In caduta verso 11

Scritto da , il 2019-11-28, genere dominazione

Il pomeriggio passò tra shopping e pettegolezzi, quando passammo davanti ad un negozio di articoli sportivi, subito mi venne in mente un perverso gioco, entrai e comprai l’occorrente. Mentre tornavamo alla fortezza mi disse che quella sera sarei diventata donna e che dovevo scegliere chi accogliere nel mio sesso e chi nel buchetto. Domandai se c’era qualche altro uomo ma lei candidamente mi spiegò che avendo partecipato al mio acquisto anche lei aveva diritto a sverginarmi con il suo stap-on.
Perfetto dissi, allora il barone mi scoperà e mi sverginerà mentre tu avrai il mio buchetto tutto per te, appoggiai le mie labbra alle sue, così facendo le nostre bocche si dischiusero e le nostre lingue cominciarono a guizzare le une contro le altre e le mani percorrevano i nostri corpi palpando e strizzando ogni cosa veniva accarezzato.
Arrivati al castello salimmo in camera, Giorgia venne nella mia camera si spogliò e pretese lo stesso da me, poi tuffò la testa tra le mie gambe rovesciandomi sul letto e cominciò a leccarmi avidamente mordicchiandomi il sesso depilato fino a farmi avere un orgasmo abbastanza anonimo, poi fui io a volerla, cominciai a strizzarle le grosse tette strizzandole i capezzoli con tutta la forza che avevo, lei gemeva ogni volta che le schiaffeggiavo violentemente il suo seno che sballonzolava e si tingeva di rosso, lei si eccitava sempre di più, cominciavo a sentire gli umori colare dal suo sesso, poi cominciai a sculacciarla sulle natiche prima con le mani poi con l’aiuto del retro della spazzola di legno, ogni colpo un gridolino mentre il suo culo arrossiva visibilmente. Appoggiai la mano tra le sue cosce ed era letteralmente un mare in tempesta, bagnatissima tanto che rivoli dei suoi umori colavano sulle gambe fino ai polpacci. In quelle condizioni la spinsi sul letto alzai le sue gambe e cominciai a perlustrare la sua figa spalancata con la lingua mentre inserivo due dita nel suo buchetto facendola trasalire. Con grande abilità trovai il suo punto G e cominciai a stuzzicarlo con la mia lingua, mentre spingevo con forza altre due dita nel suo stretto sfintere, lei era in preda ad una eccitazione sconvolgente, la pozza sul copriletto ne dava evidenza mentra dalla bocca mi insultava pesantemente.
Continuai la stimolazione del punto G e ad infierire con le mie dita contro quella scura rosellina che pian piano cedette il passo prima alle mie quattro dita poi al mio palmo, mentre la baronessa emetteva gridolini di dolore, presi coraggio e spinsi dentro anche il mio pollice, provocando un urlo alla povera Giorgia, che inarcando la schiena fece il mio gioco, permettendomi con una ulteriore forte spinta l’inserimento di tutta la mia mano. Lei non aveva più fiato era paonazza mi insultava strillando come un animale ferito, quando con la lingua indugiai ancora sul centro del suo massimo piacere. La baronessa, persi tutti i freni inibitori schiamazzava come una gallina urlando e dimenandosi, io furiosamente ho cominciato a pomparla nel culo, e con la mia bocca le davo piacere che forse non aveva mai provato così intensamente.
Questo gioco al massacro durò parecchi minuti fino a quando prendendomi per i capelli con le mani mi tirò violentemente a se trattenendomi tra le sue gambe. Venne squirtando come una fontana con evidenti spuzzi biancastri e odorosi, mentre le vene del collo si gonfiavano e pulsavano quasi da infarto. La mia mano dentro il suo intestino era letteralmente stritolata dagli spasmi tanto che feci fatica ad estrarla provocando nella baronessa un ulteriore orgasmo squassandola di nuovo. Finiti i copiosi fluidi cominciò a piangere e a singhiozzare in preda a uno stato di profonda depravazione, alzandosi sul letto si abbasso contro il lucido e gigantesco pomolo sferico della parte terminale della gamba del letto, puntandolo direttamente al suo sesso cominciò a calarsi sopra e dopo rantoli di dolore, strilli e pianti la grossa sfera scomparve tra le sue cosce facendo disperare la poveretta per il dolore immenso che provava impalandosi. Non sapevo come calmarla quando dalla porta entrò il barone, aiutandomi sollevammo la baronessa di peso e mentre l’intruso legno usciva portando con se una grossa quantità di umori e sangue, Giorgia urlava per il dolore, non contenta cominciò a sditalinarsi in modo compulsivo e con una mano si schiaffeggiava violentemente il seno facendolo colorire di un bel rosso acceso. Il barone la prese letteralmente a schiaffi fino a che lei riuscì a calmarsi uscendo da quella spirale di depravazione e masochismo incontrollabile.
