La direttrice delle risorse umane 3 - Aeroporti

Scritto da , il 2019-11-29, genere etero

Continuo dopo un po' di assenza dal sito il racconto delle mie giornate con Lucia, con cui ormai avevo una storia che si stava consolidando.
Tutto era iniziato entre mia moglie era via per lavoro per alcune settimane, e quando tornò non fu più così facile vedersi.

Ci sentivamo al mattino presto, mentre io guidavo verso il mio ufficio, e qualche volta alla sera sulla via del ritorno, ma i nostri uffici erano piuttosto distanti e io non potevo sparire alla sera o nei fine settimana, quindi vedersi stava diventando problematico.
Lucia aveva cominciato a farmelo notare.
A me non piacciono i problemi, le cose devono essere facili, venire naturali. Sapeva fin dall’inizio come sarebbe stata con me, le cose erano chiare. Comunque, cercavamo il modo di incontrarci e i miei frequenti viaggi all’estero ci aiutarono.

Sono solito prendere i primi voli del mattino, per poter sfruttare appieno la giornata, ma a casa iniziai a dire che preferivo partire la sera prima. In questo modo mi ritagliavo uno spazio che includeva una bella cena ed una intera notte.
Fu così che frequentai diversi hotel nei dintorni di Orio e Linate.
La prima volta che decidemmo di fare così fu in realtà un gran casino.

Avevo già detto a casa del mio piano di viaggio quando iniziai a cercare un hotel e mi trovai di fronte a pochissime camere disponibili e a prezzi assurdi.
Era la settimana del salone del mobile.
Ottimo tempismo.
Finimmo in un motel ad una decina di chilometri da Linate.

Per la verità il posto non era terribile, ma Lucia passò metà della serata a fare battutine sulla stanza.
E a ragione.
Quando entrammo la tv era accesa su un canale che trasmetteva film porno e il letto era sormontato da uno specchio gigantesco.

- Mi hai portato in un bordello? Vuoi che sia una vera puttana con te?
Me lo sussurrava con la sua voce morbida, mentre il suo corpo era attaccato al mio e la sua mano era già in mezzo alle mie gambe.
Ci baciammo a lungo, in piedi, mentre le nostre mani esploravano e spogliavano i nostri corpi.

Il suo vestito era a terra e lei era rimasta sui suoi immancabili stivaletti con il tacco, in reggiseno e mutandine, un completino molto sexy che metteva molto bene in risalto le sue forme un po’ abbondanti e che adoravo.
Io senza più la camicia, e con i jeans slacciati.

- Dammi solo un attimo… mi disse, e si diresse verso il bagno.
La osservai mentre si allontanava, con quel tanga che richiamava la mia attenzione sul suo bel culo rotondo.
Avevo una voglia terribile di averla.

Quando tornò rideva di gusto.
- ma tu lo sai cosa c’è di là? Lo hai fatto apposta?
Non lo sapevo

Il bagno era più spazioso della camera, per buona parte occupato da una enorme vasca idromassaggio.
Ci guardammo un secondo con lo stesso sguardo di intesa di due bambini che stanno per divertirsi un mondo, e aprimmo l’acqua per riempirla.
- Sei un porco. Tu lo sapevi…
Non le risposi.
La abbracciai e continuai a baciarla.
Adoravo il suo modo di baciare, morbido e profondo.
Si mise in ginocchio davanti a me e, molto lentamente, mi calò del tutto i pantaloni, iniziando a mordermi leggermente il cazzo ormai duro da sopra i boxer.
Chiudeva gli occhi mentre lo faceva, per poi aprirli e guardare dritto dentro i miei che la osservavano attenti.
- Vuoi che te lo prenda in bocca, vero? Vuoi vedere come te lo succhio? Vuoi vedere come fa un pompino una vera troia?

Mi faceva sempre eccitare ascoltare quelle parole che contrastavano così tanto con il suo visino angelico ed il suo sguardo da ragazzina innocente.
Mi sfilò anche i boxer, per iniziare una sega lentissima.
La sua lingua roteava intorno alla cappella, poi la bocca si avvicinava e le labbra avvolgevano l’intera punta, per poi chiudersi mentre lo faceva uscire.
Un altro passaggio con la lingua, poi chiudeva gli occhi e se lo faceva entrare fino in gola, tirandomi a lei.
Le accarezzavo i capelli mentre le tenevo la nuca.
La guardavo eccitato, ma spesso non riuscivo a non chiudere gli occhi, invaso da ondate di piacere intenso.

