Disco Queen

Scritto da , il 2019-12-01, genere etero

Entro nel bagno degli uomini, apro una cabina e dentro trovo una ragazza; mi guarda, ammicca, mi chiede se ho un preservativo, le dico di sì e lei fa un gesto con la mano. Mi cerco nelle tasche, lo trovo e glielo do, lei mi da un bacio, ringrazia e se ne va.
Mentre elimino un paio di pinte di birra mi accorgo che nel bagno di fianco qualcuno si sta divertendo, penso alle centinaia di video su internet di gente ripresa nei bagni di una discoteca, mi viene da ridere, esco dal bagno.
Mi hanno portato in una delle poche discoteche sulla faccia della Terra in cui la musica non fa schifo, per quanto non sia il mio genere. Per nulla. Mi sono fatto convincere da un “Dai, fai qualcosa che normalmente non faresti!” e ci sono cascato. Sto passando il tempo a un tavolo cercando di non scoppiare a ridere guardando la gente in pista, mi bevo un white russian e parlo con chi di turno non sta ballando, in questo caso è Donna, la ragazza di un amico.
“Dai, ormai sei uscito, buttati, provaci con qualcuna.”
-Ci provo con l’uscita di sicurezza, almeno mi dà delle garanzie.
“Ma cretino. Guarda quella che arriva.”
Giro la testa e vedo una bionda che pare uscita da un cartellone pubblicitario, non verrebbe con me nemmeno se avessi il vestito fatto di banconote da 500. Milioni. Di miliardi.
“Fermala e dille qualcosa di sexy.”
La ragazza cammina nella nostra direzione, viene effettivamente al nostro tavolo e chiede a Donna un fazzolettino; lei lo cerca in borsetta e intanto mi lancia un’occhiata. Guardo la ragazza, la ragazza guarda me.
-Ciao.
“Ciao”
-Prince.
“Eh?”
-Prince!
“Aah. Ok.”, prende il fazzolettino, si gira e se ne va. Colgo dallo sguardo di Donna che forse ho sbagliato qualcosa.
“Ma che sei scemo?”
-Mi hai detto di dirle qualcosa di sexy.
“Sì ma… ma… mavvaffanculo.”
Si alza e se ne va. Morale del primo capitolo: come le faccio scappare io, nessuno mai.

Per il secondo capitolo decido di alzarmi e andare al banco a prendermi qualcos’altro, visto che gli amici sono tutti in pista a scatenarsi. Mi siedo su uno sgabello e scruto la parete di alcolici, eliminandone un 90%; trovo finalmente i whisky e mi decido per un Evan Williams single barrel del 2005, cerco qualcuno per ordinare e mi accorgo che la barista è davanti a me e mi fissa sorridendo. Le sorrido e le chiedo il bourbon, me lo versa e mi chiede 12 euro. Chittemmuort. Lo penso, forse lo dico, forse mi si legge in faccia perché lei scoppia a ridere e noto che ha un bellissimo sorriso. Mi appoggio al banco e sorseggio mentre chiacchieriamo, interrotti dall’occasionale cagacazzi che le ordina da bere. Si chiama Gloria e lavora per pagarsi il master in lingue, cerco di capire precisamente di che colore siano i suoi capelli ma le luci disco me lo impediscono. Dopo qualche minuto decido di fare lo spavaldo e le chiedo a che ora stacca.
Attendo risposta per cinque secondi che sembrano cinque anni.
“Tra mezz’ora”
Lancio la moneta.
-Ti va di bere qualcosa?
“Non avrò molto tempo, domattina mi sveglio alle sei.”
-Beviamo velocemente.- Ammiccoammicco.
Sorride e si morde il labbro.
“Va bene, aspettami al tavolo.”
Sorrido anch’io e vado ad ubbidire. Donna è al tavolo che mi aspetta con un ghigno.
“Ammettilo, la stavi puntando fin da inizio serata.”
-A dire il vero mi sono accorto della sua esistenza quando lei mi stava fissando da dietro il bancone.
“Seeee, come no. Ti conosco.”
No, non mi conosce ma ok.
“Quindi?”
-Quindi che? Vuoi il numero di telefono?
“Te l’ha dato?”
-Nope.
“Niente?”
-Assolutamente niente.
Non ho voglia di spiegare, non ho voglia di commenti, non ho voglia di essere studiato.
“Peccato, è carina. Vabbè, torno a ballare, ciao!”
Saluti.

