Triplo Misto

Scritto da , il 2019-12-03, genere orge

Pam mi guarda dalla banchina mentre sorseggio la mia birra ghiacciata godendomi il sole di metà mattina.
Eva è andata a Mestre a comprarsi un nuovo laptop, e conoscendo la sua pignoleria mi sono rifiutata di accompagnarla (passerà ore al negozio litigando con gli esperti che ne sanno molto meno di lei).
La mia vicina di casa è incerta: non sa se salire a bordo oppure no...
- Avanti, deciditi! – le faccio, vagamente divertita – Non ti mordo mica...
- Pat, ti conosco. Tu non te ne lasci scappare una... Ma io non sono interessata. Davvero.
Sospiro: in effetti, una ripassatina alla Pam la darei volentieri... Ma in base alla classificazione che mi ha spiegato Eva, la mia vicina è talmente etero che le lesbiche non le danno neppure fastidio, in quanto non le prende neanche in considerazione. Io però evidentemente faccio eccezione, probabilmente perché ho la fama di non fermarmi davanti a un educato “no, grazie” ...
- Pam, prometto di non violentarti. Sali...
Lei mi guarda scettica: non siamo mai rimaste da sole insieme. Abbiamo anche fatto sesso di gruppo sulla sua barca, ma sempre con la presenza di altri, e pur non schifando il contatto fisico, lei si è dimostrata del tutto indifferente alle mie avances.
Alla fine Pam sbuffa e sale a bordo con aria sospettosa.
Le offro un’altra birra e lei siede davanti a me. Le guardo le tette con un filo di desiderio; lei se ne accorge e fa una smorfia più infastidita che turbata.
Okay, non posso mica sempre averla vinta io, lo so...
Buffo, però: non ha niente in contrario che io mi faccia scopare da suo marito, però non vuole avere niente a che fare con me lei.
Io non le interesso, ma è evidente che le manca qualcosa: Arn in fondo si ripassa MG quasi tutti i giorni, mentre lei...
- Mi manca Nicolai – sospira alla fine, ammettendo il suo problema.
Già: il suo stallone romeno... Peccato sia indiziato di averle rubato un diamante che vale una fortuna.
- Nessuna novità sulle indagini?
Nessuna. Però l’assicurazione ha avviato le pratiche per la liquidazione.
- Non posso credere che sia stato lui.
- Beh, non è affatto detto che sia stato lui...
- Già. Però potrebbe...
Manda giù un sorso. Poi ammette che vorrebbe qualcosa da me.
- Ti seccherebbe se mi facessi Ioan?
- Eh?
Ioan è l’altro istruttore di karate della nostra palestra: quello che di solito soddisfa me.
- Perché me lo chiedi? Mica è il mio ragazzo: lo scopo soltanto...
- Sì, ma... Insomma, con tutta questa storia in ballo, trovo un po’ imbarazzante chiederglielo, ecco.
Aggrotto la fronte: mica vorrà che le faccia da paraninfa, vero? Pam è una donna adulta, che diamine... (Hmmm, e che donna!)
- E Nicolai?
Lei scrolla le spalle: - Tu cosa ne pensi?
Insomma: io non sono razzista, ma neppure buonista. Il sospetto resta... Però è anche vero che le accuse per il momento sono cadute.
La storia è seccante anche per noi: abbiamo praticamente smesso di andare in palestra da quando è successo il fattaccio, e non è una buona cosa, considerato che fra poco dovremo tornare ad Alghero per il nostro addestramento annuale. Gli allenamenti ci mancano... E anche i cazzi degli istruttori.
- Senti, e se gli concedessimo il beneficio del dubbio? – faccio io – Potremmo vederci tutti insieme, così non sarebbe pericoloso...
Lei mi guarda grata: - Organizzeresti tu?
Sospiro: sapevo che sarebbe finita così.
La guardo intenta: - Tu cosa mi dai in cambio?
Lei mi guarda seccata: - Ecco, lo sapevo...
- Ma cos’hai capito? Mica voglio la tua fica...
L’ho disorientata.
- Mettiamola così: se ritrovo il tuo diamante, tu me lo presti ogni volta che te lo chiedo.
- Eh? – mi guarda come se fossi un’idiota – Pat, il diamante ormai è andato. Chissà dov’è finito a questo punto...
- Appunto, ho detto “se”. Cos’hai da perdere?
Non so come mi è uscita: in realtà volevo solo chiederle qualcosa di diverso dalla fica, e non mi è venuto in mente altro... Però l’idea è divertente.
Lei scrolla le spalle.
- Okay. Tu organizza la festa da noi, fammi scopare Ioan, e se dovessimo mai ritrovare il diamante, lo divideremo da buone amiche.
- Affare fatto!

