Gaia e i Villaggi (turistici)

Scritto da , il 2019-12-03, genere tradimenti

Sapete cos’è un villaggio turistico? E’ un posto infernale dove famiglie con quozienti intellettivi sotto la media nazionale spendono un sacco di soldi per far finta di essere in Messico o in Guatemala mentre in realtà, sì sono effettivamente in Messico o in Guatemala, ma confinati dentro una specie di parco giochi per rincoglioniti dal quale non vedranno mai nulla del paese in cui sono atterrati. Nulla, neanche una palma, uno scoglio o un sombrero.

All’interno dei villaggi turistici ci sono gli animatori. Questi svolgono essenzialmente tre attività: al mattino organizzano i giochi in piscina, al pomeriggio le attività di gruppo e alla sera si scopano le turiste in vacanza. Madri, figlie, mogli, fidanzate, dai 18 anni ai 45, basta che siano fighe.

Le richieste variano dal target. Le 40enni single vogliono quasi sempre farsi fare il culo. A pecora. Le madri di famiglia invece sono generalmente accompagnate da un marito sulla via dell’impotenza e preferiscono farsi sbattere sul letto alla missionaria con le gambe per aria. Tutto questo mentre il marito è fuori al minigolf o lì a fianco che guarda e si mena uno cosino che non va oltre il barzotto per poi correre in bagno a sgocciolare non appena lei caccia un gemito più acuto del solito.
Discorso diverso per le figlie: le ragazze che a 18 anni sono ancora in vacanza con i genitori sono generalmente un po’ ingenue, talvolta un po’ sfigate, quasi sempre ancora vergini. Un po’ timide inizialmente, difficili da portare a letto, ma con una grande voglia di smanettare. Ovunque. Nei cessi del bar, nelle cabine, in ascensore, in piscina. La quantità di seghe che un animatore può ricevere da queste 18enni infoiate durante una giornata è tale che se non sta attento rischia di arrivare spompato alla scopata serale con la milfona strafiga che lo aspetta in camera dopo il barbecue party.

La mia prima esperienza con questo mondo risale ad un’estate di molti anni fa in Toscana in cui Gaia, la mia ragazza 21enne, un amore bruciante iniziato 6 mesi prima nel quale c’erano già state grandi promesse e dichiarazioni, mi aveva chiesto di raggiungerla al villaggio turistico dove albergava. Era una biondina con occhi verdi e lentiggini, senza tette ma con due gambe atletiche da ginnasta e la pelle che quando si abbronzava diventava dorata. A letto si scopava tanto e bene, anche se, bisogna dire, lei non arrivava mai al culmine. Era una quelle, così mi aveva spiegato, che si gode il sesso nel suo insieme senza cercare necessariamente l’orgasmo.

Ad ogni modo siamo ad agosto e lei è imprigionata senza via di uscita in una breve vacanza di una settimana insieme ai suoi genitori per farli contenti. Un’ultima volta.
“Sono qui da 2 ore sto già morendo di noia, aiuto.” mi aveva scritto la sera del primo giorno disperata.
Così, preparo velocemente uno zaino con qualche cambio, un costume, prendo i preservativi, le ciabatte, l’ipod e mi fiondo a prendere il treno.

Sei ore e mezza più tardi arrivo al villaggio dopo un viaggio infernale in intercity schiacciato tra la gente senza aria condizionata. Sono più o meno 3 ore in ritardo e non sono riuscito ad avvisarla perché avevo finito il credito sul telefono.
Il resto è il classico dei classici: chiedo il numero del suo bungalow alla reception, mi avvio con passo deciso mentre inizio a frugare nello zaino per cercare i preservativi, arrivo alla porta di ingresso e la trovo chiusa male. Entro senza bussare e da in fondo al corridoio vedo un culo mulatto e muscoloso che sta pompando con foga su letto mentre dei piedini bianchi ballonzolano ritmicamente per aria facendo ciondolare una cavigliera che mi sembra a malincuore di riconoscere. Tra i grugniti di lui e il cigolio del letto che rendono impossibile distinguere altre voci, mi avvicino lentamente per cercare di capire di chi si tratta ma prima ancora di riuscire a scorgere il suo viso oltre la schiena palestrata dell’animatore di colore, il cuore mi balza in gola perché sento chiaramente la voce di Gaia ansimare eccitata: “Vengo Francis... sto per venire!”
Un brivido mi attraversa la schiena come un fulmine. L’astinenza di 5 cinque giorni di seghe si fa sentire tutta d’un colpo: il mio uccello non fa neanche in tempo a diventare duro che uno spruzzo di sborra liquida mi esce senza controllo riempiendomi il costume. Scappo in soggiorno senza farmi vedere, prendo dei fazzolettini dal tavolo e me lo tiro fuori al volo per pulirmi velocemente prima di fuggire. Sì sente un “Oddio non fermarti che godo!” provenire dalla mia fidanzata e a quelle parole un secondo getto improvviso di sperma liquido mi schizza dal pisello mancando il fazzoletto e andando a macchiare il pavimento.

Esco dal bungalow camminando velocemente a gambe larghe come me la fossi fatta addosso. Nella mia testa continua a risuonare la voce, che non avevo mai sentito, di Gaia durante l’orgasmo mentre il mio uccello ormai durissimo continua a pisciare sborra nel costume.

Mi ferma un animatore che ormai sto colando dalle gambe “Va già via? Guardi che stasera c’è una sorpresa!”
Grazie, l’ho appena avuta.

---------------
Per feedback, info o racconti su commissione:

Questo racconto di è stato letto 4 7 2 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti sex 69racconti sesso gratisstorie eroticstorie erotichracconti di mariti guardoniracconti gratis eroticiracconti di culi rottistorie di sesso gratisstorie eroricheracconti.miluracconti di incesti realiracconti sottomissioneracconti di sesso con superdotatiinculata da un vecchiosexi storieracconti erotici diracconti eroti cimilù raccraccnti miluracconti erotieroticiracconti.itstorie di sessostorie di sesso con animaliracconti di sesso in vacanzaracconti erotici generizoofilia con cavallistorie sesso analeerotoci raccontisuocera porcellaio milùstorie fetish piediracconti ereoticiraccontj eroticiracconti zoofilizoofilia raccontiracconti di donne inculateraccontizoofiliaraacconti eroticiracconti porno analracconti erotici grannystorie di calpestamentostorie vere pornostorie sesso realiracconti dilatazione analesexi storiemeccanico gaystorie di tettoneracconti feticismo piediraccontisessualiracconti perettaracconti maritiracconti pornograficieroticiraracconti mariti cuckoldracconti erotici tettonaracconti roticistorie ererotci raccontistorie di cornutiracconyi miluracconti animal sexsega eroticaracconti cuckoldracconti erotici pompinoraconti pornoracconti porno con fotoracconti erraccont eroticiscopata raccontoracconti storie eroticheracconti di sesso con animaliincesti nonne nipotiscambio di coppia bisexmasturbaziomeraccontu eroticiracconto cognataracconti erotici.comracconti eoriciracconti porno dal ginecologoracconti erotici vietatiraccon ti eroticiracconti porno tradimenticfnm raccontiracconti di coppia