Sacrificio di un marito

Scritto da , il 2019-11-28, genere incesti

Salve ragazzi, scusate l’assenza ma è stata una estate un po’ complicata.
Mio marito si è fatto male scivolando sul bordo della piscina, rompendosi una anca e lesionando il ginocchio, ma ora tutto ok e pronta per raccontarvi nuove avventure.


La prossima avventura riguarda proprio l’incidente di mio marito, per i primi giorni tra visite ed operazioni, tutta la mia giornata era concentrata su di lui e sul lavoro ed è stata una delle prime volte che a causa di forze maggiori, come è giusto che sia, il sesso è passato a piani inferiori. Dopo tutto il trambusto è tornato a casa per la riabilitazione e la situazione era che doveva stare steso a letto e zero affaticamenti. Ciò che era peggio è che il mio amato marito non riusciva a muoversi dal dolore e per una coppia maiala come noi dopo un arco di tempo può diventare un problema serio. Questo però ci ha un po’ riscoperti, per noi l’amore non era solo il sesso ovvio, anche il stare assieme e stringerci era fantastico, sembrava essere ritornati ragazzi, ci baciavamo ed il massimo che riuscivamo a fare era un 69, che ovviamente per riprendere i ritmi nostri, lo facevamo ogni mattina ed ogni sera.
Lui mi scopava con la lingua e con la mano mentre io mi davo da fare con la mia bocca ed i miei seni, mi faceva godere, ma potete capire che l’assenza di cazzo iniziava a farsi sentire. Ma comunque per me la cosa più importante era la sua salute in quel momento. Un giorno però quasi a 2 settimane dall’incidente ci fu una svolta.

Appena arrivata a casa, entrai nel sotterraneo con l’auto in garage, la spensi e scesi. Vidi mio nipote davide scendere dalla discesa che avevo appena fatto e venire verso di me
Io:’amore ciao come stai?’
Davide:’ciao ziaaaaaaaaaaa....benissimo grazie’
Io:’che ci fai qui amore? Vieni che ti do due baci’
davide appena mi arrivo di fianco mi mise la mano dietro la testa, portando la mia bocca al sua. Le nostre lingue si avvinghiarono tra di loro, durò circa 10 secondi, poi si stacco e tenendo sempre la mano dietro la mia testa mi disse
Davide:’siamo venuti a salutarti zia, adesso bacia lui’
Mi spinse la testa verso giu, aveva gia il cazzo fuori e pulsante, tutto eccitato
Io:’ahahahahaha maiale sei proprio del sangue mio ‘
mi inginocchiai a terra mentre lui si appoggio all’auto ed iniziai un pompino con i fiocchi, iniziai con qualche bacio alla punta, poi passai sull’asta con la lingua per tornare sulla punta, presi a massaggiargli le palle
Davide:’mmm zia sei sempre la migliore, mmm dai....sssiiii...’
mi riprese la testa tra le mani e mi spinse il cazzo in gola
Davide:’succhiamelo ora zia’
inizio a scoparmi in gola, appena mi lasciava la testa, io lo facevo uscire e con la lingua gli leccavo l’asta e le palle, e poi lui subito di nuovo tornava a mettermelo in bocca ed a comandare la situazione.
Davide:’mmm si zia mia, dai che ti vengo in gola porca....continua a succhiare dai, ti piace il cazzo e troia....dai si continua mmmmmmm’
Continuai a farmi scopare in bocca finche non mi sentii tenere con entrambe le mani la nuca
Davide:’ cazzo zia si vengo siiiiiiiii.....aaaaahhhhhh ingoiaaaaaaaaa’
Mi scarico una buona quantità di sborra direttamente dentro in gola
Mi lascio la testa
Davide:’ cazzo zia sei sempre la miglior pompinara che conosco’
Io non gli risposi, non staccai mai la bocca dal suo cazzo, continuai a far roteare la mia lingua con dolcezza, finche non si ritirò un po’, poi sempre succhiandolo iniziai con la mano a massaggiare le palle e segarlo un po’
Davide:’ si troia continua che cosi che ti monto immediatamente, dai zia’
Ed infatti la sua giovane eta diede subito i frutti sperati, torno dopo solo un minuto ad avere il membro duro e pulsante
Davide:’mmmm alzati zia basta, è da troppo tempo che voglio scoparti, non posso riempirti ancora la gola’
io:’ahahahahah porco dai qui in garage’
Davide mi fece alzare ed appoggiare con il corpo ed il viso al muro davanti a noi, alzo il mio piccolo vestitino blu
Davide:’mmmm zia sento già l’odore della tua passera, cazzo che voglia’
e mi penetro in un sol colpo
Io:’mmm dai tesoro’
davide:’hai voglia di cazzo è zia???’
