Una storia senza tempo

Scritto da , il 2019-11-29, genere sentimentali

Sono tre giorni che non mangio. Questa neve, che scende così lentamente, mi fa sentire malinconica. Mi tornano in mente i miei famigliari, mi manca la mia vita, mi manca il mio lavoro. Da quando ho perso tutto non riesco a ritrovare la mia strada, è più di un mese che dormo per strada e mi sto arrendendo. A volte per soppravvivere ho venduto il mio corpo al primo venuto. Non ne vado orgogliosa, ma tutti devono sopravvivere.
Sono così stanca, mi fanno male le gambe, sono quasi quattro ore che giro per la città in cerca di cibo. Non ho più voglia di andare avanti, perché tutto questo è successo a me, perché mi sono fidata di quella persona.
Finalmente una panchina, ora mi sdraio un attimo, ho bisogno di riposare. Non m’importa che la neve mi ricopra tutta, probabilmente mi terrà compagnia. Sento gli occhi pesanti, sento la necessita di tenerli chiusi e, magari, non aprirli più, ho sofferto troppo.
Qualcosa di bagnato mi scorre sulla guancia, non è la neve, sono le mie lacrime. Ho freddo, ma non mi importa nulla, voglio rimanere qui per sempre, avvolta in questo silenzio. Finalmente il buio, lo aspettavo da tempo.

Sento qualcosa sfiorarmi la guancia. Apro gli occhi. Vedo uno strano individio vestito di bianco. Forse sono morta, sono in paradiso?. Quello strano figuro mi sorride, ma non parla. Mi porge la sua mano, inconsciamente l’afferro. Mi alzo attirata dal suo sorriso. Mi conduce verso una baracca, oddio mi vuole violentare, penso di scappare. Lui mi sorride ancora, improvvisamente immagino che sia muto.
Entriamo nella sua casa fatta tutta in legno riciclato, dentro, incredibilmente, è molto confortevole. Mi fa accomodare gentilmente su una sedia, mi sorride ancora, mi porge un fiore di campo. Apre una credenza, fa un panino con il prosciutto, me lo porge e mi indica di mangiarlo. Lo mordo con passione, lo mangio così velocemente che per poco non mi soffoco.
Mi porge pure un bicchiere di vino e mi indica di bere, fa uno strano gesto, come se quella sostanza porterebbe a un rinvigorimento del mio corpo. Bevo e lo trovo squisito, anche perché sono mesi che non bevo il succo d’uva preferito dall’umanità.
Vedo che maneggia sul divano, sembra che stia preparando il letto. Sapevo che voleva fare sesso con me, ma non ho la forza di scappare. Come al solito mi sbagliavo, per prima cosa mi indica il divano-letto, poi avvicina le mani alla faccia e fa finta di dormire. Sicuramente ha capito che sono stanca. Mi metto quasi a piangere, dopo molto tempo, finalmente, conosco una persona gentile. Gli bacio le mani e mi stendo sul divano, lui mi ricopre con una coperta. Anche questa volta il buio sopraggiunge, ma è molto più piacevole.