Bene. Stavo giusto cercando un incentivo per tornare in palestra... Così inghiotto l’imbarazzo e vado a trovare Ioan. Il mio amico è ancora offeso dal presunto razzismo degli italiani, ma si lascia blandire dalle mie moine. Nicolai per il momento non è ancora tornato al lavoro, anche se è prosciolto, però se Arn e Pam hanno ritirato la denuncia...
Non hanno sporto nessuna denuncia contro Nicolai: è contro ignoti... Gli hanno rubato un diamante da quasi centomila euro, cazzo.
Sì, certo... Però hanno inguaiato Nicolai.
Cosa dovevano fare, secondo lui: lasciar perdere? Almeno così avranno indietro i soldi dell’assicurazione.
Sia come sia: un incontro si potrebbe anche organizzare... Prende il cellulare e chiama l’amico, che pare entusiasta, così fissiamo per la sera successiva.
Pam sarà contenta.

Lo siamo anche Eva e io: negli ultimi tempi, fra la Giulia e la Giorgia, la fica non ci è mancata... E poi abbiamo sempre la Roby. In quanto a cazzo però, siamo state un po’ a stecchetto...
Arn ci fa sapere che purtroppo MG non potrà venire: suo marito ultimamente la tiene un po’ a briglia stretta... Probabilmente le corna hanno cominciato a fargli male e ha pensato di tenerla sotto controllo almeno fuori orario di lavoro. Naturalmente con Arn questo non serve a molto, visto che tanto lui se la gode regolarmente in ufficio. Infatti il marito di Pam non mi sembra affatto dispiaciuto della mancanza della sua amante abituale: probabilmente perché quel che più gli preme è trombarsi di nuovo Eva.
Bene: alla fine saremo tre coppie, tutte desiderose di mischiarsi a dovere... Un bel triplo misto!

***

Come la volta precedente, incontriamo i ragazzoni romeni sul molo, e raggiungiamo insieme Arn e Pam sulla Carina, la loro barca... E’ quasi il tramonto, e loro hanno preparato un po’ di stuzzichini per darci il benvenuto.
Pam si è messa in tiro: indossa una vestaglia di seta di alta sartoria, con sotto lingerie di classe. Calze fumé di seta con reggicalze di pizzo, stiletto 12, e chincaglieria varia per almeno un chilo che farebbe l’invidia della mia amica Elena, solo che non si tratta di bigiotteria ma di gioielli autentici, anche se non del livello del diamante scomparso: pare che la gioielleria la ecciti... Una bella catenina d’oro al collo, orecchini lunghi, anelli a tutte le dita, bracciale e braccialetti, perfino una cintura d’argento dorato alla vita.
Eva ha dei sandali leggeri con le autoreggenti nere a rete, e pure lei ha una cintura metallica che però non costa più di venti euro. Indossa un abitino chiaro come suo solito, di quelli facili da togliere...
Io sono come sempre in ecopelle: giubbotto, toppino, minigonna e stivali al ginocchio, il tutto rigorosamente nero... E niente gioielli. Sarò malfidata, ma perché rischiare?
Mangiucchiamo un po’ di salatini mentre Pam esibisce la sua musica d’ambiente e Arn offre del prosecco, evitiamo accuratamente di parlare del diamante, e dopo un po’ cominciamo tranquillamente ad accoppiarci.

