Susan cap.4 - Scopare in banca in orario lavorativo si può

Scritto da , il 2019-12-03, genere tradimenti

Lentamente, senza fretta e senza nemmeno voler bruciare le tappe, la storia tra Susan e Jorge cominciò ad intensificarsi. I loro incontri sessuali cominciarono a farsi più frequenti e la crisi coniugale che ella viveva con suo marito Julian assunse una certa stabilità. Non smise mai di concedersi a lui del tutto, seppur lo fece con minore regolarità. Spesso addusse stanchezza, altre volte riuscì ad anticipare i tempi in cui si addormentava. Cercò quindi di sottrarsi ai doveri della brava moglie sessualmente sempre pronta, facendosi soddisfare da un altro uomo.
Nel complesso non si sentiva in colpa per niente.
Lei e Jorge erano riusciti ad elaborare un variegato stratagemma di ferie e permessi per Susan in modo che si potessero incontrare segretamente durante l’orario lavorativo e senza che nessuno sospettasse di nulla. Si incontravano direttamente fuori e si recavano in albergo oppure a casa di Jorge, mentre le chiamate al telefono di Susan (qualora chiamasse Julian per esempio) venivano tutte dirottate al cellulare di Jorge. Julian non chiamò mai. E nessuno dell’ufficio si insospettì di niente.
Scoprirono pian piano di avere molto più di una attrazione sessuale e che la loro era una vera e propria affinità. Jorge in qualche modo la adorava e non smetteva di complimentarsi con lei per la sua pettinatura, il suo look o le sue scarpe.
“Sei la donna che avrei sempre voluto al mio fianco”, le diceva spesso. Sia prima, che nel corso, che durante l’amplesso.
Spesso programmavano i loro incontri con diverso anticipo, ma talvolta accadeva che l’impeto di Jorge spingeva a modificare la loro routine consolidata.
Quella settimana per esempio si erano visti recandosi a casa di Jorge al lunedì. Lui l’aveva ripassata a dovere e per entrambi era stata una mattinata di fuoco al termine della quale lei era rientrata al lavoro, mentre Jorge se ne era rimasto beatamente a casa.
Al venerdì però, quando Susan si era trovata di fronte Jorge alla macchinetta del caffè ed aveva visto con che sguardo la osservasse, era stato chiaro che sarebbero andati oltre. Per le prima volta per due volte consecutive nella stessa settimana.
Al lavoro si davano del lei ed il semplice fatto che lui si fosse permesso di complimentarsi nei suoi confronti per il suo look, alla presenza di un collega maschio, era una cosa che faceva ben capire la situazione emotiva dell’uomo. E sì che non aveva nemmeno scelto un look particolarmente aggressivo. Era una giornata tutto sommato calda ed ella aveva optato per una maglia bianca piuttosto stretta con delle maniche quasi a palloncino, una gonna di jeans con i bottoni anteriori, dei collant color carne lucidi e dei decolleté dal tacco alto neri con punta e tacco color acquamarina.
Quando era rientrata in postazione, le era squillato il telefono.
Era lui.
“Perché ti sei vestita in quel modo?”.
“C’è qualcosa di sbagliato?”.
“No. Affatto. Sei bellissima”.
“Grazie”, rispose lusingata. A casa era tempo che non otteneva complimenti e la cosa l’aveva portata al progressivo allontanamento da Julian. Doveva rispondere in maniera sensata visto che altre colleghe la sentivano. Lui era solo nel suo ufficio, lei in un ambiente dove poteva essere ascoltata nonostante nessuno sembrava dare retta alla sua telefonata che poteva benissimo essere quella di un cliente.
“Vorrei sedermi lì vicino a te ed accarezzare le tue gambe partendo dal collo del tuo piede. Risalire lentamente fino ad arrivare alle ginocchia e poi percorrere interamente il tuo interno coscia, fino ad arrivare al tuo sesso. So che mentre lo farei il tuo respiro comincerebbe ad incrementarsi ed allo stesso tempo le tue pulsazioni cardiache. Troverei il tuo sesso caldo ed accarezzandolo ti ecciteresti alla grande”.
“Penso che non si sbagli, signore, ma mi lasci controllare un attimo”.
Lui non la poteva vedere, ma lei si sedette un po’ più comoda sulla sedia ed accavallò le gambe, infilando in mezzo ad esse la mano destra. Nel frattempo finse di pigiare qualche tasto sulla tastiera e mosse il mouse come se stesse controllando qualcosa a video, poi disse:”Confermo che è proprio come ha detto lei”.
