A Scuola - La Mia Classe (Parte.1)

Scritto da , il 2019-11-30, genere prime esperienze

Mi chiamo Dario. Non sono mai stato una persona particolare socievole. Avevo pochi, ma buoni amici. Tuttavia c'era un ambiente in cui non mi ero mai trovato a mio agio: la scuola.
In classe non parlavo spesso e mi facevo gli affari miei. Insomma, non ero integrato con i miei compagni, un po' per mia scelta e un po' per le circostanze. Questo almeno finché la prof, cambiando i posti, non mi mise di fianco a Marika.
Lei era alta, un po' più di me. Aveva un viso incantevole ed era molto materna verso tutti. Il fisico era magro e slanciato, con un filo di muscoli perché faceva pallavolo. Il seno era una terza, a occhio e croce, mentre il sedere era di medie dimensioni, ma bello sodo.
Essendo sempre stato schivo e silenzioso, i professori mi lasciavano sempre in ultima fila, in genere contro il muro.
Marika invece era stata messa nel posto centrale, mentre dall'altro lato c'era il secchione.
Quel giorno però lui era assente, probabilmente era malato.
In quel momento la professoressa di scienze stava spiegando ma, come al solito, la classe si stava prendendo gioco di lei.
Marika si protese verso di me:
«Allora? Siamo compagni di classe ormai da anni e non mi hai ancora mai rivolto la parola».
Io non sapevo che rispondere. Non tanto perché era una ragazza, quelle cose le sapevo gestire ed ero anche già stato fidanzato, in passato.
«Non avevo niente da dirti» risposi schivo.
«Allora parlami di te. Hai qualche hobby?»
Scossi la testa. Non era vero, ma non pensavo le mie passioni la interessassero.
«Allora, vediamo...ce l'hai la tipa?»
Scossi di nuovo la testa, ormai era qualche anno che ero single.
«Allora sono fortunata! Un così bel ragazzo e per giunta single, di fianco a me!» scherzò. Lo sapeva tutta la scuola di lei ed il suo fidanzato. Erano una coppia fantastica, andavano avanti dalle medie.
«Quel cretino del mio tipo mi ha mollata, quindi ora sono libera»
La guardai sbalordito e lei scoppiò a ridere. Non sembrava particolarmente rattristata dall'essere stata mollata.
«Però, toglimi una curiosità: hai mai avuto una ragazza?».
Questa volta annuì. Lei si chiamava Teresa, ed era stata una bellissima relazione, ma questa è un'altra storia.
«E dimmi, sei vergine?».
La domanda mi spiazzò non poco.
Ero rosso come un peperone e stavo morendo di caldo. La risposta era "no", ma sono sempre stato riservato su queste cose, così non le risposi.
«Eddai, perché non me lo dici? Che c'è, non vuoi fare una figuraccia?»
Mi lanciò un'occhiata strana, io rimasi tacito.
«Facciamo così, io ti racconto la mia prima volta e poi tu mi dici se sei vergine» decise ed iniziò a raccontare:
«Non è stata col mio tipo come tutti pensano. Con lui durante le medie non ho fatto niente. Tuttavia dopo l'esame di terza media, sono andata in vacanza in Grecia e là ho conosciuto un ragazzo bellissimo, quattro anni più grande di me, con cui ho passato una bellissima estate ed, ovviamente, abbiamo anche scopato come se non ci fosse un domani. Fine». Mi guardò in attesa del mio turno.
«Eddai, non mi dici niente?» mi stava guardando insistentemente, anche troppo. Io cercai di allontanarmi un po' con la sedia, ma lei si avvicinò ancora di più.
«Va bene, lo controllerò di persona!» sussurrò e prima che potessi capire cosa intendesse, infilò una mano nei miei pantaloni.
«Uh, che cosa abbiamo qui!» lo tasto per tutta la sua lunghezza.
Io le tolsi la mano ed esclami «Marika!».
«Non fare il ragazzo puro, ho sentito che il mio racconto ti ha eccitato e non negare che non ti sia piaciuto che te lo toccassi» sibilò suadente.
Non risposi, non sapevo cosa rispondere.
Lei mi appoggiò una mano sulla gamba, poi slittò sull'interno coscia.
Questa volta la lasciai fare.
Cominciò a tastare il mio cazzo con calma, sentendo bene la sagoma.
Poi mi slacciò la patta e, con un po' più di fatica, visto che usava solo una mano, anche la cintura.
Così finalmente ebbe libero accesso alla mia asta. Cominciò a palparla.
A sentire bene il glande, la cappella, poi scese sulle palle e tastò bene anche quelle.
Poi tornò sulla punta del cazzo e cominciò a stuzicarmelo con le unghie.
«Non sei più vergine! Quindi l'hai fatto con la tua ex» sorrise eccitata.
A quel punto lo tirò fuori dai miei pantaloni e cominciò una lenta sega.
Io mi guardai intorno, fingendomi indifferente, tuttavia tutta l'attenzione dei miei compagni di classe era rivolta alla discussione tra la prof ed il teppista della classe.
Nel frattempo Marika stava andando sempre più veloce, su e giù, su e giù.
Poi si fermò e tornò a massaggiarmi la cappella. Ci sapeva fare.
Poi riprese a segarmi, questa volta molto più veloce.
Io stavo per scoppiare. Sentivo il mio cazzo che era sul punto di esplodere, ma non potevo venire lì in classe, sennò sarebbe stato un casino.
La prof ci guardò. Marika ritrasse rapida la mano.
«Voi due là in fondo! Che state facendo?»
Io rimisi velocemente il cazzo nei pantaloni, mentre la prof avanzava a passo rapido e, giunta a noi, si mise alla ricerca di un qualche cellulare.
Non aveva idea di cosa era veramente successo.
Insoddisfatta tornò alla cattedra, ma ormai quel magico momento era svanito, anzi, non so nemmeno dire se c'era mai stato o se me lo ero immaginato soltanto.
La campanella in pochi minuti suonò e anche quella giornata scolastica era finita. Marika se ne andò velocemente, probabilmente per evitare che le parlassi su quanto accaduto.
Mi alzai, misi via le mie cose e però, nel riporre l'astuccio notai che dentro c'era un biglietto.
Lo aprii.
«Ti aspetto sul retro della scuola» M. xxx.
Non c'erano dubbi sull'autrice. Presi la cartella e mi affrettai verso il luogo indicato. Quella giornata stava per avere un risvolto interesse.