E’ Arn a cominciare, puntando inequivocabilmente Eva, mentre Pam come preannunciato sembra interessata soprattutto a Ioan... Il che lascia Nicolai a mia completa disposizione, il che non mi dispiace visto che è quello con il cazzo di gran lunga più grosso.
Non è passata un’ora dall’arrivo a bordo, e stiamo già pomiciando per coppie male assortite, con le mani che frugano libere e le lingue in libertà...
Io per esempio ho quella di Nicolai in bocca, e le sue manacce scostumate che mi sollevano la minigonna mentre mi strofino contro il pacco gonfio e duro che lui nasconde ancora nei pantaloni.
Ci baciamo a bocca aperta, anfanando eccitati mentre le sue mani ravanano sotto la mia gonna frugando le mie intimità. Il marpione ha già verificato che sono senza mutande e mi ha cacciato le dita nel pelo bagnato, facendomi infoiare ancora di più.
Mi appoggio alla paratia di legno mentre faccio lingua in bocca con il mio uomo e allargo leggermente le gambe per permettergli di masturbarmi con tutto comodo con la manaccia che mi ha cacciato in mezzo alle gambe.
- Hmmm... – ansimo di piacere mentre mi godo le dita nodose che mi allargano le grandi labbra.
Mi si sono allungati i capezzoli per la foia, e stanno tendendo il tessuto leggero del toppino nero con tanta forza che potrebbero bucarlo. Ho una voglia di cazzo che mi sembra di impazzire.
Eva è la prima a cadere in ginocchio davanti al maschio del momento: ha tirato già fuori il cazzo di Arn e lo sta succhiando diligentemente, facendo la gioia del padrone di casa. Più in là, Pam si sta facendo servire come una regina: si è stravaccata sulla poltrona, con la vestaglia spalancata, una gamba sul bracciolo e le merce completamente esposta; Ioan è già al lavoro con la bocca, intento a divorarle la patacca sgocciolante.
La manona di Nicolai infilata sotto la minigonna mi frega fra le cosce nude facendomi impazzire; il porco si è anche accorto del turgore esagerato dei miei capezzoli, e ne ha addentato uno attraverso il top, facendomi latrare di piacere da quella cagna in calore che sono diventata da quando gli ho visto il pacco in mezzo alle gambe... Sto impazzendo dalla voglia di cazzo, ma mi piace anche tantissimo lasciarlo lavorare sul mio corpo: sono un lago, e le sue dita si muovono facilmente nel mio pelo bagnato fradicio, mandandomi il clito in risonanza con il cervello.
- Oohhh! – annaspo, scossa da un miniclimax che mi lascia senza fiato.
Quando recupero respirazione e battito cardiaco, mi lascio cadere in ginocchio e mi affretto a liberare la belva dalla costrizione dei pantaloni: il cazzone di Nicolai è teso e nerboso, ancora più grosso di come me lo ricordavo.
Non sono una gola profonda: la mia bocca è di dimensioni normali, e ho anche le labbra sottili. Dopo una saporita sleccazzata ai coglioni gonfi da paura e poi su per tutta la lunghezza dell’asta, mi accontento di prendere in bocca la cappella, che è larga come quella di un fungo porcino, e di succhiarla con gusto.
Serro le labbra alla base del glande e prendo a segare energicamente con una mano mentre con l’altra accarezzo i testicoli duri e neri, mentre con la lingua comincio a lavorare di piatto la punta arroventata.
- Uuhhh... – rantola il maschione, che evidentemente apprezza le mie ministrazioni orali – Sei bravissima! Succhia, succhia...
Io succhio: sono una professionista esperta, e anche un’appassionata. Adoro fare i pompini, fin da giovanissima... Mi piace quasi quanto leccare la fica.
- Sì, così... Succhia...
Che bella invenzione, il cazzo! Nessun giocattolo industriale potrà mai uguagliare il prodotto originale di madre natura... Non sarò mai una lesbica completa: il cazzo sarà sempre indispensabile per soddisfare la mia sessualità.

