Who's that girl

Scritto da , il 2019-12-01, genere trans

Who’s that girl ? Cantava Madonna dalla radio a tutto volume,
Who’s that girl ? Le facevo il verso guardandomi nello specchio.
Chi è questa ragazza che mi guarda dallo specchio, con quell’abito rosso che la avvolge, con quelle lunghe gambe lisce e affusolate, i sandali rossi dai lunghi tacchi a spillo; che vuole uscire dallo specchio, andare fra la gente e assaporare la vita. Sono io risposi a Madonna, sono io risposi a me stessa. Da quanto tempo aspettavo quel momento, me lo ero immaginato, poi preparato con cura quando ebbi la certezza che sarebbe arrivato.
Mia moglie era via due settimane per ragioni di lavoro e io dal momento che ne ebbi la certezza iniziai a realizzare che finalmente avrei reso vere le mie fantasie, da troppo tempo represse.
Quando ero bambino adoravo le cose femminili, mi piaceva drappeggiarmi addosso le cose di mamma che a volte (non frequenti) mi permetteva di vestirmi come una bambina, lei stessa mi confezionava gli abiti, era il nostro piccolo segreto. Poi crebbi iniziai ad interessarmi di altre cose, come tutti i maschi miei coetanei. Eravamo un gruppo di amici, ragazzi e ragazze, presi dalla nostra voglia di assaporare la vita e dalle nostre tempeste ormonali, ma in me c’era (e rimase) qualcosa in più, quel desiderio di apparire come una ragazza, che mi provocava un piacere sottile e segreto, una cosa solo mia che temevo di condividere con le altre persone. Non sentivo attrazione per i ragazzi il mio obbiettivo erano le ragazze anche se sotto sotto le invidiavo e avrei voluto essere come loro. Per anni ho convissuto con queste mie fantasie, approfittando delle occasioni che si presentavano e della complicità di mamma. Poi la scuola, il lavoro e il matrimonio, con una donna splendida, intelligente e capace. Pensavo di esserne uscito, di essermi lasciato alle spalle quelle fantasie, non era così, il mio bisogno di essere femminile ritornò a farsi sentire, diventando sempre più pressante, iniziai a fantasticare poi a dare sfogo alle mie fantasie, quando ero in casa solo, attingendo al guardaroba di mia moglie. Io non sono il tipo macho anzi fisicamente ho un aspetto abbastanza androgino, e ho misure simili alle sue, anche di scarpe. Credevo di dare pace ai miei sensi e invece ogni volta le mie voglie aumentavano e iniziai a immaginare di uscire en femme, di lasciare che la mia femminilità potesse finalmente trovare libero sfogo, impossibile mi dicevo, finché lei, una sera non mi diede la notizia, avrebbe dovuto andare all’estero due settimane per lavoro. Da quel momento non pensai ad altro immaginai, sognai, poi decisi che non c’era da pensare bisognava agire, Laura (il mio alter ego) voleva uscire, emergere, esistere; con coraggio , e inventando scuse, mi procurai l’abito, le scarpe, la biancheria intima, tutto ciò che occorre a una giovane donna per essere bella, persino i trucchi, volevo che tutto ciò che avrei utilizzato fosse mio. Ora eccomi qui davanti ad uno specchio, il corpo perfettamente depilato (per quel poco che c’è) anche le ascelle e la zona pubica (troverò una scusa), inizio a indossare le mutandine, nere abbastanza sostenute da trattenere il mio sesso, i testicoli fatti risalire, il reggiseno coordinato ben imbottito, mi guardo e il mio aspetto mi piace, Laura inizia ad esistere, il vestito, rosso con la gonna al polpaccio ampia e svolazzante, niente calze siamo all’inizio dell’estate fa caldo, e poi le mie gambe sono lisce e bellissime, i capelli sono lunghi me li pettino all’indietro dopo averli piastrati poi li lego con un nastro rosso come il vestito, il trucco non troppo marcato, non voglio sembrare una prostituta, i sandali rossi con il tacco a spillo, lo smalto sulle unghie di mani e piedi, mi guardo, ma quanto sono fica? Sono davanti allo specchio, Madonna canta, e io sono quella ragazza, mi chiedo se si vede che sono un travestito, io mi piaccio ma agli altri come sembrerò, mi vengono i dubbi: e se qualcuno mi riconosce? E se mi ferma la polizia? E se dovessi avere un’incidente, come potrei spiegare, come ne uscirei? Passo del tempo pensando a tutto ciò, sono quasi sul punto di restare in casa a rimirarmi davanti allo specchio per poi masturbarmi come quando ero adolescente, ma poi (finalmente) Laura prende il sopravvento, lei non ha erezioni, lei è eccitata al pensiero di uscire, libera tra la gente, mi guardo un ultima volta nello specchio, sono bella sono una donna (o così mi vedo), prendo la borsetta rossa coordinata con i sandali, la riempio con le mie cose e ciò che ritengo utile, prendo le chiavi della mia utilitaria ed esco sperando di non incontrare nessuno nel palazzo, va bene, salgo in macchina e mi allontano da casa, vado verso il mare, voglio divertirmi, magari andare a ballare, conosco una discoteca frequentata anche, ma non solo, da travestiti, in questo modo non desterò reazioni pericolose o spiacevoli, qualunque sia il modo in cui gli altri mi vedono, sono eccitata e curiosa di esplorare la mia realtà ma mantengo un minimo di autocontrollo. Arrivo presto, scendo dall’auto e decido di fare una passeggiata e di andare a mangiare qualcosa, mi incammino sul lungomare e mi sento eccitatissima cammino sui tacchi ancheggiando la brezza mi fa svolazzare la gonna, non mi sono mai sentita così… LIBERA. Ad ogni passo acquisisco sicurezza, e mi muovo in maniera sempre più disinvolta con naturalezza, senza forzare quegli atteggiamenti che i maschi ,travestiti, di solito enfatizzano, io sono una DONNA.
