I caduti- capitolo 14

Scritto da , il 2019-12-02, genere sentimentali

Fin dal primo secondo in cui l’aveva visto entrare in casa Amylee aveva capito che la mente di Daniel era anni luce lontana da li..avrebbe voluto chiedergli di cosa si trattasse, avrebbe voluto fargli capire che poteva parlare di tutto con lei..ma preferì non chiedergli nulla..infondo si conoscevano da poco ..da troppo poco per pretendere il diritto di poter fare domande..
“Domani dirò a Mark che non voglio mi aspetti..”disse guardandolo aprire la bottiglia di vino, Daniel la guardò senza dire niente accendnado un sorriso.
“E’ la cosa migliore..”aggiunse Amylee
“I termini migliore o giusto sono decisamente sopravvalutati..”disse lui versando il vino nei calici.
“Io non credo..e comunque non spaventarti..il fatto che voglia lasciare lui non vuole dire che pretenda qualcosa da te..”disse lei confusa da quella frase.
“Scusa..non mi riferivo a te ed a Mark..”disse lui porgendole il calice
“A che ti riferivi ?”chiese lei prendendo il calice ed andando verso il fornello per controllare lo spezzatino sul fuoco.
“In generale.:”disse lui appoggiandosi al davanzale delle finestra “ogni volta che qualcuno parla della cosa più giusta.. o della scelta migliore.. lo fa come se ci fosse un parametro oggettivo..”
“E non è così?”chiese lei guardandolo
“Nella maggior parte dei casi no ..è solo un punto di vista..scometto che se chiedessi a Mark se lasciarvi sia la cosa migliore non sarebbe d’accordo con te…alle volte è solo più complicato..giusto, sbagliato..migliore o peggiore..spesso sarebbe più onesto dire si compiono scelte ..accettando che per alcun saranno deprecabili e per altri necessarie..”
“Perchè ho come l’impressione che non stiamo più parlando di Mark?”chiese lei avvicinandosi
“Perchè sei incredibilmente perspicace oltre che bellissima..”disse lui sorridendole
“Abbastanza da capire che hai la testa anni luce da qui..e non voglio che tu mi dica dove sei ..dimmi solo se ora vorresti essere da un ‘altra parte..”
“Sono esattamente dove vorrei essere..”rispose lui
“Bene..”sorrise lei “ allora per un pò pensa solo a questo…”disse baciandolo delicatamente sulle labbra “ed allo spezzatino migliore che tu abbia mai mangiato ..”aggiunse
L’abbracciò come se non volesse che si staccasse da lui , come se averla vicino sembrasse riordinare ogni cosa .
“Come sai se stai facendo davvero la scelta migliore?”
“Io ..”disse lei pensandoci qualche istante “ cerco di pensare a quale sia la scelta che in futuro arrechi meno danni..,credo, non lo so… spero di non sbagliarmi ..”
“E se dopo averla fatta, quando ormai è troppo tardi , ti rendessi conto che forse è stato sbagliato..che sei stato solo egoista ?”disse lui pensando più che altro alla sua decisione di farla venire a New York .
“beh, allora in quel caso , chiederei scusa alle persone che ho ferito e cercherei di imparare da quell’errore…Nessuno è perfetto Daniel…e , mi dispiace deluderti, ma non lo sei nemmeno tu..”disse cercando di farlo sorridere “ora ti togli quell’espressione pensierosa? Sei più affascinante quando sorridi..”
“Credevo d’averti già affascinato..”scherzò lui
“Forse si.. forse no..sai sono una ragazza impegnativa..”disse fingendosi misteriosa ,uscendo dal suo abbraccio.
Durante la cena parlarono più che altro dell’Istituto , delle persone che vi lavoravano con lei , dei lavori per la festa di beneficenza..fu Daniel a pilotare il discorso in quella direzione, in realtà era più interessato a cercare di intuire queli fossero i membri del clan che aveva mandato Charlotte..ma era praticamente impossibile poterlo capire senza essere presente..
“Domani mattina mi piacerebbe vedere quel posto..infondo l’ha finanziato mio padre..”disse
“Davvero? “rispose lei contenta iniziando a sparecchiare la tavola
“Davvero!” disse lui alzandosi e togliendole i piatti dalle mani , appoggiandoli sul lavello
“Vuoi il gelato? Non ho fatto in tempo a preparare…”iniziò a dire Amylee
“Non è del gelato che ho voglia…”disse lui abbracciandola da dietro ed iniziando a baciarle il collo
Amylee si chiedeva come fosse possibile che le bastasse averlo così vicino per sentire i brividi risalire il suo corpo? Non aveva mai provato un attrazione così forte per qualcuno prima.
“Daniel..”sussurrò piano lei girandosi verso di lui “so che ti sembrerà..infantile…ma vorrei poter parlare con Mark prima di…”disse lei cercando di resistere all’impulso di baciarlo .
“non è infantile..”disse lui slacciandole piano la zip della felpa che lei indossava.