Calmata e rilassata Giorgia si scusò per aver perso la testa, mentre tornava nella mia stanza, porgendomi un pacchettino rosa con un bel fiocco rosso.
Aperto il pacchettino conteneva un oggetto rosa che non conoscevo.
Vista la mia espressione Giorgia prese l’oggetto e chinandosi tra le mie gambe appoggio come una molla l’oggetto al mio sesso, così facendo la parte larga si posizionò come una piccola mutandina mentre la parte terminale passando tra le grandi labbra si fermava proprio sopra il mio forellino posteriore con una pallina, posizionato mi ordinò di non toglierlo fino a quando non sarebbe stata l’ora..
Alzandosi mi diede un bacio e attivando un piccolo telecomando capii immediatamente cosa faceva quel curioso oggetto. Le vibrazioni sul mio clitoride e lo stuzzichio del mio buchetto mi portarono ad una eccitazione improvvisa. Con un maligno ghigno disse che per tutto il giorno sarei stata mantenuta in uno stato di eccitazione fino alla sera quando tornava il barone.
Così feci, ogni tanto nell’arco della giornata il piccolo congegno mi dava piacere, causandomi sgraditi momenti d’imbarazzo come quando alla cassa del piccolo market, il piccolo oggetto cominciò la sua azione portandomi in pochi istanti ad uno stato di eccitazione improvviso, fortunatamente avevo solo pochi minuti per pagare ed uscire ma furono decisamente difficili. La cassiera mi domandò se stavo bene perché ero diventata rossa paonazza e poi improvvisamente pallidissima. Glissai l’argomento dicendo che avevo il ciclo e così feci cadere l’argomento.
Effettivamente avevo indossato anche un assorbente per contenere le abbondanti secrezioni dovute alla stimolazione e così riuscii a farla franca.
Tornata a casa l’aggeggio infernale non mi dava tregua portandomi ad uno stato di eccitazione costante e per tutto il pomeriggio rimasi in quello stato desiderando solamente di avere un vigoroso orgasmo, negato dall’ordine dei baroni.
Dopo cena il barone mi accompagnò nella mia stanza, appena entrati mi chiese di spogliarmi e di rimanere solo con il masturbatore indossato, così feci, lui si denudò e in una frazione di secondo mi ritrovai il suo cazzone in bocca, distinguevo nettamente il suo membro crescere nella mia bocca ad ogni su e giù diveniva sempre più grosso, “ti piace chiese, per l’occasione ho preso una pillolina che me lo fa diventare molto grosso per aprirti a dovere” a quelle parole lo supplicai di scoparmi all’istante ma lui prendendomi per i capelli mi fece succhiare il suo cazzo fino a infilarmelo tutto in gola, quando tutta la sua verga scomparve dentro la mia bocca con un piccolo suono gutturale esplose nella mia gola con una copiosa quantità di sperma che ingoiai felicemente, ripulii il tutto e con sorpresa notai che l’erezione non diminuiva affatto.
Andammo nella camera da letto dei baroni molto ampia, trovai la baronessa legata ad un trespolo completamente nuda e con le gambe spalancate. Il suo sesso completamente depilato faceva intravedere le grandi labbra dischiuse, un macchinario era posizionato difronte a lei . Il macchinario era un frustatore con una ruota con diverse fasce di plastica dura e lunga da poter colpire facilmente tutto il tratto tra il buchetto e il monte di venere. Il barone azionò la macchina che con schiocchi precisi e ritmici faceva urlare la baronessa, che supplicava il marito a fermare quella prolungata fustigazione della sua tenera e sensibile carne.
Sul letto c’era un cuscino tondo, il barone mi chiese di appoggiare la mia pancia sopra distendendomi, facendo questo sollevai i miei vergini orifizi alla vista del barone, che si mise dietro di me, togliendomi il fastidioso ma eccitantissimo masturbatore che cadde a terra intriso dei miei umori.