Si rialzò in piedi, tenendomi l’uccello ben stretto in mano.
- La vasca sembra pronta… non l’ho mai fatto in un idromassaggio, sai?
Poi, avvicinandosi all’orecchio, come se volesse confidarmi un segreto senza farsi sentire da nessuno
- Questa volta voglio che tu mi venga dentro…
E lasciando la presa si infilò dentro la vasca.
La seguii immediatamente.
Le fui sopra in un secondo.

Mi godetti per un po’ i suoi seni prosperosi, mentre le bocche si cercavano.
I nostri gesti erano delicati, lenti ma intensi.
Poi lei mi spinse da una parte, sdraiato sulla schiena. Lentamente si mise sopra di me e, sorridendomi, si impalò su di me, iniziando a muoversi.
L’acqua le copriva il ventre, lasciando fuori il seno di cui mi impossessai subito.

La guardavo mentre il suo volto cambiava espressione.
La bocca aperta, gli occhi aperti a metà, la testa che ogni tanto si girava di colpo mentre gemeva.
Sentivo il mio cazzo entrarle fino in fondo e poi uscire quasi del tutto, mentre il suo corpo si alzava ed abbassava ad un ritmo costante.
Ora aveva gli occhi chiusi e si stava mordendo il labbro inferiore, lasciando uscire un suono che sembrava quasi un pianto.
Poi si contrasse di colpo. Lanciò un urlo, accasciandosi su di me. Tremava, si contorceva. Un orgasmo intenso e potente.
Rimase ferma, respirando molto velocemente, con la testa sulla mia spalla.
La mia verga sempre nel suo ventre.
Poi si sfilò e si sdraiò di fianco a me.
Mi girai e mi misi tra le sue gambe, allargandogliele.
- No… è troppo… aspetta un attimo…

Entrai di nuovo in lei vincendo la sua debole resistenza.
Cominciai a muovermi.
Mi abbracciò forte piantandomi le unghie nella schiena.
- porco… sei un porco… mi fai godere come una troia….
Lo diceva ad alta voce mentre la scopavo selvaggiamente, facendo debordare l’acqua della vasca.

Ebbe di nuovo un orgasmo violento.
Cercava di fermarmi mentre urlava il suo piacere.
Ero vicino al culmine, non avevo intenzione di smettere.
Venni anche io, poco dopo di lei.
Sentii il mio cazzo eruttare nel suo ventre.
La strinsi forte a me mentre ancora tremava.

Rimanemmo così credo per qualche minuto, riprendendo fiato.
- Sono stata brava?
Furono le sue prime parole.
Non le risposi, ma la baciai dolcemente.
Erano quasi le 4 del mattino, e per me era ora di andare a prendere il mio aereo.
Lei rimase lì da sola, a dormire un po’. Almeno credo.

Questo racconto di è stato letto 2 3 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti bisex gayvideo racconti eroticiracconti eoticierotici raccotiracconti casalingheraccontidimiluracconti porno freeracconti erotici sul trenomoglie esibita in pubblicostorie eroticisesso dopo massaggioracconti sexyracconti inceatosuocera porcellavoglio prenderlo nel culostorie erotic esesso tra suocera e generoracconti hot gratisracconti erotici per adultiraccinti gaymia moglie è una vaccaracconti rroticiracconti scambi di coppiaracconti femminilizzazione forzataincesto gifcuckold feliceracconti di lesbicheracconti gay bsxzia vogliosaracconti di storie di sessoraccontti eroticiracconti di mogli traditriciraccontitransracconti porno nuovircconti gayvideo racconti gayracconti erotici sui piediracconti eeroticiracconti erotici figliastoriedi sessoracconti moglie sottomessaracconti pororacconti maturi gayracconto xxxracconti erotici graccontini eroticiracconti sesso incestoracconti di tradimenti coniugaliracconti eroticjracconti ertoticistorie di sesso hardsesso con suocera raccontiracconti eroyicieroticoraccontiracconti erotici reali gayracconti marito sottomessoi racconto di milumilu eroticieros raccontii generi di racconti eroticii generi racconti eroticistorie pronoracconti erotici di guzzonmilu raccracconti erotici travestitomia moglie al cinema pornoerotciraccontiraccontieroticiiomilustorie poenoracconti porno bdsmbdsm pissingracconto cuck