Valentina ripetizioni 24

Scritto da , il 2019-11-26, genere dominazione

Valentina 24
Da schiava a padrona, il cammino e breve... Tornata a casa, dopo quella favolosa festa in mio onore, passata al casolare... anche se ero sfinita, subito volli far sapere ad Angela cosa mi era successo... accenai qualcosa ma crollai dalla stanchezza, il mattino seguente mi arriva un messaggio da Angela, "Amore probabilmente domani non vengo a scuola sto poco bene, ma ho una voglia matta di vederti..." Me né arriva subito un altro, "Amore perché nel pomeriggio non vieni a casa mia cosi mi finisci di raccontare quello che ti e successo al casolare..." gli rispondo subito, che siccome i miei andavano a trovare dei parenti fuori città, stavo a casa da sola. Ero libera tutto ili giorno... se li avrebbe fatto piacere, mi avrei fatto una doccia e in una mezzoretta sarei stata subito da lei, immediatamente mi rispose. "Amore ti sto preparando il caffè ti aspetto." Mi feci una doccia bollente per togliermi tutti i postumi della serata al casolare... indossai le prime cose che trovai, pantacollant grigio e una felpa, che subito ero in strada ad aspettare il pulman. In un battibaleno mi ritrovai a suonare il campanello della porta di Angela. Mi fece entrare,chiusa la porta, mi abbraccio forte e mi stampo un bacio sulle labbra. Mi prese per mano e mi condusse in cucina, "Amore il caffè e pronto, avevo tanta voglia di vederti e stare insieme a te...allora vuol dire che puoi stare tutto il giorno con me?" Risposi di si, prendemo il caffè e decidemmo cosa preparare per il pranzo. "Amore ti stanno benissimo questi pantacollant, io gli indosso solo quando vado in palestra, dai raccontami com'è andata ieri sera, ti sei divertita?" Gli raccontai per filo e per segno di quello che avevo fatto al casolare... anche se avevo il culo rosso dalle frustate, i capezzoli ancora che mi facevano male, e le labbra della figa ancora gonfie, mi era piaciuto e mi ero divertita tantissimo... "Amore a volte il ruolo da schiavetta e anche questo, un po di sofferenza la devi subire... dai vieni che in camera ho un po di crema lenitiva, ti rinfresca un po...” andammo in camera, e inizia a spogliarmi, mi toglie la felpa, martoriati dalle pinzette e dalle mollette, la sera prima, i capezzoloni e le areole sono ancora violacei, appoggia le labbra sui capezzoli una piuma, e me li bacia delicatamente, un sollievo... appena li sfiora dolcemente con la punta della lingua, il mio corpo viene scosso da una piccola scossa elettrica, i capezzoli inziano a ingrossarsi e a farmi un po male, ma la lingua di Angela e deliziosa, mi piace tantissimo... la mia figa né risente... il pantacollant in mezzo alle gambe cambia colore, Angela lo nota e mette le mani sui miei fianchi e incomincia ad abbassarmi il pantacollant piano piano perché non portavo le mutandine e il pantacollant era penetrato nella fessura delle grandi labbra gonfie... "Amore vedo che i miei baci fanno effetto... anchio ho voglia..." gli metto la mano in mezzo le gambe, anche gli slip di Angela sono già fradici... inizia con la punta della lingua delicatamente ad accarezzarmi le grandi labbra... gli sbottono la camicia e gli bacio il seno inizio a succhiarli i capezzoli, e con la stoffa degli slip gli masturbo delicamente il clitoride, gli slip sono zuppi di umori, glieli sfilo, mi abbasso e con la lingua inizio a giocherellare con il clitoride, la scavalco con la gamba, e le piazzo la figa sulla bocca, iniziamo in un lento piacevolissino e godurioso, sessantanove.... l'orgasmo e quasi simultaneo, abbiamo le bocche impiastricciate dei nostri umori... automaticamente le lingue s'incontrano e sintrecciano nelle nostre bocche... un bacio tenero, lento, profondo, umido, sensuale, lungo, lungo, lungo ed ancora lungo. Restammo così ad intrecciare lentamente le nostre lingue per almeno dieci minuti, ma fu un momento fantastico. Mi sdraiai e giacendo su un fianco allargai le cosce. Lei distesa sul dorso a cosce divaricate entrò tra le mie. Le nostre fighe ora erano a contatto. Percepivo i peli della sua che strofinavano nella mia. Il contatto ci mandò in estasi. In breve strofinavamo le nostre fighe con un tale voluttà che le labbra dell’una si insinuavano nelle labbra dell’altra. I nostri umori ripresero a fuoriuscire. Nuovamente ci ritrovammo ad ansimare. Godevamo tutte e due come cagne in calore... prendemmo un po fiato, per modo di dire... ci mettemmo in ginocchio tutte e due sul letto, ma le nostre bocche come calamite, si unirono di nuovamente, poi mi prende la testa se la porta in mezzo al seno, inizio a leccarlo e strizzare i capezzoli durissimi, lo palpo e lei mi tiene sempre la testa tra le mani, mi sento un vero fiume in piena.
