Per necessità mi misi a fare il .... .3

Scritto da , il 2019-11-29, genere etero

Al mattino dopo, mentre faccio colazione sul terrazzo sotto il sole della primavera, squilla il cellulare di lavoro e sento una voce femminile molto giovane e dal tono timoroso: "mi chiamo Sandra, ho visto la tua inserzione e ti chiedo se ti presti per lavori delicati e impegnativi" Le rispondo che mi presto a tutto ma non con uomini, solo donne. Mi chiarisce che si tratterebbe di lei e aggiunge con voce molto emozionata e tremante che si tratta di farle perdere la verginità che a venticinque anni ha ancora intatta e vuole levarsi quell'ostacolo alla disnvoltura nell'intraprendere avventure di sesso. Le rispondo che mi può ritenere esperto del gioco perciò ci resta solo di stabilire dove incontrarci. Lei indugia perchè in casa sua c'è la nonna che è in retti sensi e nulla le sfugge. Decido di offrire casa mia come incontro ma prima propongo di rilassarci entrambi magari pranzando in un locale dove potremo conoscerci meglio scaldandoci dentro e aprendoci la strada del piacere con l'aiuto di un vinello che infrange le barriere della timidezza. Stabiliamo d'incontarci ad una trattoria storica ed all'ora stabilita io sono già lì ad attenderla. La riconosco subito da come si era descritta: bassina, morettina, con i codini, occhi verde mare e gambe corte tondotte. Le vado incontro quando scende dal taxi ed entriamo nel locale. Il pranzo scorre bene col vinello che abbatte barriere di timidezza e timore poi, dopo i caffè, andiamo con la macchina a casa mia. Lì la vedo irrigidirsi e per farla di nuovo sciogliere, le offro una grappa fatta da me con la frutta e se ne trangugia due bicchierini ma dopo è di nuovo rilassata, sorridente. Passo dalla poltrona al divano affiancandomi a lei, Sandra. Inizio a baciarla in bocca, sul collo, sui lobi che le mordicchio delicatamente e lei inizia a sospirare, chiedendomi poi se doveva spogliarsi ma la prendo per mano e la conduco sul lettone dove l'abbraccio ed inizio a slacciarle il reggiseno, sollevando poi il golfino che le sfilo lentamente, sempre baciandola in bocca, scendo a sganciare la gonna che sfilo subito e dopo la spingo a sdraiarsi sul letto e le sfilo le mutandine. mentre lei si sgancia il reggicalze, e sfila le calze nere che risaltano le cosce bianche come la neve. Le allargo le cosce e slinguo la figa che subito si sbrodola come un gelato al sole ed allora le propongo di fare il sessantanove e già davo per scontato che non sapesse di cosa sto parlando, infatti mi chiede cosa c'entra quel numero nei nostri giochi. Rimando la spiegazione e mi giro per metterle il cazzo davanti alla bocca e continuo a leccare la figa. Lei ad un certo punto prende in mano il cazzo poi mi chiede se mi piace sentirlo nella sua bocca, così le rispondo subito che il sessantanove è proprio quello: trovarsi l'uno con la bocca davanti al sesso dell'altro. Me lo circonda coi suoi labbroni dandomi subito piacere e poi sentendolo irrigidirsi mi chiede se è il segnale che sono pronto a possederla ma le faccio capire che il gioco deve andare avanti ma lentamente, senza fretta, solo con la frenesia di godere insieme lo stesso momento. La lecco ancora e le infilo un dito nell'ano e lei stringe il culo come per fermarmi ma le dico di lasciarmi fare e non averne paura. Quando sento che si scioglie ancora di più, decido di rigirarmi e piazzandole il cazzo davanti alla figa. Indosso poi il profilattico, baciandola in bocca, la penetro lentamente e mi fermo proprio vicinissimo all'imene. La bacio ancora in bocca ma lei mi domanda se sto per sverginarla e, per farla rilassare le dico che voglio giocare con lei e mi osserva incuriosita del gioco che attende. Lì la bacio negli occhi con tenerezza e la penetro intanto con dolcezza ma anche fermezza, rompandole l'imene e lei lancia un gridolino che mi eccita bestialmente cosìla penetro fino in fondo ancora lentamente ma poi aumento il ritmo e lei grida questa volta a tutta voce ma per il piacere che stava provando. Mi abbraccia al collo, mi bacia in bocca e, quando finalente ce ne veniamo insieme, dopo che mi ha stritolato le costole con le sue braccia, mi chiede se è piaciuto anche a me e glielo confermo con un bacio sulle labbra. Dopo una pausa mi chiede se posso scoparla ancora una volta ed io, senza risponderle, la metto a cosce spalancate e la penetro con un nuovo profilattico, scopandola questa volta con vigore e col cazzo che aumentava di volume durante il gioco, facendola cosi godere pazzamente. Ci riposiamo un poco, poi lei si alza, prende la sua borsa dove c'è un fascetto di banconote. Mi pone in mano ben tremila euro, certa che per me sono sufficienti. La ringrazio di tutto e mi offro di accompagnarla sotto casa sua. Mi rivesto e partiamo; nel tragitto lei è silenziosa ma ad un certo punto mi domanda se può andare bene, dato che non è più vergine, mille euro ad ogni incontro. Le dico di sì e lei mi mette la manina sul pacco e me lo stringe un poco. Giunti sotto casa sua sandra mi bacia sulla guancia e mi dice che appena può mi chiama per rincontrarci. Gli incontro con lei si ripetono per tre volte, una alla settimana e, col ripetersi, scopriamo che ci stiamo innamorando. Le cose cambiano, a lei non chiedo più compensi perchè ci amiamo con passione. Chiaro che non mi sento di scopare con altre donne al di fuori di Sandra perciò è lampante che cercherò un nuovo lavoro e questa volta, proprio come il primo: il gigolò, che mi fu ispirato dalle puttane, anche quello che sto svolgendo adesso, mi fu ispirato dalla televisione: venditore di materassi ed ammennicoli e la ditta è reclamizzata da Stefania...e chi si ricorda il cognome. Adesso sono tutto lavoro, moglie e casa.