Mi fermo in un locale, siedo in un tavolino esterno, mi liscio la gonna accavallo le gambe, alcuni avventori mi guardano, capiscono? No? Non mi interessa non è un mio problema, è loro. Una ragazza molto carina viene a prendere l’ordinazione, quando mi porta il cibo mi sussurra : “sei molto bella non fosse per la voce e il collo sembreresti una vera donna” La ringrazio e andandomene le lascio una mancia. Maledetto pomo d’Adamo non ci avevo pensato, fa niente. Entro nel locale, lo conosco, ci sono già stata, con gli amici e anche con mia moglie so che è frequentato anche da travestiti e ciò mi fa sentire più sicura. Inizio a ballare, la serata decolla, anche se sono sola mi sto divertendo c’è tanta gente simpatica e non e difficile aggregarsi a qualche gruppo. Più tardi mi siedo al bar, e li lui mi offre da bere,è un bell’uomo sui 35 alto muscoloso letteralmente mi abborda e io accetto l’offerta, non so perché, ma mi fa piacere essere corteggiata, non nascondo chi sono, non fingo, voglio che tutto sia chiaro (ma tutto cosa, sto dando corda a un uomo, un bell’uomo, ma che dico?) parliamo cordialmente, lui mi corteggia in modo evidente, mi invita a ballare quando la musica si fa più tranquilla, accetto. Lui mi prende tra le braccia, mi stringe, sento il suo cazzo duro premere contro il mio pube, appoggio la testa contro la sua spalla e mi lascio andare, è bello sentirsi stringere tra le su braccia, sentire le sue mani forti che accarezzano il mio corpo, mi dice delle cose con la sua voce calda, mi bacia sul collo. (Che mi succede? Non sono mai stato attirato dai maschi, che sto facendo? Mi piace mi fa sentire bene sono donna sono femmina) Mi trovo la sua bocca sulla mia, la sua lingua preme sulle mie labbra la lascio entrare la lecco la succhio e mi stringo a lui, usciamo mi prende per mano e mi scorta a casa sua, nel tragitto ci baciamo ci scambiamo carezze rido, mi sento come una scolaretta al suo primo appuntamento (ed è quasi così, solo ora mi rendo conto che forse era ciò che cercavo stasera, un avventura diversa, da donna) a casa sua ci baciamo lui mi stringe a se, le sue mani sono ovunque gli apro la camicia e inizio a leccargli i l torace, i suoi muscoli sono tesi, gli succhio i capezzoli, mi viene tutto facile, naturale, so quel che devo fare e lo faccio, gli bacio i muscoli addominali mentre gli abbasso i pantaloni e i boxer ora sono faccia a faccia col suo cazzo, è duro, sembra di marmo ed è grosso e lungo lo prendo tra le mani e lo guardo, (so che sto per prendere in bocca un cazzo, non avrei mai creduto di farlo, ma sono felice, mi piace) inizio a leccarlo mentre muovo la mano avanti e indietro poi comincio a succhiarlo, lo faccio entrare nella mia bocca fino a togliermi il respiro, avanti e indietro i suo bacino si muove all’unisono, mi sta scopando in bocca lo sento tendersi so che succede lo trattengo dentro di me con le mani finché il getto caldo della sua sborra non mi inonda la bocca, mi piace il suo sapore e la ingoio con avidità, lentamente inizio a pulirgli il membro con la lingua, lui mi prende in braccio (come una sposa) e mi porta in camera da letto, mi spoglia mi accarezza, mi lecca, mi tocca anche il mio cazzetto duro ma non voglio (questa sera il mio sesso vero non esiste, sono una donna voglio avere la figa, calda bagnata per il mio uomo) il suo cazzo è tornato durissimo, lui capisce e mi gira, sento che armeggia e poi sento le sue mani spalmarmi qualcosa di umido e fresco nel mio buchino, poi il suo glande che preme nella mia fighetta, gli dico che è la prima volta, e lui mi mette una mano sulla bocca, dolcemente, lo sento premere delicatamente, poi entra inesorabile, sento dolore, come un fuoco, credo di svenire, urlo ma poi lui continua ad andare su e giù ritmicamente e anche io inizio a provare piacere, ho stretto i denti e adesso mi piace, voglio che continui che non si fermi più inizio a muovermi anch’io seguendo il suo ritmo sento il piacere crescere dentro di me, (è bellissimo essere dall’altra parte è bellissimo essere scopate, è bellissimo essere donna). Lo sento dentro il mio corpo,è duro e caldo le sue mani mi tengono per i fianchi mi stringe forte, sento salire in me un potente orgasmo godo violentemente, mentre lui si tende e finalmente il suo seme caldo mi riempie, vorrei che non finisse mai ma non è possibile, rallenta il ritmo, lo sento afflosciarsi lentamente e infine uscire da me, si stende sul letto, lo bacio e poi ricomincio a leccargli il cazzo che riprende vita glielo succhio poi mi alzo gli vado cavalcioni e mi ci siedo sopra, me lo infilo nella mia fighetta, (questa sera ho la figa sono una donna, sono femmina) scendo piano piano finché non è completamente dentro poi inizio ad andare su e giù, questa volta non fa male c’è solo piacere, per entrambi, andiamo avanti a lungo finché stravolti ma appagati ci addormentiamo l’una accanto all’altro. La luce del mattino mi sveglia lui dorme ancora, li accanto a me, il suo membro è duro, non resisto, devo fargli un pompino, lecco dolcemente, succhio finché non si sveglia, mi saluta, continuo fino a sentire il suo sperma nella mia bocca, la mia colazione. Mi alzo faccio una doccia, mi vesto mi rifaccio il trucco gli do un bacio, devo andare.