“Sei calda? Ti stai toccando?”.
“Sì, molto”, rispose lei aggiungendo anche un vago sorrisetto malizioso.
“Hai le mutande?”.
“Certo signore. Fa bene a preoccuparsi ma vedrà che si concluderà tutto per il meglio”.
“Mi sto eccitando. Ti voglio adesso”.
“Qualche attimo di pazienza signore e vedrà che risolveremo”.
Quella situazione e quella conversazione stava eccitando entrambi. Era un giochetto erotico che stimolava l’immaginazione sia di Jorge che di Susan. Erano anni che Susan non provava dei brividi di eccitazione come quelli che attualmente provava per Jorge.
“Voglio scoparti subito. Metterti giù a pecorina sulla scrivania, abbassarti i collant e le mutande e prenderti totalmente”, disse lui al colmo della agitazione.
“Questo penso che non sia possibile signore. Il suo conto corrente è caldo e lei lo tiene abbastanza movimentato, ma fare una operazione di questo tipo oggi non credo sia possibile. Ho visto che ha già movimentato il conto corrente in settimana, quindi non credo sia il caso….”.
Quei doppi sensi avevano il risultato di incendiare la situazione.
Jorge riuscì solamente a dirle:”Sei una zoccola!”.
Susan sorrise. Sapeva che il termine le era rivolto benevolmente e si mise a pensare a cosa rispondere seriamente quando, restando con la cornetta in mano, si trovò Jorge dietro la sua scrivania che le poggiò una mano sulla spalla. Inizialmente restò stupita. Stava parlando con lui al telefono ed invece se lo trovava dietro la sua postazione. Era evidente che doveva avere poggiato il telefono ed essere corso nella loro zona di uffici.
Completando la farsa del giorno, lui le fece cenno di proseguire nella sua telefonata in modo che le altre impiegate non sospettassero di nulla. La recita andò alla perfezione e quando Susan concluse la chiamata, dopo aver poggiato il ricevitore, gli disse:”Buongiorno direttore, ha bisogno?”.
“Sì, Susan. Volevo discutere con lei di quei finanziamenti che mi ha portato ieri e che non vanno bene. Ce l’ha una mezz’oretta di tempo da dedicarmi?”, le chiese lui.
Susan non poté non notare gli sguardi dell’uomo sulle sue gambe ed il tono di voce leggermente più alto del solito di Jorge, evidentemente spinto dal farsi notare da parte del proprio auditorio.
“Sì, certo”, rispose lei assecondando la richiesta.
“Allora venga subito, ci vorrà almeno mezz’ora, diciamo quaranta minuti”, disse lui incamminandosi verso il proprio ufficio.
“Va bene direttore”, rispose lei seguendolo a capo chino. Si era messa nella modalità “professionale”, ma di lì a poco sarebbe passato alla modalità “zoccola”, come l’aveva definita Jorge poco prima al telefono.
E così scoparono anche quel giorno, nel bel mezzo di una mattinata di lavoro, senza che nessuno se ne accorgesse. Attesero solo che Susan chiudesse la porta dietro di sé e Jorge le fu addosso. Si baciarono immediatamente e senza smettere si diressero verso la scrivania del direttore, dopo aver chiuso la porta a chiave. Lei si appoggiò alla scrivania con le natiche e Jorge si abbassò infilandole la mano sotto alla gonna tra le cosce.
“Quanto sei calda”, le disse sospirando.
“Siii….. Non vedevo l’ora di sentirti addosso a me”, gli rispose lei.
Poi la mano di Jorge cominciò ad accarezzarle il sesso attraverso il collant ed ella, già eccitata da prima, iniziò ad inumidirsi.
“Oh mio Dio, quanto mi sto eccitando”, gli disse lei.
“Perché? Prima non lo eri già?!?!?”.
“Sì, ma con quella mano mi fai e mi farai impazzire, lo so”.
“Voglio farti impazzire e scoparti come non mai!”, le rispose lui.
Quando lei poggiò la mano sulla patta di Jorge, trovò il suo cazzo già duro e pronto. Lui le sbottonò la gonna che si aprì completamente e lei gli sbottonò i pantaloni, abbassandoglieli insieme agli slip.