Continua...

Questo racconto di è stato letto 5 2 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie erotiche eccitantiracconti prime segheerotici raccpntisesso con mia cognatastorie gay 69storie di sesso spintoracconnti eroticiracconti mariti cornutieros raccontiracconti erotici anzianostorie di transracconto sexiracconti porno gratisracconti porno animaliracconti porno ricattoracconti mamme incestimia nipote mi fa una segaracconti di milùeroticaraccontiraccontierotici.ita mia moglie piace farsi guardareracconti 69 lesboerotici raccoiracconti di miluracconti d'incestoracconti animalsexracconti hot gratisracconti erotici neromilu eroticimorenasex coppieracconti eroticiii raccconti di miludonne che scopano con cavalloracconti sesso lesboracconti animal sexstorir pornowww.eroticiracconti.itstorie erpiedi raccontistorie porno annuncistorie cornutiracconti incetoracconti di donne infedeliracconti erotici animalschiava aziendale 7racconti erotici ingravidatapissing raccontistorie ballbustingsorie pornomoglie sodomizza maritoracconti erotici suocera generoracconti erotici caneerotici raccontiracc erotconfessione eroticaracconti con la ziaracconnti eroticierotici raccotiracconti incentuosisesso con nonna raccontiracconti porno 69raccinti eroticira cconti eroticiracconti amatoriali sessoracconti al cinema pornora cconti eroticistorie di donne inculateracconti senza mutandestorie erotiracconti dominazione gayracconti suocera