Paura di prenderlo in culo 5

Scritto da , il 2019-12-01, genere etero

Inadeguatezza.
È questa la sensazione che sto provando.
Mi pare di sentirmi già tutto bagnato.
Me lo guardo.
Lo rigiro.
Non è ancora nella sua posizione di lavoro.
Ma non riesco a non rendermi conto di avercelo assolutamente troppo piccolo.
Davvero minuto.
Scarso in maniera imbarazzante.
Mi guardo intorno: ce l'hanno tutti più grosso.
Il mio capo addirittura enorme. Esageratamente enorme.

Cazzarola.

Torno a guardarmelo.
Non avrei mai pensato di trovarmi in questa situazione.
In genere, lo uso poco.
Non ne sento quasi mai il bisogno.

Mi maledico.

Perché diavolo non l'ho comprato più grande?

Do un'occhiata fuori.
Sembra di assistere dal vivo all'uragano Katrina.
Gli alberi si muovono in maniera spaventosa.
La pioggia fitta, nonostante l'ampia pensilina, riesce a bagnare la vetrata dell'ingresso.
Il vento fischia tra le fessure dei serramenti.

Torno a guardare il mio ombrellino.
Mi rapisce.
La tristezza.
Mi volto e vedo tutti i dipendenti riuniti nell'androne.
Tutti lì ad aspettare che spiova, almeno un pochino.

Porca miseria.

Non ce n'è uno che non abbia un ombrello normale.
Solo io ho quello per i puffi.
Me ne sto in disparte, come mio solito.
Le tre Marie, come sempre, sono insieme.
Mi guardano maliziando. Parlandosi con un sorrisetto e gli occhi su di me, tenendo una mano davanti alla bocca.
Un po' mi diverte, un po' mi imbarazza, un po' non me ne frega un cazzo, perché penso piuttosto, a come arrivare alla macchina, senza dover nuotare.

È l'insegna di Maria Sgraziata che però un po' mi preoccupa.
È un serpentone lampeggiante: "Mi è piaciuto davvero troppo il tuo cazzo!!! Quand'è che mi sfondi ancora?! Dài, vieni a squarciarmi! Aprimi a metà!..."

...Cosa diavolo mi è venuto in mente?
Era meglio se mi facevo una sega.
Lo sapevo che finiva così...
Cerco di guardare altrove, ignorandola.

Le Marie sono vicino al mio capo e a sua moglie.
Lui ha in mano un ombrello, che sembra un ombrellone da spiaggia.
Gigantesco.

Parlano fra loro.
E sua moglie, in un paio d'occasioni mi ha guardato.
I suoi occhi tondi hanno mutato leggermente, in una forma schifata.
Ha colpito.
Mi ha fatto sentire zozzo.
Non sono per niente a mio agio.

Non è che voglio andarmene, anzi.
Mi piace lavorare qui, eh.
È che ho l'impressione che durerà poco.

Mi deprimo.
Così, giusto per fare il paio con il tempo atmosferico.

La Vale è più in là, ed è ermetica.
Nessuna espressione, mentre osserva assai attentamente un punto indefinito sul pavimento.

Non vedo dov'è quella bella fichetta della Maura...
Peccato, avrei voluto rifarmi gli occhi. Pazienza.

-Eccolo qui il bomber!

Ziocaro.
Ci mancava Capitan Alette!

-...Allora? ...Anche i ragazzi della produzione hanno detto che sei forte!

"Più che forte io, mi sembrate delle schiappe voi!"
-Ah ...davvero? Mi fa piacere, ma è stata solo fortuna...-

Cazzo. Solo pensando a ieri, mi si concentra l'acido lattico nelle gambe e mi dolgono.
Il che, sommato alla schiena croccante, mi fa sentire proprio un catorcio.
Mi manca solo uno dei miei mal di testa che fanno Provincia e sono a posto.

-Ti hanno detto che stasera vogliono la rivincita? Vieni, no?

Non ho una scusa buona per non andare, e non voglio neppure fare l'asociale.
Nemmeno voglio passare per quello che se la tira.