Mi spinge facendomi cadere di nuovo sul letto, finisco sdraiata, torna con la lingua a leccarmi la figa, con le unghie me le passa sul corpo graffiandomi, questa cosa mi fa impazzire, con una mano mi accarezza il pelo premendo e passando avanti e indietro, mi fa girare mettendomi a pancia sotto, sento la sua lingua passarmi sulla schiena e ancora sono brividi, sto colando come un rubinetto, è la prima volta che mi sento in queste condizioni, mi massaggia le spalle, arriva con la lingua a leccarmi e baciare l’orecchio, sussurrandomi “Ti amo Vale, non svegliarmi da questo sogno, lasciami fare...”
gli dico che non ho nessuna intenzione di farla smettere, mi sta facendo impazzire...
Mi bacia ancora sulla guancia, giro la testa e le lingue s’incontrano, ci baciamo profondamente, poi ritorna a dedicarsi alla mia schiena, mi fa alzare il bacino, ora è a contatto con il suo sesso, si strofina sul mio culetto, sento il seno passare sulla schiena soffermandosi sul culetto, i capezzoli sembrano pezzi di ferro rovente, ora con la lingua inizia a leccarmi il culetto,mi allarga le chiappe leccandomi, leccandomi ancora inizia a passare la figa sulla mia coscia, mi palpa il culetto e si struscia, si sta letteralmente strofinandosi la figa sulla mio sedere, formidabile, giro la testa e la vedo con gli occhi chiusi e con la lingua se la passa tra le labbra, Poco dopo mi fa girare di nuovo e con molto piacere mi allarga le gambe e inizia a leccarmi intorno alla figa, quando sento la punta della lingua tintillarmi il clitoride, do un urlo, le presi la testa e con un po di violenza me la portai in mezzo alle gambe, con molto piacere lei tirò tutta fuori la lingua leccandomi e succhiandomi. Mentre leccava, provò a infilare un dito, se lo portò alla bocca bagnandolo e poi me ne infilò due, mi scopava e leccava, sentivo le sue dita lunghe entrarmi scopandomi per bene,in modo in cui le usava, era spaventosamente piacevole, le faceva roteare mentre le muoveva , poi aggiunta la lingua era una cosa formidabile, non resistetti, un altro orgasmo la fa impazzire, escono un paio di spruzzi, lasciandola di stucco, “Amore non sapevo che squirtavi, sei formidabile, eccitante,”
gli dico che questo è un mio pregio e ne vado matta, perdonami se ti ho bagnato la faccia e i capelli, ma mi stai facendo impazzire non ho resistito... Porta le dita alla mia bocca, infilandomele dentro, le succhio e lei si avvicina con la lingua di fuori, mi lecca e insieme le succhiamo... li tocco la figa , come ben speravo, è un lago, inizio a giocare con il clitoride, lei esclama
“Amore Leccamela ti prego.” le apro le grandi labbra cominciando a leccarmela. La lingua saliva e scendeva e con il naso stuzzicavo il clitoride facendola impazzire di desiderio. Decisi di penetrarla, iniziai a mettere la lingua nella figa ormai fradicia, mi si apriva come il burro, provai con un dito le piaceva mugolava di desiderio mi prese la testa tra le mani e me la premeva sempre di più sul sesso. “Amore Tra poco t’inondo la bocca...”
