Il corso del fiume (2di2)

Scritto da , il 2020-01-12, genere sentimentali

Akira?...Akira, c'è Atsumi!!-

Era seduto sul tatami di camera sua, con un libro in mano. Con questi salti, non capiva più niente.
Prima qui, poi lì: da impazzire, non riusciva nemmeno a rendersene conto.

-Akira, ma sei sordo? Mi spiace che a dirtelo sia proprio tua madre, ma sei proprio maleducato, almeno rispondi, no?!-

-Sì, sto arrivando!-
...
-Eccomi, mi dispiace, ero sovrappensiero. Ciao Atsumi, come va?-

-Bene, siamo pronti?-

-Possiamo andare... Ciao mamma, ci vediamo stasera. -

...

Il film era americano. Laguna Blu.
Era rito ormai che i due andassero a vedere un film di tanto in tanto, ma raro era che il film fosse americano, e quasi mai una storia d'amore.
Si sentiva ancora un po' intontito, ma sopportava bene; specialmente dopo che lei l'ebbe preso sottobraccio.
Entrarono, quando ancora era giorno; si sedettero in ultima fila, come consuetudine. Il cinema era quasi vuoto. Preferivano scegliere lo spettacolo con meno affluenza: a loro piaceva la tranquillità.
Si abbassarono le luci e partirono i titoli di testa.

Stavano sempre molto vicini per commentare tra loro le scene del film ed anche quel giorno era lo stesso; però Akira non riusciva a sentire quello che lei diceva. E si preoccupò, anche seriamente, delle condizioni del suo udito. Lei parlava, ma lui proprio non capiva.
Dapprima fece finta di capire e accennava i suoi assensi muovendo il capo, ma poi realizzò che probabilmente lei lo stava prendendo in giro.
Mise allora una mano sullo schienale, per sporgersi di più su di lei ed offrirgli bene il suo orecchio... ma non sentiva ancora bene.
Ecco, era ufficiale: lo stava prendendo in giro!
Spostò la mano dallo schienale, gliela pose sulla spalla e la trasse a se'. Le parlò all'orecchio.

-La finisci di prendermi in giro?!-

Lei stava trattenendo una risata, ma quando si volse verso di lui, smise anche di sorridere.
Ristettero un po', ammiccando. Seri.
Qualcosa era scattato. La molla.
Akira si sentiva così strano... tra la febbre e lei...
Avvicinarono le labbra, sentiva il calore della sua pelle: era un bacio.
Lui sentiva il suo profumo.
L'odore di lei lo sentiva sempre, ma come quel giorno mai.
"Non fare che mi svegli adesso!"
Sembrava pregare.
Però non si svegliò.

Le mise la mano sotto la maglia e le toccò il suo piccolo seno.
Sentì i capezzoli inturgidirsi sotto il suo tocco.
Sentì Atsumi gemere e la sua mano scendere sui suoi pantaloni, ad accarezzargli la sua erezione.
Lei gli tirò fuori il cazzo e si abbassò a prenderglielo in bocca.
Gli sembrava di impazzire.
Non si ricordava di essere mai stato così eccitato.
Si guardò intorno per controllare che nessuno li stesse guardando. Poi pensò all'operatore. Si chiese se per caso li stesse vedendo dietro alla finestrella, sopra la loro testa, ma poi si disse che non gli importava.
Poco dopo esplose nella bocca della sua splendida Atsumi, senza rendersi conto se fosse riuscito a godere senza far rumore o se avesse grugnito... Quello di cui si rese conto, è che era stato magnifico. Che lei era stata magnifica. Anzi di quello se ne rendeva conto sempre.

Il film non finirono di vederlo.
Sui titoli di coda, stavano ancora baciandosi.
Quando finalmente poterono guardarsi alla luce, si sorrisero e, all'uscita, Akira la cinse per la spalla.

-Andiamo a mangiare qualcosa? -

Atsumi accennò il suo consenso.

-Film americano, spuntino americano: hamburger, patatine e coca-cola, va bene?-

-O.K.!- Disse lei, sorridendo, con il pollice alzato.

Stavano entrando nel fast-food, ma... svanirono tutte le cose, compresa Atsumi.

