Per necessità mi misi a fare il ... .

Scritto da , il 2019-11-29, genere etero

Al mattino dopo la signora mi chiamaal cellulare e, dopo un'ora sono da lei che mi riceve spiegandomi che devo fare la parte del suo amante, cortese, premuroso ecc. . Arrivano le sue amiche ed io apro la porta presentandomi come il compagno di Vera (la signora, appunto!). Le faccio strada fino al salotto e dopo aver sfiorato con un bacetto Vera, le dico che le sue amiche sono delle vere belle donne e lei mi guarda con fare geloso. La cameriera Lucia ci avvisa di accomodarci a tavola e lì mi adopro per spostare la sedia a Vera per farla sedere, poi ancora un bacio sul collo. Il pranzo va a gonfie vele ed anch'io che non sapendo dell'accordo tra le quattro donne tra loro, ovvero: provare un gigolò per servirsene in futuro anche loro, mi comporto da vero galante. Dopo il caffè Vera mi comunica che il tutto era solo un gioco, una finzione per provare le mie doti di seduttore e tutto il resto, poi tutte mi fanno un presente in danaro e, prima di congedarmi impegnandomi chiaramente a venire da ognuna di loro quando mi chiamano. Faccio per alzarmi ed essere accompagnato dalla cameriera alla porta ma, stringendo e baciando la mano a tutte, vengo baciato anche in bocca da loro tutte ed una di loro più intraprendente, mi palpa il pacco sui calzoni. Quel gti nuovamenteoco mi aveva fruttato molti soldoni e la sera stessa, mentre uscivo per cenare fuori casa, al cellulare mi chiama Pamela, amica di Vera, che vorrebbe conoscermi subito. Poco dopo sono a casa sua. Parliamo del più e del meno mentre la sua cameriera ci prepara una cena che poi gusto con piacere. Dopo cena, seduti nuovamente in salotto, lei mi si accosta e mi fa presente cosa le piace e cosa no. Vedo che si alza e la seguo finendo in camera da letto dove lei si spoglia e spoglia anche me, scendendo a succhiarmi il cazzo. Dopo che le ho riempito la bocca di sborra, mi fa stendere sul letto e mi bacia dapertutto, dopo mi infila un preservativo al cazzo e, vistolo di nuovo dritto, ci si impala affondandoci la figa e si muove fino a farmi venire di nuovo e lì sono costretto a dirle che ho guai al cuore e non posso cavalcarla a lungo. Mi abbraccia e rimaniamo abbracciati fino ad addormentarci, poi, al mattino, la cameriera ci serve la colazione a letto e, dopo una doccia, mi vesto e saluto lei baciandola in bocca, poi la lascio ed esco di casa sua. Giungo in macchina apro la busta coi soldi dati da Pamela e ci trovo mille euro. vado a casa e, mentre sto decidendo se pranzare a casa o ristorante, rieccoti il telefonino: é Lucia, altra amica di Vera e mi chiede di andare a pranzo da lei dove devo passare per il suo spasimante e ci sarà una sua amica. Arrivo da Lucia che mi fa accomodare per poi andare in cucina dove c'è la sua amica e lì Lucia mi fa notare che non le ho dato ancora un bacio ed allora l'abbraccio e le appoggio le labbra alle sue, osservendola negli occhi con tenerezza, insomma, da bravo attore! L'amica mi sorride e con lei ci scambiamo un bacio sulle guance. Ci mettiamo a tavola e ridiamo, scherziamo per nulla ma figuro per felicissimo di stare con Lucia da tempo e per altro ancora. Dopo il rituale caffè, l'amica "mangia la foglia" perchè convintissima del nostro amore e ci lascia per avere campo libero e Lucia mi chiede se sono disponibile a scopare con lei. Annuisco e andiamo a letto dove la bacio, l'accarezzo, la lecco in figa, in culo dove poi c'infilo il cazzo già pronto a sfondarglielo, poi le sborro tutto dentro. Roprendo un poco fiato e le lecco la figa per penetrargliela a fondo e la scopo ciucciandole le orecchie ed il collo, poi, quando me ne vengo, lei si mette a leccarmi il cazzo ripulendolo dallo sperma e dai succhi della sua fighina. Dopo una doccia insieme, lei mi consegna una busta e poco dopo sono alla guida della mia auto. Andando a casa decido di avere un pomeriggio e sera di riposo e, proprio poco dopo eccoti una telefonata di voce femminile ma che poi mi confessa di essere un maschio in cerca di nuove emozioni e che ha saputo di me sentendone parlare sua sorella Lucia. Rispondo che sono impegnato tutto il giorno e poi lui mi dice che mi attenderebbe in una pensioe vicino alla Termini in mattinata dopo, proprio perchè non può farlo in casa con sua sorella presente. Stabilisce la pensione e mi chiede se duemila euro vanno bene. Fingo di acconsentire il modico importo ed alle dieci mi attende alla pensione Piemonte. Io arrivo lì alle dieci precise ed il portiere mi dice che se sono Franco sono atteso alla dodici. Busso alla porta e mi trov difronte una gran figa: bionda, magrolina, tette piccole e culetto tondo belle gambe e viso da angelo. Mi fa entrare con un cenno di testa e, chiusa la porta mi dice di essere Gianni, il fratello di Lucia. Mi dà subito i soldi poi mi palpa il cazzo ed io sono imbarazatissimo essendo alla mia prima esperienza con un maschio ma quel travertirsi mi eccita alquanto e lo stringo ai fianchi palpandole il culo duro. Allora dò io gli ordini sul gioco e lo faccio rimanere con slippini rossi e calze a rete grige, lo lascio baciarmi sul collo, dietro le orecchie ed addirittura mi fa accetira molto ed il cazzo svetta in quanto sono già nudo e Gianni si accoscia per metterselo in bocca e succhiarlo. si mette poi sul letto a pancia sotto e si sfila gli slip, lasciando scoperto il culo che tondo e grazioso, già mi fa armare il cazzo e dettogli di ungerselo bene col gel, mi faccio ungere anche il cazzo e lui si mette a pancia sotto con le gambe divaricate ed allora, con lentezza, essendo per lui la prima volta che prende un cazzo in culo, le infilo il glande in culo e spingo poi con fermezza ma non rudezza e sento lui che si lamenta per il dolore che sta provando, allora decido di risparmiargli di soffrire a lungo, così lo penetro tutto fino alle palle e lui geme a lungo dicendomi "grazie, per non averlo fatto piangere!". Stantuffo fino a scaricargli un fiume di sborra in culo, poi estraggo il cazzo fuori dal suo culo e vado a lavarmi sotto la doccia. Mi rivesto e vado per uscite ma lui mi ferma tenendomi un braccio e mi dice grazie, ma poi aggiunge che vorrebbe darmi un bacio di saluto e se poi ci si potrà rincontrare. Gli consento di baciarmi sulle guance e non in bocca, poi me ne vado via da lì.

