Alessandra, La sborrata perversa in assemblea

Scritto da , il 2019-12-04, genere incesti

Alessandra si era svegliata anche quella mattina con una gran voglia e necessità di cazzo. Si rendeva conto di non poterne più fare a meno. Era il suo pensiero fisso quotidiano. Da mesi andava avanti la perversa relazione con suo padre, le piaceva poter dominare a proprio piacimento le emozioni e le pulsazioni di quell uomo più grande di lei. Le piaceva sentire il suo enorme uccello sfondare ogni buco del corpo.
Si era svegliata con la voglia di cazzo e sperma. Ne aveva bisogno, aveva bisogno di quel liquido caldo giù per la gola sin dalla prima colazione.

Ormai per lei sborra e caffè avevano lo stesso benefico sul fisico. Da quando si faceva venire copiosamente sul viso le erano pure spariti gli ultimi residui brufoli adolescenziali.
Era sempre più femmina nel corpo e nella mente, il suo attuale animo perverso aveva preso il sopravvento sulla brava ragazza che era un tempo. Se agli inizi l'odore e il sapore del liquido maschile ogni tanto le faceva senso, ora lo spera rappresentava per lei un gustoso nettare da assaporare come fosse del prelibato e raffinato cibo costoso. Le piaceva sentire i maschi venire nella sua boccuccia non più santa, le piaceva quando colando dalle labbra, lo sperma le scendeva fin giù nel collo e tra le tette. Ed era bello vederesi lo schizzo di sborra arrivarle in faccia e coprirle ogni angolo della testa, dei capelli. Voleva berne sempre più, quando non lo aveva le mancava. Avrebbe voluto attaccarsi al cazzo di ogni uomo come si fa alle fontanelle e dissetarsi di sborra fino a sazietà.

Era la domenica dedicata all'assemblea. Sua madre stava preparandosi in bagno, agghindata come un albero di natale, più che una donna elegante e raffinata sembrava una vecchia bagascia sulla via del tramonto che aspettava l'ultimo cliente in qualche sperduta statale di campagna.
Carlo era in cucina, come al suo solito preparava la colazione per l'intera famiglia. Per lui era na giornata speciale, dopo molti anni come anziano era riuscito finalmente ad avere una parte per l'assemblea e quella domenica era il grande giorno. Merito soprattutto di quella busta coi soldini che aveva dato al Sorvegliante per essere scelto per quel ruolo di prestigio. Il discorso del battesimo tra i testimoni di geova è uno dei più ambiti tra gli anziani, mezz'ora di palcoscenico garantito.
Alessandra era contenta per le soddisfazioni del padre. Lo vedeva sereno e questo garantiva serenità pure a lei. Entrò in cucina vestita solo della camicia da notte e lanciò un'occhiata maliziosa a Carlo che stava bevendo il caffè al tavolo.
Alessandra si avvicinò al padre e gli diede un bel bacio sulla bocca, tanto sua madre non poteva vederli.
"ho voglia di succhiartelo ..." sussurrò lei.
"cazzo Alessandra, fra due ore dobbiamo essere in sala assemblee... Vuoi rovinarmi la concentrazione, devo anche fare il discorso? Non riuscirei a farlo se mi spompini..."
Col padre ancora seduto, Alessandra si sollevò leggermente la camicetta da notte, non aveva le mutandine, un sottilissimo giardino di peli neri era lì in bella vista. Prese la mano del padre e se la mise proprio sulla figa, massaggiandola con malizia, tenendola stretta stretta ai suoi preziosi buchini. Carlo era è citato, infilò un dito nella figa della figlia e cominciò a masturbarla a movimenti regolari mentre Alessandra tratteneva l'eccitazione ansimando in silenzio. Si mise l'indice in bocca e tenendolo tra le sue labbra cominciò a leccarlo simulando un pompino.

