L'ingordigia della mia amica

Scritto da , il 2019-12-01, genere orge

La partita di beach volley era stata avvincente. La squadra avversaria aveva vinto per un solo punto, realizzato all'ultimo minuto. Ora eravamo negli spogliatoi e ci preparavamo per tornare a casa. Ero sotto la doccia ed evitavo di mostrare i miei organi genitali agli altri. Gli avevo rasati dopo tanto tempo e il tutto era liscio, pulito, senza alcun pelo. Lo avevo fatto dopo l'esperienza trascorsa in auto con la mia amica e adesso nutrivo la speranza di poter trovare l'occasione per farmela di nuovo. Durante la partita mi era venuto duro per un paio di volte, osservando quei culi sporchi di sabbia e, ora, all'idea che le ragazze fossero proprio nello spogliatoio accanto, tutte sudate e imbrattate di sabbia, mi eccitava ancora di più. Misi l'accappatoio e attesi che tutti i miei compagni fossero andati via. Nutrivo la speranza che la mia amica si prendesse più tempo, proprio con l'obiettivo di incontrarmi li fuori. Dopo diversi minuti di attesa, decisi di entrare in silenzio nello spogliatoio delle donne. V'erano ancora due borsoni poggiati sulla panca e sentivo delle voci e delle risate provenienti dalla doccia. Lentamente, facendo attenzione a non produrre alcun rumore, mi avvicinai sulla soglia di ingresso delle docce e lì vidi subito la mia amica, con la sua bionda criniera bagnata e la sua migliore amica, Annarita. Erano nude, insaponate e parlavano di alcuni episodi lavorativi. Annarita accarezzava i suoi seni, mentre la mia amica si strofinava le natiche rivolte verso Annarita, accarezzandole con i palmi delle mani. C'erano solo loro, le altre due erano andate via. Indossavo solo slip e accappatoio e il mio pacco si irrigidì immediatamente alla loro vista. Osservavo quei movimenti lenti e dolci e, più il sapone si spandeva su quei corpi, più avevo voglia di scoparle. Avrei provato a sorprenderle, nella speranza che Annarita non mi avrebbe denunciato per quello che stavo facendo. Quando ebbero finito di lavarsi, mi stesi sulla panca, senza accappatoio e completamente nudo. La prima a vedermi fu la mia amica, il cui sguardo non destava stupore, ma malizia. Dietro di lei apparve Annarita e si bloccò quasi paralizzata, con la bocca semiaperta. Io accarezzavo i miei organi genitali, con un modo tale che invitava le due ragazze a fare di me quello che desideravano. Le due si scambiarono uno sguardo e poi si avvicinarono lentamente. La mia amica fece cadere il suo accappatoio alle sue spalle e si inginocchiò ai piedi della panca. Guardava il mio pene con avidità, quasi come se fosse un suo oggetto personale, dopo la scopata precedente. Si chinò con il suo capo e spalancò la sua enorme bocca. Pian piano mise tutto il cazzo in bocca, fino alla gola, per poi tornare indietro e ripetere lo stesso movimento. Mi aveva già mostrato le sue doti da pompinara, ma era sempre un piacere ricevere del sesso orale effettuato con tanta maestria. Annarita restò a guardare dapprima ma, osservando l'ingordigia dell'amica che trangugiava il mio cazzo senza sosta, decise di affiancarsi a lei e poggiare la sua lingua sulle mie palle lisce. Questa scivolava e spargeva saliva in maniera impeccabile, per via della mia rasatura. Mai avevo provato una cosa simile e il cazzo divenne talmente grande da strozzare la mia amica, che si distaccò per poter tossire. In men che non si dica Annarita si avventò sull'asta e iniziò a spompinare con la stessa maestria, per non essere da meno. Le due decisero che lo avrebbero leccato all'unisono, quindi poggiarono le loro lingue su entrambi i lati e, con movimento coordinato, scendevano e risalivano, facendo toccare le loro lingue sulle palle e sul glande. Che goduria immensa. Annarita sorrideva soddisfatta, sapeva che si trattava di un gran lavoro il suo, si stava impegnando per essere all'altezza di quell'esperienza a tre e per reggere il confronto con la troia della mia amica. Lucidarono il mio cazzo con la loro saliva, scambiandosi attraverso alcuni baci quei filamenti di bava, mista a liquido seminale, che fuoriusciva lentamente dall'asta. Quanto fossero troie solo loro lo sapevano ed io lo stavo scoprendo in quel momento. Annarita si alzò in piedi e divaricò le gambe. Infilò il cazzo nella sua figa e prese a cavalcarmi con foga. Quel corpo sexy che si dimenava su di me era così eccitante - prendi questo bel cazzo Annarita, non pensavo che fossi tanto porca - le dissi. - Si, adoro il cazzo, soprattutto i cazzi lisci come il tuo - rispose lei. Le acchiappai le natiche, e presi a stantuffarla spingendo il suo culo con i palmi delle mani. La mia amica era lì sotto, in ginocchio e continuava a leccarmi i testicoli e il cazzo che fuoriusciva dalla figa di Annarita, guastandolo in tutta la sua lunghezza. I seni di Annarita rimbalzavano davanti a me, tanto da convincermi a prenderne uno in bocca e strapazzarne il capezzolo. Annarita gradì molto. Emetteva dei gemiti di piacere e mi esortava a continuare mentre la mia amica le aveva infilato un dito nel culo. Mi sbatteva talmente forte tanto da avere un orgasmo dopo pochi minuti, lubrificandomi completamente il cazzo. Quando si alzò per permettere alla mia amica di saltarmi addosso, vidi quest'ultima a terra, che infilava due dita nel suo ano, con la chiara intenzione di prepararsi ad essere inculata. La feci alzare e poggiare sulla panca a pecora. - Così vuoi prenderlo in culo? - Se prometti di rompermi in due ti rispondo si. - Solo una grande troia poteva rispondermi in quel modo. Attesi che Annarita si posizionasse sotto di lei, a 69, per poter affondare i loro visi tra le loro cosce. I loro clitoridi erano così grossi da farmi venire voglia di leccarli, ma avevo un altra missione, inculare la mia amica e farla godere. Con il cazzo lubrificato poggiai la cappella sul suo ano e presto la penetrai. Un urlo di dolore seguì e mi fermai. Era ovvio che le facesse male, avevo un cazzo enorme vista la situazione. - E' normale che sia così, per sfondare un culo ci vuole un cazzo bello duro. Tra un pò andrà meglio, vedrai- le dissi. Piano piano avvertii le sue resistenze cedere, grazie anche al lavoro enorme che stava svolgendo Annarita sul suo clitoride. - Oh si, porco. Sfondami il culo, mi piace, non fa più male - mi incitò. Poggiai un piede sulla panca e le presi dai fianchi. Il suo culo era così fantastico, lo avevo tanto desiderato nelle mie fantasie. Iniziai a sbatterla forte, come un trapano dritto nel suo culo, quasi fosse ò una punizione che si tramutò ben presto in un regalo per lei. Le palle schioccavano contro le sue grandi labbra, producendo forti rumori e schizzi di liquidi vaginali sul volto di Annarita. Il suo ano ormai era aperto e affondavo il cazzo con maggiore forza, avrei voluto infilarci anche i testicoli se avessi potuto. I ritmi si fecero ancora più sostenuti quando la mia amica fu vicina all'orgasmo. Presi tra le mani i suoi seni, passando della saliva sulle stesse per lubrificarle i capezzoli. Avvertii la sua estasi arrivare, quindi spinsi sempre più forte e veloce. Lo sperma risalì lungo tutta l'asta, impetuoso, e schizzò con violenza a riempirle tutto il culo. Furono più di 10 getti di puro orgasmo quelli che rilasciai in quel buco così perfetto. Tirai fuori il membro e le due si inginocchiarono di fronte a me, per raccogliere le ultime gocce e lasciarmi un ricordo indimenticabile...

