Le amiche speciali: Ricordi del passato (chi me lo fece fare ...?)

Scritto da , il 2019-11-12, genere etero

La gelida brezza invernale non mi aiutò alla prima vista. Avvicinandomi, infatti, mi saltarono agli occhi solo tre cappottoni scuri e coppie di tacchi a spillo.
Appena raggiunto il terzetto, Luciana si fece avanti per il classico bacetto di saluto che, stranamente, si stampò sull’angolo destro dei miei baffi.

“Lucia ti presento Luca” altro bacino di benvenuto.

“Luca invece lei è Grazia Lucetta, per noi Luce” terzo bacino.

“Luciana! Potrei quindi fare la battuta.. Grazia, Graziella e Grazie al...visto che tutti i nomi iniziano per Luci.”

“Io, però, aggiungerei un grazie a Luca.”

Intervenne Lucia, prendendomi in contropiede.

Finalmente al tepore del locale, i cappotti furono abbandonati e apprezzai una biondina efebica con un caschetto quasi maschile, Lucia, e la tipica mora italiana con curve abbondanti e morbide, Luce.
La cena corse leggera e piacevole, con piatti sfiziosi ed abbondanti bicchieri di buon vinello. La conversazione a tavolati mi fece scoprire che Lucia era approdata al locale Commissariato di Polizia dopo aver girato le Questure di mezza Toscana, mentre Luce lavorava come infermeria in un grosso studio medico.
Tra una risata ed un brindisi, avevo avuto la sensazione che non fossero così casuali i movimenti delle gambe delle nuove amiche che spesso, sotto il tavolo, finivano per appoggiarsi con insistenza alle mie, ma il vino mi fece dubitare della realtà di quei toccamenti.
Appena fuori del locale, senza frapporre tempo in mezzo ai saluti Lucia esordì dicendo:

“Siamo state bene e visto che non è troppo tardi, perchè Luce non andiamo a bere qualcos’altro nella tavernetta di casa tua?”

“Io tornerei in albergo, vi lascio volentieri alla vostra rimpatriata.”

Lo avevo detto e non ci credevo!

“Spero tu stia scherzando Luca! Non puoi abbandonare tre ragazze sole nella notte!”

“Dai, dai, Luca non farti pregare! Non abbiamo cattive intenzioni! Ahahahaha
Beviamo un ultimo bicchierino al caldo.”

Le voci mi arrivavano accavallate.

“Messa così, non posso proprio rifiutarmi!”

In dieci minuti, saliti in auto, raggiungemmo casa di Luce, che ci fece accomodare nella famosa taverna. Una volta seduti, fece la comparsa il carrello bar con ogni genere di alcolici. Mentre Luce serviva un primo giro di ottimo Vinsanto, Lucia ammiccando a Luciana, chiese se si poteva fumare qualcosa di meglio delle Merit. Io, che non compresi al volo il senso della domanda, me ne uscii con un:

“se vuoi posso offrirti uno dei miei sigari, ma potrebbero essere un po’ forti se non sei abituata.”

“No, quello magari lo assaggiamo più tardi” e Luciana completò:

“Luca non credo tu abbia problemi se ci facciamo una cannetta, vero?”

In breve, tra alcool e fumo, la temperatura e la confidenza erano salite così tanto al punto che Luciana propose:

“Facciamo qualche gioco per scoprire un po’ meglio il nostro Luca?”

“In che senso?” Replicai sorpreso.

“Qualcosa che ti permetta di punire le mie mancanze e quelle delle mie amiche curiose e che, soprattutto, faccia capire anche a loro di che pasta sei fatto.”

In poco tempo le ragazze colsero l’occasione per costringere le altre a baciarsi in bocca o palparsi i seni a vicenda. Quando però arrivò il mio turno, furono cambiate le regole. Per non imbarazzarmi mi avrebbero bendato e poi liberamente baciato dove meglio ritenevano. Finito il giro avrei dovuto provare ad indovinare l’ordine con cui mi avevano baciato.
Potevo forse rifiutarmi?
Accettai di buon grado, non potendo immaginare come sarebbe andata a finire.

“Mani dietro la schiena ed allontanati dal tavolo” disse Luce.

In breve mi trovai con la bocca tappata da labbra sottili (Luciana?) mentre mani esperte aprivano la mia camicia per permettere alle altre di impossessarsi dei miei capezzoli.

“Ora dicci chi ti ha baciato e dove, e poi potrai sculacciare quella che ti ha fatto meno effetto.”

“Luciana sulle labbra, Luce a destra e Lucia a sinistra.”

“Bravino, ma sono io che ti ho baciato in bocca” replicò Luce “ed ora dicci chi scegli di punire.”

“Credo che tocchi proprio a te Luce, sei stata timida e scontata.”

