Valentina ripetizioni 26

Scritto da , il 2019-11-29, genere dominazione

Valentina 26
Shopping con Angela, con sorpresa nel negozio d'intimo... dopo la serata passata al casolare con i vecchietti... tornata a casa come al solito, la notte messaggiavo con Angela, per dirgli di quello che mi era successo al casolare... a notte tarda ci lasciammo, e ci fissammo un appuntamento tra un paio di giorni, alla diciassette alla solita pizzeria... per l'occasione indossai una gonna di jeans di color grigio scuro, una felpa, autoreggenti nere, e scarpe sportive, naturalmente senza mutandine perché Angela voleva cosi... mi aspettava già davanti alla pizzeria, impeccabile come sempre, aveva una gonna nera al ginocchio, calze nere, stivali, e un piumino, entrammo in pizzeria e c'èra solo dei tavoli un po in disparte, proprio come piaceva a noi... ordina la pizza, e parlammo della serata trascorsa al casolare, e parlammo delle porcate che piacevano fare agli anziani, mi disse che ero sta fortunata che non mi avevano fatto la pipi addosso... perché dopo l'amplesso, ai vecchi siccome sono un po depravati, gli piace chiudere cosi la serata... mi disse anche lei all'inizio della sua cariera da troia. l'aveva fatto con gli anziani... e finiva sempre una doccia di urina... gli dissi che anchio l'avevo provato... e un po mi era anche piaciuto, di colpo mi fa "Amore stasera ho messo i collant e gli slip, mi è venuta una voglia... sarebbe stato bellissimo godere sotto al tavolo con il tuo piede... e tu gli hai messi? Peccato che ho gli stivali..." a fianco a noi i tavoli erano vuoti, un po di gente era un po distante la situazione era favorevole... allora colsi l'occasione, mi sfilai la scarpa, e pian piano raggiunsi le gambe di Angela, le allargai le gambe con il piede, l'abbastanza che mi potevo muovere con il piede in mezzo alla sua figa... e iniziai a strofinare il piede su la figa, che sensazione bellissima... sentire l'artrito del nylon, che strofinava in mezzo alle gambe di Angela, più lei si mordeva le labbra più io spingevo il piede sulla sua figa... iniziai ad avere la senzazione che il mio alluce fosse un po umidiccio... Angela mi fece l'occhiolino, capii che aveva avuto gia un orgasmo... ma poi con un filo di voce, e gli occhi un po socchiusi mi disse. "Amore non ti fermare adesso non ti fermare... sei bravissima amore mio." La vidi per un attimo chiudere gli occhi completamente e mordersi le labbra,percepii sulla mia pianta del piede una notevole umidità, capii che era zuppa di umori di Angela... appena mi disse. "Grazie amore e stato favoloso..." ritirail il piede zuppo di umori e m'infilai la scarpa... con tutta questa situazione... mi era venuta voglia anche a me... mi guardò negli occhi e mi disse, "Amore lo so che te venuta purè a te la voglia... ma ti prometto che te lo renderò queto piacevolissimo orgasmo... mentre parlavamo vicino al nostro tavolo passarono due donne, e si sedettero un poco distante da noi, Angela mi guarda negli occhi e mi dice sottovoce. "Amore hai visto? Sono bruttissimi, quelle due sono due trans," in effeti erano proprio brutte... ma io le avevo scambiate per due signore bruttissime... poi mi disse. "in giro c'è ne sono di più belle, alcune veramente carine... ci faresti sesso con loro?" Non risposi né no né si, un ni... mi sarebbe piaciuto provare... gli ricambiai la domanda, e a te piacerebbe? Lei di sana pianta mi rispose, "Io ogni tanto lo faccio..." il discorso si stoppò la, poi mi fa, "Amore ti va di fare un po di shopping in un negozio d'intimo, dai andiamo a compriamoci qualche bel completino..." finimmo di mangiare la pizza, e uscemmo dalla pizzeria, un po in giro per la città, e ci fermammo vicino a un negozio d'intimo, entrammo dentro, e Angela mi disse. "Amore inizia a scegliere qualcosa di caruccio, scegli anche per me... io vado a salutare la titolare che è una mia grandissima amica..." mentre loro conversavano allegramente... si vedeva che erano amiche... io iniziai a guardare qualche completino, c'era l'imbarazzo della