Ricky e i suoi... amici - Capitolo 2

Scritto da , il 2019-11-29, genere gay

Capitolo 2 - Il compleanno
Andò avanti così per circa un anno e pensavo che non sarebbe mai successo niente. Poi accadde quella che pensai potesse ad essere la mia grande opportunità. Davide avrebbe dato una festa per il suo diciassettesimo compleanno e mi chiese di aiutarlo ad organizzarla. Mi suggerì che per aiutarlo a pulire dopo, avrei potuto restare per la notte.

Comunque la festa risultò essere un incubo. Prima di tutto la mamma di Davide invitò dei parenti e non c’era abbastanza spazio per permettermi di restare. Poi a metà serata notai che Davide non era in giro. Andai a cercarlo e lo trovai nel soggiorno a pomiciare con una ragazza che non avevo mai visto prima. Cazzo! Andai in bagno, mi tirai fuori l’uccello e cominciai a strofinarlo con forza e velocemente. Non passò molto prima che sprizzassi sul pavimento. Presi della carta dal rotolo, asciugai dappertutto, poi scesi per le scale distrutto.

Il giorno seguente a calcio ero un po’ nervoso. Mi aspettavo che Davide dicesse qualcosa sulla ragazza con cui aveva flirtato ma la sola cosa che disse fu: ‘Ti sei incazzato alla festa ieri sera, non è vero?’ Io non risposi.

I due giorni successivi furano abbastanza normali. Poi giovedì, tornando a casa dalla scuola, improvvisamente Davide disse: “Puoi farmi un favore, Ricky?
‘Cazzo’Pensai: ‘Vorrà uscire con quella ragazza e vuole che scopra se lei è interessata’ Un po’ nervosamente dissi: “Cosa cazzo vuoi?”
Mentre cominciava a spiegarmelo non potevo credere alla mia fortuna. I suoi genitori sarebbero andati a trovare sua nonna per il fine settimana seguente e sarebbero stati via la notte. Lui non aveva voglia di andare ma i suoi genitori non lo avrebbero lasciato da solo a casa. Potevo chiedere a mia mamma se potevo stare a dormire a casa nostra?

Non vi dico com’ero nervoso mentre aspettavo che mia mamma tornasse a casa quella sera.
Mi tirai fuori l’uccello e cominciai a carezzarlo, poi sentii qualcuno davanti alla porta d’ingresso. Sentii mettere le chiavi nella serratura e mi risistemai prima di correre da lei per porgli la domanda. Lei fece un po’ di casino com’era il suo solito, ma sapevo che alla fine avremmo trovato un accordo perché a lei Davide piaceva. C’era un condizione, tuttavia: uno di noi avrebbe dovuto dormire su un materasso sul pavimento dato che mia sorella sarebbe tornata dall’università e mia mamma non voleva che la sua stanza fosse in disordine.
A stento potevo nascondere la mia eccitazione, quella sera andai a letto presto per potermi segare a lungo e fare i miei piani.

Sabato sera la passai in un pub con alcuni amici. Ci andavamo spesso perché nessuno ci chiedeva l’età e quindi non c’erano problemi ad essere serviti. La maggior parte della sera rimasi ad ascoltare gli altri senza dire una parola. Matteo mi chiese a cosa stavo pensando. Io mi limitai a ridere. Se avesse saputo! Bevvi solo per essere alticcio ma nontroppo. Sapevo per esperienza che bere troppo rendeva difficile avere un’erezione e se avessi avuto qualche possibilità qella notte, non volevo che il mio cazzo mi deludesse.