“Allora perchè a me lo sembra?”disse lei avvicinando le labbra a quelle di lui
“non lo so..vuoi parlarne adesso?”chiese lui sfilandole la felpa e lasciandola con la canottiera bianca ,semi-trasparente attraverso la quale si poteva intravedere il contorno dei sui capezzoli
“no..”disse lei baciandolo con passione, dimenticando in un solo istante i mille buoni propositi che si era fatta rispetto a quella serata.
Ancora una volta il mondo rallentò , la sua mente smise di pensare ed il suo corpo si lasciò andare a quel piacere di cui Daniel sembrava avere la chiave.
Facendo l’amore quella sera con lui , Amylee scoprì che il suo corpo poteva liberarsi del pudore e della vergogna..e fu romantico e feroce al tempo stesso..
Sdraiati sul divanoo , con addosso solo il ricordo di quel piacere appena vissuto non sentivano il bisogno di parlarsi, sembrava essere uno di quei momenti in cui il silenzio è meglio delle parole.
Lui l’abbracciò da dietro , lei gli accarezzò piano il braccio che la cingeva. Sentirsi avvolta da lui la faceva sentire al sicuro .
“Domani pomeriggio devo partire per Londra..”le disse lui
“vieni con me…”aggiunse poi senza pensare
Lei si girò verso di lui per guardarlo “non posso..non sai quanto mi piacerebbe…con la festa di beneficenza ci sono davvero troppe cose da fare e… padre Andrew è stato così gentile con me..”
“Hai ragione.. scusa…l’ho detto senza pensare” rispose lui pensando che in effetti portare Amylee a Londra ,non era decisamente una delle migliori idee che potevano venirgli in mente.
“Quanto starai via?”
“Poco..se tutto va bene mercoledì dovrei già essere a casa..”disse
“Allora fai in modo che vada tutto bene..perchè non so quanto resisto senza questo..”disse baciandolo delicatamente sulle labbra “o questo..”disse accarezzandogli la schiena “o questo..”disse passando la mano sul fianco fino a scendere verso il suo inguine
“non ti accorgerai nemmeno che me ne sono andato…”sorrise lui posando la mano sul seno di lei , iniziando ad accarezzarglielo dolcemente
“ed invece me ne accorgerò..se la cosa più bella che potesse capitarmi…”disse Amylee iniziando ad accarezzargli delicatamente il cazzo
Lui avvicinò le sue labbra al capezzolo di lei , iniziando a baciarlo delicatamente, mentre con la mano scivolava fra le sue gambe iniziando ad accarezzarle la figa. Mentre lei aveva preso nella mano il suo cazzo ed aveva iniziato a masturbarlo
“Mi piaci da morire..”sussurrò lei aprendo di più le gambe così che lui potesse muovere la sua mano su di lei
“Sei stupenda..”disse lui guardandola, guardando comparire sul suo viso l’inizio di quell’eccitazione che la faceva sembrare ancora più bella..”guardami …”disse lui iniziando a stimolarle piano il clitoride.
Lei alzò gli occhi verso quelli di lui
“fatti guardare..”sussurrò Daniel sentendola ansiamare
“sei solo mia…”le disse iniziando a penetrarla con le dita..
“si..”ansimò lei
“Godi per me allora…”disse lui spingendo le dita profondamente in lei , piegandole ad uncino ed iniziando a stimolarle le pareti interne della sua figa.
“Ooh diooo siii… “disse lei sentendo un piacere improvviso possederle il corpo..”non fermarti..”si sentì dire stupendosi di quelle parole…
“Con il piacere Dio non c’entra…”disse lui iniziando a scoparla velocemente con le dita, sentendola bagnarsi sempre di più ..
Amylee aveva divaricato le gambe completamente..lasciando che Daniel usasse il suo corpo come credesse.. mostrandosi a lui eccitata e totalmente sua..mentre con la mano continuava a masturbarlo immaginando che il suo cazzo duro fosse in lei, guardandolo. Ogni cosa di lui la eccitava..i suoi occhi che la fissavano come se fosse la sola donna a farlo godere al mondo, il suo respiro rotto dal piacere..sentì un orgasmo potente esplodere..un orgasmo che sembrò lasciarla senza fiato che le fece girare la testa.. la mano di Daniel non si fermò ..protraendolo facendola gemere sempre più forte..e quando lui la girò a pancia in giù sul divano la sola cosa a cui la sua mente riusciva a pensare era il lacerante bisogno di averlo dentro di lei .. come se quel piacere non avesse una fine..
Quando Daniel la penetrò senti il suo cazzo avvolto dal corpo di Amylee..lo spinse dentro completamente ..godendosi ogni pulsazione della figa eccitata di lei..un piacere così forte che lo fece ansiamare ed iniziò a muoversi in lei ..cercando di trattenersi.. di non venire.. voleva godersi ancora quella stupenda sensazione che stava provando… ma quando sentì Amylee ansimare e godere nuovamente non potè trattenersi e venne a sua volta..