Mi sveglio di botto, è ancora piena notte, chissà quante ore ho dormito, non lo posso sapere, non posseggo più un orologio e intorno a me non ne vedo. Mi alzo e giro per la casa, incuriosita. Nonostante l’esterno, la casa è molto ben organizzata, direi deliziosa. Vado in bagno a sciacquarmi la faccia, poi mi metto accanto alla stufa, sono stanca del freddo. Mi chiedo dove sia il padrone di casa.
Vedo una porta socchiusa, probabilmente quella è la camera da letto. Spio attraverso lo spiraglio, sta dormendo sotto una coperta di lana. Entro cercando di non far rumore. Sento il bisogno materiale di ringraziarlo, mi introduco nel letto, sempre senza far rumore, e subito noto che è nudo. Il signore senza nome ha proprio un pene enorme e mi soppraggiunge un insano pensiero. Afferro il suo pene con la mano destra. L’uomo mogugna nel sonno.
Accarezzo lentamente quel ben di dio e lo sento crescere nella mia mano, mi domando come mai non si svegli.
Mi immergo nelle lenzuole e cerco il suo cazzo con la bocca e inizio a leccarlo, questa volta ha una reazione e le sue gambe scattono con un rifletto. La mia lingua assapora quell’enorme mazza, con la speranza che si svegli. Gli lecco pure i testicoli e reggo il suo pene con la mano destra. Sento una mano che mi accarezza i capelli, si è svegliato.
Il suo viso non è sereno, anzi sempra preoccupato. Sembra che non voglia ricevere piacere dalla sottoscritta, anzi cerca di allontanarmi. Io non demordo e mi infilo il pene tra le labbra e lo succhio intensamente. Lui china la testa sul cuscino all’indietro. Faccio schioccare la bocca intorno al suo pene rigido. Lo sento ansimare, ma non lo sento ancora sciolto. Lo guardo negli occhi e lo sego, non vedo l’ora di accoglierlo dentro di me.
Mi spoglio nuda, nonostante tutto ho ancora un bel corpo, in un certo senso è anche più bello di quello che mi ricordavo, probabilmente perché, in questo periodo di stenti, sono dimagrita.
Mi metto sopra di lui, gli accarezzo il viso. Cerco un cenno, un movimento che mi dia il permesso. Mi sorride. Lo bacio e cerco di introdurre la mia lingua tra le sue labbra. Lui mi accoglie e accarezzo la sua lingua con la mia.
Sento il suo cuore battere attraverso il mio seno, sento il suo pene tra le mie gambe, forse in cerca di una casa accogliente, allungo la mano verso di esso e lo faccio entrare dentro di me. Il primo impatto è sconvolgente, sembra qualcosa innaturale, fatica ad entrare.
Pian piano mi abituo a quell’asta e il piacere inizia a farsi sentire. Creo una rapida coda ai capelli e inzio a calvalcarlo. E’ strano fare sesso con una persona che non riesce a parlare, ma parlano gli occhi al posto suo.
Sono innamorata del suo sorriso. Allunga le mani e mi stringe il seno, è la prima volta che mi tocca.
Mi spinge verso di se, mi vuole leccare i capezzoli e sento la sua lingua sopra di essi. Intanto il suo pene fa il suo dovere all’interno del mio organo riproduttivo. La mia eccitazione sta aumentando esponsionalmente. Incremento il ritmo e cerco di fallo entrare il più possibile. Lui cerca di baciami e io l’accontento, questa volta si fa più spavaldo e la lingua mi arriva fino alle tonsille.
Mi chino all’indietro, metto le mani sul letto. Lui mi accarezza i fianchi, ormai il suo pene scorre facilmente, probabilmente sto producendo un enorme quantità di lubrificante naturale.
Sento le sue mani scorrere sul mio corpo, raggiunge il mio seno, lo stringe e io urlo ancora di più. Poi le fa scorrere verso il basso e mi accarezza il clitorite, raggiungo il massimo dell’eccitazione. Forse sono stupida, ma in quel momento sento di amarlo.
Improvvisamente, senza sapere come, mi trovo per terra, probabilmente sono scivolata. Vedo lui che si alza, mi solleva delicatamente, mi fa appoggiare contro il muro. Gli rivolgo le spalle, mi accarezza la schiena, mi bacia il collo e poi sento il suo pene rientrare dentro di me. Questa volta è molto piu agressivo, sento i suoi colpi risuonare dentro di me. Mi afferra delicatamente i seno, stringendomi i capezzoli con le dita. Non so se, quando mi ha trovato su quella panchina mi volesse scopare, ma direi che in questo momento lo desidera ardentemente.
Mi accarezzo il clito. Non mi sono mai sentita così, neppure con mio marito, che amavo.
Il mio corpo inizia a tremare, mi sento posseduta dal suo vigore, mi tira i capelli. Giro il collo, lo voglio baciare. Sento le sue labbra posarsi sulle mie. Sento i miei umori contorgersi, come dei serpenti, sulle mie gambe. I miei addominali si contraggono e, immediatamente, raggiungo l’orgasmo più bello della mia vita. Estrae il cazzo dalla mia figa, se lo prende in mano e sento il suo sperma colpirmi la schiena. E’ caldissimo.

Rimango in silenzio per qualche secondo, mi voglio godere il momento, poi sento qualcosa di peloso che mi accarezza la schiena, mi sta pulendo dal suo sperma. Mi prende per mano e mi accompagna a letto, forse vuole il bis. Ancora una volta sottovaluto quest’uomo. Si sdraia e mi stringe a se.
Prima di addormentarmi penso al mio futuro incerto, stranamente sorrido e i pensieri negativi svaniscono, erano mesi che non mi sentivo così serena. Ancora una volta arriva il buio, il più bello della mia vita.

Questo racconto di è stato letto 7 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di cornaerotici gayracconti porno al mareracconto massaggioracconti di scambiomariti cornuti e mogli troiegeneri dei racconti eroticiracconti erpticiracconto hardracconti erpticiracconti potnoracconti lesbiciraccont eroticiraconti hotracconti di bdsmmogli al cinema pornoracconti amatoriali sessostorie eroticracconti erotivla porcellonai racconti milustorie hard vereracconti di coppiaincesti con la ziaracconti erotciscopate e tradimentirotici raccontiracconti erotici nonnaerotici raccotiracconti di sesso con animaliracconti erotici con il caneracconti erotici violenzaracconti casalingawww.racconti eroticiracconti aroticiracconti erotici vergineracconti erotuiciracconti prnostorie etotichestorie porno incestoracconti fratello e sorellacornuti umiliatiracconti veri di incestierotici racconti.itracconti xxsuocera troionaracconti erotuciracconti di sesso con ziastorie di incesto verestorie pornracconi eroticiracconti porno masturbazioneracconti erotici annunci69pipparoloracconti luci rossetradimento raccontoracconti zoofiliracconti erotici pompiniracconti travestaerotici racconti.itracconti erotici estremiracconto sadomasoracconti porno cornutoraconti picantistorie eroticotrans eroticiracconyi pornoraconti eroserotica raccracconti mamme troieracconti erotici suocera generofratello e sorella raccontiracconto eroticoracconti incesto69racconti erotuicieroticiracerotici racconterotciracconti erotici pornoracconti animalsexmariti cornuti e mogli puttaneracconti erotici di dominazionestorie eritichegay racconti eroticisuocere porcone