Non chiedo di meglio
Allora mi prende la mano e la porta all’ingresso della figa, capisco che vuole essere scopata, la accontento. Entro in lei, prima con uno poi con due, poi tre, ne forzo un il quarto, lentamente entra, è bagnatissima. Inizio a spingere, avanti e indietro, aumentando il ritmo, sta godendo, con una mano mi tocca la mia fica, sditalinandomi, la mia mano si muove sempre più velocemente, due dita dell'altra mano, si alternano con la mia lingua strofinandolo il clitoride sempre più veloce... Angela ansimava e gemeva sempre più forte, ad un tratto sentii, “Cazzo godooooooooo” riuscii a dirlo proprio nel momento esatto in cui io mi trovavo con la bocca sulla sua figa...godi amore, ti bevo tutta, esplodimi nella mia bocca tutto il tuo piacere... m'inondo la bocca e il viso di liquido traparente e vischioso,
anchio stavo godendo con il minimo sfioro delle sue mani, la situazione mi stava facendo godere in un modo che non avevo mai fatto.
L'orgasmo fu violento e mi fece tremare tutta, più godevo più spingevo la lingua nella sua figa. Mi sentii dire,
“Amore siamo fatte l’una per l’altra.” ci acasciammo sul letto sfinite una a fianco dell'altra, adesso le nostre labbra sono più delicate, per un po ci sbaciucchiamo delicatamente e dolcemente... Angela si stacca dalle mie labbra e con un sorrisino mi dice, “Amore abbiamo bagnato tutte le lenzuola, bisogna cambiarle,” io la guardo negli occhi, con un sorrisino beffardo gli dico Amore io dico di no lasciamole ancora, abbiamo ancora tutto il giorno per noi... scoppiammo a ridere e ci abbracciammo. “Amore lo sai che ho un regalo per te?” si alzo dal letto e nell'armadio prese un pacco, lo portò sul letto, e mi disse di aprirlo, era incartato con dei fiocchi di raso nero, lo aprii e rimasi a bocca aperta... dal contenuto che stava dentro, rimasi paralizzata... un vero kit da Mistress, dentro al pacco c'erà, un collare con il guinzaglio, una gag ball, un frustino di pelle, delle manette di cuoio, delle corde, palline anali, plug anale, un tubetto di gel lubrificante, pinzette per capezzoli con catenelle, un cazzone di gomma molto bello con tutte le venature e con una ventosa, un bustino di pelle, dei collant a rete larga, tutto rigorasamente in nero... e dulcis in fundo, un strapon gigante nero molto bello con le venature molto pronuciate, mi disse anche le dimensione, aveva sette cm di diametro, e venticinque centimetri di lunghezza, e mi disse che lei un cazzo cosi grande non lo aveva mai preso, e sarei stata io a farglielo provare...... mi guarda negli occhi, e mi prende le mani mi da un dolcissimo bacio sulle labbra e mi dice, “Amore ti amo troppo, e per questo, voglio essere dominata da te... me li devi far provare tutti... non devi aver nessun timore, non ti devi far dispiacere, non devi avere nei miei confronti nessuna compassione, sarò la tua schiava e tu la mia padrona, dai misurati il bustino vediamo se è la tua misura.” Emozionatissima subito iniziai, per prima indossai i collant a rete, poi il bustino, mi stava a pennello tutto aderente con il seno che mi usciva da fuori... Angela mi squadrò dalla testa ai piedi... "Amore sei uno schianto, sei pronta nel nuovo ruolo da padrona?" Un po timorosa risposi, Si schiavetta mia sono pronta... dal pacco presi il collare e il frustno, glielo indossai e iniziai a dargli ordini, -Schiava mettiti a quattro zampe- "Si padrona" con il guinzaglio la feci camminare a quattro zampe nella stanza, con il frustino gli accarezzavo la schiena e il sedere, ogni tanto con il frustino le davo qualche colpetto sul sedere, "Più forte padrona più forte," quattro cinque colpi più forti e il sul sedere di Angela si iniziavano a vedere i primi segni... la tirai con il guinzaglio e la feci alzare presi dal pacco le pinzette, insalivai i capezzoli e gliele applicai già turgidi e duri come un chiodo, la tirai con la catenella delle pinzette, e la feci sistemare con la pancia sopra le mie ginocchia, le accarezzai il sedere e lo baciai delicatamente dove il frustino aveva lasciato i segni... poi il dito iniziò a scendere più giù fino ad aprirle le grandi labbra e a