io:’non sai quanto piccolo mio’
Davide inizio a scoparmi con foga, io mi staccai dal muro, tenendo sempre le braccia distese in avanti e le mani appoggiate ad esso. Lui subito mi tiro giu la scollatura del vestitino facendo uscire il seno e si aggrappo con ambe due le mani alle tette, iniziando a sbattermi a piu non posso
Io:’uuuu amore si cosi dai, di piu amore di zia’
davide:’ti piace zia è? Cazzo te lo faccio arrivare allo stomaco troia, ti sbatto a piu non posso, anzi’
lo fece uscire e di colpo lo fece entrare nel sedere
Io:’bravo amore si’
davide:’ecco zia ora ti sbatto il culo da troia che hai. Ti mancava il cazzo da quando lo zio si è fatto male eh? Zia ti monto io giorno e notte, una puttana come te ha bisogno di essere goduta e fatta godere. Ti piace forte e tutto nel culo troia?’
io:’non sai quanto amore mio, dai si continua, porco, era da troppo che non godevo, continua siiiii...’
davide:’tranquilla che ora ci sono io zia, TOH, ti piace, TOH prendi tutto il mio cazzo, mmm sei una cavalla da monta mmmmm’
io:’continua amore, guai a te se sborri’
davide:’no zia, sto per venire aaaa’
io:’amore no resisti’
iniziai a spingere il sedere contro di lui per sentirlo sempre piu forte, lui al culmine mi prese per i fianchi e mi diede gli ultimi 5 colpi fortissimi per poi scaricare tutto dentro al mio sedere, questi colpi per fortuna ed un mio massaggino alla patata mi portarono a godere
Io:’aaahahah si ecco si,mmmmmmmm’
davide:’si zia vengo si AH AH AH AH AH’
si accasciò alla mia schiena rimettendo le mani sul mio seno per qualche secondo, poi ritrasse il suo uccello dal mio ano e mi diede una mano a ricompormi
Davide:’ zia non so come ho fatto a vivere senza di te, aspetta fammele baciare un attimo’
e mi prese le tette in mano succhiandomi i capezzoli
Io:’amore mio grazie a te, non sai che arretrati ho da quando tuo zio si è fatto male’
davide:’zia non chiedo altro di poterti scopare tutti i giorni’
io:’vai a casa ora porco lazzarone, altrimenti poi ti violento io ahahaahah’
davide:’ah si, e come faresti?’
io diedi una scrollata con le spalle facendo ballare tutta la mia settima misura
Io:’ti tramortisco dandoti un colpo con queste ahahaahahahahah, anche se non ce ne bisogno porco, non vedresti l’ora tu’
davide:’altro che violentarmi, sono a tua disposizione zia aahahahaha....zia io ora vado se hai bisogno di qualcosa o del mio cazzo chiamami altrimenti sappi che domani sera appena scendi dall’auto te lo ritrovi gia davanti’
io:’ma davide sai che sono tua zia?’
davide:’si ma sei anche una troia che ama il cazzo del nipote ed il nipote muore dalle seghe per la zia ahahahaha’
io:’ahahahahahahaha ciao piccolo mio’
davide:’ciao zia’
io presi le scale per salire e lui se ne torno a casa.
Appena entrai feci finta di nulla, presi la cena e la portai su da mio marito che ovviamente era a letto. Mangiammo assieme e parlammo della sua salute, delle visite da fare e di come procedeva il nostro lavoro, poi gli diedi la medicina e scesi per andare a fare la doccia.
Entrai in bagno, subito mi tolsi il vestito e mi misi davanti allo specchio a struccarmi, quando sentii il portone di casa aprirsi
Luca”:maaaaaaaa’
io:’amore sono in bagno’
mio figlio mi raggiunse e trovo la porta aperta ed io nuda messa di fianco alla sua visuale
Luca:’ ciao mamma come va? Papa?’
io:’bene amore grazie, papa a letto gli ho appena dato la medicina. Tu tutto ok?’
luca:’si si tutto ok, mia sorella?’
io:’da marco’
luca:’ok, vado in camera’
se ne andò ed io come nulla fosse continua a struccarmi, dopo meno di 5 minuti lo sentii riscendere, mi raggiunse in bagno ed in silenzio venne dietro di me, era nudo, mi mise le mani ai fianchi ed inizio a strusciare il suo membro duro in mezzo alle mie natiche
Io:’mmm tesoro.....ma che avete tutti stasera?’
luca:‘ mamma...mmmm...ci sono io qui per te ora’
Iniziai allora a muovere il mio sedere a destra e sinistra, volevo sentire tutta l’eccitazione che provocavo a mio figlio, poi lui si chinò ed io allargai un po’ le cosce, inizia a sentire le sue labbra e la sua lingua sulla mia passerina, era voglioso, me la mangiava nel vero senso della parola
Io:’mmm amore si....mmmm che ti prende stasera? Aaaaaaaaahhhhhhhhhh, hai voglia di far due coccole alla mamma? Ti ricordi l’ultima volta che eravamo in questa posizione nel bagno sopra?
