Una cena elegante

Scritto da , il 2019-12-02, genere trio

Purtroppo la vita da escort non è piacevole come molti pensano, anzi, spesso devi scendere a compromessi, anche con la tua morale. Per fortuna sceglievo con cautela la mia clientela. A volte, raramente a dire il vero, arrivano delle sorprese inaspettate.
Era passato da poco natale, quando ricevetti una telefonata inaspettata, appena risposi sentii una voce femminile molto sensuale, ne voi sorpresa.
“Parlo con Miriam” – Neppure un saluto.
“Certo, con chi ho il piacere di parlare”
“Mi chiamo Samantha e sono una tua collega”
“Ah” – La risposta più intellingente del mondo.
“Ho avuto il tuo numero da Eleonora, credo che ti ricordi di lei”
Certo Eleonora era l’escort a cui avevo chiesto dei consigli e con la quale ho svolto il mio primo lavoro.
Visto che non rispondevo lei continuò il discorso – “Bene, ti ho chiamata perché mi serve un aiuto con il mio prossimo cliente”
“Che genere di aiuto”
“Bhe il genere di aiuto, penso, che puoi capire anche da sola” – Era leggermente arrogante – “Comunque, un mio cliente ha espresso il desiderio di cenare con due donne, una mora, che sarei io, e una bionda”
“Okkkk… capisco”
“Eleonora purtroppo è all’estero, quindi non posso chiedere a lei e mi ha consigliato di chiamare te”
Al momento non ero molto interessata e annuivo distrattamente.
“Scusa la maleducazione, ma sono un po’ di corsa, la cena è per stasera”
“Cavolo, non so se riesco.. dovrei andare…”
“Senti sono disperata, ti posso dare 1500 euro, ti interessa?”
Era la cifra più alta che, fino a quel momento, mi avevano offerto.
“E per avere quei soldi cosa dovrei fare?”
“Non mi piace parlare per telefono, che ne dici di incontrarci davanti al Duomo, dalle tue foto nel sito penso di riconoscerti facilmente, ma per sentirti più sicura, controlla pure il mio”.
Mi decisi di accettare la sua richiesta e prendemmo appuntamento per le 15. Intanto io controllai il suo sito e, accipicchia, era proprio una bella donna sulla quarantina, non me lo sarei mai aspettato.
Aveva dei lunghi capelli mori ricci, una quarta di seno naturale spettacolare, molto magra, si vede che si allenava, e una eleganza, almeno guardando le foto, affascinante. L’unica cosa che non mi piaceva, era il suo naso a patata.

MI vestii casual e mi recai al luogo dell’appuntamento. Mi sedetti sugli scalini e rimasi li ad aspettare. La riconobbi subito, appena uscì dalla metropolitama, anche se indossava degli occhiali da sole e portava uno zaino a tracolla, agitai la mano per farmi riconoscere, mi sorrise.
“Intuisco che hai dato un occhiato al mio sito”
“Ovvio, io guardo sempre le belle donne, specialmente nude” – Si mise a ridere.
Ci demmo un semplice bacio a stampo sulle labbra, non considerammo gli occhi dei curiosi.
“Bene, inanzitutto, accetti la cosa?”
Risposti decisa – “In fondo è il mio lavoro”
“Giusto” – Mi accarezzò il braccio destro – “Prima di tutto andiamo a fare shopping, ovviamente paga il nostro cliente” – E mi mostrò una carta di credito.
Ci dirigemmo verso i negozi di lusso e mi divertii molto a fare la modella, lei mi toccava ammiccamente e io mi eccitai parecchio. Per la cronaca, ho cercato di baciarla almeno tre volte.
Alla fine comprai un vestito grigio attillato senza maniche, era cortissimo e aveva un fiocco sulla vita. La vera cosa intrigante era l’intimo scelto dalla mia collega, ma di questo ne parlerò dopo.
Mi trovavo cosi a mio agio con lei, che quasi mi dimenticai il motivo di quel incontro, almeno finchè lei non guardò l’orologio e mi disse che dovevamo andare.
Dopo aver combattuto con i mezzi pubblici, arrivammo davanti a un elegante condomionio dove il nostro cliente possedeva l’attico. Citofonammo. Salimmo con l’ascensore, le porte si spalancarono direttamente all’interno dell’appartamento. Mi sembrò di essere trasportata in un altro mondo. L’arredamento era molto raffinato e la prima persona che incontrammo, fu un maggiordomo con una livrea elegantissima. La mia collega lo salutò per nome. Ci condusse verso una stanza, dove ci cambiammo per la serata. Io indossai il vestito che avevo comprato in precedenza, invece Samantha estrasse dallo zaino e indossò una gonna nera di pelle, degli stivali combinati, un top nero semitrasparente, dove si vedevano i capezzoli e una giacchettina anch’essa di pelle.