P.S. Questo racconto è in parte reale, lascio immaginare a voi cosa sia realtà e cosa fantasia, ho cercato volutamente di renderlo soft (le cose troppo hard non mi piacciono molto, sono un’inguaribile romantica) e spero che sia di vostro gradimento, anche perché potrebbe avere un seguito.

Questo racconto di è stato letto 1 7 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


fisting estremiconti eroticiincesti storie vereracconti erotici piediracconti guzzon 59racconti erotici incesto sorellaracconti trasgressioniracc miluracconto eroticoracconti incesti eroticiinculata raccontila mia ragazza inculataracconti di milùl'amica di mia ziaracconti erotici masturbazione femminileracconti gratis eroticifaccio sesso con mia suocerascambio di coppia esperienzeracconti efoticistorie eroticiracconti cuginemagredinoracconti erotici realiracconti erotici moglie scopataraccontini eroticiracconti erotici vecchii racconti del clistereiomiluraccontierotociraccontiracconti gauho scopato la nonnaprimo pompino raccontoracconti erotici farfallinaracconti hot gratiswww racconti cuckoldscoparsi la vicinaraccontihotracconti erotici.itzia raccontosuocera maialaracconti prime volteracconti fetishracconti incesto mamma e figliaracconti travestastorie di cuckoldracconti erotici genereerotici racconti gratisracc pornracconti porno pretetacconti eroticinonna sega nonnosega eroticayouporn clisteriracconti erotici masturbazione femminilesorella perversascopami nonnoracconti erotucii generi di racconti inceatoracconto erotico veroracconti lauraxracconti di storie di sessotracconti eroticiracconti piediniscovolinachiavo mia mammaracc lesboracconti oseerotici racracconti erticiracconti porno itracconti erotici animalracconti marito bisexracconti padrona schiavostorieroticheracconti erotici caneracconti erotici esibizionismopiedi raccontistorie sexiracconti veri di incestiracconti erotici ufficioeritici raccontistorie sesso lesboerotici raccontostorie di mariti cornutistorie erotichestorie erotichrracconto massaggio eroticoracconti porno zooracconti eroticracconti sesso con nonnaporno racconti animalracconti erotici con la suoceraracconti duepi