Nicolai mi accarezza i capelli con gratitudine mentre lo spompino come un’idrovora, e intanto respira pesantemente. Sento vibrare i testicoli, segno inconfondibile del piacere del maschio, e aumento la pressione del risucchio.
Lui cerca di scoparmi la faccia prendendomi per le orecchie come una battona da strada, ma io sono troppo decisa a mantenere il controllo e gli faccio sentire i denti.
Lui probabilmente non è appassionato di rigatoni, e mi lascia fare.
- Hmmmpp...
- Oohhh! Così, continua, puttana...
Io mi stacco all’improvviso, ansimando per lo sforzo, e sollevo lo sguardo su di lui.
- Adesso prendimi! – gli intimo, assatanata – Fottimi contro il muro...
Mi appoggio di nuovo con la schiena contro la paratia e sollevo una gamba per dargli spazio. Lui mi schiaccia contro il legno del muro sollevandomi ulteriormente la gamba nuda con una mano, mentre con l’altra mi alloga il cazzo alla spacca sgocciolante prima di spingerlo dentro con un violento colpo di reni che mi lascia senza fiato.
- Aahhh! – grido, sentendomi trafiggere da quell’ariete di carne.
Mi ha inchiodata al muro come fossi il poster di una pin-up.
Gli stringo il fianco con la gamba sollevata, facendogli sentire il tacco dello stivale contro la coscia muscolosa, mentre mi aggrappo a lui con un braccio e tengo l’altro sul muro per mantenere l’equilibrio; lui si assesta dentro di me, poi comincia a scoparmi con forza, sbattendomi contro il muro ad ogni affondo.
Thump! Thump! Thump! Sembra un martello pneumatico.
- Aah! Aah! Aah! Aahhh...
Mi sta pestando come una bistecca... Mi piace un casino.
Più in là, Pam grida di piacere: deve aver sborrato in faccia a Ioan, perché lo vedo arrestarsi un momento primo di ripulirle la passera con la lingua e di sollevarsi per infilarle il cazzo anche lui.
Eva è l’ultima a interrompere il suo lavoro di bocca: si va a mettere sul divano, offrendosi di spalle, e Arn le solleva il vestito sulla schiena per prenderla alla pecorina.
Nicolai è il meno delicato dei tre maschi: mi fotte con brutale violenza, come se mi stesse stuprando. Comincio quasi a preoccuparmi che sfondi la paratia a cui sono appoggiata, che poi è solo un tramezzo che separa il quadrato dalla cabina padronale, e potrebbe anche cedere sotto i suoi colpi bestiali.

Arn ha infilzato Eva sul divano, e la sta scopando con forza anche lui, strappandole lunghi gemiti di piacere ad ogni affondo. Certo, Eva è una professionista come me, spesso anche più fredda e professionale della sottoscritta, e quindi non si sa mai quanto i suoi gridolini d’estasi siano sinceri quando si accoppia con un uomo, ma giurerei che si stia divertendo davvero: a parte il colore della pelle (Eva ha un debole per i negroni), il marito di Pam è il suo genere di uomo. Maturo, serio, atletico e benestante: il tipo di uomo che regala diamanti alla sua amata...
- Aarghhh! – grida all’improvviso la mia ragazza, rinculando violentemente e gettando la testa all’indietro facendo sventolare i lunghi capelli biondi come fossero una bandiera – Vengo...
Gratificato dal fatto di aver fatto godere una ragazzina più in fretta di quanto i due stalloni palestrati abbiano saputo fare con noi milfone, Arn raddoppia la furia della sua cavalcata, fino a sfogarsi con un rantolo dentro la mia compagna e a riempirla con il suo seme maturo.
Eva squittisce sentendosi inseminare e scodinzola contenta con la faccia nel cuscino e la mano fra le gambe per prolungare il suo piacere il più a lungo possibile.
Pam ha appoggiato la gamba inguainata di seta sulla spalla del suo amante mentre questi la scopa gagliardamente sulla poltrona sprimacciandole le zinne nude che hanno fatto capolino dalla vestaglia ormai spalancata: è un bello spettacolo, la sudiciona coperta di gioielleria di pregio. Peccato che non ne voglia sapere di giochini saffici...
Ioan si allunga a baciarla appassionatamente in bocca mentre continua a fotterla focosamente; vedo le dita dei piedi della mia vicina che si arricciano puntate verso il soffitto, e intuisco il suo piacere che monta rapidamente...
- Oohhh! – la sento gridare all’improvviso – Sì, godo! Oohhh...
Bene, adesso dovrebbe toccare a me: Nicolai mi sta scopando davvero bene, e se fosse per me prolungherei la monta all’infinito, però non mi va di essere lasciata indietro. Mi metto una mano fra le gambe e comincio a sfregarmi il clito con tutta la foga necessarie; in breve, fra il cazzone che mi scovola la fica e le dita che mi smucinano il bottoncino, sento la scintilla elettrica nel cervello che attiva la reazione a catena.
- Aah! – urlo – Aah! Aahhh!!!
Non è un orgasmo sconvolgente, ma è quello che volevo: sento il mio corpo attraversato dall’onda del piacere, e le mie carni sussultano scosse dal maremoto dei sensi.
Nicolai avverte la compressione determinata dalle contrazioni della mia fica, e grugnisce: - Ti sborro dentro, puttana...
- Aahhh... Sì, riempimi tutta!
L’animale stringe i denti e si lascia andare: avverto uno spruzzo violento di sborra alla bocca dell’utero, e mi sento inondare le viscere dal calore del seme maschile.
L’ultimo a eiaculare è Ioan: ha continuato a scopare Pam dopo averla fatta godere, ma quando si accorge di essere giunto al dunque lo tira fuori e schizza lo sperma dritto sulle tette piene e prosperose della padrona di casa. Osservo il prezioso liquido colare sui seni bianchi e morbidi della donna e provo un fremito di desiderio di ripulirla tutta con la lingua...
Ma sono ancora inchiodata alla parete con Nicolai addosso che sta finendo di svuotarsi le palle dentro di me, e non ho il fiato per provare a vincere la ritrosia della moglie di Arn.

