Come fare amicizia

Scritto da , il 2019-12-01, genere prime esperienze

Mi rifaccio vivo dopo che sono passati tra anni da quando ho postato l'ultimo racconto sotto il nome "ricordando". Dato il lungo periodo di inattività l'indirizzo email precedente è stato eliminato, ne ho adottato un altro e anche un altro pseudonimo. I miei racconti sono basati in parte su esperienze personali, in parte su cose che mi hanno raccontato e in parte sono di pura fantasia. Spero che vi piacciano.

Ci sono tanti modi per fare amicizia, ve ne racconto uno che mi è capitato.
Era estate e mancava poco al compimento dei 14 anni. Avevo fatto qualche esperienza di giochi sessuali tra ragazzini con amici della mia età, quindi non ero proprio ingenuo ed innocente: mi menavo l'uccello, me lo facevo menare da altri e menavo il loro. Anche il buchetto non era completamente vergine, lo avevo esplorato con le dita più di una volta.
Veniamo alla storia che vi voglio raccontare. Come detto in principio era estate, i miei amici erano partiti per le vacanze, uno al mare con la famiglia un altro al campo con i boy scout, ero rimasto in città e non avevo nessuno con cui giocare.
Un pomeriggio, nonostante il caldo, decisi di fare una passeggiata in campagna. Passai dalla strada a viottoli di campagna godendomi un po' di frescura sotto gli alberi. Ad un certo punto mi trovai vicino ad una macchia abbastanza fitta, avvicinandomi mi parve di sentire delle voci, mi addentrai tra gli alberi per vedere da dove venivano. Nel folto c'era una pozza d'acqua, penso fosse una risorgiva, limpida, nell'acqua c'erano due ragazzini della mia età che stavano facendo il bagno, il costume che indossavano era il più naturale possibile, insomma erano nudi. Osservandoli per qualche minuto mi accorsi che si toccavano spesso l'un l'altro, indovinate dove...
A proposito del costume da bagno che non c'era: a quei tempi, parlo degli anni '60, in campagna nessuno si scandalizzava se i ragazzini, almeno finché non avevano iniziato lo sviluppo, facevano il bagno nudi, naturalmente non in luoghi affollati.
Quando si accorsero che li stavo guardando cercarono di coprire con le mani i loro cazzetti che, l'avevo notato, si erano ben drizzati.
- Cosa vuoi?- Mi chiese uno dei due
Per tutta risposta mi tolsi sandali, maglietta e calzoncini, non avevo messo le mutande, ed entrai anch'io in acqua senza preoccuparmi di nascondere quel che avevo tra le gambe.
- Voglio fare il bagno anch'io - dissi
I due mi accolsero senza fare obiezioni, un minuto dopo stavamo giocando tutti tre nell'acqua. Facendo finta di niente comincia a toccarli, loro fecero lo stesso, nel giro di pochi minuti avevamo tutti una bella erezione.
Erano due ragazzini, uno biondo, seppi in seguito che si chiamava Aldo, e uno bruno di nome Paolo. Come aspetto erano magri ed abbronzati, l'abbronzatura era integrale, segno che erano abituati a stare spesso senza abiti.
Dopo una decina di minuti venne il momento di uscire dall'acqua, potemmo osservare, senza imbarazzo, i nostri corpi ed i nostri uccelli che erano in tiro.
- Andiamo nella capanna? - Chiese Aldo
- Ma sì - Rispose Paolo
- Vuoi venire anche tu? - Mi chiesero
Ci mettemmo i sandali e raccogliemmo il resto dei nostri vestiti, Aldo disse:
- Non occorre che tu ti rivesta -
Così com'eravamo ci dirigemmo verso un punto dove gli alberi ed i cespugli erano più folti, in mezzo a queste piante c'era un piccolo spazio libero, coperto dai rami che si intrecciavano, era appunto quella che chiamavano capanna.
Detti una bella guardata ai due: Aldo aveva un uccello con qualche pelo, esattamente come me, mentre Paolo era ancora glabro. Anche loro mi studiarono.
Improvvisamente sentii una mano, era la destra di Aldo, posarsi sul mio membro, mi guardai bene dal protestare, anzi la cosa mi piaceva (non era la prima volta che un altro ragazzino me lo prendeva in mano...). Da parte mia feci la stessa cosa con Paolo. Dopo pochi minuti eravamo intenti a menarcelo: Aldo menava il mio cazzo, io menavo quello di Paolo e lui, per non restare disoccupato menava quello di Aldo.
Dopo un po' che avevamo cominciato a segarci mi misi l'indice della mano sinistra in bocca e lo insalivai ben bene, poi insinuai la mano tra le natiche di Aldo e raggiunto il buchetto gli infilai il dito. Lui emise un gemito, ma non mi disse di togliere il dito. A questo punto Paolo allungò anche lui la mano verso il mio culetto e infilò un dito nel buchetto, Aldo fece lo stesso con lui.
Ci trovammo ad essere stretti l'uno all'altro, ciascuno con un cazzo nella destra ed un dito della sinistra in un culo. Tirai fuori l'indice dal buchetto di Aldo e, dopo essermi nuovamente insalivato le dita, introdussi assieme all'indice anche il medio, stavolta Aldo ebbe un sobbalzo ma si guardò bene dal dirmi di tirar fuori le dita, comincia a muoverle su e giù e a ruotarle, la cosa piacque.
Ci scambiammo di posto: ora avevo il cazzo di Aldo da manovrare mente le mie dita erano affondate in Paolo. Anche loro si diedero da fare con le dita: Aldo ne aveva infilate due nel mio buchetto e Paolo due in quello dell'amico.
Continuammo a menarci l'uccello e a lavorare con le dita finché non venimmo: Aldo ed io schizzammo un piccolo getto di sborra mentre Paolo si limitò a qualche goccia trasparente.
- È stato bello - Disse Aldo con voce un po' affannata.
- Sì - Concordò Paolo.
- Bene, potremo rifarlo ancora - Dissi io.
Così ci ritrovammo altre volte alla pozza per fare il bagno e poi darci da fare con le mani e le dita.
È stato un modo decisamente originale (e piacevole...) di cominciare un'amicizia...

Questo racconto di è stato letto 1 9 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici migliore amicaraccontieroticola moglie eroticaracconti erotici suoceroerotici racontiracconti moglistorie ornoracconti stupro gayracconto eroticiracconto sesso analeracconti gay trenomi chiavo mia mammastorie fetish piediracconti piccanti gratisiincestiracconti porno cuginaconti eroticistorie di sesso incestomi fotto mia cognataracconti erotici sodomiarcconti eroticigiocare con la sexy sorellastratarga troionastorie porniracconti erotriciracconti wroticiracconti erotici addio al nubilatostorie erotiche realiporno italiani storieannunci69 incestoraccontiposi fa inculare dal cavalloracconti prima volta bisexracconti porno annunci 69racconti erotici diil mio primo ingoiononna troia raccontistorie pornograficheracconti infermieraracconti erotici vecchioporn raccontiracconti.eroticiraccontierostorie erstori erotichetacconti pornostorielle erotichestorielle eroticheraccondi eroticiracconti feetracconti sesso sfrenatoracconti erotici straponracconti mamma padronasuocera vaccaracconti hard bisexracconti dominazione miluerotici racconriwww.racconti-erotici.itracconti erotici.itracconti milunudaracconti visita medicaracconti erotici travestitoracconti mamma figliaracconti erotici napolichiavare con animaliracconti di zoofiliarac eroticistorie pornhard raccontiracconti erotici zoofiliaracconti ereoticiraccnti gaysesso raccontiracconti porno nipote