Lorraine

Scritto da , il 2019-12-04, genere etero

Lorraine era altolocata, ricca sfondata di famiglia. Faceva l’agente per una grossa etichetta discografica ed era brava nel suo lavoro; purtroppo, nel 99% dei casi, se sei bravo a fare l’agente vuol dire che sei anche un grandissimo stronzo.
Ci siamo conosciuti al release party del disco di un suo artista a cui avevo lavorato anch’io e sul momento non mi ha fatto una grande impressione, vestita tiratissima per l’occasione con degli orecchini che abbagliavano, io in jeans e felpa (sorpreso di essere stato invitato, di solito i musicisti non vengono considerati per queste feste, tutti gli altri sì) le ho stretto la mano per dovere, guardandola a malapena in faccia. Devo imparare a non essere razzista coi ricchi, a volte possono tornare utili.
Ad ogni modo, serata di una noia mostruosa, tutto è finto, dal cibo insapore alle facce incolori alla musica di merda a cui avevo a malincuore partecipato per purissimi motivi economici (alla fine siamo tutti puttane), bevo qualche bicchiere di spumante e mi ritrovo come al solito da solo in un angolo ad osservare la fauna. Mi distraggo a guardare il piano a gran coda che fa la sua bella figura dall’altra parte della stanza, tra poco verrà molestato da qualcuno per celebrare il nuovo parto “””artistico”””; mi sorprende una voce alle mie spalle, chiede se qualcosa non vada bene e dice il mio nome; in una frazione di secondo penso a chi possa conoscere il mio nome in quella stanza, il totale fa 4 persone e sono abbastanza sicuro che nessuno di loro abbia la voce di una donna e metta un profumo al muschio bianco ma potrei sbagliarmi. Infatti mi sbaglio, è Lorraine, ci hanno presentati un quarto d’ora prima e lei si ricorda il mio nome, io fatico a ricordare la sua faccia. Bluffo sviando, parliamo del disco in toni molto generici, mi pare di capire che pure lei non ne sia particolarmente entusiasta, chiede se gradisco altro vino, non dico di no; andiamo insieme verso le bottiglie aperte, ci versiamo due calici di Chateauneuf (tanto per soffrire un po’) e mi invita a fumare una sigaretta sul balcone al piano di sopra. Le dico che ho smesso ma l’accompagno volentieri, almeno non sono costretto a vedere le facce di quella gente, a sentire le loro orrende battute che sono sempre le stesse, il loro far finta di non essere buzzurri.
Fino a quel momento avevo dato per scontato che la location, una grossa villa in Brianza, fosse stata affittata dall’etichetta per la festa; adesso mentre lei parla e mi conduce su per le scale mi rendo conto che non è così, questa è casa della famiglia di Lorraine, lei ci vive. Quando realizzo ciò vengo un po’ sopraffatto e la mia voglia di farle compagnia vacilla; faccio finta di nulla e continuo a camminare. Il mio motto è “mal che vada sarà una serata noiosa”, penso che più noiosa di così… è dura.
Arriviamo sul balcone e lei estrae una sigaretta che non ha proprio l’aspetto di una sigaretta, più di un qualcosa di fatto a mano che conosco molto bene. Le chiedo se contenga del tabacco, risponde “Molto poco”, decido che è stata un’ottima idea seguirla sul balcone, finalmente qualcosa mi ha stupito in quel posto in cui tutto sembra perfettamente programmato e comandato.
Mi racconta di una gioventù turbolenta in cui quella non era l’unica droga a cui si è data, chiede di me ma non io sono mai andato molto oltre, non mi è mai interessato. Mi parla di quello che fa, capisco che ci tiene e le piace il suo lavoro, anche se a volte è costretta ad accettare clienti con cui non vorrebbe avere a che fare, come il nostro comune conoscente al piano di sotto per cui entrambi abbiamo appena lavorato e per il quale malauguratamente speriamo di lavorare ancora. Sossoldi.
Lorraine ha 10 anni più di me, non si è mai sposata perché le piace essere autonoma e libera, vive in un’ala tutta sua della villa dove fa quello che le pare e sarà intitolata ad un’eredità da far tremare le ginocchia in quanto figlia unica di un grosso imprenditore. Eppure le piace stare qui a parlare e farsi le canne con me, qual è il punto? Lo capisco molto rapidamente quando inizia a lamentarsi della gentaglia al piano di sotto: le piace lavorare con gli artisti, non con tutto il resto del carrozzone, siano produttori, impresari o manager. Quello che ho capito davvero su quel balcone è che Lorraine non mi stava affatto antipatica e a quel punto ho iniziato a notare il suo corpo ben tenuto e molto bello, nonostante il vestito da gara e gli orecchini che ti abbagliano. Evidenti segni di allenamento non sfociavano in muscoli a vista che mi avrebbero dato piuttosto fastidio, piuttosto sembravano sorreggere l’intera struttura del suo corpo, sodo ma tondo al punto giusto.
Mi dice esplicitamente che le piaccio, perché non sono come la maggiorparte di quelli con cui ha a che fare, noiosi e falsi. Non è il momento di mia massima genuinità nella vita ma capisco cosa intende, le rispondo che io non mi aspettavo di trovare una persona come lei in quel castello. Dice qualcosa sul come siano sempre i musicisti che nessuno si fila quelli che possono animare una serata, quelli che davvero reggono la musica; sentire lei, agente e manager, parlare di “noi” musicisti mi fa pensare alla Melato e Giannini sull’isola, per un attimo valuto l’idea di rispondere con “bottana industriale”, probabilmente coglierebbe la battuta e rideremmo entrambi; decido che il rischio è troppo alto ed evito. Quindi lei si avvicina a me e io in modo naturale la prendo per i fianchi e inizio a baciarla; ci contorciamo per un po’ nella bocca altrui, ci stacchiamo e lei estrae un’altra sigaretta speciale. La accende e mi guarda senza parlare, fa due tiri e me la passa; mentre la porto alle labbra lei si abbassa e inizia a slacciarmi i jeans, io mi appoggio con la schiena al parapetto in cemento e non mi sottraggo.
Quando il bassista del disco esce nel giardino di sotto non può vedere più in basso delle mie spalle e mi chiede cosa ci faccia lì; gli chiedo se sia sorpreso di vedermi lontano dal casino, realizza di aver fatto una domanda stupida e non sospetta niente. Poi dicono che la fama di misantropo fa male. Purtroppo mi attacca anche un pippone sulla festa e la gente e l’”artista” e blablablabla, io lascio che le sue parole rimbalzino contro le pareti della villa e annuisco dandogli ragione su tutto, intanto la bocca di Lorraine rivela una sorpresa dietro l’altra, tutte collegate in qualche modo all’organo piuttosto gonfio che mi spunta dai pantaloni e finisce tra le sue labbra. Non ha fretta, nonostante la situazione non ha foga, si diverte, mi guarda, ride delle mie risposte senza senso al bassista ignaro là sotto che continua imperterrito a non mollarmi.
Poi una campanella dall’interno richiama gli invitati per… boh, qualcosa, un discorso, una torta, ammetto che non era la cosa più interessante in quel momento; il bassista si avvia verso l’interno chiedendomi se scendessi anch’io, le parole “Vengo subito” mi fanno ridere da solo, lui ovviamente non capisce ed entra, lasciandomi libero di concentrarmi sulla bocca di Lorraine, sempre sorridente che mi guarda dal basso mentre sento il piacere salire. Faccio per fermarla ma lei non si ferma, le esplodo in bocca stringendo il parapetto con le mani e scoppio a ridere, come sempre; lei mi guarda incuriosita, le spiego che è la mia normale reazione e sorride deglutendo con aria tranquilla e un po’ soddisfatta. Io non ci ho capito molto di questa serata, si alza e mi chiede se vogliamo scendere di nuovo, rispondo che ‘volere’ è una parola grossa ma non abbiamo molta scelta.
La festa torna ad essere una noia mortale, vengo rapito dal bassista logorroico, Lorraine viene rapita da dirigenti e produttori e gente con facce da schiaffi. Ci scambiamo qualche occhiata durante la serata, poi ci si saluta, salgo in macchina e me ne torno verso la mia non-villa a cercare di capire se abbia sognato o se qualcosa di tutto questo fosse vero. Per un attimo qualcuno pieno di soldi non è sembrato un completo stronzo ma quasi una persona normale; ci siamo rivisti in qualche altra occasione “sociale” e addirittura un paio di volte da soli, trascinata apposta in qualche birreria buia e zozza non ha mai dato segni di disagio, mostrando anzi un’ironia fuori dal comune. Ora vive in qualche posto da ricchi, Lussenburgo o qualcosa del genere, si è sposata e mi ha invitato a suonare al matrimonio. Un'altra giornata circondato da gente con un suv bianco, ma è un'altra storia.