Dal suo zaino di Mary Poppins, successivamente estrasse un collare con all’estremita una catena lunga circa un metro , che mi fece indossare. Afferrò con la mano destra l’estremità del quinzaglio e mi baciò.
“Andiamo”
Il maggiordomo ci accompagnò verso la sala da pranzo dove ci presentò il padrone di casa. Lo riconobbi immediatamente, era un noto imprenditore locale, ma il mio compito era di tenere la bocca chiusa, almeno per ora.
Ci fece accomodare gentilmente al nostro posto. Ci sedemmo di fronte a lui, una accanto all’altra. Loro due discussero amabilmente, io mi sentivo una straniera e stavo zitta ad ascoltare. Ogni tanto lei mi accarezzava la gamba destra, e notavo che, ogni tanto, allungava la sua per accarezzare il pacco del nostro cliente.
La cena fu squisita ed elegante. Appena ci servirono il dolce i domestici se ne andarono, lasciandoci soli, a quel punto Samantha avvicinò la sua bocca al mio orecchio, mi accarezzò il seno e mi sussurrò una frase. Io girai la testa verso di lei, che mi sorrise e mi indicò lui con gli occhi. Era arrivato il momento di lavorare.
Non senza qualche difficoltà, mi infilai sotto il tavolo e mi diressi verso il capotavola. Li sentivo flirtare allegramente. Allungai la mano verso i suoi pantaloni e iniziai ad accarezzare l’inguine. Non ci fù una reazione immediata, accarezzai dolcemente il risvolto e abbassai la lampo. Introdussi la mano in cerca del suo piacere che trovai immediatamente. Lo estrassi sempre con difficoltà, sia per la presenza delle mutande, sia perché la natura non era stata molto generosa con lui, ma per una escort, e spero anche per molte donne, questo non è importante.
La mia lingua cercò immediatamente la sua cappella, e lui si scostò leggermente all’indietro con la sedia, probabilmente per vedere meglio quello che stava succendendo. Mi infilai il suo pene in bocca e iniziai a succhiarlo lentamente, cosciente dal fatto che era solo inizio serata.
Ogni tanto sentivo il piede della mia collega appogiarsi delicatamente sul mio sedere e spingermi verso di lui.
Il ritmo del mio pompino era alterno, ogni tanto davo una accellerata e ogni tanto rallentavo, cercavo di gustarmelo il più possibile. Devo ammettere che, nonostante le dimensione, il suo pene era molto duro e compatto.
Sentii il collo tirare, Samantha aveva preso in mano la catenella, dovevo alzarmi. Una volta in piedi ci incamminammo, sensualmente, verso una porta sulla sinistra. Il cliente ci segui. Appena entrammo nella stanza, notai che stonava con l’appartamento. Prima di tutto era piccolina, poi era illuminata da una forte luce rossa. L’arredamento era costituito semplicemente da un grande letto circolare e intorno c’erano delle lanterne. La scena del crimine era stata predisposta a dovere.
Samantha mi fece sdraiare comodomante sul letto e mi si sedette accanto. Iniziò ad accarezzarmi fissando l’imprenditore. Le sue mani scorrevano sensualmente lungo le mie gambe e ogni tanto usava le unghie per graffiarmi. Mi prese il vestito dalla gonna e me lo sfilò lentamente, scoprendo la sorpresa. Un elegantissimo Babydoll trasparente a maniche lunghe, decorato con dei fiori. Per completare il tutto, delle mutandine minute e degli autoreggenti.
Mi tolse le scarpe e le lanciò per terra e si smilò la giacchetta di pelle.
Il nostro cliente ci fissava appoggiato alla porta, con il pene in mano.
Le mani della mia collega si insinuarono ardentemente sul mio corpo, mi afferrò il seno, lo strinse, scese e mi infilò la mano nelle mutandine. Io la fissavo e mi mordevo la lingua, lo sapevo che mi stava scaldando per lui, il quale, notai, si stava sfilando i pantaloni.
Samantha mi masturbò le tette, le strinse come se dovesse impastare. Era nello stesso tempo dolorante ed eccitante. Lui si avvicinò e mi accarezzò, anche lui , il seno. Ero in mezzo a due fuochi.
