Invisibile ai suoi occhi

Scritto da , il 2019-11-28, genere etero

Ormai erano parecchi mesi che lavoravo per lui come assistente personale.
Per la precisione otto lunghi mesi. Molti potranno chiedersi “e dov'è il problema?” beh, per molti potrebbe non essere un problema ma per me lo è! Sono invisibile agli occhi del mio capo, non si accorge delle camicette lasciate appositamente con diversi bottoni slacciati in modo da lasciare in bella vista reggiseno e solco fra i seni, gonne troppo corte per lavorare in ufficio, tacchi vertiginosi per attirare la sua attenzione. Ma niente di tutto ciò sembrava funzionare.
Continuavo ad essere invisibile.
I miei lunghi capelli biondi, gli occhi azzurri, labbra per essere scopate come dicevano tutti i miei ex, le gambe lunghe, le natiche sode e.. avrei aggiunto anche le tette, ma ahimè avevo solo una seconda abbondante, ma non abbastanza per riempire una terza.
Quel giorno però, il peso di tutto ciò, si faceva sentire maledettamente. Vuoi che era sabato sera e io ero chiusa con lui nell'edificio dove c'era la sede della sua impresa, vuoi che con l'avvicinarsi del ciclo ero super arrapata e bisognosa di essere scopata. Eppure continuavo ad essere invisibile.
Così decisi di fargli una sorpresa visto che era uscito per fumarsi una sigaretta e sgranchirsi le gambe dopo le lunghe ore di trattative con qualche azienda asiatica.. non ne ero certa. Ero troppo concentrata su di lui e molto poco sul lavoro che stava svolgendo.
Per prima cosa andai in bagno a ripassarmi il trucco, al quale aggiunsi il rossetto rosso, una passata di mascara, un po' di profumo e poi mi liberai degli occhiali riponendoli nella loro custodia. Non avevo problemi di vista, semplicemente dovendo passare tanto tempo attaccata ad uno schermo, i miei occhi finivano con il chiedere pietà.
Finita questa prima parte tornai nel suo ufficio. Avevo ancora una manciata di minuti prima del suo ritorno, maniaco del controllo qual'era – compreso del tempo – le sue pause duravano sempre sempre lo stesso tempo. Non sgarravano nemmeno di mezzo minuto. Mai.
Mi liberai della camicetta che gettai sulla sedia, subito seguita dalla gonna e poi.. mi bloccai con le dita sul perizoma di pizzo nero che indossavo.
Avevo una dannata voglia che me lo strappasse di dosso, che mi lasciasse i segni delle sue dita sulla mia pelle candida mentre si spingeva in me come un animale.

«Amy che stai facendo?»

Mi bloccai di colpo e sollevai il viso, andando così ad incontrare il suo sguardo.
Mi aveva finalmente notato dopo otto mesi, eppure nel suo sguardo non c'era nulla. Continuavo a non essere quello che lui voleva e io mi ero appena.. no, il fondo dovevo ancora toccarlo.

«Per te, ti voglio. Voglio che mi scopi. Sono otto mesi che aspetto. Sto impazzendo e non resisto più.»

Quel tono lamentoso non poteva essere mio, ma c'era anche da dire che mi stava venendo da piangere. Non mi ero mai umiliata tanto e di certo le mutandine con quella chiazza di bagnato non rendevano le cose proprio semplici.

«Per quello che mi riguarda potrai aspettarne anche altri sedici. Rivestiti.»

Altri sedici mesi, ossia i mesi rimanenti del mio contratto firmato otto mesi prima. Abbassai il capo, questa volta sentii qualche lacrima scivolare sulle mie guance. Non si faceva problemi a portarsi a letto le clienti, ma io non rientravo fra le sue preferenze e mai lo sarei stata.
Umiliata raccolsi i miei vestiti e senza perdere tempo ad indossarli, mi precipitai fuori dal suo ufficio per correre in bagno e cercare così di recuperare un po' di contegno. Di certo non potevo prendere un taxi in queste condizioni. E poi avevo bisogno di pensare, pensare al fatto che lunedì mattina, presentarsi qui come se niente fosse, sarebbe stato veramente difficile.