solleticarlo il clitoride, gli umori già le avevano invasi la figa... risalii con il dito fino al buchetto del culo inizia ad assaggiare l'elasticità, con le mani le allargai le natiche e mi fiondai con la lingua sul buchetto, poi sputai al centro del buco e con il dito iniziai a penetrarla lo sfintere con un dito, con la mia saliva, il dito dal culo entrava e usciva una meraviglia... il dito tutto nel culo e il pollice stapazzava le grandi labbra... dal pacco tirai fuori le palline, quattro palline dalla dimenzione di una noce, collegate tra loro con un filo, prime me le sono portate alla bocca per insalivarle un poco, e poi a una a una gliele infilai nel culo, ripetetti questa operazione quattro cinque volte, Angela ansimava e godeva sempre di più, le due dita che usavo per masturbarla la figa, erano tutte impiastricciate di dolce nettare... le prosciugavo prima nella mia bocca e poi le dita gliele mettevo in bocca ad Angela, a volte le sfilavo dalla sua figa e me le infilavo nella mia, già tutta allagata... dal pacco presi il plug, glielo infilai in bocca per insalivarlo, appena appogiato con la punta sul sfintere, lo risucchio in un istante, anche questo entrava e usciva ed usciva dal buco del culo di Angela, ormai il buco era bello e dilatato... glielo lasciai dentro il plug, e con le palline iniziai a giocare con la figa, gliele inserii tutte e quattro dentro. E con il lembo del frustino li trastullavo prima le labbra e poi il clitoride... degli schizzetti incominciavano ad zampirllare dalla figa di Angela, ed io subito ne approfittavo per leccargli la figa e bere il dolce miele... ogni tanto mi diceva "Grazie padrona" dopo l'ennesima leccata di figa di Angela mi sentii dire. "Padrona voglio essere riempita la figa con un cazzone..." non me li feci ripete, -Schiavetta adessi ti accontento subito...- la feci mettere a pancia in giù sul letto e le sistemai due cuscini sotto la pancia, per avere la figa e il culo in bella esposizione, presi le corde e la legai le braccia alle testa del letto, gli indossai prima il gag ball, poi presi il cazzone di gomma con la ventosa, oltre a capire a cosa serviva la ventosa, capii anche che quel cazzone era quello che spruzzava un liquido tipo sperma... aveva proprio la sembianze di un bel cazzo reale, le sfilai le palline dalla figa, e iniziai a giocherellare con le grandi labbra e il clitoride di Angela, la figa inizia a sgorgagliare umori caldi in grande quantità, glielo piazzò tutto in figa, inizio a scoparla con quel meraviglioso cazzone di gomma, Angela geme come una cagna in calore, gli piace troppo il cazzone nella figa, “Grazie padrona.” “Grazie padrona.” “Grazie padrona.” anchio sono arrapata al massimo voglio godere anchio, gli lascio il cazzone in figa, in modo che lei con un movimento del bacino se lo fa entrare ed uscire... io mi metto in modo, che splalanco le gambe al massimo, e le piazzo la figa in faccia... con la mano e con un po di violenza gli premo il viso sulla mia figa, mi succhia la figa in un modo pazzesco, e con il naso struscia il mio clitoride, la spingo sempre più veloce e sempre più forte, anchio adesso gemo come una cagna in calore, al mio lungo rantolo di piacere, seguono dei deliziosi spruzzetti di caldo liquido vischioso, gli inondo il viso di questo miele... sono soddisfatta al massimo, adesso voglio soddisfare pienamente Angela la mia schiava... prendo lo strapon con il cazzo nero enorme, e bellissimo, con una bellissima cappella e le vene sono belle e pronuciate, prima d' indossarlo, quasi l'adoro quel totem... ogni centimetro viene compassato dalla mia lingua, faccio fatica a metterlo in bocca... ispezionato tutto, lo indosso e lo passo alla severa ispezione della bocca di Angela, gli contornò con le labbra la punta della cappella e pian piano inizio a a farla entrare la cappella nella bocca, anche la bocca di Angela fa fatica a farlo entrare... pian piano e con l'aiuto della saliva, una metà e dentro, con il mio bacino spingo sempre di più, lo strapon nella bocca di Angela, rivoli di abbondante saliva, fuoriuscono dai lati della bocca, appena arrivano I primi conati di vomito, Angela con la mano ferma il movimento del mio bacino, glielo sfilo dalla bocca, la libero dalle corde, e la tirò giù con le catenelle delle pinzette per I capezzoli, la faccio scendere dal letto, e la metto a pecora con le ginocchia per terra e la pancia sul letto, le divarico un po le gambe, m'inginocchio, e mi godo un'altra slinguata di dolce miele dalla figa di Angela, ho una voglia matta di scoparla la figa con quel meraviglioso strapon, siccome e un po grosso gli chiedo consiglio, -Schiava vuoi che il cazzone prima di piantartelo nella figa, lo lubrifico con il gel lubrificante?