Ganzo in affitto ( Alla maniera di Fabrizio ) 2 di 2

Scritto da , il 2019-12-02, genere orge

Via Casnati 20, un condominio come tanti altri, fece inversione a U per prendere un parcheggio libero sull'altro lato della strada.
Il cancello all'entrata rientrava come una guardiola, campanello, cortile, ascensore per il terzo piano, che si apre su di una porta lasciata socchiusa, risate femminili, nervose, più di una.
Fece un respiro ed entrò in scena.

" Oooohh ecco il nostro ganzo a noleggiooo. Checcarinooo ! "

A Gianni il respiro che aveva preso gli si strozzò in gola.
Non per la padrona di casa che lo aveva accolto, una normale signora, di quel tipo biondo con le palpebre gonfie che si trova facilmente a meridione.
No, è che dietro la signora in questione c'era un tappetone quadrato, oltre il tappeto un divano bianco a semicerchio, con altre due donne sedute.
Una era Francesca.

La sua mente registrò il rumore della porta che si chiudeva alle sue spalle, l'aveva spinta senza pensarci, scappare urlando e non presentarsi più a lavoro sarebbe stata una scena memorabile, ma non poteva più.
Francesca comunque non aprì bocca, il suo sguardo diceva chiaramente che l'indomani a lavoro avrebbero fatto i conti, ma non sembrava intenzionata a rovinare la festa.

" Eee.. Si ! Buonasera, sono quello che avete chiesto, e sono a vostra completa disposizione, signore. "

Si sforzava di non puntare lo sguardo direttamente sulla Fra, ma comunque era già sputtanato, fottuto, era inutile inventare scuse. Tanto valeva rimanere professionale, aveva sempre offerto un servizio di qualità, non avrebbe permesso a un incidente di rovinargli la media.
Rimaneva impalato sull'entrata ad aspettare che quelle gli dicessero di accomodarsi o qualcosa del genere.

" Ecco molto bene.. a lei glielo possiamo dire no ? .. veramente volevamo provare a fare una cosa tra noi.. solo che a essere proprio senza neppure un uomo ci si sentiva a disagio. "

" Per me non c'è nessun problema. Faccio quel che volete. Anche un ballo ? Vi preparo un aperitivo ? "

Loro guardavano lui, lui guardava loro, silenzio.
A Gianni cominciava a salirgli un sospetto.

" Ma proprio.. Non l'avete mai fatto eh ? Non sapete nemmeno da dove si comincia. "

Risposero tutte e tre con una risata nervosa, di quelle da donne proprio, che diceva tutto quel che c'era da sapere.
Uno contro tre, si mise le mani nei capelli, ci voleva un professionista davvero.

" Io invece si. Signore, non preoccupatevi ! "

Con un solo lungo passo fu addosso alla bionda, che indossava un overall nero a pantalone largo, la fece rivolgere verso il divano e con una mano iniziò ad aprirle l'abito, mentre con l'altra la cingeva in vita.
La guidava da dietro in un lento spogliarello per le sue due amiche, non aveva il coraggio di guardare negli occhi la Fra, ma fissava l'altra, una morettona dalle forme allungate, anche la testa e il viso, occhi grandi.
Francesca imbarazzata tentò di alzarsi, voleva andarsene, ma la mora senza dire una parola le afferrò il polso e la fece di nuovo sedere, posando poi la mano sul proprio ginocchio e tenendola fermamente.
Tutto senza distogliere mai gli occhi da Gianni, che intanto baciava la bionda sul collo e scopriva le sue curve, pareva gradire di essere esibita a quella maniera.
Le soppesò le poppe e quella sospirò senza ritegno, la mora aveva liberato la mano di Francesca, che però non la allontanava dalle sue gambe e si lasciava a sua volta accarezzare.

Cadde a terra il reggiseno della padrona di casa, le mani di Gianni entrarono nel suo ultimo capo di biancheria, la mora aveva scostato i capelli castani della Fra e posato le sue labbra sulla guancia, poi si era avvicinata piano all'angolo della bocca, lei tentennò prima, poi cedendo alla voglia rispose con tutta la lingua. Come fosse un segnale, anche lui si era spogliato e dotato di preservativo, aveva chiesto alla signora di appoggiare le mani sul bracciolo del divano, dall'altro lato, e l'aveva presa da dietro. Da quella posizione poteva ammirare le altre che ormai si limonavano a tutto spiano, perchè così si fa quando sono molte, su una le mani e sull'altra l'attenzione, e metterci tutta la volontà per non venire prima di averle fatte contente.

Anche la padrona di casa in quella posizione vedeva bene cosa facevano le amiche, presa da quella situazione ci mise poco a godere, e subito Gianni le mormorò all'orecchio una parola di scuse e andò a prendere la mora, la trascinò in piedi strappandola a forza dalla Fra, che comunque si trovò tra le braccia la bionda senza neppure poter tirare il respiro.
Era aggressiva la morettona, più alta di Gianni, lo baciava come volesse divorarlo, ma non poteva lasciarle l'iniziativa, ben presto riuscì a impecorare anche lei e a riprendere come prima, mentre Francesca sul divano finiva nuda come l'altra amica. Sembrava che non sentisse più alcun imbarazzo, ma lui ? Sarebbe riuscito ad affrontarla senza morire di vergogna ? Forse trovare una scusa, concedersi di venire, fingere di non farcela più ? A parte che era troppo teso per riuscirci, avrebbe fatto una figura ancora peggiore, si trovava in una condizione per cui qualunque cosa facesse avrebbe sbagliato comunque.