“Appoggiati alla scrivania, ti voglio da dietro”, le disse lui vedendo come Susan avesse notato il suo membro eretto, pronto a penetrarla.
Susan allora si abbassò collant e slip e si piegò in avanti, poggiando i gomiti sulla scrivania. La sua figa non desiderava altro che di essere riempita e lei sapeva bene che Jorge l’avrebbe soddisfatta fino in fondo. L’unico limite era l’impossibilità di urlare il proprio piacere, ma era un problema risolvibile in fondo.
Sorrise e quando Jorge appoggiò la punta del cazzo tra le sue due labbra cercò di restare rilassata e di accoglierlo come si confaceva.
“Sei di burro”, le disse lui, entrando in un attimo dentro di lei.
“Merito tuo”, gli rispose lei.
Poi lui cominciò a dare un certo ritmo all'azione e lei non potè che apprezzare quell'arnese duro e vigoroso che percorreva tutto il suo canale. Scopare con Jorge era davvero bello, scopare durante l'orario lavorativo in modo inaspettato lo era ancor di più.
“Sto godendo come una pazza”, gli disse lei sollevandosi leggermente dalla scrivania. Jorge allora da dietro le si avvicinò e la baciò dietro al collo. Le sue mani salirono dai fianchi di Susan fino alle sue tette.
“Anch'io amore”, le rispose lui lasciandosi andare ad un epiteto che andava ben oltre il loro rapporto di sesso “Tu sai proprio come farmi impazzire. Ma non dobbiamo fare troppo rumore oppure verremo scoperti e non è proprio il caso se vogliamo che la cosa continui”.
“Che continui?!?!? Mmmhh.... Io voglio che non smetta mai”.
“Allora facciamo piano e non facciamoci scoprire”.
“Piano con cosa?!?!?”, chiese lei.
“Con le urla, ovviamente”, concluse Jorge. Poi ricominciò a pomparla con ritmo acceso e Susan fu costretta a piegarsi in avanti andando a poggiarsi con i gomiti sulla scrivania. Aveva collant e slip abbassati a metà coscia ed era abbastanza scomoda perché non riusciva a divaricare le gambe come voleva. Avrebbe voluto sfilarsi i collant, oppure lacerarli e cambiare posizione, ma non poteva fare né l'una né l'altra cosa. Si portò quindi una mano sulla passera tenendosi leggermente aperte le labbra ed allo stesso tempo si carezzò il clitoride. Fu a quel punto che sentì il suo primo orgasmo sopraggiungere e fu davvero incredibile. Tenere la bocca chiusa, non poter urlare il piacere che stava provando in quel momento fu una sofferenza che però fu ampiamente compensata dal livello di piacere. Strinse forte il cazzo dell'amante dentro di sé e non lo lasciò finché il suo piacere non si fu attenuato.
“Sdraiati sulla scrivania, ti prego”, le disse lui dopo essere sgusciato fuori dal suo corpo.
“Dove?”.
“Quì. Proprio quì”, le disse Jorge aiutandola a sdraiarsi. La fece sistemare in modo che la sua testa fosse vicina al bordo della scrivania. Susan non comprese subito cosa Jorge volesse fare, ma quando lui le avvicinò il cazzo alla bocca ne ebbe risposta.
“Voglio che mi succhi. Non vedo l'ora”, le ordinò.
Susan allora prese in bocca quel pezzo di carne che era appena stato dentro ad un altro punto del suo corpo e lo lavorò, aiutandosi anche con una mano. Ad ogni colpo di lingua sembrava che quell'arnese diventasse più duro e grande.
“Cazzo, mi fai impazzire”, le disse lui. Poi infilò una mano tra le cosce di Susan che era sdraiata con le gambe piegate e le punte dei tacchi infilate nel legno della scrivania. Aveva ancora il collant e gli slip abbassati a metà coscia, quindi la mano dell'uomo raggiunse in fretta il suo sesso.
“Toccarti la fica mi fa impazzire di piacere”, le disse “Non sai per quanto tempo ho sognato di farlo e adesso che lo sto facendo sul serio non mi sembra vero”.
Susan scoprì di essere felicissima di questa cosa. Non rispose nulla però. Aveva la bocca piena e le era impossibile. Nel frattempo con una mano prese anche a massaggiare i testicoli di Jorge, quasi come se li stesse preparando alla eiaculazione. Sentiva però che il suo piacere stava aumentando mentre quello di Jorge stava per raggiungere il suo apice.