-Sì penso di riuscire a venire.
-Grande! Allora ho pensato che...

...Comincia ad attaccare un altro bottone e io proprio non riesco a seguirlo.
Ma non me ne fotte nemmeno, ad essere sincero.
Mi distraggo e penso alle ali che il Capitano, ha tatuate sulla schiena.
E che gli ho visto ieri sera.
Al fatto che mi sono sembrate un invito agli uccelli di ogni tipo, per provare se a loro calzano bene.
...Penso a come cazzo gli è venuto in mente di tatuarsi quello che mi sembrava un tribale sopra il sedere; che a ben guardare invece non è un tribale ma una scritta arzigogolata che dice: "Luna Park".

No, dico, capisco che a uno possa piacere la pannocchia, ma... Luna Park?
Mah!?... Sei scemo?!
Come cazzo ti viene in mente di fare una roba del genere?
...Non so.
...
Che palle!
Guarda se sta zitto un attimo!
Continua a ciarlare.
È proprio logorroico.
Fanno bene i ragazzi della produzione a castigarlo.
Lui va lì a stuzzicarli sotto la doccia.
...Lui va a stuzzicare loro.
Loro, che hanno il fisico da sbadilatori compulsivi, tipo panza da lottatore di sumo, muscoli da culturista, e mani tanto grosse che potrebbero tenere nel palmo il culo di Jennifer Lopez.
Gli danno certe manate che vibrano i vetri.
Lo prendono in giro, chiamandolo Alina.
Gli dicono "Culatone", "Frocio", "Finocchio".
A lui piace.
Gli piacerebbe farsi inculare da tutti lì dentro, secondo me.
Quello che tuttavia mi da fastidio, è che nelle docce, è vero, si ride di questi sfottò... però si crea pure un'euforia che non mi aggrada.
Mi fa stare in allerta. Con il sedere sempre rivolto alla parete.
Magari sono io ad essere paranoico, ma quando uno sbadilatore mi rivolge la parola, ho sempre l'impressione che mi voglia coinvolgere in un giochino che vede me in posizione passiva.
Col cazzo!
...
Anzi, quello meglio non nominarlo.
Non si sa mai.

-...Dai, allora ci vediamo stasera!

-...Sì, ok.

Bon, meno male che si toglie di torno, così mi riposano le orecchie.

...Che diavolo!
Non accenna a smettere di piovere.

Uh.

Arriva anche la Silvana.

Porca miseria.
Quanto stracazzo è figa!

Non guarda nessuno.
Cammina piano, ma con passo sicuro, verso la porta.
Osserva dietro il vetro, la tempesta.
Si bagna la punta delle scarpe con l'acqua che trafila dalla soglia.
Si volta indietro, guardando verso l'infinito.
Tiene la sua borsetta con due mani.
Me ne accorgo adesso.
Non ha l'ombrello.
Fa qualche passo verso il centro dell'androne.
Si gira lentamente a trecentosessata gradi.
Mi pare che non guardi nessuno.

Forse sbaglio.
Perché arrivata alla mia altezza percepisco un collegamento wireless delle nostre pupille.
Dura un istante.
Passa oltre.

Anzi.
Torna indietro.

Mi fissa per qualche secondo.
E ho l'idea balzana che mi stia accennando una richiesta di aiuto.
Sto certamente prendendo un abbaglio, perché da lontano, ci vedo ancora perfettamente.
Non c'è stato nessun movimento facciale, nessun ammiccamento, nessun battito di ciglia. Nulla.
Ad ogni modo, guardo il mio ombrellino e mi viene da pensare di darlo a lei, ché forse le può essere più utile che a me, visto che ha l'auto a pochi passi.
Per arrivare alla mia macchina, averlo o non averlo, sarebbe la stessa cosa.
Sto per avviarmi verso di lei, quando mi chiama il mio capo.
Mi fa cenno con la mano di andare da lui.
A grandi passi, un po' sconsolato, in breve, sono là.

-Ascolta... accompagna tu la Giusy alla macchina, fammi 'sto piacere.

