Facce della stessa medaglia

Scritto da , il 2019-12-08, genere pulp

Tutto successe in un paesino tra le Dolomiti.
Il paesino era sorto sulla strada principale che attraversava la vallata. In mezzo a questa, scorreva il fiume. C'erano però molte più case sul versante sud della montagna più alta. Attorno ad esse verdeggiavano boschi di sempreverdi talmente fitti, che il sole a malapena riusciva a penetrarvi.
La Grande Guerra era terminata da qualche anno, ma ricordava di tanto in tanto, di essere passata di lì.
Ancora allora, una o due volte l'anno, qualcuno rimaneva ucciso da bombe inesplose.
Altri morivano invece, per altre ragioni.

•••

Deianira recuperò il secchio di latta, si diresse poi alla stalla e, sulla porta, prese nell'altra mano il seggiolino a tre piedi.
Prima di entrare, scrutò il cielo.
Come da parecchi giorni, era torvo e grigio.
Si intristiva parecchio quando il tempo era così. Non aveva nemmeno voglia di andare alla fontana per fare quattro chiacchiere.

"Strane quelle morti per sgozzamento..." pensò, mentre mungeva.
"...riprendono ad esserci... L'altr'anno Silvestro, questa primavera Egisto ed Oreste... Mah! ...Sgozzamento!? ...Sarebbe più corretto dire decapitazione. E poi... tutti che si vergognano di dire che sono stati anche evirati..."

Il secchio era ormai pieno per metà, quando si accorse che qualcuno camminava nel cortile di casa sua.

-Salve!-

Sentì una voce alle sue spalle.
Appena si fù voltata disse:

-Buongiorno!-
Non senza sorpresa.

-Mi chiamo Amintore.- Disse lui, con uno strano ghigno sul volto.

In realtà, l'uomo non si distingueva bene controluce, ma era come se quel tetro ghigno, risplendesse cupamente di luce propria.
Era un uomo, abbastanza giovane, i capelli corti, un po' trasandati; la corporatura non era massiccia, ma le spalle erano larghe. Doveva avere anche dei bei muscoli... pareva un bel ragazzo.
Di sicuro poteva essere il demonio!

-Io sono Deianira.-
Lo disse quasi senza accorgersene.

-Lo so!- Riprese il visitatore -Colei che ar...-

-...Cosa?!- Lo interruppe bruscamente lei, con un accesso di rabbia che la fece quasi sobbalzare.

Perché?
Perché si sarebbe dovuta arrabbiare in quel modo?
Non sapeva nemmeno cosa quel forestiero stesse per dire!

-Il suo nome... me l'hanno detto in paese... è greco, vuol dire colei che arde gli uomini... è un nome particolare... colpisce. Mi piace studiare il significato dei nomi... La moglie di Ercole si chiamava così... Lei sa chi è Ercole, vero? ...Oh! Mi dispiace, non volevo...-

Deianira si accorse improvvisamente di avere la faccia stretta in una smorfia che neppure lei avrebbe potuto descrivere, ma che comunque, la faceva apparire brutta.

"Brutta?!" Si domandò a quel pensiero...

Decise di non crogiolarsi su quella considerazione e rispose, cercando di assumere un'espressione normale.

-...Sì, è stata un'idea di mio padre. Gli piaceva leggere. Era uno dei pochi che sapevano farlo...-

-In paese dicono che lei mi troverebbe da dormire nel fienile per poco prezzo, starei solo due giorni...-

Era una sorta di richiesta.

-Per tre centesimi avrai anche da mangiare.-

-Ho parlato con il macellaio... il suo debito... l'ho pagato io.-

Deianira si alzò stizzita.
Come aveva potuto, lui, uno sconosciuto, fare una cosa del genere? Senza chiedere. Senza avvertire prima. Senza sapere. Prima di essere sicuro di trovare alloggio!
...Le andava sì largo, un compenso così; anche perché si chiedeva da un po' come avrebbe fatto a saldare il macellaio. È che quello, aveva una moglie tenace, che lo teneva con la catena corta, difficilmente sarebbe riuscita a "contrattare" altre forme di pagamento...

Ad ogni modo, la presenza di quel forestiero le stava già pesando. Detestava troppo quella sicurezza così sfacciata di certi uomini.
Certi uomini.
Ma forse gli uomini erano tutti così.
Di certo lo erano quelli che l'avevano presa con troppa disinvoltura, quelli che si erano tirati su i pantaloni dopo aver fatto i loro comodi, senza pensare a quello che avrebbe voluto e desiderato lei...
Certi uomini...
Certi maiali!

