iracco ti eroticieroyici raccontiprima volta scambio di coppiaracconti erotici diraccconti incestoracconti bsdmracconti eroticraccontieriticiracconti eroiticiracconti gaystprie pornomi chiavo la suoceraracconti gay fistingpissing itaracvonti eroticiginecologi porcinonno incula nipote gayscambio di coppia bisexracconti erotici videoracconti eeroticiracconti eros 69racconti erotici di sottomissioneracconti erotici lesbocconti pornoracconti erotici in busscopata in viaggio di nozzegisella donadoni sposatainculate tra vecchiracconti erotici forumlesbiche raccontiurgulonracconti erotici in trenoracco ti eroticiracconti wroticiraacconti eroticitarga troionaculi rottracconti eroticissimiraccondi eroticiracconti sui piedistorie eroticeracconti erotriciracconti porno moglieinculate atrociraccpnti pornomia suocera e una troiaracconti erotici storie vereracconti erotici gratisraccconti pornoracconti gay pornerotici racconti 69eroticiracconti.itracconti cazzo grossoracconti e confessioni eroticheracconti erotici di mariti cornutigeneri di racconti eroticigeneri eroticiraccontieroraccondi eroticiwww.eroticiraccontiracconti gay padre figlioerotico storiegenere racconti eroticiscoparsi la vicinastorie fetishcazzo in culo racconti