Samantha tirò la catanella e mi ritrovai davanti alla sua bocca, e mi infilo la lingua. Ci baciammo ardentemente.
Lui intanto mi sgrillettava il clito. Li tutto era dannatamante eccitante, sono sempre stata portata per quel “lavoro”.
Samantha mi fece girare, drasticamente, la testa e mi ritrovai davanti al suo cazzo eretto. Io ci sputai sopra e me lo infilai in bocca. Sentivo la mano di lei premere la mia testa verso li suo cazzo. Notai che si stavano baciando, lo notai strano, perché di solito è vietato baciare i clienti.
Mentre avevo il suo cazzo in gola, lui leccava i capezzoli della mia collega, da sopra il top. Le mani dell’uomo mi accarezzarono la testa e lei si inginocchiò davanti a me, mi sfilò le mutandine, mi aprì la passera con due dita e poi mi infilò la lingua in essa. Sentii il piacere scorrere nel mio corpo.
Io affondavo la mia bocca sul suo pene e la ritraevo lentamente. La lingua di Samantha mi leccava con esperienza, il piacere mi inebriò la mente.
Samantha per prima sputò sulla mia figa, poi me l’accarezzò lentamente. Il cliente tolse il cazzo dalla mia bocca, e si mise davanti a me. Lei si spostò e, mettendosi dietro di me, mi tenne le gambe spalancate. Io appoggiai la testa sul seno e lui mi penetrò immediatamente, sentii la sua piccola cappella entrare dentro di me. Samantha allungò la mano destra per sollecitare il clito, e il mio seno iniziò a ballare sotto i colpi di lui.
Sussurrarai alla mia collega che lui non aveva il preservativo, come risposta mi accarezzò delicatamente il seno. Mi strinse i capezzoli con le dita. Emisi urletti ultrasonici. Probabilmente qualche cane nelle vicinanze si mise ad ululare.
Lui si sdraiò dietro di me e continuò a trapanarmi senza fine e lei continuava a mungermi. Il suo pene eretto uscì dalla passera e Samantha ne approffittò per posizionare il mio corpo a quattro zampe. Ero inginocchiata sul letto con la testa sul cuscino. Lei mi sputò sul culo e spalmò la saliva sul mio ano con le dita. La sua cappella mi penetrò il sedere con forza e lo sentii gemere.
Lei mi rassicurò con la sua voce, mi si mise davanti a gambe aperte, si sfilò le mutandine e con forza mi premette la faccia sulla sua lurida passera. Inziai a leccargliela con intensità, è da quando avevo visitato il suo sito, che la volevo possedere con la mia lingua.
Il piccolo pene del cliente scorreva con facilità nel mio ano, e io infiali due dita nella figa di Samantha, che mise le sue gambe intorno al mio corpo, imprigionandomi nella morsa.
L’impreditore passò le sue mani dai fianchi sulla schiena, poi con mosse lente e delicate, mi afferrò il seno strizzandomi il capezzoli. Stavo letteralmente impazzendo.
Il cliente infilò tre dita nella bocca di Samantha, la quale le leccò e succhiò con passione.
Quella scopata mi sembrò infinita e nella mia testa volevo che non finisse mai. La mia collega allentò la presa, spinse via il mio viso dalla passera e si inginocchiò sul letto, mi afferrò le chiappe con le mani e le spinse con più decisione verso il cazzo di lui. Mi sentii posseduta.
Improvvisamente lei svanì dalla mia vista, la rividi in piedi davanti a letto, si stava masturbando, poi, con i soliti movimenti lenti e sensuali, appoggiò le mani al muro, piegò leggermente il sedere e sculettò.
L’imprenditore si dimenticò immediatamente di me, lasciandomi da sola sul letto. Lo vidi mettersi dietro di lei, gli baciò la schiena, alzò ancora di più la gonna della mia collega, le accarezzò la schiena con un dito e poi infilò il suo pene dentro di lei, la quale iniziò ad urlare. Capii immediatamente che stesse fingendo.
Io rimasi da sola sul letto, con due mani sulla passera bagnata, ammirando lo spettacolo. Mi leccai due dita e le introdussi dentro la mia figa. Vi rendete conto che, in tutto questo, venivo pagata.
Mi alzai e mi avvicinai a loro, sculacciai il suo flaccido culo, gli morsi l’orecchio e gli sussurrai.
“Devi scoparla con più forza”
Afferrai il suo culo e lo spinsi verso di lei con forza. Gli urli della mia collega divennero più reali.
