Quel che fai in vacanza...

Scritto da , il 2019-12-04, genere etero



Avevamo trovato quel resort in Grecia da bravi turisti fai da te, insomma no Alpitour, no agenzie, fatto tutto da soli ai primordi di internet e del Booking on-line, pensate, c’era ancora la lira.
Il prezzo ci era parso assai conveniente, il volo aereo era stato un occasione, insomma sembrava un vero affare, quindi era una fregatura penserete voi, no, o meglio non era quello che ci eravamo aspettati, ma facciamo un passo indietro.
Arianna quell’anno aveva puntato i piedi, voleva uscire dall’Italia, mi avrebbe concesso il mare come meta, ma fuori dallo stivale, le opzioni erano Spagna, Francia, Croazia, Egitto o Grecia.
Lei aveva girato più di me, ein Grecia non ci era ancora stata, quindi gioco forza si decise per la terra ellenica.
Non so dove in quale cavolo di rivista di viaggi aveva scovato una cacchio di isoletta del Dodecaneso che sembrava fuoriuscita da una canzone di Claudio Bisio, e si era amminchiata che voleva andare per forza lì.
Vi risparmio la minuziosa organizzazione e pianificazione che lascia ad Arianna, tra traghetti bus e ancora traghetti, che da Brindisi ci portarono prima a Patrasso e poi ad Atene e da lì imbarcati per questa oscura isoletta dal nome impronunciabile.
La gente era cordiale e tranquilla, le case sul lungomare pitturate di quel bianco abbacinante tipico di molte costruzioni che in ogni dove si affacciano sul Mediterraneo.
Arrivammo dopo quasi due giorni di viaggio, sfatti una sera di Settembre alla reception della struttura di accoglienza, ci venne a prendere quella che oggi chiameremmo una navetta, un minivan della Woksagen, un glorioso T2 che aveva visto tempi migliori, nera tardi e noi volevamo solo farci una doccia e buttarci nel letto.
Alla reception una giovane ragazza greca sui venticinque anni, in pareo, piuttosto robusta, ma dai tratti assai piacevoli, prese le nostre generalità e documenti e ci consegnò la chiave del nostro bungalov, insieme ad un foglietto fotocopiato con gli orari di pranzo e colazione scritti in greco, spagnolo ed inglese.
Ci svegliammo la mattina dopo freschi e riposati e potemmo dare un occhiata più approfondita alla struttura che ci ospitava, ed insomma il fotografo era stato abile a mettere in luce i suoi punti di forza, una bella piscina un mare stupendo con spiaggia annessa di sabbia finissima, la zona sotto la tettoia di canne vista mare dove si consumavano i pasti, ma per il resto era un gruppo di quattro villette a schiera da cui erano state abilmente ricavati otto sistemazioni per altrettante coppie come noi.
Niente televisore in camera, niente condizionatore (c’era però un ventilatore a pale sul soffitto), bagni dignitosi, ma spartani, in compenso i pasti erano semplici, ma preparati da Dio per quantità e qualità, pesce e carne, l’immancabile yogurth, birra e dell’ottimo vino bianco frizzante.
Fu Arianna a rendersi conto che c’era qualcosa di particolare in quel resort; eravamo, insieme ad un altra coppia di turisti tedeschi sui quaranta gli unici occupanti della struttura al momento.
Ci eravamo svegliati presto, forse l’adrenalina, forse l’eccitazione del cominciare per davvero quella settimana di vacanza, messi n costume da bagno e zainetti con il minimo indispensabile per la spiaggia ci eravamo mossi alla volta della zona dove venivano serviti i pasti, e qui avevamo visto seduti negli ultimi tavoli la coppia di Tedeschi che insieme a noi erano le uniche presenze in quel momento.
Come Arianna, anche la lei di coppia portava il suo pareo drappeggiato sul seno, lui a torso nudo come me , le sedeva di lato, scegliemmo di accomodarci qualche tavolo di distanza per non sembrare troppo invadenti, ci alzammo a turno dal tavolo per prendere biscotti e quant’altro dal buffet della colazione.