Questo racconto di è stato letto 5 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


a69.itracconti porno mariti cornutiracconti sesso estremoil culo della nonnaracconti lesbo bdsmracconti erotici con neriracconti porno+racconti eroticotarga troionaracconti feticistisesso con suocera raccontistorie feticisteracconti e storie erotichestorie cornutomamma troia raccontistorie erotic ela professoressa eroticaracconti erotici per adultiracconti erotici visitaracconti eroticuracconti erotici con animaliracconti erotici femminileracconti erotici farfallinaracconti eoticiraconti sessosorpresa a masturbarsistori eroticheracconti piccanti gratisracconti eoriciraccontieroticifottimi porcomio fratello si masturbaravconti eroticiracconti di bulliincesti italianistorie pirnoraconti di sessostorie erotiracconti pirnoracconti donne troiei generi di racconti inceatoracconti erotici negromarito e moglie al cinema pornoracconti cazzo grossoracconti erotici per donneracconti porno di miluracconti erotracconti di una schiavaracconti sexracconti erotici canii generi raccontiraccomti di miluerotici racconti.comraconti miluracconti giochi eroticiracconti erotici zooracconti scambio di coppieracconti erotici peggingmarito porta moglie alla montaracconti grannyprima esperienza cuckoldho scopato mio figliofumetti porno incestoscopami nonnoracconti erotici prime esperienzestorie di sesso a trestori pornoracc eroticiracconti padre figliaporno racontiraccontisessualiraccontu eroticiracconti erotici fantasyracconti erotici travracconti lesbo incestoracconti eoriticracconti reali gayracconti erotici pulpracconti di coppiaporno gay tra cuginiraccontieriticiraxconti eroticimia nipote mi fa una seganonno porco pornostorie di feticismovoyeur cameriniracconti incestuosiracconti eraticierotico raccontoracc incestoracco.ti eroticidal ginecologo raccontiracconto moglie troiastorie di sesso incestiraccontieroticocconti erotici