Era sul suo divano di Milano.
Si era svegliato, dunque.
"Che disdetta!" Pensò. Aveva solo sognato.
La musica suonava ancora, ed erano ancora le note di "Sentinel", quelle che sentiva. Guardò l'ora e si rese conto di non essersi addormentato che per poco più di un minuto.
C'era puzza di fumo.
Qualcuno aveva fumato una sigaretta, ma chi? Akira non aveva mai fumato, e in casa non doveva esserci nessun altro.
E la sua tuta? La sua tuta era verde!
Lui l'aveva comprata rossa!
...E no. Quella sera non era per niente una sera come tutte le altre!
Unì le mani a conchetta, per odorarsi il fiato: Aveva fumato lui!
Lui, che non ne sopportava nemmeno l'odore!
Vide un pacchetto di sigarette sul tavolino, con sopra un accendino d'oro, un posacenere e dentro, un mozzicone spento.
L'accendino aveva un'incisione, lo prese e lesse: "Ad Akira, il mio più caro amico. Atsumi."
Andò in bagno, poggiò l'accendino sul lavabo, puntellò le mani e si sporse verso lo specchio, vi ci si osservò, scrutandosi negli occhi.

-Che cazzo succede, Akira? Eh?! Ch'azzo succede?-

Guardò, attraverso lo specchio, l'accendino sul lavabo.
"La lettera... La lettera!"
Dove diavolo l'aveva messa?
"Oh, sì, vicino allo stereo."

《Caro Akira,
Amico mio, mi manchi molto. Davvero molto. Come va la vita lì a Milano?
Sai, io oggi, sono andata ai giardinetti col figlioletto del vicino ed ho incontrato un ragazzo, Jirō. Accompagnava la sua sorellina. Abbiamo parlato un po', del più e del meno, ed alla fine, mi ha chiesto se qualche volta possiamo uscire assieme. Io gli ho risposto che staremo a vedere. Come sempre....》

"Tutto uguale, allora...
No!..."

《... Ho sempre pensato tantissimo a quel sabato del cinema. Sai, un giorno come quello, lo aspettavo da tempo, ma ne avevo ormai perso la speranza. Pensavo che avremmo finito per non sposarci mai. Saremmo rimasti tutt'e due zitelli, e da vecchi ci saremmo ritrovati ai giardini, trascinandosi magari col bastone. Ci saremmo seduti sulle panchine, a chiacchierare per ore, ma non saremmo mai andati oltre la nostra amicizia.
Un po' mi dispiace che il giorno dopo, abbiamo deciso di restare soltanto amici. Chissà come sarebbe stato se avessimo fatto sul serio?
D'altronde però, sarebbe stato un peccato sciupare qualcosa di così bello! E non vorrei farlo adesso.
Che strano effetto fa la lontananza! ... Vedi cosa mi fa pensare? ...
Si vede che mi mancano le nostre chiacchierate!
Scusami, vorrei continuare, ma purtroppo, ora devo studiare. Domani ho un esame.
Beh, aspetterò che tu mi scriva presto!
Con affetto, Atsumi.

P.S. Non fumare troppo! Te l'avevo detto di non fumare quella sigaretta a Londra, e tu hai preso il vizio!》

Dunque, o era un sogno e stava continuando a sognare, oppure c'era stato veramente a Kyōto. Era tornato indietro nel tempo...

Perché?
Come?!
L'avevano fatto saltare indietro nel tempo.
Ma perché?

Era crudele!
La sua vita non era cambiata di molto! Era a Milano, ascoltava Mike Holdfield... Le uniche cose che erano cambiate erano il colore della sua tuta, il fatto che aveva iniziato a fumare, il cinema... la lettera.
Gli restava dentro, così, una tristezza ancora maggiore.
Ora aveva "nostalgia" del "cinema".
Prima non aveva nulla per cui provare "nostalgia".
Era crudele!

Andò verso il divano, si sedette e poi si distese, riaprì la lettera e la rilesse.
Quando l'ebbe ripassata, rifletté.

"La vita, allora, è come un fiume, segue sempre lo stesso corso e se vi getti dei sassi, vedrai solo la scia che le pietre lasciano sulla superficie dell'acqua; ma il corso non verrà deviato."