Fu in quel momento che la tedesca si tolse il pareo, rivelando di essere in topless o almeno così credevo, sotto; aveva un bel seno generoso con grosse areole scure ai capezzoli, il che se da una parte contrastava con il suo caschetto biondo, dall’altro si sposava piacevolmente con la tinta ambrata della sua abbronzatura .
Sono io a notarla per primo, Arianna non ci farà caso che pochi minuti dopo e seguendo il mio sguardo probabilmente, poco dopo è la volta di lui di alzarsi ed è incontestabilmente nudo.
La mia compagna sta per dire qualcosa, al tavolo si avvicina Athanasia, la ragazza che ci ha registrato la sera precedente in topless lei pure, sorridente esordisce con un : “you can safely set yourself free”, ed allora capiamo.
Siamo finiti in un residence per naturisti, confesso la cosa a me fece ridere, Arianna però era di diverso avviso, dopotutto questa vacanza era al 90% opera sua, quindi se non altro non poteva dare la colpa a me di questo trascurabile dettaglio.
Forse fu proprio questo che frenò Arianna dal fare una piazzata, finimmo colazione, ricambiammo il saluto come se niente fosse, alla coppia che si alzò passandoci vicino per dirigersi verso la spiaggia.
Dopo non ce la feci più e scoppiai a ridere, Arianna mi guardò torvo all’inizio, ma dopo un po’ non riescì neppure lei a trattenersi e finì per sorridere.
“Cazzo Marco, e adesso che facciamo? siamo capitati in un posto per nudisti”.
“Che sarà mai” risposi io godendomi il suo imbarazzo, “Dopotutto a te piace stare in topless al mare, qui si tratta solo di togliere un pezzetto in più e siamo a posto, che devo dire io che mi devo sacrificare!?” terminai ridendo.
Detto questo platealmente mi sfilai da seduto il costume da bagno e teatralmente sotto i suoi occhi lo infilai nella borsa per il mare che aveva appresso e poi mi misi a guardarla con una espressione tipo “e mò che fai?”.
Arianna non era a suo agio a pensarsi nuda sotto gli occhi di tutti per una settimana, ma sarebbe stata ancora più in imbarazzo a sentirsi osservata per essere l’unica in tenuta diversa nella struttura; si perchè nel frattempo avevamo visto passare altro personale in tenuta adamitica, o con gli indumenti da lavoro ridotti al minimo.
Così seduta ancora al tavolino sotto I miei occhi si privò prima del pareo, poi del pezzo di sopra del suo bikini e, dopo una piccola esitazione del doppio triangolo di stoffa dello slip.
“E’ stato così difficile?” chiesi canzonatorio, lei si girò rivolgendomi un sorriso crudele.
“Oh caro, sarà credo più difficile per te temo”, subito non capii quell’oscura profezia, ma ci volle poco, infatti Athanasia la receptionist, visto che ci eravamo messi a nostro agio si mostrò a noi nuovamente, questa volta come mamma l’aveva fatta.
Arianna mi aveva sempre definito un porco, si perchè la voglia non mi abbandonava mai, quindi immaginate i miei alzabandiera che avrebbero tormentato per tutti I primi giorni.
“E comunque “ fu lesta a precisare “ Questa cosa non la raccontinamo a nessuno, ti sia chiaro!”, beh mi sembrava ragionevole, dopotutto quel che si fa in Grecia rimarrà in Grecia.
Feci il disinvolto drappeggiando il telo mare, mentre ci alzavamo per sciabattare in infradito sino alla spiaggia, in verità assai poco lontana, rifacemmo una parte del tragitto a ritroso passando davanti alla piscina e questa volta notai che c’era una specie di grossa isola galleggiante, un gonfiabile con due fenicotteri rosa e una palma, galleggiare nella piscina.