Si avvicinò all'uscio, col secchio in mano.
Lo poteva vedere finalmente alla luce.
"Io ti conosco!" Pensò.
Parlò poi sgarbatamente:

-Bene, ma non aspettarti trattamenti migliori. Non avrai niente di più di quel che ti avevo già offerto.-

Si avviò verso casa.

•••

Era l'imbrunire, quando lo straniero entrò a casa sua.
Il cielo era privo di stelle e la luna, o non si era levata, o era nascosta dietro i grossi nuvoloni grigi che a quell'ora non si distinguevano più.

-Sarà pronto tra poco.-

-Sì, aspetterò.-

Ogni qualvolta giungeva un viaggiatore a casa sua, si sentiva come quando suo marito stava con lei.
E lei si sentiva inebriata. Lussuriosa.
E si concedeva.
Lasciava le sue inibizioni, i suoi pensieri, le sue difficoltà.
Tornava ad avere desiderio di toccare e baciare il pene di un uomo, di sentirsi lurida, di donarsi tutta.
Di farsi riempire quel vuoto, che normalmente non si rendeva conto di sentire dentro di se'...

Ma stavolta, da quando era morto suo marito Alvaro... insomma... non ci poteva credere, ma sembrava proprio Alvaro!
Cioè, gli somigliava parecchio; ma non solo fisicamente; anche nei gesti, nel modo di parlare, la tonalità di voce; la gestualità e il rito davanti alla tavola imbandita; come spostava le posate e prendeva il tovagliolo; come si versava il vino con l'acqua. Tutto era uguale.
Sentiva una pulsione quasi incontrollabile di saltargli al collo.
Di inghiottirgli il cazzo.
Di farselo infilare in mezzo alle cosce...

-Dicono che qui, gli uomini muoiono facilmente... sulle montagne...-

Lo sconosciuto parlò, interrompendo i pensieri di lei.

-... Almeno così dicono in paese. - Aggiunse.

-Sì...- Replicò lei. -Penso sia qualcuno che vive nei boschi... Qualche scemo di guerra.-

-A me hanno detto che è il fantasma di suo marito!- Ribatté l'uomo.

Lo fece con quello stesso ghigno che gli aveva notato la prima volta che l'ebbe visto.
Ne fu colpita, ma di stizza rispose:

-E già! Mio marito, con la divisa da alpino, la testa sotto un braccio e la baionetta nell'altra mano... Che idiozie!-

Fece una lunga pausa girando il mestolo nella pentola, poi continuò più pacatamente:

-No. Non è lui! Lui è il caprio espiatorio! ...Forse è la stessa persona che ha ucciso pure mio marito...-

Lo credeva veramente, non era quel gesto che molti fanno, quando non vogliono credere alla verità; che ne rifuggono.
... Ma allora, perché dopo ogni uccisione, lei si sentiva in colpa?

"Sta per piovere", si disse.

-Amintore? ...-

Lo interrogò con un fremito. Voleva deviare i pensieri che la stavano turbando... "Fa' che non piova!"...

-... Cosa vuol dire il suo nome?-

Si sentiva quasi svenire.

-Il mio nome? ... Gli sono attribuiti due significati diversi. Come due facce della stessa medaglia...-

Il suo volto si accese di nuovo di quel ghigno.

-...Vuol dire "protettore, difensore"! Ma vuol dire anche... "vendicatore"!-

Un lampo e poi tuonò.
Un brivido le corse giù per la schiena, trasalì.
Poi trasalì ancora, quando vide il ghigno farsi stupito.
Un altro fragore.
Distolse lo sguardo.

-Non si spaventi, è solo il significato del mio nome.-

-No, sono i tuoni: mi mettono in agitazione!-

Il ghigno era scomparso.

•••

Mangiarono in silenzio, si sentirono solo le posate sui piatti, lo scoppiettìo del fuoco e, fuori, il temporale.
Quand'ebbero finito, Deianira prese a dire:

-Il giorno in cui mio marito morì, c'era un temporale come questo. Era stato qui fino a sera; il suo tenente gli aveva dato il permesso di venirmi a trovare. Erano accampati sull'altro versante della montagna, in attesa di dare il cambio a quelli in prima linea. Facemmo le cose che fanno le coppie sposate... capisce cosa intendo, vero?- Sorrise, perché si era accorta di aver aggiunto questo particolare inconsapevolmente, probabilmente per dargli modo di farsi più audace...
-...Mangiò e poi si avviò, sotto la pioggia e i fulmini, verso l'attendamento.-

Sospirò, ma c'era più paura che dolore in quel gesto. Poi riprese.