Non feci a tempo a terminare la frase che Luciana mi aveva messo in mano una paletta da gelato da usare come paddle.
La serata prosegui sullo stesso tono, facendomi di volta in volta assaggiare i loro capezzoli o carezzare le loro fonti di piacere, senza mai trascurare analoghi giochi tra loro.
Ad un certo punto mi ritrovai in boxer con un evidente erezione e con loro praticamente nude.
Luciana, al momento di scoprire a tutti noi il cuoricino peloso che sormontava il clitoride, si rese conto del mio stato e mossa a compassione, dopo aver confabulato con le altre propose:

“Vedo che i boxer stanno per esploderti, direi che non possiamo lasciarti in questo stato! E poi dobbiamo ringraziarti per le belle punizioni che ci hai inflitto e per il godimento che ci hai procurato! Abbiamo deciso di farti, quindi, un ultimo regalo, ma sarà una sorpresa non contrattabile!”

Continuavo a guardare Luciana incredulo.

“Beh, messa così mi fate un po’ paura, ma avete capito quanto sono trasgressivo e curioso, accetto!”

“Perfetto” esclamò Lucia e proseguendo “Luciana mettigli di nuovo la sciarpa sugli occhi perché non veda e tu, Luce, sai cosa fare.”

In un attimo mi ritrovai al buio e sentii che i miei polsi venivano stretti dietro la spalliera della sedia con il freddo delle vere manette che Luce aveva in borsa. In effetti ebbi un brivido di terrore, ma appena il mio attrezzo fu liberato dalla tortura dei boxer ed avvolto da caldi labbra, mi rilassai.
Cercavo di capire chi si fosse offerta per alleviare con un esperto pompino la mia tensione, quando la bocca fu sostituita da altre labbra, e poi ancora di nuovo, facendomi realizzare che tutte e tre si stavano alternando attorno al mio stecco del piacere.
Finalmente dopo un paio di giri e imboccate, il mio succo iniziò a eruttare sino a riempire la bocca di una di loro. A quel punto mi liberarono, ma non vollero dirmi, in nessun modo, chi si era gustata le ultime leccate.
Pur insistendo furono irremovibili, riuscii solo ad ottenere la promessa che se ci fosse stata un’altra simile occasione mi avrebbero svelato il mistero.
Nel ritornare verso l’albergo, Luciana approfittò per farsi dare un passaggio ed al momento di salutarmi mi sussurrò:

“Piaciute le mie amiche? Piaciuta la sorpresa che ti ho organizzato? Non ne potevo più delle loro domande sulle tue doti e capacità, per cui abbiamo deciso di metterti in mezzo e divertirci! Buonanotte Luca” e scese dalla macchina.

Ripartito verso l’albergo, continuai a ringraziare per quella fortuna che mi era capitata ma anche a darmi dell’idiota per essermi fatto mettere in mezzo!
Se poi aggiungo che ci fu un seguito..ma questa è un altra storia!

Questo racconto di è stato letto 9 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesto storie verescopate raccontiil culo di mia suoceraracconti anonimiavventure gayracconti pronostorie zoofiliaracconti incesti in famigliaracconti feticismobondage storiestorie erotiracconti erotici padronaracconti pompinoracconti eriticiscopata dal cane raccontiracconti di zieracconti suppostaprima volta con transracconti arda mia moglie piace farsi guardarestorie trasgressivestorie pirnoeroticaraccontiraccontineroticiracconti fem domracconti sui piediracconti erotici padre e figliaracconti eros gratisracconti gay zioracconti maluracconti erotiiracconti incesraccontiporacconto massaggioerotoci raccontistorie di scambi di coppiaerotici racconti i generiracconti di sesso con ziaracconti erotici verginestorie di sesso con la suoceraracconti porno+scopami nonnoracconti di mia suocerafoto racconti hardprof zoccolawww.eroticiraccontiraccontj eroticieroticoraccontiracconti porno inculateracconti porno moglieerotici racconti.itracconti di mamme troieracconti erotici nonna e nipoteracconti erotici ricattoracconti gay pelosiracconti confessionitette raccontiracconti erotici zioeritici raccontiracconti porno incestracconti porno zoofiliai generi di racconti inceatoraccontimilùsuocera porcellaracconti esibizionistigeneri dei racconti eroticivere storie eroticheracconti casalingamasturbazioni in pubblicoin culo alla suoceraracconti erotici in trenomia moglie è una vaccaracconti erotici con il caneraconti69storie hardincesto confessionistorie mistressracconti eroticuracconti erotici con matureracconti erotici freestorie per adultistorie di sesso con la cognataracconti erotici bendataracconti erotici erotici raccontiracconti erotici incesto gayracconti cinema luci rossestorie cornutiracconti porno di milustorie sadomasoracconto transracconti di donne con transracconti erotici in autoracconti porno nipoteraccontierosraccoti pornoracconto porno gratisracconti erotici zoofiliracconti gay porn