Tornammo a casa circa a mezzanotte, quando tutti erano a letto ed andammo nella mia camera. Davide andò in bagno per primo e quando io tornai in camera sembrava si fosse già addormentato.
‘Cazzo’ Pensai mentre mi stendevo sul materasso accanto al letto e mi coprivo con la trapunta.
Spensi la lampada di fianco al letto, mi misi di schiena, alzai le ginocchia e cominciai a giocare col mio uccello. Continuavo a guardare verso Davide sperando di vedere del movimento sotto il suo piumone. Dato che mi sembrava che non stesse succedendo niente, decisi di dire qualche cosa: “Davide sei sveglio?”
“Naturalmente!” Fu la replica. Ma quello fu tutto.
“Hai visto quella biondina al pub? Non mi dispiacerebbe affatto conoscerla.”
“Le bionde non sono il mio tipo”
Non capivo cosa stava succedendo, non capivo perché Davide non volesse parlare, di solito era impossibile farlo tacere, ma quello non era tutto, la ragazza con cui stava flirtando alla sua festa era bionda!
Rimasi sdraiato per un po’, nessuno di noi parlava, tentando di capire cosa fare, poi improvvisamente uscii dal letto, senza una parola andai al comò per prendere dei fazzoletti, il mio cazzo era completamente in tiro sotto i boxer blu, e lentamente ritornai a letto.
Davide continuava a tacere. Poi improvvisamente si alzò ed andò alla porta, mormorando qualche cosa a proposito di dover pisciare.
Appena se ne fu andato accesi la luce e mi posizionai in modo di avere una buona visione di lui quando fosse tornato.
Non dovetti aspettare molto e mi fulminò quello che vidi.. il cazzo tendeva i suoi boxer e vidi una macchia bagnata che che poteva essere solo sborra.
“Cazzo, Davide hai della carne pronta” Esclamai sopra pensiero.
“Cosa vuoi dire?” Fu la replica: “Niente più di te, l’ho visto quando ti sei alzato per il fazzoletto.”
“Oh sì! Scommetto che il tuo cazzo è più lungo del mio!”
“Scommettiamo? Beh, il mio è di 18 centimetri e se non ci credi possiamo misurarlo.”
Per un momento rimasi sdraiato in silenzio. Avevo progettato qualche cosa del genere ma non sapevo cosa dire. Poi borbottai qualche cosa tipo: “Devo prendere un righello?”
“Cosa cazzo serve d’altro per misurare?”
Il mio cuore batteva, saltai fuori dal letto e quasi caddi per andare alla scrivania e cominciare a frugare… Quando finalmente ne trovai uno lungo a sufficienza, mi girai e vidi Davide seduto nudo sul lato del letto, l’uccello che puntava in fuori e pulsava nell’aria. Cazzo, che visione! Tremando mi inginocchiai di fronte a lui ed afferrai delicatamente la punta del pene per tenerlo fermo e mise il righello lungo la parte superiore della sua asta.
Lo lasciai là per un po’, poi lo guardai e dissi: “19 centimetri, come il mio.”
Davide sorrise: “Sei sicuro?”
Misi di nuovo il righello, questa volta lasciandolo là un po’ più a lungo: “Sì, sono sicuro.”
Davide sorrise di nuovo: ” Allora è tutto quello che vuoi fare?”

Questa voltae il mio cuore stava battendo così velocemente che io pensai che sarebbe scoppiato. Appoggiai il righello sul pavimento mentre le mie dita cominciavano a muoversi su e giù sull’intera lunghezza del suo uccello. Era la prima che tenevo in mano il cazzo di qualcun’altro e non potevo credere che fosse quello di Davide.

“Sporco bastardo. È veramente figo!” Mormorò lui.
Io non risposi ma continuai a menarglielo.
Dopo un po’ Davide prese delicatamente la mia mano e la tolse dal cazzo.
“Non voglio ancora venire, sporco bastardo. Abbiamo ancora molto tempo. Comunque che mi dici del tuo cazzo? Non posso guardarlo e toccarlo? Via i tuoi boxer.”
Non ebbe bisogno di dirmelo due volte.