- “Si padrona” lo lubrifico per bene il cazzone, e appoggio la cappella alle labbra, e piano piano forzo l'apertura, entra dentro una metà, Angela ansima e geme sempre più forte, aggrappata con le mani ai fianchi, faccio in modo che il movimento del mio bacino da dei colpetti nella figa, lenti, e dolcissimi e quasi tutto dentro, la figa e completamente piena dal cazzone, il biancastro degli umori di Angela, fa contrasto sul cazzone nero, quando entra ed esce... sento Angela dire, “Godo Padrona” “Godo Padrona, Grazie.” glielo sfilo, la faccio girare e glielo faccio pulire con la lingua, quasi sfinite ci buttiamo sul letto, ci abbracciamo e ci baciamo come due teneri innamorati.... intanto Angela continua ad accarezzare quel favoloso strapon che io indosso, e mi dice. “Amore sei stata semplicemente meravigliosa... brava, è stato bellissimo scopare con te, Amore e quasi mezzoggiorno dobbiamo preparare il pranzo hai fame? Ci preparimo qualcosa?” gli risposi che mi andava bene anche un panino, iniziai a slacciarmi lo strapon, mi blocco le mani, “Amore non lo togliere, abbiamo ancora tutto il pomeriggio per noi... teniamolo pronto a l'uso... quando vuoi, quando hai voglia, potrai scoparmi, sono a tua completa disposizione... stai cosi non ti spogliare infila il pantacollant, e sopra ci metti una camicia.” mi prese una camicia bianca tutta trasparente e la indossai, lei invece indosso dei collant neri e una camicia tutta trasparente nera, Angela guarda l'enorme protuberanza che dava lo strapon sotto I pantacollant, esclamò! “Amore che pacco che hai in mezzo alle gambe... e favoloso questo strapon... dai andiamo in bagno, almeno a rinfrescarci un po la faccia...” mi prende con lo stapon e mi tira verso il bagno, entriamo in bagno Angela appoggia le mani sul lavandino, io dietro di lei mi appoggio con lo strapon sul suo sedere, nel riflesso dello specchio mi guarda e mi dice. “Amore siamo diventate proprio due belle troione, siamo sempre affamate di sesso...” mentre diceva tutto questo, io mi abbassai il pantacollant, e iniziai con il movimento del bacino, a fargli sentire lo strapon sul sedere, e su e giù per le natiche, glielo strisciavo sulla figa senza infilarlo, nello specchio vidi Angela che a occhi chiusi si mordeva le labbra... I collant già erano fradici dei suoi dolci umori, m'inginocchiai la divaricai un po le gambe, e con la lingua assoporavo il dolce miele, che aveva inzuppato nei collant, glieli abbassai e continuai un favoloso lavoro di lingua sulla figa e sul buchetto del culo... mi alzai e feci posizionare Angela in un modo più comodo sempre con le mani appogiate al lavandino, e pian piano incominciai a farglielo assaggiare di nuovo nella figa fradicia... con le mie mani ancorate ai fianchi di Angela, gli stantuffavo la figa dolcemente... volli cambiare posizione, mi sdraiai per terra sul tappeto del bagno e con due mani sventolavo quel meraviglioso cazzone nero... Angela capito la mia intensione, a cavalcioni, subito iniziò a sedersi sullo strapon, adesso dettava lei I movimenti... più veniva giù più gemeva sempre più forte, era quasi tutto dentro, un gemito più lungo e forte, mi sentii sulla figa e sullla pancia, dei dolcissimi schizetti di dolce e vischioso miele... un'altro meraviglioso orgasmo attraversò il corpo di Angela, si alzò, ci ricomponemmo un pò tirandomi il pantacollant sù sempre con all'interno, lo strapon, tirai su anche I collant di Angela, e finalmente, ci demmo una rinfrescata, come due teneri innammorati ci prendemmo