Strabuzzo gli occhi.

-Ehm... non so chi sia la Giusy.

Sua moglie guarda il cielo.

-Come non lo sai? Dovete andare via in trasferta insieme, e non lo sai?

"'Scolta coglione, io non posso sapere un cazzo, se qualcuno non me lo dice... Ah, a proposito, quel qualcuno, dovresti essere tu. Ziocane!" -...Sì, me ne rendo conto, ma sono qui da poco, non conosco tutti.

Sua moglie mi offre i suoi occhi tondi, neutri, forse lievemente sformati in noia...

-Io... sono Giusy.

Dico: -Ah. Piacere...

Ma lei cambia subito espressione: le sue ciglia prendono una forma infastidita.

Guardo il mio ombrellino microscopico e dico al mio capo che va bene, che l'accompagno io.
Lui piglia e, munito di un sorriso a ottantasei denti, oltre che del suo ombrellone da spiaggia, va dalla Silvana.
Quando arriva lì, dice qualche parola a quella gnocca intergalattica e lei butta un'occhiata a me. Dispiaciuta.
No. Impossibile.
Ho le traveggole.
Avvicinatosi il mio capo a lei, c'è l'emigrazione degli astanti, intorno alla Silvana. Sembra di assistere a un passo del Vangelo. Tutti intorno al Rabbi, a volerlo toccare, a pendere dalle sue labbra...

Mi vibra il culo.
Tiro fuori il cellulare dalla tasca dei jeans.

"Ho voglia di leccartelo"
Alzo lo sguardo e vedo la Maura ai bordi di quell'assembramento, col telefono in mano, che mi mostra la lingua.
Sorrido, pensando che più che farmelo leccare da lei, avrei voglia di piantarglielo dentro.
Che bella fighetta che è!
Mi vibra di nuovo il cellulare in mano.
"Dobbiamo trovarci stasera, voglio scoparti, prima che tu vada in trasferta."

Porca troia.
Perché diavolo ho detto di sì al calcetto...?

Uhm...
Ho avuto il sentore che la Giusy sbirciasse i messaggi.
La guardo, fa finta di nulla. Ma è un po' schifata.
Poi, non si trattiene.

-Ma voi uomini non siete proprio in grado di tenerlo nei pantaloni?

Sono sorpreso.
La guardo.
Lei non mi ricambia e con lo sguardo fisso davanti a se', continua.

-...Ma pensa davvero che non mi sia accorta di niente? ...Come fate a pensare che noi donne siamo tutte oche? ...Crede che si possa giocare così? ...Ma poi... la Maura? ...Che diamine! ...Santoddio, potrebbe essere sua figlia! ...Non si vergogna?

Io in realtà, sì, mi vergogno.

Sto zitto. Non so cosa posso dire.
Poi le parole mi escono da sole.

-Sì. In effetti, un po' mi vergogno.

-Ma potrebbe essere sua figlia...!

-...È vero. Sta di fatto, però, che non lo è.

-Mi fate schifo voi uomini. Basta un po' di carne fresca e non capite più niente...

-...Non so perché dica questo. Ma le garantisco che non è propriamente il mio caso...

Poi restiamo zitti.
Ad aspettare che madre natura ci lasci uno squarcio nel cielo, il tanto che basta ad arrivare alla macchina.

Dopo un po', il vento si placa. Anche il volume della pioggia si assottiglia e le gocce si diradano.

Pian piano, incominciamo ad uscire tutti.
Per primo il coglione, che dà un passaggio alla Silvana con il suo megaombrellone.