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porno preteracconti del cazzoracconti di maluracconti sesso con nonnaracconti di mogli che tradisconoracconti eoticierotici racconti 69mia moglie mi sodomizzastorie eroticheracconti hard incestuosiracconti erotici di donne anzianefilm porno storieseghe tra cuginiculo rotto raccontiwww racconti iterotici raccontoracconti erorticistorie eriticheconfessioni erotiche realistprie pornomogli troie in spiaggiaracconti poenoracconti erotici canebird2012storielle eroticheraccontieriticiporno moglie al cinemaracconti incesto eroticiracconti esibizionismoesperienze con superdotatiracconti annuncio69racconti esoticimoglie timidamia suocera è una troiaracconti hard di mammeracconti porno di casalingheschiave sadomasostorie porno eccitantiracconti padre e figliaracconti erotici amicoracconti erotici stupro gayracconti sex gratiscuckold sottomessistorie pompinoracconti erotici zoofilisesso donna e cavalloracconti mistress transstori pornoracconti piedi femminiliraccontii eroticiracconti erotici scambio coppiesesso safficoracconti erotici umiliataconfessioni eroticheho scopato mia suoceraclub prive raccontiracconti eropticifoto racconti hardracconti erotici dottoreho scopato mia nipoteracconti erotici estateracconti iluracconti sesso veriraconti hotracconti sauna gaysesso hard con animaliracconti eroticiùla prima volta con mia cuginaporno raccontigang bang raccontiracconti zozziraccobti eroticiracconti pormoracconti veri sexertici raccontiracconti etoticiracconti erotici animal