Il terzo capitolo non può che aprirsi con me che, finito il mio bourbon, inizio a pensare ai cazzi miei e a fissare la folla, perso nei pensieri al punto che sobbalzo quando sento un “Ciao” molto vicino al mio orecchio destro. “Devo cambiarmi, vieni con me.”
Deve cambiarsi. Vado con lei.
Apre una porta di servizio in un angolo e ci ritroviamo in un corridoio illuminato da neon; nella luce bianca realizzo finalmente che Gloria che i capelli neri con mesh violacee ma vedo anche finalmente lo splendido colore olivastro della sua pelle. Apre un’altra porta ed entriamo in una piccola stanza, sembra quasi il camerino di un teatro.
“Immagino che non ti scandalizzi se mi cambio qui, vero?”
-Hai un’ottima immaginazione.
Mentre rispondo si è girata di spalle e sta togliendosi la camicetta della discoteca, rivelando un tatuaggio dei Depeche Mode sulla schiena. Ora ragioniamo.
-E chi sarebbero questi depescmod?- la istigo. Funziona, si gira con sguardo killer quasi le avessi insultato la mamma, vede il mio sorriso, si slaccia il reggiseno e inizia ad usarlo per frustarmi. Corro al riparo in un angolo e mi proteggo la faccia dagli attacchi, poi carico come un ariete e la butto sul piccolo divano che occupa l’angolo opposto. Ci cadiamo tutti e due e ridiamo, poi iniziamo a baciarci lasciando libere le mani; lei sembra avere veramente voglia visto che mi prende la mano e se la mette direttamente dentro le mutande, mi accorgo che l’area è molto ben annaffiata, curata ma con un giardinetto molto gradevole al tatto. Penso a un giardinetto zen per qualche secondo, poi torno alla realtà. Scopro poco più tardi un piacevole retrogusto agrumato e vagamente tanninico che mi fa venire una certa fame, per cui ci metto la faccia e provvedo ad ulteriore irrigazione, fin quando sento che lei rilascia tutto il suo peso e si affloscia gemendo sul divanetto. Io sono in ginocchio per terra, ancora completamente vestito, con la faccia ricoperta di lei, la guardo e rido. Lei mi squadra un attimo come per ricordarsi chi fossi e si mette a ridere, poi si alza seduta e mi toglie la maglietta, passandomi le mani su tutta la schiena.
“Cambio” mi dice.
-Faccio entrare il prossimo?- rispondo.
Ride ancora e mi sbatte sul divanetto, mi slaccia i jeans e mi lascia nudo mentre mi studia un attimo. Sembra soddisfatta. Agguanta la mia leva del cambio e inizia ad ingranare le marce con la lingua, poi con tutta la bocca, poi strusciando tutta la faccia, a un certo punto sento un dito provare la retro, lei continua ad occuparsi della leva, io non mi lamento assolutamente, anzi, le dico di rallentare perché di questo passo duro poco. Gioca ancora un po’, poi mi guarda e mi chiede “Hai un preservativo?”
-Sì, aspett…
FUCK.
Vedi primo capitolo.
-È una storia lunga. No, in realtà è molto breve: credevo di sì e invece no.
“Cosa vuol dire?”
Le racconto l’inizio della serata. Ride. Oh, come ride. Ride a crepapelle. E io rido con lei. Quando riesce a riprendersi mi dice di stendermi a terra, chi sono io per dire di no. Appena appoggio la testa al pavimento mi ritrovo le sue grazie (splendide, rosate, ancora agrumate, un’ottima annata) in faccia, non mi tiro indietro e ci ripiazzo la faccia riprendendo il lavoro di poco prima, così come fa lei su di me. Cerco di concentrarmi su di lei e non mi distraggo finché non la sento esplodere ancora un paio di volte, poi abbasso la guardia e lascio che la sua bocca mi finisca; faccio per avvisarla ma mi zittisce, finisco nella sua bocca sentendomi scoppiare, penso all’orgasmo ne “La pallottola spuntata” e, come sempre, mi metto a ridere. Lei si alza, prende un fazzolettino che era abbandonato sul tavolino e ci sputa il prodotto del mio ardore. Mi alzo in piedi e la guardo, è veramente una bellissima creatura, il tono scuro della pelle mette in risalto il suo sorriso e le dà un che di mitologico.
“Non credere che finisca qui, voglio anche tutto il resto.”
-Mica dovevi svegliarti alle sei?
“Sì ma domani sera sono libera. E nel dubbio un preservativo lo porto anch’io.”
Un bacio, un saluto, a domani. Lei da una parte, io dall’altra.
Gli altri sono tutti al tavolo, mi guardano arrivare ridendo. Faccio un cenno, cambio rotta e vado verso l’uscita, le domande le rimandiamo a domani, al momento sto bene, lasciate che mi goda questi cinque minuti.

Questo racconto di è stato letto 2 3 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti calci nelle pallestorie eoticheracconti addio al nubilatoracconti erotici spankingracconti erotticiracconti erotici sessoracconti erooticistorie hotmoglie scopata dal ginecologotrio raccontiracconti di suocere troiestorie erotichracconti erotuciclisteri raccontimariti cornuti e mogli puttaneracconti moglie al cinemaerotici racconti.itmi piace mia cognataracconti porno costrettaracconti porno segheracconti erotici padronaracconti erotici violentimio nonno mi scopastorie erotiche piediracconti cucklodracconti porno anzianeracconti pirnoincesti nonne e nipotiimcestoracconti animal sexracconti doppia penetrazioneracconti erotivi gayraccobti eroticiannunci69raccontiracconti teenmia mamma troiaracconti pornograficiracconti a69racconti incesyoracconti erotici mamma e figliastorie di sesso con la ziastoria porno italianostorie porno con immaginiracconti erotici analeracconti eoticistorie hot gratisr acconti eroticiracconti hard moglieracconti poraccontj eroticiracconti erotici viaggioracconti tradimenti eroticierotici racconristorie pirnowww.racconti eroticiracconti pornipiedi maschili raccontistorie porno amatorialiracconti hatderotoci raccontiracconti erotici con videoporno italiani storiestorie erotiche cognatastorie di sesso incestomia suocera che troiai racconti di miloeroticiraccfiga brodosaracconti porno in italianoracvonti pornoracconti erotivciracconti erotici di mogligay inculato da cavallo