Sei mesi in Antartide 4

Scritto da , il 2019-11-28, genere incesti

“Pronto, ma'?”
“Ciao, tesoro! Dove sei?”
“Qui giù, ma': al bar in piazzetta. Hai bisogno?”
“No! È che mi sentivo sola e pensavo mi potessi fare un po' di compagnia. Ma non ti preoccupare!”
“Sai, mamma: sono con i miei amici e non so che scusa trovare...”
“Non dirmi che il problema è questo! Puoi semre venire con loro: hanno quasi fatto le tende da noi!”
Mi rispose una risata cristallina, poi:
“Hai ragione! Ma vedi, il fatto è che sono... anzi siamo un po' su di giri e abbiamo bevuto forse una birra di troppo. Non escludo che se venissimo su qulcuno potrebbe non avere il freno a mano tirato!”
“E tu?”
“Io? Io è un pezzo che non tiro il freno quando sto con te?”
“Volevo sapere se ti darebbe fastidio che qualche tuo amico allungasse la mano-”
“Boh! Sai che non ci ho mai pensato?”
“Ipocrita!”
Altra risata.
“No! Non mi darebbe alcun fastidio... anzi!”
“Allora facciamo una cosa: io vado a letto e fingo di dormire. Tu vieni su con i tuoi amici, ti fingi più ubriaco di quel che sei e... Poi fatti venire qualche idea, no?”
“Nessuna idea, mamma! Attacco frontale. Piuttosto prepara un'idea per il dopo!”
Chiuse la conversazione senza aggiungere altro ed io mi preparai alla sceneggiata. Mi spogliai ed andai a letto con il solo perizoma, veramente ridotto, addosso. Credevo che arrivassero dopo pochi minuti, invece tardarono e mi addormentai per davvero. Mi svegliai di soprassalto, presa da una sensazione di freddo, appena in tempo per sentire la voce di mio figlio, che, con tono volutamente alticcio, si rivolgeva ai suoi amici:
“Volevate vedere come dorme la puttana? Accontentati!”
Recitai il mio ruolo sapientemente.
“Fausto! Ti ha dato di volta il cervello?” dissi mentre tiravo su il piumone, avendo cura di coprire il sopra, ma in egual misura scoprire il sotto. “Ragazzi, uscite, per favore!” A loro mi ero rivolto con un tono così dimesso e supplichevole, da alimentare i loro insani propositi, sorretti dall'alcool che girava nelle vene ed offuscava il cervello. E infatti...
“Ma perché, signora? È così bello guardarla. Lei p una strafiga!” cominciò il primo, carezzandomi una caviglia e lasciando che la sua mano risalisse lentamente. Scambiai uno sguardo di intesa con mio figlio e lasciai che continuassero. Le loro mani si impossessarono del mio corpo, che prese a fremere di desiderio.mi trovai presto un cazzo vicino alle labbra. Lo baciai e lo leccai lentamente, prima di accoglierlo nella mia bocca. Un altro mi leccava già, avidamente, il buco del culo e l'ultimo si era impossessato di un mio capezzolo e suggeva con una forza tale da indolenzirmelo. Fausto rimaneva in disparte a guardare la scena: spettatore non pagante, si segava lentamente e mi osservava con uno sguardo complice e protettivo. Ero sicura che, se qualcuno avesse ecceduto nei suoi comportamenti, lui sarebbe intervenuto. Questo mi rendeva tranquilla e potevo gustarmi in pace il mio primo rapporto multiplo. Chi lo avrebbe detto, solo 4 mesi prima?
Chi mi leccava l culo, dovette credere che fosse abbastanza lubrificato per ricevere il cazzo. Così mi sentii penetrare, lentamente, ma con decisione. Non ebbi alcuna difficoltà: il mio sfintere, allenato a prendere il cazzo di Fausto fece scivolare dolcemente quel membro, decisamente meno grosso e nodoso. Anche quello che mi succhiava il seno mi presentò il suo biglietto da visita, unendo la sua cappella a quella dell'amico che mi scopava letteralmente in bocca. Io mi mantenevo passiva, ma non perché non provassi piacere: era la conclusione di qualcosa che, in mente mia, ma anche in quella di Fausto, avevamo costruito in quei lunghi mesi in cui mi ero industriata a sedurli e stimolarmi con un gioco di vedo non vedo sempre più spinto. Avevo capito presto dove volesse portarmi mio figlio, anche se avevo finto di trovare enigmatiche le sue asserzioni.
Se lo volevo? Credo di sì! Proprio come volevo che mio figlio ci provasse e diventasse il mio amante: era un percorso verso la trasgressione che si trasformava da pensiero di lunghi anni in azione concreta e sempre più audace.
Il cazzo che mi fotteva nel culo si spostò repentinamente nella mia figa ed uno dei due che succhiavo ne approfittò per attanarsi lì. Avevo un cazzo nella figa, uno nel culo ed uno in bocca; più un altro il cui intervento avrei potuto invocare in qualsiasi momento. Mi sentivo davvero una puttana ed avrei voluto gridarlo, ma il mio piano mi imponeva di rimanere silente e fintamente succube, come vittima delle loro voglie. Dovevano credere di essere cacciatori, quando invece erano loro le nostre prede: mie e di Fausto.
Avevano un modo di scopare selvaggio, a tratti volgare, ma non del tutto inefficace. Ebbi l'orgasmo prima che loro arrivassero. Non fu un orgasmo come quelli che sapeva regalarmi mio figlio, non ugualmente intenso, devastante, ma sempre orgasmo era. È, tutto sommato, mi lasciava in condizione di continuare a scopare senza interruzione. In altre parole non avevo quel mezzo svenimento che ogni orgasmo procuratomi da Fausto mi causava.
Mi vennero tutti sulla faccia, riempiendo il mio volto di brodo caldo e viscoso, che scivolava lentamente, posandosi sulle mie labbra e su ogni piccola insenatura che la mia pelle offrisse.
Fausto li fece rivestire in fretta e li mandò via.
“Ora a noi due, signorino! Ora mi scopi come sai fare solo tu e senza neanche che mi sia ripulita!”
Non ci fu bisogno di insistere e la sua foga mi raccontava di quanto gli fosse piaciuto lo spettacolo. Mi fece svenire due volte e quando mi lasciò ero allo stremo delle forze, con una tempesta nella mente di sensazioni nuove ed irrinunciabili. Ora veniva il bello!