Il momento arrivò anche troppo presto, mai stato così facile portare le sue clienti oltre il limite, doveva davvero essere la prima volta che vivevano quell'esperienza.
La mora si alzò senza neanche girarsi per un sorriso e andò a staccare la bionda dalla Fra, la portò al centro del tappeto tenendola per le mani, si inginocchiarono e presero a slinguarsi e smanazzarsi dimentiche di tutto e tutti. Gianni era rimasto solo con la sua nemesi e potenziale fidanzata, che in quel momento era nuda e piena di segni, a gambe larghe sul divano.
Cercava di rimanere dignitoso, ma sentiva le gambe molli, andò a sederle di fianco.

" Ciao Fra. "

" Senti, parleremo dopo. Adesso è inutile. "

" Lo so.. "

I capelli castani tutti spettinati, eppure avevano riflessi ramati che Gianni non aveva mai notato prima, la pelle luccicava di sudore, era uno scherzo crudele della sorte doverla vedere così bella proprio nel momento in cui la stava probabilmente perdendo.

" Già. Anche io ho pagato una quota per te, sai ? E poi, ho una fantasia che volevo realizzare, non pensavo con te, ma.. Vuoi ? "

" Sono tuo. "

" Resta seduto così. Faccio io. "

Più o meno aveva intuito cosa volesse e si era sistemato meglio per reggerla, ma rimase comunque sorpreso quando la vide puntarsi l'affare inguainato al buco del culo e impalarcisi sopra con un verso tra il grido e il sospiro.
Dopo una roba simile o si mettevano assieme o non si sarebbero più parlati a vita, non c'erano più vie di mezzo possibili.
Ma inutile pensarci, le diede il tempo di sistemarsi, poi da dietro la prese per i seni e cominciò a muoversi più dolcemente che potesse, le baciava la schiena, lei ondeggiava a gambe spalancate, la figa offerta in un muto invito.
Se ne accorsero le altre due, uno sguardo d'intesa e gattonarono fino a quella coppa piena, in cui intinsero assieme le lingue, le incrociarono sotto il clitoride succhiandole a turno nelle loro bocche, Francesca sembrava epilettica da come si dimenava sull'asta. Non era più tempo di delicatezza e anche Gianni si mise d'impegno a stuprarle l'ampolla con tutta la forza che gli rimaneva, ora o mai più, perchè non poteva trattenersi oltre...

Dopo, notte fonda, nella strada di sotto. No, non era stata una cosa breve, anche dopo l'apice erano rimaste ancora a coccolarsi tra loro, lui ai margini con discrezione, ma tutto finisce prima o poi, ed era venuta ora di salutare. E per un momento si era trovato solo con la Fra, li davanti all'automobile.

" Vuoi che ti accompagno ? "

" No, scusa, prima ho bisogno di pensarci a questa cosa. "

" Capisco. "

Aveva aperto la portiera e stava salendo in macchina, quando lei lo chiamò ancora.

" Già. No, tu non capisci. Hai visto cosa ho fatto, non sono meglio di te, non è per questo. "

" Cosa allora. "

" E' che io queste cose posso farle o non farle, posso scegliere, ma tu.. io lo so che quelli a pagamento non smettono mai veramente, non scelgono.
E' per questo che ci devo pensare. Scusami ancora. "

Gianni avrebbe voluto rispondere, aveva dieci risposte sulla lingua, ma una alla volta cadevano, nessuna gli sembrava credibile.
Rimase in silenzio e testa bassa, mentre Francesca se ne andava.
Una bella notte stellata, tutto il contrario di come si sentiva.

Si mise finalmente sul sedile, girò l'interruttore della radio invece che la chiave, questa volta passava Claver Gold.
Aveva il telefonino in mano, l'aveva aperto, la SIM era li. E rimase a guardarla.

Questo racconto di è stato letto 1 7 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici gay & bisexstorie vere incestoerotic raccontile seghe di mia ziamia madre mi masturbai raconti di miluracconti di zoofiliarscconti eroticiracconti gay eroticiracconti erotici genereracconti erotici caniracconti porno vecchieporno racconti incestoracconti erotici 2016racc pornoluisa transracconti porno fantasieracconti erotici lunghieroticiraconticuckold raccontierotici racontiracconti incestuosi veriracconti di donne porchegay raccontiracconti sesso genivtarga troionaracconti eeroticiracconti amatoriali per adultiraccnti pornoracconti moglie sottomessastorie safficheclisteri sexyra cconti eroticiracconti erotici cognataracconti erotici zoofiliastorie erotiche italianeerotici racconriannunci 69 tradimentiracconti cinema luci rosseerotico raccontiraccinti eroticiracconti incestuosi realiracconti gratis eroticimi sono scopato mia sorellaannunci69 incestovoglio vederti sborrarestorir pornoacconti pornosorie pornoracconti casalingheracconti lesbo verifemmine zoccoleraccomti 69erotici racconti.itracconti eroracconti eroticviracconti incesyodonne che fanno sesso con cavallocollant raccontiracconti:eroticir acconti eroticizia racconti eroticitorie pornoclisteri raccontiracconti eroyiciracconti di ragazzi gayracconti di donne sodomizzateracconti hardeacconti eroticiracontieroticile cosce di mia ziascopate da caniwww.eroticiraccontiracconti ardannunci69 tradimentiracconti di storie di sesso