scelta, una commessa si liberò di una cliente e venne chiamata dalla titolare, parlò un po anche con Angela, e poi venne verso di me, una bella ragazza mora con capelli lunghi neri un po raccolti dietro, di stautura quasi come la mia, avrà avuto qualche anno più di me, forse straniera, era un po scura di pelle, ma lo capii dall'accento e dal timbro della voce, mi disse se ero amica di Angela, gli dissi di si che ero un grandissima amica... gli chiesi se anche lei conosceva Angela, mi fece un sorrisino... e mi disse che la conosceva molto bene... mangiai subito la foglia... iniziò a darmi consigli sui modelli, sui colori, prese quattro cinque completini e mi accompagnò nel camerino, mi disse se poteva entrare anche lei in camerino per potermi aiutare, ma io gli dissi di no, che c'e la facevo da sola, ma insistette, ed io accettai il suo aiuto, entramo in camerino ci presentammo lei si chiamava Lisa, gli dissi il mio nome, e incominciò ad aiutarmi a spogliarmi, mi disse. "Non vergognarti, e il mio lavoro... né vedo di donne di tutti tipi, ma tu sei senza mutandine, non li porti? Lo sai che Hai un bellissimo fisico, una bella quarta piena... fantastici i capezzoli, anche le areole sono bellissime... anchio ho le areole quasi come le tue, le vuoi vedere?" Si sbottono la camicetta tirò su il reggiseno e me le mostrò, in effetti le areole erano grossissime e scurissime quasi come le mie, i capezzoli erano a punta come chiodi, i miei erano molto più grossi... poi si tiro giu il reggiseno e si abbottonò la camicia, avevo mangiato la foglia e questa era opera di Angela... però ma mai avrei pensato alla sorpresa... allora stetti al gioco maliziosamente, iniziai a provare qualche completino, le mani di Lisa si fecero sempre più intraprendenti, aiutandomi con l'intimo sfiorava sempre di più le mie parti sensibili... e io da porca che sono, incominciai a viaggiare con la mente, la mia fighetta incominciava a inumidirsi... diciamo che -la goccia che ha fatto trabboccare il vaso-, e stato quando mi sono tolta il perizoma, e Lisa notò che la parte del perizoma che passava nella figa era bagnato, Lisa lo notò subito, mi guardò maliziosamente e mi disse, “Non ti preoccupare puo succedere, ti faccio una confesione... lo sai che le amiche di Angela diventano anche amiche mie...” mi stampò un bacio sulle labbra, e andò a chiudere la porta del camerino a chiave, viene verso di me mi prende la mano e me la bacia dolcemente, mi prende l'altra mano e fa la stessa cosa, mi alza tutte e due le mani e mi spinge verso la parete, e incomincia a baciarmi sulle labbra, la sua lingua subito trova spazio nella mia bocca... Lisa aveva una lingua lunghissima, rovistava nella mia bocca in cerca della mia lingua in un modo pazzesco... una lingua veramente insaziabile, mi lasciò senza fiato quando staccò la sua bocca dalla mia, sempre molto delicatamente continuò a baciarmi e a leccarmi il collo, fino a scendere sul mio seno, mi tolse il reggiseno, e iniziò n dolcissimo lavoro, con la punta della lingua sui miei capezzoloni e sulle areole... questa volta la stupii io, perchè quel favoloso lavoro sul mio capezzolo, me lo fece ingrossare e indurire a vista d'occhio... era meravigliata che mi disse, “Stupendi mai visti due capezzoli cosi...” e avidamente iniziò a ciucciare prima uno e poi l'altro capezzolo, non si staccava più dai mie capezzoloni, peggio del succhia capezzoli a pompetta... succhiandoli me li fece diventare ancora più grossi, finalmente sazia dei mie capezzoli, le sue labbra caldissime scendevano sempre più giù, anche le dita erano lunghissime e affusolate, esploravano ogni parte del mio corpo, io ero immobilizata... da quel evento, La sua bocca calda per un po di tempo si soffermo sul mio monte di venere abbastanza folto... con un dito iniziò a forzare delicatamente le grandi labbra già appiccicose dei miei umori... con il naso annusava i miei peli, e con lingua apriva le grandi labbra, scoperto il mio clitoride, iniziò a succhiarlo, come una ventosa, lo tirava e lo rilasciava, lo tirava