I tedeschi erano già in spiaggia o meglio, ci dovevano essere stati, perché vidi sulla sabbia le loro stuoie distese con una borsa mare, ma loro non c’erano, noi ci prendemmo la nostra distanza e distendemmo i teli ad una cinquantina di metri.
Eh sì Arianna aveva ragione, trovarmela nuda li di fianco, alla luce del sole, mi aveva svegliato l’ormone, cosa che mi costrinse a mettermi a pancia sotto...iniziamo bene, pensai.
Dopo circa una ventina di minuti che ci crogiolavamo al sole, vidi provenire dalla parte destra della spiaggia i nostri vicini di resort, che camminavano nudi mano nella mano sul bagnasciuga.
“Sono una bella coppia” mi sfuggì detto, Arianna che non si era avveduta di loro si girò sulla pancia, quasi subito quasi a voler schermare il sesso.
“Si ho visto che lei ti piace” commentò maliziosa e sardonica “ anche lui non è male”, stava rilanciando per giocarla sul piano della gelosia? La mattinata trascorse tranquilla tra prendere il sole e un bagno in mare insieme, il quale oltre a rinfrescarci, fece cadere l’ultimo tabù, visto che saremmo dovuti passare nudi e in bella vista dinanzi ai nostri vicini tedeschi più un paio di altre coppie egualmente nude che si erano nel frattempo attestate sull’arenile.
Poco prima dell’ora del pranzo tornammo nel nostro bungalow per la cena e lì per la prima volta vidi gli effetti che quella vacanza avrebbero sortito sulla mia ragazza, chiusa che fu la porta e l’acqua della doccia aperta per farla scorrere, mi ero girato per prendere una cosa dal mio borsello, e mi ritrovai Arianna di fronte, non mi diede il tempo di parlare, mi incollò la bocca alla sua per una limonata deluxe, aderendo a me con tutto il corpo.
La mia erezione riprese vigore immediatamente e la infilzai senza troppi complimenti, baciai la sua pelle che sapeva di sale, mordicchiando i seni ed i capezzoli, caldi di sole.
Arianna prendeva la pillola quindi non avevamo altre precauzioni nei nostri rapporti, la presi in varie posizioni, sino a spingerla sotto la doccia con me e continuare tra i suoi gridolini per l’acqua prima troppo calda e poi troppo fredda le nostre intemperanze.
Lei aveva una caratteristica che adoro in una donna, godeva rumorosamente, si insomma non era una silenziosa con qualche mugolio e un paio di invocazioni religiose sottovoce buttate lì, a lei le urla scappavano, quindi non era raro che lei da sola si mettesse una mano di fronte alla bocca o soffocasse i suoi gemiti o urla in un cuscino.
Sotto la doccia cuscini non ve ne erano, quindi si mise una mano dinanzi alla bocca, mentre la pompavo di gran carriera nella fica.
Al colmo della mia bastardaggine la presi per entrambe le braccia impedendole in questo modo di tapparsi la bocca, e continuando a farla ululare.
Sentirla godere nutrì la mia eccitazione ulteriormente dandomi nuove energie da spendere dentro lei, con il risultato che arrivammo in sala da pranzo per ultimi, ci scusammo con Athanasia che venne a portarci da mangiare e prendere l’ordinazione delle bevande.
Questa non si scompose, ma sorrise maliziosamente, aggiungendo un “apoláfste to” (Godetevela), Arianna divenne rossa come un peperone quando in spiaggia, ne trovò il significato sul manualetto di conversazione di Greco.
Il pomeriggio trascorse senza altri incidenti, tornammo ai nostri alloggi per la sera, Arianna non si concesse dicendo che ero stato un bastardo e che tutto il resort adesso sapeva che avevamo scopato, io ribattei che ci erano abituati e che non importava veramente a nessuno.
Cenammo tranquilli, passeggiata lungo la spiaggia fin dove essa finiva, questa volta vestiti, dove iniziava un piccolo villaggio con dei piccoli chioschetti che vendevano un po’ di tutto.