Appoggiò la grossa cappella al mio sesso, un brivido mi percorse la schiena, un misto di paura e eccitazione mi pervase, senza preavviso affondò in me come una lama calda nel burro, strappandomi un grido di dolore, mentre un rivolo di caldo sangue colava sulle mie gambe. Il dolore durò pochissimo, forse anche legato alla protratta eccitazione profonda che mi permeava, con un altro colpo secco sentii entrare il grosso membro fino a schiacciarsi contro il fondo della mia cavità, un attimo di tregua, sentivo l’interno di me completamente riempito, un discreto bruciore come un’abrasione proprio dentro il mio sesso provocava la fuoriuscita di lacrime dai miei occhi ma strinsi i denti per sopportare il fastidioso e doloroso intruso. Con movimenti lenti il barone cominciò a muoversi dentro di me, inizialmente il bruciore aumentò, facendomi irrigidire, e versare lacrime tra i mesti singhiozzi, ma dopo poco di quel trattamento il dolore lasciò il posto al piacere, e mentre il grosso cazzo mi stantuffava senza sosta e con ritmo sempre più forte e animalesco io cominciai a godere come non avevo mai fatto o pensato, ad ogni penetrazione mi sentivo scoppiare, le tette erano gonfie e tirate i capezzoli duri da scoppiare la copiosa secrezione colava lungo le gambe godevo come una pazza incitando il barone a sfondarmi completamente, lui martellava nelle mie carni sbattendomi come una cagna in calore, improvvisamente sentii montare dal mio basso ventre un formicolio sempre più intenso che si espandeva in un piacere mai provato, il cazzo del barone cominciò a pulsare e mentre mi abbandonavo ad un devastante orgasmo sentii inondarmi la vagina di un liquido caldissimo con spruzzi in tutte le direzioni. Il barone si accasciò sopra di me, baciandomi teneramente il collo sussurrandomi all’orecchio ”ora sei una vera donna Sara, è stato bellissimo lo spero anche per te” io sconvolta annuii con la testa, pian piano il barone tolse il suo bastone da dentro me lasciando una sensazione di vuoto e di largo mai provato, istintivamente portai le mai sul mio sesso che trovai colante di un misto di sperma, umori e sangue. Indugiai qualche minuto ancora in quella posizione, quando mi voltai la baronessa, liberata dal suo trespolo aveva una evidente striscia rossa bordeaux che l’attraversava, a gambe larghe e con il viso rigato dalle lacrime, si avventò con la bocca sopra i nostri sessi, ripulendoli alternativamente, passava da prendere in bocca il cazzone ancora durissimo del barone a leccarmi e succhiando dal mio sesso spalancato qualsiasi liquido uscisse dalle mie grandi labbra, fu bellissimo e molto eccitante, anche se la lingua della baronessa mi procurava un bruciore ai lati delle piccole labbra, l’eccitazione dentro me cresceva tanto da chiedere al barone di essere scopata nuovamente con vigore. Mi distesero nel lettone in mezzo a loro, il barone sempre con una sorprendente erezione mi fece salire su di lui , la baronessa con una mano prese il grosso uccello del consorte e con l’altra mi allargò il sesso. Io scivolai sopra a quel bastone caldissimo, impalandomi sopra con un gridolino di dolore misto a una profonda goduria, la baronessa ritmava con le sue mani il su e giù del mio bacino mentre il cazzo del barone scompariva ogni volta dentro me, godevo come una pazza inondando di umori filanti il barone, la mano della baronessa si impossessò del mio clitoride sfregandolo energicamente portandomi in pochissimo ad un secondo orgasmo, senza tregua continuarono a scoparmi selvaggiamente ero in estasi godevo e straparlavo dicendo ogni sconcezza mi passava per la mente. La baronessa mi fermò, poi con maestria fece scorrere le sue mani sulle mie cosce, forzando il mio movimento avanti e indietro strusciando così il mio clitoride contro il barone, che goduria, esplosi insieme al barone che per la seconda volta mi riempì senza ritegno, sfilandomi dal quel palo ancora durissimo la baronessa bevve tutto il nettare dissetandosi direttamente dalla mia fonte, mentre io avida e in preda ad una sorte di trance erotico mi avventai sul barone ripulendo l’asta dai nostri umori dolciastri.

Questo racconto di è stato letto 2 0 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porno italianoracconti naturistiracconti hard con animalii generi di racconti inceatoracconti porno tettoneracconto prima volta gayraccontii eroticiracconto erotico transraccont eroticracconti nipotecazzi bruttiquella porca di mia cognataracconti sodomizzatairaccontimiluracconti trasgressioniracconti erotici diraconti eroticoracconti sul sessoracconti erorticiracconti brevi hardracconto erotico 69racconti di donne porchepanerai lauraracc 69racconti erotici vietatistorie di sesso in ufficiogiorgina la troiaracconti per adulti gratismoglie e marito bisexracconti erotici videola monta delle vacche gaystorie pornpracconti chiavateracconti porbogenere dei racconti eroticiracconti erotiverotiche storieracconti erotici diracconti eoticispulpstorie erotiche cuginaracconti porno travestitiricatto analeracconti femdomertici raccontistorie sesso a trefaccio sesso con mammacuckold sottomessiracconti erotici mscambio coppia raccontidal ginecologo raccontiracconti erotici femminileracconti sessracconti erorticiprima esperienza con transraccontie roticiracc69racconti erotici sesso in famigliaracconti di sesso spintoracconti incesto nonnaraccontierfotoracconti pornola mia ragazza esibizionistacornuto e sottomessoprima volta gay raccontogenere racconti eroticiracvonti pornostorie di culi rottimio marito e un cornutoincesti nonna e nipotestorie di sesso incestoracconti hotraccontitradimentiracconti scopate