e lo rilasciava... che godimento pazzesco, intanto che con la bocca mi risucchiava il clitoride, le lunghe dita nella mia figa si muovevano delicatamente quasi a cercare qualcosa... dal troppo godimento volevo urlare di piacere ma mi trattenevo avevo paura che si sentisse fuori dal camerino, ormai la mia figa era allagata, volevo fare anchio qualcosa per lei... le feci alzare infilandola la lingua in bocca, la spinsi contro la parete, e con la lingua in bocca iniziai a sbottonarle la camicetta, e tirare fuori le tettine, dal reggiseno, adesso la mia bocca come una potente ventosa si posiziono sul suo capezzolo duro e appuntito... con una mano gli strizzavo l'altro capezzolo, scendendo la mano sempre più giù, e mettendo le mani sotto la gonna, trovai la SORPRESA, dallo stupore mi bloccai, la mia bocca, le mie mani, ferme paralizzate, anche il mio cervello andò in tilt... rimasi imbambolata, Lisa mi guardò negli occhi, e mi disse. "Veramente non te né eri accorta?" Con un espressione sbalordita, Feci segno con la testa di no... mi prese la testa tra le mani e mi bacio dolcemente sulle labbra, m'infilò la lingua nuovamente nella bocca, in cerca della mia... le dita molto più audaciamente presero posto nella mia figa già allagata. Iniziai pian piano a sciogliermi... ritornai di nuovo con la mano sotto la gonna e direttamente la infilai negli slip, lo sentii indurire nella mia mano, aveva proprio un bel cazzo... pensai oltre ad essere una bella ragazza, ha anche un bel cazzone...sfilò la lingua dalla mia bocca, e mi mise una mano in testa, e mi spinse giù a farmi inginocchiare, le tirai su la gonna ai fianchi e gli abbassai gli slip, non credevo ai miei occhi... veramente un bel cazzo, di una notevole dimensione, emanava un profumo pazzesco afrodisiaco... mi mandava in estasi... era un po storto, abbastanza curvato, con le palline piccole, però incompenso aveva un cappellone come un fungo... quasi intimorita, iniziai con la lingua ad assaggiarlo contornai con la punta della lingua tutto il cappellone, mi soffermai più volte sul frenulo, e sul buchetto... ci entrava la punta della lingua, mi sciolsi completamente quando mi entro tutta la cappella in bocca... me la proprio gustavo quel asta storta e dura, La cappella mi accarezzava dolcemente la gola, quel bellissimo cazzo lo avevo tutto insalivato... mi fa alzare in piedi e mi fa mettere un piede su uno sgabbello, e lei difronte a me si prende il cazzo in mano e mi penetra dolcemente, non ebbe nessuna difficolta ad entrare nella mia figa allagata dai miei umori...dopo un po di questo dolce stantuffamento me lo sfila e s'inginocchia, e inizia a darci dentro con quella meravigliosa lingua, un serpente indiavolato avevo nella mia figa... si tira su e si siede sullo sgabbello, mi fa sedere di fronte a lei, nuovamente me lo infila di nuovo nella figa, e inizia di nuovo a pomparmi con il cappellone... seduta di fronte a me aveva la possibilità di ciucciarmi i capezzoloni, la possibilità non se la fece sfuggire, la sua bocca si attaccò come una ventosa... godevo come una cagna in calore... si sdraio per terra, e mi fece sedere con la figa sulla sua faccia, non aveva una bocca, ma un'apiratutto nella bocca, risucchiava tutto il mio nettare dolcissimo... anchio volevo qualcosa in bocca, mi distesi sopra di lei, e iniziammo a fare un favoloso sessantanove... a me mandava in estasi, ma la fissa di Lisa era quello di trapanarmi la figa... a malincuore mi dissi di alzarmi e lasciare quella favolosa posizione del sessantanove... mi fece alzare e mi fece sedere sul cazzo a smorza candela, con le mani hai fianchi mi alzava e mi faceva scendere su quel meraviglioso cazzo... dopo un notevole stantuffamento della figa mi fece alzare, ero stordita dai colpi che riceveva la mia figa...ad un tratto mi fece appoggiare le mani sullo sgabbelo e in posizione a novanta gradi, pensai adesso mi fa il culo... ma mi sbagliavo, anche se mi sarebbe piaciuto... con un colpo me lo pianta tutto nella figa, adesso i colpi erano più forti e decisi... si