Luca si alzo:’ e chi se la dimentica, ma ora voglio godermela a pieno, altro che coccole mamma, ti scopo proprio’
io:’uuuuuu piccolo mio’
luca prese il suo cazzo in mano e me lo pianto proprio dentro con forza
Io:’uuuu luca, che modi son questi’
mi prese il seno tra le mani:‘ i modi giusti per montare una mamma strafica e troia, ci penso io ora a riempire la tua figa ’
inizio a fottermi con veemenza, i suoi colpi erano di una ottima forza e ritmo, lo sentivo scorrere verso fuori e riempirmi subito, la mia settima misura era immobile, bloccata dentro quelle mani, aperte il piu possibile, che provavano a stringere piu tetta potessero
Luca:’mamma cazzo che tettone, sssiiiiii.....mmmmm...si lo senti, senti tuo figlio che ti monta? È tutta oggi che ti sogno’
Io:’si amore di mamma, si ti sento, continua tesoro dai cosi, forte amore, di piu......ah ah ah ah ah ah ah....non ti fermare ti prego continua’
luca:’no mamma, ti voglio riempire in ogni dove, troia che non sei altro’
Sposto le mani e mi blocco ai fianchi per iniziare a sbattermi, voleva farmi male, farmi morire di piacere. Quel cazzo mi stava dando un piacere spaventoso, soprattutto a causa dell’incidente di mio marito e quindi del mio molto sesso arretrato. Mi stava facendo sentire tutta la sua voglia, tutto il suo corpo che sbatteva fortissimo a me, ed io di conseguenza mi sentivo una gran troia, vogliosa di godere del cazzone del figlio.
Ad un certo punto si blocco :’girati e succhialo un po’ dai’
io mi girai e scherzando gli dissi:’tesoro io pero dovevo farmi la doccia’
lui mi prese con tutte e due le mani le spalle e mi spinse verso il basso
Luca:’succhiami il cazzo troia dai che ho una voglia pazzesca’
io iniziai a succhiargli il membro, ma questo servizio durò poco, la sua voglia era troppo grande, mi fece alzare, con una mano iniziò a masturbarmi con forza la figa e contemporaneamente si aggrappo con la bocca al mio seno
Luca:’mamma che tette che hai, sono un sogno, soprattutto quando ti vesti da troia con le tettone di fuori per far eccitare tutti in giro,mmmmmm sei proprio una puttana’
Io non riuscivo a rispondere, stavo godendo moltissimo, stavo quasi per venire
Io:’si continua porco, si dai, si, ah ah ah ah ah aaaahhhhhhh...............porco mi hai fatto venire’
Gli presi con forza il viso in mano e lo baciai, le nostre lingue iniziarono a toccarsi in continuazione, poi lui si stacco e mi fece girare di nuovo
Io:’dai luca datti da fare, che la mamma stasera si sente particolarmente vogliosa di essere sbattuta’
Luca:‘ certo mamma, sono appena venuto in bocca ad una tipa apposta per durare di piu con te, adesso però dammi il culo’
Io:’ porco che non sei altro, usi le altre per durare di più con me ahaahahahahahahaha. Spero almeno ti sia piaciuto?’
Luca:’ si ma immaginavo fossi tu con la bocca, ma non è esperta come te’
Prese il suo cazzo e me lo sbatte nel sedere tutto
Io:’mmmmmmmmmmmmmmmm..........aaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh’
Luca:’ ecco finalmente, si che goduria’
Inizio un avanti indietro con calma, per farmi adattare e per farmi sentire tutta la sua grandezza che entrava ed usciva
Io:’ piccolo mio che hai? Hai paura di romperlo? Dai su spingi.....’
Luca:’ ah ok mamma tieni questi allora’
E riprese ad aggrapparsi ai miei fianchi e scoparmi con forza, quasi ferito nell’animo per avergli detto io di spingere.
Luca:’ mamma quanti cazzi hai preso nel culo è? Sei larga, sei una Troia, e sappi che è stato papà a dirmi di romperti e scoparti sempre appena avevo l’occasione perché lui non può’
Io:’ immaginavo, che porco che è tuo padre, si ho bisogno di scopare tutti i giorni, non c’è nulla di più bello di un cazzo pulsante che mi sbatte....mmmmm si continua amore di mamma, dai tutto si tutto quanto’
I colpi erano talmente forti che sentivo le ossa del suo bacino sbattermi nel sedere. Ero in estasi, il porco di mio marito aveva organizzato tutto per soddisfare le voglie della troia di moglie che sono.