Un paio di ore dopo, nell'appartamento di Amy.

Dopo un bagno caldo e diversi calici di vino rosso ero riuscita a calmarmi e prepararmi per la notte.
Indossai uno dei miei babydol preferiti con le mutandine abbinate, finii di spalmare la mia crema preferita, al profumo di vaniglia, su tutto il corpo.
Intanto ne approfittai per sedermi sul bordo del letto recuperando Philip, il mio amichetto che non mi lasciava mai insoddisfatta. Spensi la luce, pronta a stendermi a letto solo che in quel momento suonò il campanello di casa, seguito da qualche corpo alla porta.
Era tardi, chi era a quell'ora di notte?
Mi vestii alla velocità della luce infilando giusto mutandine e sopra la vestaglia.

«Chi è?»

Chiesi mentre aprivo di poco la porta ritrovandomi il mio capo con i capelli arruffati, la cravatta slacciata che pendeva malamente e le maniche della camicia arrotolate fino ai gomiti.

«Te ne sei andata, in lacrime.»

Senza tanti complimenti si fece largo entrando nel mio appartamento e si chiuse la porta alle spalle. Mi squadrò dalla testa ai piedi soffermandosi poi sulle mie tette che solo in quel momento mi accorsi di avere quasi totalmente fuori. Nella fretta avevo allacciato malamente la vestaglia, tanto che si era già sciolta.

«Vai sempre a dormire così?»

«Com'è che ti interessa cosa indosso per andare a dormire?»

Si avvicinò venendo così ad invadere i miei spazi, non che mi dispiacesse, ma questo era il mio appartamento. Doveva essere il mio posto sicuro, ma in sua presenza, dopo quello che era successo, mi sentivo fin troppo vulnerabile.

«Te ne sei andata senza lasciarmi finire di spiegare. Ho solo detto che non ti avrei scopato ora, non che non lo avrei mai fatto. Vedi..» mi fece scivolare la vestaglia dalle spalle che finì a terra «Tu non sei una ragazza da una botta e via, di quel che vuoi, ma vuoi l'esclusività. Vuoi attenzioni e l'essere ignorata ti fa impazzire.»

«Io..»

Tentai di parlare ma mi zittì con un'occhiataccia, quelle che riservava a chiunque lo deludesse sul lavoro.

«Credi che non abbia mai notato come le gonne si sono accorciate vertiginosamente in questi mesi o quanto siano aumentate le scollature? Per non parlare di quando sistemavi le autoreggenti sperando guardassi nella tua direzione? Beh, ogni volta me lo hai fatto diventare di marmo. Ma resti sempre una mia dipendente.»

«Mi piaci e ti voglio. Non posso farci nulla.»

Lo fissai negli occhi mentre diminuì ulteriormente lo spazio fra di noi. Ormai i miei seni toccavano il suo petto.

«Credi che non abbia notato quel microscopico pezzetto di pizzo fradicio? E scommetto che anche questo lo è già.»

Senza troppi complimenti strattonò le mutandine scostandole di lato e senza troppi complimenti affondo in me con due dita facendomi sussultare.

«Come immaginavo, sei un lago.»

Mosse le dita dentro e fuori, facendomi bagnare ancora di più mentre velocemente portai la mia mano all'altezza della zip. La abbassai e poi slacciai il bottone, andando a liberare il cazzo decisamente duro. Lo massaggiai dal glande, dove raccolsi le prime gocce di liquido preseminale, alla base e poi nuovamente a ritroso.

«E tu ce l'hai veramente di marmo.»

Le nostre mani si muovevano in sincrono, ognuno intento a donare piacere all'altro. In tutto ciò i nostri occhi non si scostarono gli uni dagli altri, ma anzi, studiavano le rispettive reazioni.
Ansimai rumorosamente quando aggiunse un terzo dito rischiando farmi venire seduta stante.

«Quante volte ti sei sditalinata pensando a me?»