teneva aggrappata ai miei fianchi e mi montava come una cavalla da monta... cinque sei colpi violenti... mi sentii inondare la figa di sperma caldo, rimanemmo in quella posizione per un paio di minuti, perché lei mi baciava e mordicchiava la schiena, si staccò da me iniziò a vestirsi, inconminciava a mettersi gli slip ma io la bloccai, gli dissi che lo volevo pulire per bene quel bel uccellone... lo rimisi tutto a lucido, con la mia lingua, la cappella a fungo, era lucidissima... ci rivestemmo e ci baciammo...Uscendo dal camerino, i primi rivoli di sperma, incominciavano a scendere dalla mia figa, colando nell'interno cosce imbrattando tutto le autoreggenti... imbarazzata mi avvicinai ad Angela, vedendomi con il viso rosso mi chise,"Tesoro tutto a posto?" Gli dissi di si, avvicinadosi con il naso vicino al mio viso, annusandomi si rivolse alla titolare, "L'odore del cazzo di Lisa è inconfondibile..." si avvicino la titolare e mi annuso anche lei, “Si e vero e inconfondibile...” poi Angela me la presentò, si chiamava Franca, e mi disse. "La mia amica Franca ci ha invitate per sabato sera a cena, a casa sua, verra anche Lisa e un'amica..." Gli dissi che per me andava bene... intanto i rivoli di sborra di Lisa continuava a scendere nell'interno delle mie cosce, era difficile non notarlo, il contrasto sul nero delle autoreggenti e la sborra bianca e lucida era evidente, Angela da buon troia subito se né accorta, e con un dito raccogliendola, l'assaggiò, poi con un altra raccolta, la fece assaggiare a Franca... e mi disse "Brava vedo che vi siete divertite tanto nel camerino..." nel frattempo arrivò Lisa con i completini che avevo provato, e ne mise due sul bancone, e disse. "Vale ha scelto questi due, ma gli stavano bene tutti. Anche perché ha un bel fisico... una bella ragazza la tua amica..." li mise in busta e me li consegnò, e Franca disse. "È un omaggio della casa, vi aspetto a cena sabato.............Per commenti privati potete scrivere a

Questo racconto di è stato letto 2 7 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


acconti pornoracconti eros 69racconti erotici generiracconti erotici gratisracconti foot fetishsculacciata raccontocuginetta pornoracconti a 69raccontu eroticiscopata caserecciaracconti erticiracconti erotici mogli troieracconti bisexeacconti eroticiracconti di mamme inculateracconti porno gratisi generi dei racconti eroticispaccaculiporno mamma raccontiracconti di esibizionismoracconti fetish piedistorierotichei generi di racconti eroticierotici raccpntiho inculato mia nonnaeroticiracconti.itstorie di sesso con la ziastorie eritichestorie di sessracconti erotici con maturestorie di sesso al cinemamamma mi racconti la tua storiaerotiraccontiracco ti eroticial cinema porno con mia moglierqcconti pornoracconti di chiavateracconti di pornoraccont eroticiracconti erotici casalinghetradimenti racconti pornoero raccontiracconti di sesso con animaliracconti erotici prima esperienzaracconti italiani pornoracconti hot lesbomi sono scopato mia cognata1001 racconti eroticiracconti erosano dilatatofrocettoracconti pornograficiracconti cugineracconti x adultii generi dei racconti eroticiracconto xxxmia madre mi ha fatto un pompinoi generi dei racconti gayraconti sexracconti donne porcheracconti hard gratisracconti erotici femminiliinculate tra vecchiravconti eroticieroti raccontiracconti erotici ricattoraccobti eroticii generi dei racconti eroticipompino a mio figlioracconti porno italianoracconti erotici pulpcar sex raccontiracconti veri tradimentiracconti eortici gayraconti69racconti di sesso tra parentiracconti piccanti di sessole tette di mia cuginaewritersracconti sesso con sorellastorie xxxracconti erotici freeraconti hotracc sessstorie pornptacconti eroticiracconti erotici scambio di coppiastorie gay eroticheracconti porno realmente accadutiracconti porn gayracconti erotciracconti di storie di sessoracconi pornoracconti di sesssiti racconti eroticiracc hardtacconti eroticisesso con mia nonnaporno racconti moglimia suocera e una troia