“devi dirgli di me , Daniel…”eccolo, un altro sogno..era quello che desiderava ma non era sicuro di volerlo fare “Daniel..questo non è un sogno..”la voce di Amylee era così nitida e calma e lui era solo avvolto da buio .
“Cos’è?”chiese cercando di capire da quale direzione arrivasse quella voce.
“non importa..è per questo che mi volevi qui..”rispose lei “vieni, prendi la mia mano..”
Daniel sentì la mano di Amylee sfiorare la sua. La prese seguendola in quell’oscurità, ed improvvisamente si ritrovò su una scogliera , seduto con lei sul bordo di quelle roccie a picco sul mare.
Il vento soffiava forte ma la sua pelle non lo sentiva.
“Amylee ama questo luogo”disse lei
“tu sei Amylee..”
“no-sorrise lei-io sono ciò che Amylee potrebbe essere..sono la parte di lei che non le è mai stata svelata..Edward voleva salvarci entrambe…ma era scritto che mi trovassi..ti aspettavo..”
“Se conosci ciò che è scritto dimmelo..dimmi cosa accadrà..”
“non posso…ogni illuminato conosce il destino che lo attende…ma è un peso che dobbiamo portare da soli…non nasciamo per caso arriviamo su questa terra quando serviamo…”
“Perchè siamo qui?”chiese lui
“Perchè è qui che Amylee ti sta sognando..è un posto migliore della stanza in cui ci siamo conosciuti la notte scorsa non credi?”
“Io non pensavo di provare qualcosa per te…”disse lui
“Si chiama Amore Daniel..e nessuno ne è immune, nemmeno voi caduti..”
“Io voglio solo essere sicuro di non metterti in pericolo..”
“Tu sei il nuovo eroe della chiave che ti ho dato Daniel…puoi creare quel secondo inizio che tanto avete desiderato ..avevo già spiegato a tuo padre che non avrebbe potuto evitare che mi trovassi..”
“quando? quando gliel’hai detto?”chiese Daniel
“Abbiamo parlato a lungo , in una visione come questa, la notte in cui Amylee è nata…”poi gli prese la mano “ Devi dirgli di me…è arrivato il momento…”
“Dirlo a chi?”chiese Daniel
“Al concilio…”
“Se sapessero di te ….” lei gli posò la mano sulla bocca
“Devo andare ora…”gli disse alzandosi
“Andare dove? Devi ancora dirmi quando usare la chiave che mi hai dato…”disse lui guardandola in piedi sul bordo di quella scogliera.
“Quando il mio sangue ti sporcherà la pelle…”sorrise lei guardandolo e poi con una grazia infinita, quasi come se stesse seguendo il vento che soffiava su quella scogliera si lanciò nel vuoto..

Si svegliò di colpo nel momento esatto in cui cercò di afferrarla, contemporaneamente la sveglia di Amylee suonò.
“Stavo facendo un sogno bellissimo…”disse lei assonnata spegnendola, poi avvicinandosi a lui e accoccolandosi fra le sue braccia “ eravamo seduti a Dun Aengus e non ci stavamo dicendo niente ma stavo così bene…”
“cos’è Dun Aengus?”chiese lui
“E’ un antico forte sulle scogliere di Inishmore..”
Stavano facendo lo stesso sogno , solo che Amylee sembrava non aver assistito alla conversazione.
“Sicura che eravamo in silenzio?”chiese lui
“si..perchè?”chiese lei alzando il viso per guardarlo
“Così.. nessun motivo in particolare..”rispose lui
“E’ il mio posto preferito nel mondo…”
“Allora devi promettermi che mi ci porterai..”disse lui
“Promesso..”sorrise lei baciandolo “Ma ora devo alzarmi .. se tu vuoi dormire ancora un pò ti lascio le chiavi..”
“no.. t’accompagno “
Un’oretta dopo Amylee stava mostrando a Daniel l’istituto ,
“E questa è la cucina…”disse lei entrando “Signora Madison lui è ..”
“Daniel Hamilton, la sua fama lo precede” disse la donna avvicinandosi e pulendosi le mani dalla farina nel grembiule.
Non serviva sforzarsi per capire che era lei il membro del Clan, A Daniel fu chiaro al primo sguardo.
“Amylee mi ha parlato molto dei suoi biscotti..”disse lui prendendole la mano per salutarla.
“E’ una gran chiaccherona “disse la donna
“Guardate che io sono qui!” scherzò Amylee
“E dovresti metterti un grembiule signorina… i biscotti non si faranno da soli”scherzò la donna 
“Io..devo andare..”disse Daniel
“Lo accompagno e torno subito…”disse Amylee.
“Torna a trovarci quando vuoi ..”lo salutò La signora Madison.