Ci rilassiamo con un bicchiere di prosecco offerto dai coniugi padroni di casa, brindando con i rispettivi partner del momento, e Pam ne approfitta per mettere della musica allegra.
Siamo ancora tutti più o meno vestiti; la più discinta è Pam, che si è appena riaccostata la vestaglia sulle tette grondanti di sborra, ma per il resto siamo ancora presentabili. Io mi sono riabbassata la minigonna sui fianchi, nascondendo alla meglio il casino che Nicolai mi ha lasciato in mezzo alle gambe; un filo di sperma mi sta colando lungo l’interno delle cosce, ma non penso si noti...
Sorseggio appena il mio calice di bollicine, poi afferro per il bavero il mio amante improvvisato e gli infilo la lingua in bocca tanto per fargli capire che ho ancora voglia. Poi mangio un salatino e gli rimetto la mano sul pacco per saggiare la sua ripresa.
Sì, il prosecco lo sta facendo carburare di nuovo... Fra poco potrà essere usato di nuovo.
Suggerisco a Pam di pulirsi le tette, e lei mi fa una linguaccia.
Ridacchio, osservando che è esattamente così che vorrei darle una mano...
- Non ti dai proprio per vinta, vero?
- Mai, chiedi a Eva... D’altra parte non credo che i ragazzi abbiano voglia di darti una mano, vero?
Uno dopo l’altro i maschi negano recisamente.
- Quindi vedi bene che sono l’unica desiderosa di aiutarti... Vuoi fare da sola? Oppure preferisci lasciarla asciugare?
Ora ci osservano tutti intenti: agli uomini piace assistere a uno spettacolino fra donne, specialmente mentre si stanno riprendendo dall’ultima performance, e sperano tutti che Pam ceda.
Lei se ne accorge e storce il naso: non ci sta a fare la guastafeste, specialmente quando è la padrona di casa...
- E va bene! – sbotta, spalancandosi la vestaglia offrendo alla nostra vista le sue grazie polpose – Visto che ci tieni tanto, fammi vedere cosa sai fare... Puliscimi, lesbica!
Hmmm... Lo spettacolo dei seni bagnati di sperma fresco è tale da farmi passare sopra la malagrazia dell’invito. Mi avvicino lentamente, leccandomi le labbra pregustando il sapore; incrocio lo sguardo con il marito di Pam, come a chiedergli il permesso, e poi con la mia ragazza, che mi sorride divertita il suo assenso.
Poi guardo lei negli occhioni nocciola e ammicco, ambigua.
Lei mi mostra di nuovo la lingua e io intuisco che debba essere già un po’ alticcia, altrimenti non si concederebbe così facilmente.
Le accarezzo una guancia, poi mi abbasso ad osservare i suoi splendidi seni rigati di sborra: ho l’acquolina in bocca.
Prima che cambi idea, mi tuffo a leccare: le passo una mano dietro alla schiena per tenerla ferma, afferro un seno in una mano e passo la lingua di piatto sulla carne bianca e liscia, asciugando lo sperma di Ioan che lo bagna.
La sento fremere nelle mie mani e sotto la mia lingua.
- Oohhh... Vacci piano. Limitati a pulire: non ti ho dato mica libero accesso!
No. Sono io che me lo prendo, l’accesso...
Raccolgo con la lingua la sborra ancora tiepida che le imbratta le tette, gustandone il sapore aspro e un po’ salato... Poi ne approfitto e le frusto il capezzolo eretto con la lingua dura.
- Aah! Ma che fai, lasciami...
Non ci penso nemmeno. Ora ce l’ho mezza nuda sotto i denti, e non me la faccio più scappare.
Avverto gli sguardi allupati di tutti gli altri, e serro i denti intorno alla carne scura e turgida del bottoncino, prima di succhiarlo di gusto.
- Aahhh... Che stronza, lo sapevo...
- Non dirmi che non ti piace – le faccio con tono perentorio – Ti si sono induriti tutti e due...
Passo a succhiare anche l’altro, e non posso non notare che lei non sta opponendo nessuna resistenza.
Succhio e mordo entrambi i capezzoli eretti, poi raccolgo le ultime gocce di sperma dal decolté, e sollevo il capo fissandola dritto negli occhi.
- Apri la bocca!
Lei esita, stordita. Poi socchiude debolmente le labbra, esitando.
Le spingo dentro la lingua sporca, passandole il seme del suo amante mentre la stringo per i fianchi.
Pam riconosce il sapore del seme maschile, e istintivamente lo riceve con entusiasmo... La sua lingua avida incontra la mia, e si concede per il primo bacio saffico della sua vita.
Le cedo la sborra e in cambio le risucchio un po’ di saliva, stringendomela contro a gustando il calore dei suoi seni nudi contro di me.
Poi, prima che si riprenda dallo stordimento, la lascio andare: meglio non approfittare tropo della situazione. Non voglio violentarla davanti al marito.
Lei arretra senza fiato, barcollando stordita e forbendosi le labbra con le dita.
- Accidenti, Pat! – protesta – Lo sai che...
Rido: - Calma, non è successo niente... Un bacetto e una leccatina non fanno di te una lesbica, stai tranquilla. Piuttosto, vedi che hai fatto arrapare di nuovo i nostri uomini...

