I Raconti di Milano. cap 4

Scritto da , il 2019-11-29, genere dominazione

I Racconti di Milano. La Gabbia. Cap4.
Sandra. Angelo, Gianni, Francesco.

Mi irrigidisco improvvisamente allarmata. Delle voci che non conosco e coprono le voci dei miei volonterosi vassalli, la porta si apre, due sconosciuti entrano, due che ragazzini certo non sono. Giovani ma uomini di almeno 25 anni. Mi guardano, poi uno dice rivolto alla porta aperta, ed adesso voi non rompete i coglioni, per poi chiudere e guardarmi ben bene. I sono coperta con le mani come potevo ma capendo quanto fosse assurdo, non ho niente addosso, mi scopro.

Qualche secondo di silenzio assolutamente assurdo, da fuori di testa. Ma cosa cazzo potevo chiedergli e cosa rispondere quando mi dicono che sono veramente una bella troia. Che ci speravano ma temevano che i miei...amici...volessero prenderli per il culo. Va bene, pagheremo quello che ci chiedono ma dopo. Dunque tu fai tutto. E farai tutto per...

Sono ancora spaventata, tremo anzi e mi è difficile persino respirare. Nuda biotta davanti ad un paio di sconosciuti giovanotti, giovani ma già uomini che mi trattano come una troia. Poi si spogliano rapidamente, entrambe, davanti a me, immobile ed incapace di fiatare. Come siano arrivati fin qui è chiaro. I miei “carissimi” compagni di follie mi vogliono vendere, affittare, vogliono far soldi sulla mia pelle, fare i magnaccia insomma. Ed io non riesco ancora a fiatare...vorrei solo scappare ma la sola porta è bloccata dai due. Dovrei poi vestirmi e prima che indossi solo qualcosa loro...parlottano tra loro, non che
senta molto, poi uno alza un poco il tono. E sono io a sbottare. HANNO PAGATO I MIEI “AMICI”!!! PER FARE CON ME QUELLO CHE VOGLIONO PER UN' ORA, I MIEI “I MIEI AMICI CARISSIMI!!! I MIEI MAGNACCIA!!!”

La sera, a letto, penso alla giornata. I due giovanotti si son fatti rendere i soldi dandoli a me, non tutti, una piccola parte la hanno intasata i miei amici. Il resto lo ho ben nascosta. Mentre mi lavavo nel catino, le puttane lo fanno sempre, mi hanno detto, si complimentavano per aver da scopare una principiante quasi vergine. Quasi vergine? Mi viene da ridere pur guardandomene bene.
Sono a loro disposizione per un paio di ore e sono due ore faticose a piacevoli.
Scopano da dio...e dopo poco e comunque più in fretta di quanto pensassi possibile, sono di nuovo in tiro. Lo succhio ad uno dopo un breve riposo fatto di chiacchiere ed è in grado di ficcarmelo nel culo. Lo ha grosso, molto grosso, fa male anche se, devo riconoscerlo, cerca di ficcarmelo in culo con una certa grazia. Promettono di tornare e tornano. Promettono di mandarmi degli amici e li mandano. Durante l' estate metto da parte non poco...Se spendessi e spandessi nonna...Voglio invece andare al liceo, il classico e poi frequentare la università, lettere. Metterò da parte denaro a sufficienza...ho anni di tempo. Poi...un appartamentino in città. Per mantenermi...nessun problema. Farò la puttana. Non batterò agli angoli. Mi farò un giro di clienti, li tratterò bene...e me ne manderanno altri...
Di nuovo in bagnetto a rinfrescarmi il di dietro. Me lo hanno spaccato i due. Ma si abituerà.

Nonna è ricoverata. Per prudenza, mi dicono in ospedale. Ma, a bassa voce dicono pure che non ne uscirà più. Anche se ormai non sono più una bambina bensì una puttana ventenne, quindi quasi maggiorenne, piango.
Sono riuscita nel mio intento. Un monolocale in città, una clientela che paga senza problemi e buoni voti. Continuando con prudenza, il mio giro di clienti è costante, per non farlo crescere troppo aumento persino le mie tariffe. Metterò da parte più di quanto mi serva, investo, grazie ad uno dei miei primi “amici”, succeduto al padre nella conduzione del negozio di filatelia, la maggior parte dei miei guadagni come puttana in francobolli. Se non funziona continuerò il mestiere, se funziona...

Questo racconto di è stato letto 1 6 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici mutandineracconti erotici tra cognatiracconti erotici al mareracconti lesbiracconti moglie sottomessai piedi di mia mogliescopami nonnola suocera troiacornuto e troiaracconti erotici adulticornuto e sottomessoracconti erotici caniracconti porno amatorialiraccinti eroticistorie sesso gratisracconti porno amatorialiracconti di sculacciataracconti di clisterisculacciate sessualiracconti poroxxx racconti pornoracconti nudiscopate raccontirac erotscovolinaraccontigayracconti erotivmilu dominazioneracconti punizioneracconti erotici per adultiracconto erotico pompinomi fotto mia cuginaracconti veri gaymi ha pisciato in boccapiccanti raccontiracconti erotici gay gratisstorue pornoraacconti eroticii generi di racconti inceatodominazione raccontiracconti erotici neriraccontifetishdonne che scopano con il canemilu incestostorie di sesso realmente accadutestore pornoracconti sesso lesbovere storie di sessoracconto lesbicolesbiche storieracconti erotici autobusraccontini eroticistorie erotic eracconti sissyracconti reoticiracconti erotipompino sotto tavolostorie ballbustingincesti eroticiracconti di sesso tra parentiracconti di sesso al mareracconti erotici suocera e generoracconto miluracconti erotici zoofilisi fotte la cuginaracconti erotici scambio coppiaracconta eroticiracconti erotici fetishracconti erotici guardoniracconti erotici mutandineraccomti eroticistorie vere piccantiracconti erotistorie pirnoracconti donne inculatestorie sessoracconti erotici culo sfondatoveri racconti eroticiracconti erotici depilazioneerotici racontiesibizioniste al mare