Questo racconto di è stato letto 3 9 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti safforacconti mariti cuckoldinculate tra vecchiraccnti eroticiracconti erotticistorie nudistestorie sesso estremoracconto pompinoracconti crossdresserracconti doppia penetrazionetrans raccontiraccontj eroticieroticiraci racconti di miumia moglie mi sodomizzaracconti fetishaddio al nubilato orgiaracconti eroticuracconti eroticiiracconti erotici ragazzaracconti di sesso amatorialesesso a tre storieracconti amatoriali hardracconti xxracconti di sesso tra parentistorie sesso realiracconti moglie ninfomaneracconti lesbo gratiscornuto in vacanzaracconti erotici caccastorie erotivhestorie di sesso gratisraccontiporacconti prima esperienza gayracconti gay palestrastorie di tettoneracconti milfracconto erotico tradimentoracconti erotici cinemaracconti gay eroticiracconti pirnoracconti puttaneracconti pornograficiracconti erotici.iracconti di milùracconti erotici generistorie di sesso in famigliaracconti eroticvimariti cornuti e umiliatiracconto erotico suocerauna moglie insaziabilestorie lesbstorie etotichestorie eroticheracconti di minulesbo raccontoracconti erotici professoressaracconti erotici madre e figlioracconti porno scritti da donnequella porca di mia ziazia formosaraccconti pornoero raccontierotoci raccontianimali eroticiracconti suocera porcaracconti suocerescritti pornostorie di incesti gayracconti incesti lesbo