L'indomani Fausto portò i suoi amici a casa: tenevano lo sguardo basso e l'aria dimessa. Pensai che non fosse stato facile per mio figlio convincerli a salire su. Pensai anche che fosse inutile aspettare da loro la prima mossa e che, anzi, se l'avessero fatta, sarebbe stata inappropriata a l'obiettivo mio e di mio figlio. Così ruppi il ghiaccio ed affrontai il discorso, non prima di aver esibito sapientemente la mia figa al loro sguardo, divaricando le gambe stando seduta proprio di fronte a loro. Credo che se ne accorsero, anche se continuavano a fissare il pavimento.
“Eravate davvero ubriachi, ieri sera?”
“Sì, signora! Noi...”
“Quindi avete fatto qualcosa che non avreste mai voluto fare? Avete violentato una donna che neanche vi piace, che non vi stimola?”
“Sì... Cioè no! Insomma....”
“Vi va se la mettiamo così? È successo qualcosa di inaspettato, di improbabile in condizioni normali. Ma che, in fin dei conti, è piaciuto a tutti, no?”
“Anche a lei?”
“Beh, sì! Devo ammetterlo che per un po' ero arrabbiata, ma poi ho pensato che dovevo esserlo di più con Fausto. Lo amo troppo per essere arrabbiata con lui. E voi siete stati bravi: sapete far felice una donna. Quindi, tornando al punto, se siamo tutti d'accordo, ieri è stata solo la prima di tante volte. Ma fuori non deve uscire nulla del nostro segreto!”

Questo racconto di è stato letto 6 0 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti eoritcistorie eoticheraccontierotracconti amatoriali eroticiraccont eroticraccontipornograficirac erotracconti pronoracconti di milu'raqcconti eroticierotico spintocornuti umiliatiracconti di milu dominazioneraccnti pornoracconti erotici neriracconti gay hotporno racontiracconti prime volteinculami papàracconti pormoracconti sesso transraccnti pornoerotic raccontiracconti bdsm gayracconti erotici incesti gayracconti tettoneraccontifetishpompino sotto al tavoloraccontierticicognata provocanteracconti di scambio di coppieracconti brevi hardracconti eroticiùracconti sottomessaracconti erotici clisteriracconti erotici suppostesi scopa un cavallostorie pornmarito schiavo raccontiporno racconti 69racconti spankingraccpnti eroticiracconti perizomaracconti reali gaygeneri racconti eroticiracconti erotici mamma figliascovolinaraconti erotici gaystorie erotiche videofrocettostorie erracconti di maluvicina tettonaracconti porno incintascambi di coppia raccontiracconti di mamme incestuoseero raccracconti sesso oraleracc milumilu raccontoracconti erotici.itracconti di esibizionismoracconti porno con caniracconti prime segheracconti erotici estetistaho sverginato mia figlianonna e nipote incestoracconti doppia penetrazioneracconti sporchiracconti hard incestoa69 raccontiracconti pororacconri erotici69 racconti eroticiracconti gay dominazionestorie potnoracconti erotici in campeggioracconti erotici prime volteracconti sottomessai raccontidi miluracconti.pornoracontieroticiracconti eroiticiracconti picantisculacciate raccontierotici racvontistorie hard gratisracconti adultistorie erotiche gratisracconti eroticiracontieroticihard storieracconti erotici figliaracconti transgenderracconti erotici vecchiracconti dominazione transracconri eroticiracconti erotici matureracconti zoccoleracconti porno amica