Davide misurò il mio cazzo, era un po’ più lungo del suo ma non di molto. Ci sdraiammo sul letto e cominciammo a carezzarci dolcemente l’un l’altro, fermandoci in tempo per non venire troppo presto. Durante ogni pausa chiacchieravamo… parlammo della nostra prima sega, io avevo cominciato circa tre mesi prima di lui e lui mi disse della prima volta che aveva usato del baby oil che aveva trovato in bagno. Gli chiesi se non aveva mai fatto una sega a qualcun altro e lui mi disse che non aveva mai visto prima di allora un ragazzo con un’erezione. Tutto questo durò per circa un’ora. Poi cominciai a sentire il suo cazzo diventare veramente duro e compresi che stava per schizzare.
Cominciò a borbottare: “Sto venendo, brutto bastardo... ah... ah... sto venendo... ah... ah.. Vengo... ah... ah!”
E il suo sperma spizzò in aria per poi ricadere sul suo torace. Io lo seguii molto presto. Ci guardammo e sorridemmo mentre ci pulivamo coi fazzoletti.

Il mattino seguente fummo svegliati da mio papà che bussò alla porta. Ci alzammo ed andammo subito a fare colazione. Non dicemmo nulla della notte precedente e mentre la giornata passava cominciai a pensare che Davide volesse dimenticare tutto. Ma non avevo ragione di preoccuparmi, tornando dalla partita come per caso lui disse: “Voglio vedere se il mio righello è lungo come il tuo, brutto bastardo.
Vogliamo andare a casa mia?”
Scoppiammo a ridere e lui si diede una strizzata all’uccello.
Ma non doveva essere la nostra giornata, avevamo perso a calcio e quando arrivammo nella via di Davide vedemmo la macchina di suo papà. I suoi genitori erano già arrivati e tutto quello che potemmo fare fu andare in camera sua, ma i nostri cazzi rimasero nei pantaloni.

Nelle poche settimane che mancavano a Natale non riuscivamo a tenere le mani lontano uno dall’altro. La maggior parte dei giorni, dopo la scuola, andavamo a casa mia per una veloce sega prima del ritorno di mia mamma. Ci abbassavamo i pantaloni e sparavamo in una calza per evitare di sporcare in giro. Alcune sere andavo da Davide con la scusa che dovevamo discutere dei compiti e ci masturbavamo l’un l’altro nella sua stanza. Una volta abbiamo concordato di incontrarci al cesso durante una lezione di matematica. Poiché lui era in un’altra classe, nessuno poteva accorgersi che eravamo fuori contemporaneamente. Ci masturbammo l’un l’altro in uno degli scomparti e lasciammo la nostra sborra sul pavimento. Chissà cosa sarebbe succello se qualcuno fosse entrato e ci avesse sorpresi! Decidemmo che sarebbe stato meglio non farlo più.

Questo racconto di è stato letto 1 3 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


pompini raccontiracconti iluracconti storie eroticheninfomane raccontiracconti incetuosiracconti chiavatela vacca di mia moglieracconti/eroticiracconti porno famigliaracconti erooticiricatto analeracconti di luluracconti porno cornutisesso con mio nonnoracconti erotici gay bisexracconti erotici lesbicaracconti erotici padreerotici racontiracconti pornoracconti di sesso con animaliracconti di casalingheracconti pormostorie di e per adultiracconti erotici di sessoracconti erotici reali gayracconti piedi gayracconti eroticvistorie di sesso con animaliracconti hot gayti cago in boccaporno racconti incestuosiporno raccontoracconti erotici gay incestoracconti porno miluracconti gay bisexil cazzo di mio nipoteracconti eroticstorie fetish piediracconti sesso gratisracconti erotici sui piedierotci raccontifratello e sorella raccontiincesti racconti verizoofilia cavallimiluraccscopata raccontoracconti erotici femdomracconti porno breviesibizionismo eroticoraccontiannunci69racconti sentimentaliincesto storieraccontihotraconti sessowww.eroticiraccontistorie pronoracconti erotici di cornaracconti erotici erotici raccontiracconti erotici violentataraccontieroticracconti gratis eroticistorie di cornutiracconti di inculateil cazzo di mio nipoteracconti di scambistimadre padronaracconti sesso gratisracconto sessosottomessa raccontichiavo mia madrela prima volta con mia cuginaracconti lesbomeccanico gayerotici taccontii generi dei racconti eroticiraccontiannunci69racconti eroticeracconti erotici di anzianidonne che si fanno inculare dai cani