-Mi dissero la settimana seguente, che l'ebbero trovato con la testa mozzata sotto un braccio... ma non mi dissero che fu pure evirato. Però era esanime, naturalmente!-

Rifletté.
Poi aggiunse:

-È passato quasi un lustro... dicono sia stato un austriaco, con la baionetta e che, da allora, Alvaro, nelle notti di temporale, si aggiri in questi boschi, e che per vendetta, tagli la testa a chi gli capita a tiro. Qui e nei paesi vicini. Ma le morti seguite a quella di mio marito, non sono opera sua. Di questo ne sono certa!-

-Lo credo anch'io!- Disse lui. Sul suo volto apparve ancora quel ghigno. Poi proseguì:
-...Ma credo anche, che se potesse farlo, si vendicherebbe sul serio.-

E quest'ultima affermazione, scosse non poco Deianira.

-...Posso fumare la pipa? -

"Proprio come Alvaro!" Pensò lei.

Provò rabbia.
Rabbia!
Ira!
Poi vide nero.

•••

Nero.
Schiaffi...

Una voce...
Calma.
"Alvaro?"
"...No, Amintore."
Vedeva fosco.
Ma sentiva distintamente...

-...Mi capisce? Mi riconosce?-

Lei accennò un assenso con il capo. Poi con la vista che riprendeva il fuoco, riuscì a chiedere:

-Cos'è successo?-

Fu allora che si accorse del labbro sanguinante di Amintore. Che per risposta le rivolse un'altra domanda.

-L'ultima volta che vide Alvaro, non è stata quando è andato via di casa, vero?-

C'era quel ghigno pure nella sua voce, in quel momento.

-No, sì... No... Cosa sta dicendo?-

Il suo viso diventò di un pallore angosciante.

-...Alvaro! Tu ... Sei Alvaro!-

-Così l'hai capito.- Disse l'uomo con una quiete spettrale.

-No, non può essere!- Fu un urlo strozzato.

-Il tuo odio!- Stavolta tuonò -Eri riuscita a nasconderlo talmente bene, perfino a te stessa, che quando eri in preda ad esso, non eri più tu. Da quel giorno!-

-NOO! Nooo!- Il grido di lei, veniva soffocato dalla paura e dalle lacrime.

-Tua è la colpa della mia morte.- Parlando la scuoteva tenendola per le braccia. -...E delle morti seguite alla mia.-

Si scostò il colletto della camicia e le mostrò una grossa cicatrice che gli segnava il collo.

-Sì, sono riuscito a tornare per compiermi; così riuscirò a mettere fine a questo massacro che sta continuando! Pagherò l'amaro prezzo di una semivita, fino al giorno del giudizio. Ma cara mogliettina, ne è valsa la pena... puoi giurarci!-

•••

La trovarono la mattina seguente, in una landa tra i boschi, una di quelle destinate al pascolo.
Era distesa in mezzo all'erba, con la testa sotto ad un braccio.

Di Amintore non si seppe più nulla.

Tuttavia le morti continuarono, e continuano tuttora.
Le vittime però, ora sono donne, non più uomini come prima; donne e bambini.

Nessuno pensa mai al fatto che Alvaro di bambini, non ne poté mai avere.

Questo racconto di è stato letto 1 6 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici grannysculacciate storietracconti eroticinonna viziosatroioeracconti roticiracconti hard transracconti sesso sorellazia e nipote raccontistorie di sessofaccio l'amore con mio figlioraccontitradimentiracconti ragazzeracconti erotici ditalinomia mamma è una troiaracconti zoofiliaracconti vecchieracconti erotici con la nonnadonna scopa con animaleraccinti pornoracco ti eroticiracconti zia nipotestorie porno al cinemaracconti sesso analegay eroticisuocera troia raccontiracconti di cornutiracconti marito bisex1001 raccontistorie erotivheracconti di seghesesso con mio ziostori erotichespaccaculirotici raccontimilu eroticiguzzon 59mamma ti sborro dentrostorie sexyconfessioni di un cuckoldraccontizoofiliaracconti eroticdal ginecologo raccontiracconti porno travestitiracconti porno con immaginieritici raccontiraccontimilu.comracconti porno piccantipompino ad uno sconosciutoa69 raccontiracconti sesso gratisgenere dei racconti eroticiincesto con cognatamoglie inculata prima voltastorie pronopompino raccontocane incula la padronaracconti porno moglieracconto dominazioneannunci69 racconti eroticiracconti eeroticiracco ti eroticiracconti porno amatorialistorie hentairacconti di tettoneracconto sesso a treracconti di lesbicheporno gay treninostorie eroticherracconti eroticieroticiracconti.iti generi racconti eroticiraccont eroticistorie porno bisexracconti di zoofiliaracconti-eroticiracconti porno gratisracconti porno analei generi racconti eroticimia moglie è una zoccolaracconti eraticiracconti eoriticiporno racconti bisexracconti zoccoleracconto porno