Osservò il tavolino, tornò a sedersi normalmente, ripiegò la lettera; prese il pacchetto di sigarette e l'accendino, estrasse una sigaretta, la mise sulle labbra, rilesse l'iscrizione sull'accendino.
Poi accese la sigaretta.
Fece la prima boccata. Non gli piaceva molto.
Iniziò a tossire.
Osservò da vicino la sigaretta.
Fece un'altra tirata, ma subito si ritrasse dal fumo che gli era andato negli occhi. Iniziò a sfregarli. Stavano lacrimando.
Guardò la sigaretta e poi la spense.

-Prima cosa: smetto di fumare.-

Lo stereo era ancora in funzione.
Akira si alzò e lo spense. Spense pure la luce. Andò a coricaricarsi.
Si stava per addormentare.
Stava pensando ad Atsumi e al cinema...

-DRRING... DRRING..-

Era il telefono.
Allungò la mano e trovò la cornetta.

-Pronto?-

-Akira, ciao!-

-Atsumi, ehi, come stai? Ma telefoni da Kyōto?-

-Akira, mi manchi! ...Non vedo l'ora che torni!-

-Anche tu mi manchi!- Era felice.

-Io ho telefonato per dirti una cosa, Akira. Io me ne vergogno, ma non ne posso più fare a meno.
Io... insomma... beh, forse mi reputerai pazza, ma fino a che non sarai tu a chiedermelo, io non accetterò nessuna proposta di matrimonio, io non... tu per me, non sei un amico, per me è così da almeno cinque anni; io ho sempre te nel cervello.
L'esame è andato male, e sai cosa? Ero contenta, perché pensavo a te.
L'unica cosa che mi fa star male è che non siamo uniti che da una profonda amicizia... io... io...-

-Atsumi?-

-... Scusami... Dimmi...-

Ci fu una pausa.

-Vuoi sposarmi?-

Un'altra pausa.

-Così? Al telefono?- Era incredula ma felice. -...Io ...Io ...Sì ...Sì che lo voglio. Oh, Akira, io ti amo!-

-Anche io ti amo!- Akira era al settimo cielo. - Due anni e poi tornerò per sempre a Kyōto. Atsumi... aspettami! Ti chiedo di aspettarmi.-

-L'avrei fatto ugualmente.-

Non c'era niente di più vero.
Nessuno dei due si sarebbe mai sposato.
Chiunque avesse riportato indietro Akira, l'aveva fatto per mettere le cose a posto.
C'era bisogno che i due avessero un figlio, altrimenti le vite di altre persone avrebbero preso una piega imprevista, e il corso del fiume sarebbe stato deviato.
Cosa che non poteva essere permessa.

Questo racconto di è stato letto 2 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


mia cognata e una troiascambio di coppia sessoracconti erotici adultiracconti erotici generiracconti miustorie69eroticiracontiracconti lussuriosiracconti erotici videoracconti erotici sui piediracconti erotici generoracconti eroticuerotiraccontiracconti erotici sessoracconti incesto 69gang bang raccontiracconti adultiannunci69 incestoracconti trasgressionii generi di racconti gaywww raccontimilu comracconti eros miluracconti erotici con zieslave raccontirocconti eroticiracconti prima volta sessomoglie inculata raccontiracconti di bdsmerotici raccomtiraconti sessoleccasuoleraccobti eroticistorie pronononna pompaeroriciraccontiracconti di bdsmracconti erotici.comracconti anzianeracconti erotici cuginiracconti eroticuraccnti eroticiracconti incetomasturbarsi con spazzolino elettricoracconti erotucistorielle eroticheprof zoccolai generi dei racconti eroticiravconti eroticiracco.ti eroticiracconti ereoticiracconti etotici gaypiedi femminili raccontiracconti sex gratisracconti erotuicierotici racontiracconti analracconti figaracconti eccitantiracconti eroticissimiscambio mail erotichestorie di pornoraccontie roticiracconti gay trenoracxonti eroticiracconti dominazione transmia cugina racconti eroticistorie di matureracconti erorticiracconti erotici lesbicaprima volta racconti eroticiracconti sesso suoceraracconti erotici culettostorie di dominazioneerotici 69porno fotoraccontiracconti ardracconti erotici la vicinasesso porno raccontiracconti erotici forum femminileracconi eroticiracconnti eroticiraccon ti eroticii raccomti di milumi chiavo la suoceraavventure gayracconti di bdsmracconti eraticiracconti erotici spiaggiaracconti erotici spogliatoio