Dopo 10 minuti cosi, mio figlio si stacco da me e si mise a terra, io già intuì, infatti mi sedetti su di lui e mi impalai riempendomi la passera e mi piegai verso di lui con il busto avvicinandogli il seno al viso
Io:’ ecco tesoro bevi un po’ di latte finche la mamma gioca con il palo’
Lui inizio subito a succhiarmi i capezzoli ma non parlava perché era al limite del godimento, mentre io inizia a ballare avanti ed indietro con il sedere sul suo cazzo, finche in preda ad un altro mio godimento, cominciai a far leva sulle ginocchia, mi misi dritta con il busto e mi sbattevo da sola su di lui saltando con forza sopra al suo uccello.
Vedere io che mi scopavo con forza e la mia settima misura che andava ovunque, era troppo per lui, infatti dopo pochi minuti mi fece levare, si alzo e mi mise il cazzo in direzione della bocca
Luca:’ mamma vengo, mamma si vengo vieni ed esci la lingua, mmmmmmmm AAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHH’
io subito aprii la bocca e feci uscire la lingua, mentre lui mi appoggio la cappella su di essa per riversarmi tutto il suo caldo amore in gola. Uscirono 4 bellissimi getti di sborra calda. Appena ebbe finito mi staccai con la bocca e gli feci vedere la lingua piena di sperma, la chiusi, deglutii e poi gli riaprii la bocca per far vedere che avevo ingoiato tutto come la più troia delle pornostars
Luca:’ mamma sei una troia fenomenale’
Io:’ grazie amore ma anche tu sei stato fantastico, bravo. Fai la doccia con mamma?’
Luca:’ no mamma altrimenti mi tocca scoparti di nuovo’
Io:’ mmmmm magari ahaahahahahah’
Luca:’ no mamma scusa ma sono stremato dalla giornata e da te. Domani devo alzarmi presto anche, ma domani preparati perché appena torno vengo in cerca di te’
Io:’ tranquillo amore che mi farò trovare sicuramente ahahahahahah’
Mio figlio si fece il bidet e sali in camera mentre io mi lavai mi misi una striminzita vestaglina e salii da mio marito, era nel dormiveglia, allora mi sistemai sotto il lenzuolo, cercai il suo membro con le mani ed inizia a masturbarlo
Marito:’ mmmmmm amore, che c’è? Non ti sono bastati i ragazzi?’
Io:’ amore mio sai che nessuno mi soddisfa come te. Grazie per quello che hai fatto, sei davvero il mio unico grande amore’
Marito:’ amore mio, io ora non riesco a far nulla se non a godere della tua bocca,ma non voglio che tu debba sopportare l’assenza di cazzo per colpa mia, assatanata come sei poi ahahahaahahahah. Ci penseranno i ragazzi a te per ora, finche non torno in forza, ora però avete goduto tutti, ti sentivo urlare nel bagno con luca ed a me chi ci pensa?’
Io:’ già so a chi ti riferisci brutto porco aahahahahahahahaha, sai che ci sono sempre io pronta per te’
Li lo baciai in bocca e poi scesi per fargli il classico pompino serale.


Spero la mia vita vi ecciti, un bacione da Margherita
Smack

Questo racconto di è stato letto 1 2 5 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici.rscconti pornoracconti potnodonna sodomizzataracconti sesso incestiwww.eroticiracconti.itraccontu pornodonne montate da animaliracconti erotici zoofiliastorie porno realidonne che fottono con animalieroticiraccontraccontini eroticimia mamma è una troiasex professoressaracconti erotici footjobsuocere raccontidonna inculata da un cavallocane inculatoracconti prima esperienzastorie eroticheannunci69raccontiracconti porno masturbazionestorie di miluracconti mogli zoccolele cosce di mia ziaerotici racconti.itrscconti eroticiracconti hard mammaho scopato con mia suoceraracconto incestovu cumpra pornoracc milustorie di sesso analeti cago in boccaracconti nudiracconti erotici farfallinaracconti erticiracconti camionistiracconti tramplingracvonti pornoa69 racceacconti eroticiraccpnti eroticidilatare anostorie pornracconti zozzistorie eroticheracconti hard incestipiccola pompinaramammecalderacconto di miluracconti erotici cornutoannusami i piediracconti veri incestipompini di malenaracconti naturistiracconti erotici estetistaracconti erotici africaracconti erotickeroti raccontinonno incula nipote gayraccolta racconti eroticistorie etoticheracconti incestuosi realiravconti pornoeroticraccontiracconti erotici figlioho inculato mammaracconti erotici castrazioneracconti picantierotici racconti 69racconti erpticivecchie incestuoseultimi racconti eroticiracconti gay eroticicornuti consapevoliporno italiano storieracconti cuckolds