Arrossii, lo avevo fatto fin troppe volte. Quasi ogni sera, a parte quando trovavo qualche partner con cui divertirmi e spassarmela per bene. Ma nei miei pensieri c'era comunque lui, non c'era il partner della serata.
Presi a cavalcare le sue dita mentre la mia mano si muoveva sempre più veloce sul suo cazzo man mano che lo sentivo ingrossarsi sempre di più.

«Rispondi a meno che tu non voglia essere sculacciata a dovere.»

«Magari mi piace essere sculacciata e poi cosa ti cambia saperlo? Lo sai benissimo che l'ho fatto e anche per parecchie volte, così come non mi sono limitata ad usare le dita. A un certo punto non bastavano più.»

Senza troppi complimenti mi intrappolò contro l'isola della cucina e scostò la mia mano così da potersi stringere il cazzo nel palmo della mano, accarezzandolo per qualche istante.

«Se non vuoi che ti strappi quelle mutandine ti conviene togliertele.»

Quel tono così autoritario rischiò di farmi venire seduta stante, ma cercai di concentrarmi, mi libera delle mutandine lasciandole cadere a terra.
Con dita tremanti allargai le labbra del mio sesso, gli mostrai quanto fossi fradicia per lui e bisognosa di essere scopata.
A quanto pare però non era interessato a questo. Ancora una volta mi fece voltare senza troppi complimenti e con un ginocchio mi fece allargare le cosce. Mi accarezzò la passera grondante per qualche istante e poi con un'unica stoccata si spinse nella mia vagina fradicia prendendo a martellarmi con spinte veloci e decise e al tempo stesso prese a schiaffeggiarmi le natiche.

«Ohh dio..»

Gemetti inarcandomi mentre i seni si scontravano contro il ripiano ad ogni spinta che mi faceva sobbalzare vista l'irruenza delle spinte.

«Da lunedì mattina senza mutandine e metti sempre delle gonne.»

Non poteva vedermi, ma sulle mie labbra si formò un sorriso enorme. Questo era quello che avevo sempre voluto, finalmente lo avevo ottenuto.
Gemendo sempre più rumorosamente mi abbandonai al piacere e dopo qualche istante la mia passera venne riempita a dismisura dal suo seme.

«Speravo lo dicessi.. ma credo proprio che dovrai accontentarti della mia bocca per cinque giorni..»

Mormorai senza fiato e con il cuore che batteva all'impazzata, ma dopo qualche istante riprese a spingere, strappandomi altri gemiti e urletti di piacere. Sempre che fosse possibile mi sembrava che fosse ancora più duro e grosso di prima.
Questa si che sarebbe stata una fantastica nottata e chissà, magari anche una fantastica mattinata.

Questo racconto di è stato letto 2 1 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


visita medica eroticaracconti zie troiemilù raccracconti cornutocontatti eroticistorie di sesso veroracconti rtoticistorie di inculateracxonti eroticistorie di matureeroticaraccontistorie porno annunci 69hard raccontidonna inculata da cavallolibri eros gratisracconti sexygolosa di spermaracconti amicaracconti erotici sui piediracconto sexycornuti raccontiracconti porno con caniraccontizoofiliaracconti erotici guardoniertici raccontiracconto schiavagenere racconti eroticieroyici raccontiracconti eorticistorie ornoconfessioni cuckracconti hoterotici racvontiracconti erotiiciscopata casarecciabdsm storieyoutube racconti eroticistorie sculacciateraccobti eroticiracconti erotici collantannunci69 .itracconti porno zooracconti eortici69 raccontiinculate atrocimia zia è una porcaracconti erotici mamma figliaracconti piedi maschiliracconti hot gratisracconti erotuiciraccomti 69incesti in casascambio copiaracconti dal dottorestorie lesboracconti suocera troiaracconti erotuciracconti gay nonnoracconti erotriciracconti tabooeracconti eroticimi presti tua mogliefotostorie eroticheracconti saunaracconti lesbo dominazioneracconti porno gratisraconti eroticeracconti erotciracconti di travestitiracconti hard freeracconti erotici la mamma del mio amicostorie eroticiracconto erotico scuolaracconti eoticiracconti erotici genereracconti incesto madre