Questo racconto di è stato letto 2 8 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesto tra mamma e figlioracconti/eroticiracconti ertravestiti raccontila zia raccontiracconti erotici.cds circolo delle segheracconti erotici nipotinamoglie troia marito bisexi generi dei racconti eroticimi scopo mio fratelloracconto xxxracconti erotici il vecchioi racconti dimiluho inculato mia suoceraracconti porno con transho scopato la suocerastorue pornoclisteri raccontieroriciraccontiracconti porno+storie di mariti guardonifumetti incestii pompini di mia madreracconti erotici fratelliracconti porchiracconti mogliracconto erotico moglieerticiraccontiracconti sporchiracconti erotici tradimentierotico spintoracconti molto eroticii rcconti di miluracc eroticistirie pornoalba eroticastorie porno incestiracco.ti eroticiraconti hotracconti culocornuto sottomessomamma troia raccontiracconti femminilizzazionefidanzate esibizionisteracconti di vecchie troieracconti erotcimoglie troia raccontile storie di milùgeneri eroticierotiraccontistorie piccantiracconti erotici ziastorie porno annuncizia porconaracconti.pornospiando mammaracconti porno in trenostorie collantracconti erotici negrostoriw pornoscambisti storieracconti porno hardracvonti eroticii generi di racconti inceatoho scopato con mia suoceraraccontieriticiracconti porno incintastori pornostorie ertichestorie di incesti gaystorie cuckracconi pornoracconti erotici.itracconti di fantasie eroticheracconti erotici club privele seghe di mia ziafidanzata esibizionistastorie di straponracconti porno suoraracconti granny