Passata la porta, io apro l'ombrellino ancora sotto la pensilina, per prendere le misure.
...O ci abbracciamo stretti stretti e un po' ci copre tutti e due; o basta forse, per uno di noi.
Lo lascio in mano sua. Lei mi guarda con occhi di forma stupita.
Facciamo qualche passo, sotto una tenue pioggerellina, ma dopo un refolo di vento, l'acqua torna a venir giù a secchiate.
Viene giù di traverso.
Mi sposto per farle da parabrezza, coprendola dalla direzione del vento.
Continuiamo a camminare. Lei mi guarda con occhi molto sorpresi.
Sto beccandomi cariolate di acqua, cercando in tutti i modi, di far sì che lei si bagni il meno possibile.
Lei prova a farmi entrare la testa sotto l'ombrellino, ma è peggio, perché l'acqua che scende dalle falde, mi si infila nel colletto e mi scorre lungo la schiena, raggiungendo a rivoli, i lombi.
Dopo un breve tragitto, ma che a me è sembrato lunghissimo, arriviamo alla sua macchina.
Apre la portiera, lasciandomi l'ombrello. Mi guarda con occhi di forma incomprensibile, mentre si chiude dentro.
Aspetto che faccia manovra, poi mi avvio alla mia macchina, che è dall'altra parte del parcheggio.

Fa la retro.
Mi si ferma a fianco.
Apre appena il finestrino.

-Grazie.

E i suoi occhi hanno forma sincera.
Le sorrido.
Tira su il finestrino e parte.
La seguo con lo sguardo, mentre sento scorrere delle cascate d'acqua gelida dietro ai padiglioni auricolari.
Sono completamente zuppo.
Cerco di ricordare se ho qualcosa da mettere sul sedile, per non inzuppare anche quello... purtroppo, mi sembra proprio di no.

La Giusy prende contromano un pezzo di parcheggio, va verso suo marito che cammina verso la sua di macchina, da solo, di spalle, totalmente asciutto, sfoggiando il suo ombrellone.
Attende un secondo, giusto il tempo che lui raggiunga il limitare di un pozzangherone, poi accelera.
Gli alza un muro d'acqua che si infrange su di lui, all'altezza del gomito.
Il coglione caccia un bestemmione, seguito da una serie di improperi all'indirizzo della moglie; la quale, mette di nuovo la retro e gli si ferma a fianco, inondandolo di nuovo.
Altro bestemmione, seguito da altre imprecazioni.
Lei non riesco a vederla, e nemmeno la sento, finché lui non termina il suo turpe soliloquio.
A quel punto, la sento squillare in un

-VAFFANCUUULO!

Mette la prima e facendo urlare i pistoni, se ne va.

...Mi scopro d'improvviso davvero felice, anche se il coglione mi sta guardando male.

Ma sì, chissenefrega, mal che vada, un altro lavoro, lo trovo.
Questo penso, mentre mi accorgo di avere completamente inzuppate perfino le mutande.


Questo racconto di è stato letto 3 8 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racvonti eroticiracconti clisteriracconti sadogay raccontinonno porco pornoracconti moglie puttanaracconti lesbiciracconti di mariti cuckoldracconti erotocisesso con la cognataracconti intrigantiracconti figaraccontiporracconti di storie di sessoracconti porno scambio di coppiasiti di zoofiliaracconti erotici reali gayracconti erotriciracconti pornostarstorie pormoeroyici raccontiracconti pornpracconti gay annunci 69racconti erotici caccaxnxx nipoteracconti porno con caniprima sega raccontiracconti eroticiracconti hotracconti erotici per tuttiracconti erotici segaerotici racconti 69erorici raccontitrasgredire xvideosraccondi eroticiracconti erotici incestoracconti eros miluracconti ragazzeracconti di mogliragazza si fa inculare dal caneracconti porno cognataracconti erotci gayracconti di fistingracconi pornoracconti di sesso incestiracconti erotici immaginiracconti erotixiadulti69racconti eoritcierotici racconti incestostorie erotivherac erotracconti erotticiporno miluerticiraccontiracconti efoticirscconti pornoracconti inculateracconti eroticeracconti porno piediracconti di mariti cuckoldracconti erotici gay bisexracconti interrazialial cinema porno con mia moglieracconti erotici disesso tra fratelli italianisesso tra fratelli italianiraccontiincestiracconti eccitantiracconti erotivistorie eroticheroticraccontiracconti di sesso incestimoglie ingravidataracconti erotici gratisil culo della nonnaeritici racconti