Tornammo in camera dopo circa un ora stanchi, ma rilassati, anche se Arianna si tenne per un po’ a distanza, pazienza le sarebbe passata.
Fortunatamente la notte mi venne in aiuto, io ho tutt’ora il sonno pesante, quindi possono cannoneggiare vicino a me e non me ne accorgerei, fu Arianna a svegliarmi, stavo per chiederle che era successo quando il cigolio di molle e i mugolii tipicamente femminili perfettamente sincronizzati mi illuminarono circa le attività notturne dei nostri vicini.
“Hai visto, tu che ti fai tanti problemi!” le dissi mezzo assonnato prima di tornare a dormire.
Il mattino dopo non successe nulla di nuovo, si vece colazione, i tedeschi arrivarono dopo di noi mano nella mano, scambio di saluti ecc, poi noi di nuovo in spiaggia con le pinne e le maschere per fare un po’ di snorkneling li intorno, il mare era splendido e pulito quindi speravamo di vedere tanti pesci.
Tentai un approccio con lei sulla spiaggia deserta, ma Arianna mi bloccò perché avrebbero potuto scorgerci.
Dei tedeschi nessuna traccia, alle 11.00 circa tornammo con calma verso il resort per la doccia poco prima di pranzo e fu lì che vedemmo una scena a dir poco curiosa.
Vi ricordate quel galleggiante a forma di isola con palma e due fenicotteri finti in piscina?
Rientrando da lontano si vedeva la sommità della palma ondeggiare e muoversi avanti e indietro come se qualcuno la spingesse nella piscina .
Quando arrivammo in vista della vasca la scena che ci si presentò fece cadere ogni mistero.
La coppia tedesca si stava dando da fare, abbarbicata a quel galleggiante, lui la prendeva da dietro menando vigorose spinte nel culo, lei aggrappata al gonfiabile gemeva rumorosamente come la notte scorsa, e il moto scopereccio imprimeva una spinta idrodinamica che permetteva all’insolito natante di navigare tra i bordi della piscina.
Arianna rimase ferma a guardare, la lei la vide e la salutò con un sorriso e la mano prima di tornare a godere rumorosamente del suo uomo che la impalava senza pietà; passò anche Athanasia e un altro inserviente sorrisero a noi sorrisero a loro e questa volta fu lui, Karl (Lo apprendemmo dopo come si chiamavano) che salutò la giovane greca, prima di ridedicarsi indefessamente al culo di sua moglie.
Io volevo andarmene ma fu Arianna che inaspettatamente mi trattenne per un braccio, volle rimanere sino alla fine, finché lui venne ruggendo sulla schiena di lei.
Finalmente tornammo nei nostri alloggi, dovemmo fare in fretta perché era ormai ora di pranzo, i tedeschi ci raggiunsero poco dopo, salutarono cordialmente come nulla fosse, e Arianna mi stupì dedicando loro un sorriso più espansivo del solito.
Il pomeriggio di nuovo in spiaggia, Isola greca ricordate? Non è che all’epoca ci fosse molto di più da fare, questa volta però feci il mio giretto di snorkneling da solo, la mia fidanzata non volle seguirmi, quando ormai circa un ora e mezza più tardi tornai a riva ebbi la sorpresa di vederla chiaccherare con la tedesca, Amalinde così si chiamava.
Le due donne avevano fatto amicizia per così dire, di Karl non c’era l’ombra, a quanto pare era andato a fare un pisolino pomeridiano e udite udite parlavano pure un po’ di italiano che inframmentavano con lo spagnolo.
La sera cenammo insieme, apprendemmo che l’indomani mattina presto Karl e Amalinde sarebbero dovuti ripartire, ma vi devo deludere non accadde nulla, ognuno per conto suo, l’unica cosa che accadde è che ad Arianna finalmente saltarono tutti i freni inibitori e dopo si concesse a letto senza curarsi dei suoi urletti e che dall’altra camera da letto risposero d’eco i nostri nuovi amici.