“Ultima possibilità per cambiare idea..”disse lui abbracciandola
“Non tentarmi..”sorrise lei baciandolo “ Già mi manchi..”
“Amy…”disse serio “fammi solo una promessa..”
“Quale?”chiese lei
“Qui non sei a Kilronan e non devi fidarti troppo delle persone..”disse Daniel preoccupato che Amylee a la Signora Madison avessero un rapporto troppo stretto
“ti stai preoccupando per me ?”chiese lei divertita
“No…forse solo un pò…”sorrise lui
“Non serve…ma ti prometto che starò attenta ..”
“Ok..”disse Daniel aprendo la macchina
“Mi chiami quando arrivi?”chiese lei
“Promesso..”disse lui pensando che l’ultima cosa che voleva era lasciarla li da sola.
SI baciarono poi lui se ne andò.



Prima di andare a casa per prendere la valigia Daniel si fermò nella libreria di Charlotte, rimase seduto in macchina decidendo se entrare e parlare con lei di ciò che Amylee gli avesse detto in sogno, ma non riuscì a farlo..”era destino che mi trovassi” così gli aveva detto Amylee..gli aveva detto che tutto era scritto , che ogni cosa era già decisa … ed allora..se tutto era deciso perchè avrebbe dovuto fare qualcosa? Non aveva mai creduto al destino ..perchè avrebbe dovuto assecondarlo proprio ora? Chi aveva deciso ciò che doveva succedere? Dio?
Ripartì. Non voleva pensarci , non ora.
Forse quella era una guerra che i Caduti non avrebbero mai potuto vincere, forse il solo modo che avevano per vincerla era non “giocare” la partita che Dio voleva mettere in piedi …forse era solo diventato pazzo, pensò sorridendo mentre guidava ..ma ora sapeva con esattezza cosa avrebbe detto al concilio…

Questo racconto di è stato letto 3 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie eroticimarito cornuto raccontiracconti erotici cinemaraccontierotici gratisracconti porno mia suoceraracconti erotici inculatestrip poker raccontila mia ragazza esibizionistaracconti porno freestorie pornistorue pornoracconti 69 itvip feticistestorie e racconti eroticiraacconti eroticisesso zoofiliastrorie pornoracconti erotici gay & bisexmia suocera troiamamma troia raccontidonna scopa con animalei raccconti di milui generi dei racconti eroticiracconti erotici con nonnamary rider escortracconti gay orsieroticiraracconti erotici di tradimentoerotic raccontiracconti coukoldmilu incestoracconti porno zoodonne che fanno sesso con cavalloracconti hard cuckoldracconti eeroticiracconti eoritciracconti erotici nonna e nipotela zia racconti eroticistorie porstorie erotiche di tradimentistorie feticismo piediracconti di minuracconti di moglie troiavoglio vederti sborrarewww.racconti-erotici.itporno lettureincesto lesbo raccontistorie porno moglistorie vere piccantiracconti erotici nonna e nipotefoto incestoracconti zoofiliaracconti trasgressioniorgia scolasticaraccconti pornodominazione femminile raccontierotici gratislibri porno gratisracconti erotici segadonna scopa col caneracconti erotici di tradimentoracconti casalinghiertici raccontiracconti sesso con la ziaracconti erotici fratelliracconti erotiicornuto e guardonestorie porno annunci 69racconti erotici segascopata dal cane raccontiracconti mogli porcheracconti erotici casalinghetacconti eroticistorie feticismomogli al cinema pornostorie erotiche 69porno racconti eroticiporno racconti eroticistorie fetish piediraccontierotici.itracconti erotici cuginettascambio di coppiestorie cukoldrscconti erotici