Alle 8 in punto arrivarono in sala assemblee, suo padre dopo aver parcheggiato l'automobile andò a parlare con gli altri anziani mentre Alessandra e sua madre cercavano tre posti per sedersi nel grande uditorio.
Mancavano pochi minuti all'inizio dell'assemblea, la grande sala era invasa dalle note dei cantici che introducevano l'inizio della sessione mattutina, a breve ci sarebbe stata la preghiera iniziale. Alessandra era di turno ai bagni dei maschi quella mattina, insieme ad altre sorelle.
Mentre la nel grande uditorio parlavano di Armageddon e nuovo mondo lei era confinata nei cessi a pulire il piscio dei fratelli.
Mancava poco alla preghiera, il cantico era appena finito, dal grande uditorio iniziava a serpeggiare un timoroso silenzio di rispetto.
Fu un lampo per Alessandra. Suo padre era entrato in bagno, era talmente agitato ed emozionato per il discorso del battesimo che avrebbe dovuto fare alle 11e30 che sentiva continuamente di dover andare a pisciare.
Le sorelle erano già in posizione "preghiera", a testa china, poco fuori dal bagno, Alessandra era rimasta dentro, ancora con i guantini in lattice sulle mani.
Non era molto rispettoso verso Dio pisciare durante la preghiera ma Carlo aveva il cazzo in fiamme e doveva svuotarsi.
Incroció lo sguardo della figlia, lei chinava la testa e ascoltava la preghiera diffusa dagli altoparlanti, lui entrava di fretta in uno dei bagni per poter pisciare.
Un lampo perverso illuminò gli occhietti di Alessandra. Il padre dalla fretta non aveva chiuso la porticina, ci si infilò dentro, lui rimase sorpreso, aveva il cazzo appena fuori dalla patta dei pantaloni.
Alessandra chiuse la porticina con il lucchetto, in due ci si stava comunque comodi in quei bagni, si inginocchiò e ancora con su i guantini iniziò a toccare il cazzo di suo padre.
"Pisciami in bocca"
Carlo era sorpreso e allibito dalla sfrontata perversione della figlia ma non se lo lasció ripetere due volte.
Alessandra aveva aperto completamente la bocca e allungato l'intera lingua fuori dalle labbra, aspettando il getto di piscia.
Carlo prese in mano il cazzo e liberò un'enorme quantitativo di piscia nella bocca di Alessandra che soffocando il naturale istinto a vomitare ingoió quel caldo liquido giallognolo in un momento.
Carlo era eccitatissimo, se li avessero beccati altro che disassociati, sai che scandalo veniva fuori.
E a tre metri da quel cesso incestuoso c'erano le sorelle del reparto pulizia bagni che li avrebbero scoperti.
Si sentì un convinto AMEN provenire dall uditorio, la preghiera era terminata, stava per essere presentato il primo oratore. Carlo era troppo eccitato , la figlia era ancora inginocchiata e lo guardava maliziosa, con la bocca che puzzava di piscio e le guance sporcare da qualche goccia impertinente che era schizzata via dalla sua lingua.
Sempre con il cazzo ancora duro in mano Carlo iniziò a masturbarsi freneticamente sulla faccia di Alessandra, che teneva gli occhi aperti per gustarsi la perversa scena a cui stava partecipando. Carlo le disse sottovoce di ingoiare la sborra che sarebbe uscita di lì a poco, voleva vedere la figlia raccogliere ogni sua goccia sulle labbra, sulla li gua, tra i denti, fin giù nella gola . Prese la testa della figlia tra le mani, stringendole forte i capelli e avvicinandola sempre più al suo uccello, poi puntò senza paura il cazzo dritto nella bocca della figlia e le venne in gola, liberandosi di un sacco di sperma caldo e appiccicoso.
Alessandra aveva ingoiato tutto con soddisfazione, la schiuma bianca rimasta le colava dai lati della bocca, ed era tutta spettinata.
La sua bella figlia ventenne era lì, inginocchiata, con la bocca che sapeva della sua piscia e della sua sborra. Li nel cesso della sala assemblee...

(continua...)

Questo racconto di è stato letto 3 5 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti molto eroticieroriciraccontieroti raccontistirie pornodonne che si fanno inculare dai canierotoci raccontiracconti eccitantiracconti erotici padre e figlioerotici raccpntiracconti erotici ricattatabdsm raccontigenere dei racconti eroticiracconti porno cornutoracconti erotici con suocerestorie erotivheracconto erotico prima voltaracconti porno seghetrasgredire xvideosracconti-eroticiracconto erotico ziascanbio coppieracconti zoofiliaracconti erotici vicinaracconti porno bdsmracconti amatoriali per adultiracconti di matureai piedi della profsrorie pornoracconti bondageracconti erotici in discotecaracconti analiracconti erotixitesti eroticiracconti infermierageneri dei racconti eroticiporno moglie al cinemachiavo mia mammaracconti erotuciracconti porno incintaracconti erotici moglie troiaracconti erotici sesso in famigliarocconti eroticierotici racconristorie di masturbazione femminilesesso con zia raccontiraccnti miluracconti nonneracconti erotici donnestorie porno piediracconti eroticiiracconti inceho scopato mia nonnaraccontiporincesto con la suoceraspiando mammaracconti erotici canicfnm raccontialba eroticaveri racconti pornostorie feticismoprima volta scambio coppiaracconti erotticiracconti erotocoracconti porno gratismoglie zoccola raccontila prima volta nel culo raccontipiedi femminili raccontiputtanonaraccinti eroticiracconti di mamme incestuosevere storie eroticheracconti sesso pornomia mamma troiaracconti lesbo incestoraccoti eroticiporn raccontiracxonti eroticiracconti piedi femminilistorie sesso gratis