“Sto venendo! Sto venendo!”, le disse lui quasi per avvisarla, ma lei non smise e continuò a succhiare anche mentre gli schizzi le inondarono la gola e poi la bocca. Deglutì senza mai fermarsi e Jorge si trattenne a sua volta dal gridare al mondo il piacere che stava provando in quel momento in cui gli parve di essere risucchiato del suo liquido seminale.
“Cristo santo!!! Sei fantastica!”, gli disse lui mentre lei si pulì i bordi della bocca con il torso della mano.
Susan sorrise. La mano dell’amante era ancora posizionata sulla sua passera, ma si era fermata nel corso del suo orgasmo. Allora lei portò la sua mano su quella dell’uomo e guardandolo con occhi civettuosi gli disse:”Non finisci quello che hai cominciato?!?!?”.
Lui allora si abbassò sulla scrivania e la baciò, mentre le sue dita ricominciarono a muoversi veloci ed esperte lungo le labbra carnose della sua passera. Il dito medio entrò dentro di lei e poi uscì dedicandosi velocemente al suo clitoride, per poi rientrare. Era bagnatissima ed i suoi liquidi scendevano lungo le sue chiappe colando e bagnando il piano della scrivania.
“Mmmmhhh….mmmhhh”, mugugnò Susan puntando i tacchi sulla scrivania e sollevando il culo dal mogano per seguire i movimenti della mano di Jorge.
Poi si staccò dalla bocca dell’amante e si rese conto di essere all’apice del piacere. Lo guardò e gli disse:”Dai! Dai! Continua così, ti prego…. Dai!!!”. La mano di Jorge si mosse velocemente ed a quel punto lei non comprese più nulla. Raggiunse il piacere ed allo stesso tempo il suo sesso squirtò i propri liquidi sulla scrivania intonsa del direttore e sui rapporti su cui egli stava lavorando prima del loro ingresso nella stanza. Fu miracoloso che ella non si macchiò le gambe od i collant. Sarebbe stato un danno irreparabile e non avrebbe saputo come uscirne. Invece macchiò solo scrivania e carte, ma non se ne preoccupò. E nemmeno Jorge. Stavano esagerando, ma anche quella volta era andata bene.
Trascorse il weekend con il ricordo di quella scopata inaspettata dentro di sé e la convinzione che la settimana che sarebbe cominciata di lì a poco, li avrebbe visti di nuovo protagonisti di qualche avventura.

Questo racconto di è stato letto 2 1 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotica raccontieroyici raccontiporno racontiracconti incesto padre figliamaritobisexracconti eoticiracconti erotici storie vereracconti erotici prima esperienzaracconti suocera generostorie erotiche moglieracconti erotici mamma e figliastorie sesso lesboracconti erotici con vecchieracconti pronoracconti mogli che tradisconosegarsi in compagniastorie mogli troieannunci69 storiestorie di e per adultiracconti erotici marito cornutoporno racconti 69racconti amatoriali sessoracconto milustorie feticismoclisteri eroticiracconti erotixiscopata caserecciastorie di coppie scambisteracconti sadomasiwww.eroticiracconti.itracconti di tradimenti verinuora porcaracconti eroticvideo storie eroticheracconti erotici di anzianiracconti porno costrettaracconti erotici di scambistiracconti efoticisesso racconti eroticistorie erotiche gratismio marito mi ha rotto il culostorie piccantierotciraccontistorie miluracconti erotici in palestrafetish raccontirotici raccontitorie pornoracconti gay nonnomorenasex coppieracconti lesbiracconti erotici zoofiliaracconti erotici segretariastorie di figaincesto lesbo raccontiracconti porno transracconti erotici mracconti porno in famigliaracconti porno itracconti erotici amatoriali gratisracconti erotici annunci 69racconti erotici supposteracconti icestoracconti particolaritesti eccitantisesso raccontoracconti sesso donnei raccconti di milucuckold raccontibello sticchioracconi pornochiavo mia mammairaccontieroticistorie pormoracconti figastorie eroticheracconti porciraxconti eroticiraccont eroticstorielle pornoracconti.eroticiracconti eroricimia madre mi ha fatto un pompinostorie erotiche gratiserotiche storiemonella sculacciataracconti sesso sfrenatoracconti erotiicracconti erotici fetishraccontisessoeacconti eroticiannunci69 incestosorie pornopanerai laura