Questo racconto di è stato letto 3 0 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti prnoracconti di fistingracconti erotici sesso con animaliracconti donne sottomesseincesto confessioniinculata da cavalloeros free on lineerotici raccontiporno racconti eroticibadanti inculateracconta eroticiracconti icestischiavo cornutoavventure matureracconti erotici di mia moglieracconti incesracconti sorellinamilùraccontistorie porracconto erotico 69strip poker raccontirac eroticiracconti porno prime esperienzestorie porcheracconti dominazionelista racconti eroticistorie vere amatorialistorie di mogliracconti annunci 69racconti erotici tradimentistorie eroticheracconti sex gratisgisella donadoni sposataracconti erotiicsesso racconti eroticiracconti dal dottoreracconti hard bisexracconti erotivmi chiavo mia mammaracconti porno maturamia suocera troiaporno racconti eroticiracconti erotici di anzianisuocera maialaraccontti eroticiracconti erotici mia cuginagay inculato da cavalloracconti amatoriali sesso69 racconti eroticiracconti erotici in pubblicoracconti eroticjzia porconaacconti pornocornuto storieragazza scopa con caneraxconti eroticiracconti di segheracconti erotici zooraconti eroticeerositaliastoriw pornostorie di sesso incestoraconti eroticeerotivi raccontiracconti erotici cuginettastorie eroticheletture erotiche gratissesso con mio zioracconti sexracconti porno a fumettircconti miluracconti erstorie feticismo piediracconti massaggioracconti fayracconto erotico ginecologogay porn racconticlistere raccontiracconti hard sexracconti porno fantasyil cornuto di mio marito