per mano e uscimmo dal bagno. Angela mi stampa un dolcissimo bacio sulle labbra e mi dice. “ Amore ti va di provare una cosa? Vedrai che ti piacerà...” gli dico di si, mi porta di nuovo in camera da letto, lei si diede sul letto, e mi abbassa il pantacollant e mi allenta le fibbie dello strapon, prende l'altro cazzo di gomma quello con la ventosa, e inizia a giocherellare tra le mie grandi labbra e il clitoride, adesso sono io che inizio a gemere e ad ansimare mi piace tantissimo, chiudo un attimo gli occhi e sento dei potenti schizzi sulle grandi labbra e sul mio clitoride... il cazzone di gomma aveva schizzato un liquido tipo sperma... ho l'ennesimo orgasmo con gli schizzi potenti che colpirono il mio clitoride... mi impiastriccia tutto ho il pelo e la figa, ricoperta da questo liquido, funge anche da lubrificante, Angela ci gioca un po, il cazzone lo strofina sul pelo sulle grandi labbra, ben lubrificato mi allarga la figa, e piano piano me lo fa scivolare tutto dentro, una goduria Immensa... mi sistema lo strapon, con l'atro il cazzo dentro la mia figa,mi stringe di nuovo le fibbie e mi alza I pantacollant, di nuovo mano nella mano usciamo dalla camera, camminnando provo senzazioni nuove... perchè il cazzone nella mia figa si muove e piacevolissino e mi arrapa tantissimo, non facciamo in tempo ad arrivare in cucina, nel corridoio c'è una sedia, mi abbasso il pantacollant e il cazzone svetta come una bandiera, abbasso I collant ad Angela e la faccio sedere su di me con lo strapon piantato nella figa... e nuovamente la stantuffo per bene...sentii dire tra I gemiti e I lamenti di piacere di Angela, “ Amore siamo due assatanate di sesso... andiamo in sala, sul divano staremo più comode... gli sfilo il cazzone, e andiamo in sala la faccio posizionare sul divano a pecora, gli abbasso I collant, e con un colpo deciso la trapano di nuovo la figa.... e doppio adesso il piacere con I colpi che do nella figa di Angela si muove anche il cazzo di gomma che ho nella mia figa... I colpi sono sempre più potenti, ansimiamo tutte e due reciprocatamente, anche l'orgasmo e all'unisono... sfinite ci accasciamo sul divano abbracciandoci e a baciarci come due teneri amanti.... Angela mi guarda negli occhi e mi dice. “Amore non arriveremo mai in cucina a mangiarci qualcosa, forse e meglio che andiamo a mangiare una pizza fuori, che ne dici?” gli dissi forse e meglio la pizza fuori.... andammo in bagno, una lunga bollente doccia insieme.......... ci rivestemmo e uscimmo per andare in pizzeria.
Per commenti privati potete scrivere a

Questo racconto di è stato letto 2 3 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici nonna nipotemamma mi fai un pompinoracconti incewww.eroticiracconti.itracconti eros gratisracconti erotici i generiracconti erotici femminileinculate raccontiracconti por noquella troia di mia cuginaracconti erotici padre figlioracconti.pornostorie erotivhestorie ornocuckold storiaracconnti eroticiannunci incestistorie pompinoracconti prnoracconti adultiracconti milyracconti maritiracconti eroyiciracconti di storie di sessoscopata con il cavalloracconti incesto madre figlioracconti erotici stupro gayracconti eros miluincesti familiariscambio di coppia forumstorie sesso gayracconti amatoriali eroticiracconti erotici i generiracconti incestuosi realiracconti erotici di moglieracconti interrazialifisting racconticani che scopano donnepiedi eroticiraccontineroticitradimento raccontoracconti eroticho inculato mammaconfessioni erotiche realiragazza scopa con caneporno gay raccontiracconti erotiicisottomesso alla moglieracconti erotciracconti porno pompinistorie porno dominazionefeticismo forumracconti porno tradimentistorie di sesso 69racconti erotici calzeracconti gay realierotici raccoracconti erotici a69racconti gangbangraccontj eroticiracconti veri gayracconti erotici e pornostorie erotiche italianeveri racconti eroticistorie vere incestiracoonti eroticiracconti erotici fumettiporno ita netracconti erotici castrazioneraccontierotstorie di sesso realmente accadutestorie di tetteracconti erotuciwww.eroticiraccontiracconti erotici di donne mature