Era la terza mattina eravamo gli unici occupanti del resort o almeno così ci parve, Athanasia venne a chiederci cosa volessimo per colazione, ci comunicò che l’altra coppia era partita, ma che ne stava arrivando un altra nella mattinata.
Tornammo in spiaggia ormai abituati alla nostra nudità, e questa volta Arianna finì davvero di sorprendermi; la spiaggia era davvero deserta, ed aveva una sorta di rientranza, una specie di caletta sul lato sinistro, insistè per spostarci lì, non volli discutere e l’assecondai.
Al solito ci disponemmo per prendere il sole accostammo i teli mare, ma questa volta, lei iniziò a giochicchiare con il mio cazzo, ancora a riposo. Iniziammo a baciarci e poi a toccarci in modo sempre meno soft e più esplicito finchè finimmo in un 69, credevo che avremmo concluso così e mi sarebbe bastato, ma lei mi fermò.
Mi fece distendere sulla schiena e s’impalò nel più classici di smorzacandela, era bellissima, una fiera amazzone disinibita, che mi montava senza vergogna.
Ci stavamo dando dentro da un po’ quando io sentì un rumore di pietrisco che cadeva, dalla caletta della scogliera alle nostre spalle erano emerse due figure, che poi vidi essere due uomini.
Feci per fermare Arianna e disarcionarla, ma lei mi bloccò in basso “Non ci pensare neppure “ sibilò “Si va sino in fondo”, e riprese a montarmi facendomi ballare le tette davanti al viso e iniziando a godere rumorosamente.
Io non riuscivo a rilassarmi, poi, uno dei due ragazzi, ci sorrise e baciò sulla bocca l’altro uomo e proseguirono, io afferrai i fianchi di Arianna e comincia a darle violenti colpi di reni da sotto, finché non le esplosi dentro.
Rimanemmo così per diversi attimi grondanti di sudore sotto il sole, poi andammo a rinfrescarci in acqua, la baciai appassionato grato di quello splendido inatteso regalo, lei dal canto suo era fiera di sé.
Tornammo a riva e le chiesi cosa le aveva fatto cambiare atteggiamento, come avevo intuito c’entrava la chiaccherata con Amalinde…
A proposito di rivelazioni, Arianna mi disse che le urla notturne di piacere della seconda notte, non erano della tedesca, ma di Athanasia con Karl … sarebbe stata una vacanza molto interessante.


Questo racconto di è stato letto 2 4 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porcazia porcellonaracconta eroticiracconti eroticcicazzo in culo raccontiracconti erotuciracconti erotici d'autorestorie bisexerotico spintoracvonti pornoracconti erotici parlatiracconti erotoci gayracconti sroticiracconti aroticiracconti erotico incestoracconti intrigantitracconti eroticiracconti zoofiliracconti erotici.racconti porno i generiracconto pornoraccontierotici gratiserotici racconti incestoracconti veri gayracconto porno incestoracc erotracconti di una troiaraconti pornoragazza scopa col canestotie pornomi presti tua moglieracconti porno violentiracconti pornstorie poenoil culo della nonnaracconti erotici coinquilinastorie 69racconti erotici sottomessoracconti di bullracconti erotici zoofiliertici raccontiracconti erotici forumstotie pornostorie di masturbazione femminiledonna scopa con animaliracconti eroti iraccoonti eroticiracconti erotici gravidanzaracconti figaraccinti gayracconto lesboracconri eroticiracconti incesti in famigliaracconti mogli zoccoleracc sessracconti eriticii piedi di mia cognataracconti suocera troiaraccontisessualitest pompinierotici taccontiracconti sesdoraccontu eroticierotici racconti gratismamma mi fai un pompinoracconti ragazzedonne che fanno seghe ai cavalliraacconti eroticistorie con donne matureracconti erotici vipmamma racconti eroticiracconti hard italianiracconti erotici di sessoracconri pornoquella porca di mia ziaracconto safficoracconti di scambi di coppia