Il corpo del cliente vibrava, le sue gambe iniziarono a tremane, probabilmente stavo per avere l’orgasmo. Se ne accorse anche la mia compagna. Infatti si fece sfilare l’asta e si inginocchiò davanti a lui, massaggiandogli il pene.
Il suo sguardo si pose sul mio viso e intuii immediatamente il suo pensiero, quindi mi inginocchiai accanto a lei e leccai le palle penzolanti. Le nostre lingue occuparono ogni punto erogeno, andavano dal buco del culo alla cappella. Quando lei l’aveva in bocca, io leccavo l’asta. Quanto lei mordeva le sue palle, io ispezionavo il suo ano con la lingua. Quando lei aveva in mano la sua asta, io l’avevo interamente tra le mie labbra.
Il suo pene si irrigidì ulteriolamente, la sua testa si chinò all’indietro e noi rimanemmo davanti a lui in attesa del suo sperma, che ci esplose in faccia e su altre parti del nostro corpo. Devo ammettere che aveva una scorta senza fine. Dopo aver orgasmato, lui si sdraiò sul letto e non ci parlò. Con il senno del poi, mi accorsi che l’imprenditore non mi aveva mai rivolto direttamente la parola.

Dopo aver raccolto velocemente i nostri vestiti, c’è ne uscimmo dalla stanza come due ladre, lasciandolo da solo a contemplare il soffitto. Prima di uscire, diedi una sguardo indietro e notai che lui si stava per accendere una sigaretta. Tornammo nella stanza che usavamo come spogliatoio. Ci facemmo, assieme, una sensuale doccia, dove lei mi pulì delicatamente il corpo, e una volta lavate, ci rimettendo i nostri vestiti casual.
Accanto alla porta di uscita ci aspettava il maggiordomo con in mano un vassoio con sopra 5000 euro in contanti, dei quali 1500 erano destinati a me. Trovai il tutto eccessivo.
Una volta in ascensore lei mi accarezzò il culo.
“Devo dire che sei stata molto brava”
“Ti ringrazio”
“Ora ti posso confessare che ti ho fatto sostenere un piccolo esame”
“Cosa vuoi dire?”
“Cara a capodanno devo partecipare a una festa molto particolare, e mi serve una mano” – Mi strinse il sedere con forza – “E tu potresti essermi d’aiuto”
Mi baciò delicatamente sulle labbra – “Se sei interessata, ci sono in gioco un sacco di soldi”
Come sempre in testa mi creai molti dubbi, ma dopo pochi istanti gli risposi – “Va bene, ci stò”
Le porte dell’ascensore si aprirono.
“Bene, tesoro allora ti manderò i dettagli e il regolamento della festa, al più presto” – Mi baciò ancora una volta – “Ci risentiamo”
Detto questo ci dividemmo, in attesa di rincontrarci per la sera di capodanno.

Questo racconto di è stato letto 3 9 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici legataracconti porno vecchieracco ti eroticisesso porno raccontiracconti dal dottorestprie pornoracconti.pornoracconti eriticiracconti porrnoracconti oornoracconti gay sverginatoraxconti eroticimasturbazione raccontisuocera racconti eroticiracconti erotici suorastorie porno erotichercconti eroticieriticiraccontigeniv storieeroticaraccontigolosa di spermaracconti erotici moglie scopataenema raccontiraccontisessoracconti gay dominazioneracconti incesto annunci 69racconti erotici zoocconti eroticiracconti sottomessaracconti incesti suocereracconti sexy gratisclitoroderacconti erotici anzianeracconto hotracconti orsi gaystrip poker raccontiracconti erotici femminilistorie pornipadronebastardoracconti erotici sui piedigeneri dei racconti eroticistorie pormostrorie pornoincesti nonne e nipotirqcconti eroticiracconti travestaracconti gaymia cugina racconti eroticiincesti con donne maturestorie sesso gaynonno scopa nipote gayho scopato la suoceraracconti figaracconti incesto mamma e figliostorie di sesso con la ziaracconti hard tradimentoraccoti pornostorie poenoracconti pompiniravconti eroticistorie di solletico eroticocugina porcellinacornuti raccontiracconti sentimentaliraccnti eroticiracconti bollentimammatroia.comracconti gang bangspompinamentoracconti veri di sessozia e nipote racconti eroticiracconti gay bisexeritici raccontiracconti di donne matureracconti culi rottistorie erotivheracconti di una ninfomaneracconti sadoavventure matureracconti cuckoldsconti eroticiracconti mariti cuckoldracconti suocera generoracconti con donne mature