Mordere la polpa o navigare?

Scritto da , il 2019-11-10, genere prime esperienze


…I suoi bellissimi seni erano trattenuti a stento dalla vestaglietta. I bottoni sembravano esplodere a causa di quella stupenda pressione….
Ernesto proprio non si capacitava della decisione presa dai suoi genitori di passare una decina di giorni in quel fottuto, sperduto villaggio in collina, dove la noia regnava sovrana e incontrastata. Aveva un bel dire suo padre che era un modo per ritrovare se stessi, per disintossicarsi dalle schiavitù imposte dalla vita moderna.
Certo, aveva notato che suo padre e sua madre sembravano due piccioncini che si guardavano in un modo particolare sfoggiando un’intesa inusuale, una complicità e che sicuramente la loro vita di coppia ne aveva tratto giovamento. Ma lui, alle soglie dei diciotto anni, non aveva certo a cuore la sessualità dei suoi genitori che anzi, se non razionalmente, emotivamente censurava.
Ernesto avrebbe potuto imporsi e non partire con loro, ma il suo andamento scolastico e i suoi risultati non certo esaltanti - per usare un pallido eufemismo - l’avevano consigliato di bere l’amaro calice.
Ma l’orrore più grande, a cui non esisteva rimedio alcuno, era costituito dalla mancanza di campo: il suo smartphone non prendeva! Ragion per cui era assolutamente isolato, espulso, strappato da quel mondo virtuale che costituiva il suo principale interesse e che gli sembrava in grado di appagare ogni suo desiderio. Era un naufrago mentre la sua galassia ruotava, vorticosa e splendente di meraviglie senza di lui.
Un simpatico comico concludeva le sue esilaranti e strampalate dissertazioni con: “Fatti non pugnette!”, ebbene per Ernesto, se si esaminava il suo universo erotico, i due termini collimavano alla perfezione.
Ernesto non era di certo indifferente al fascino femminile, ma tuttavia l’ampia offerta del web, Pornohub piuttosto che Youporn, copriva in maniera soddisfacente il suo bisogno, senza fatica. In buona sostanza nessun rischio d’impresa e zero difficoltà.
Per fortuna aveva incontrato Claudio, un suo quasi coetaneo anche lui al confino, con cui poter condividere partite di tennis, dove invariabilmente soccombeva, o barbose battute di pesca al fiume.
Una mattina a colazione i genitori gli comunicarono che si sentivano tanto stanchi e che se ne sarebbero tornati a letto. Il “ ci vediamo a pranzo” era un invito se non esplicito però chiaro e pressante a levarsi di torno.
Ernesto se ne andò di malumore in contrasto col sorriso soddisfatto dei perfidi genitori.
- Vuoi mai che quei due si siano ficcati in testa l’idea di mettere in cantiere un altro marmocchio dopo tanti anni, cancellando brutalmente la mia privilegiata condizione di figlio unico?
Si vide disperato, non più attore protagonista ma comparsa, nella sua casa invasa da biberon, pannolini: irrimediabilmente riposto in un angolo, anche se con il suo smart phone.
- Sono cosi incazzato che oggi lo distruggo Claudio con un secco, triplice 6- 0.
Con la testa occupata da fosche preoccupazioni suonò a casa dell’amico. Venne ad aprire la madre, Orietta.
- Claudio è partito con il papà per un impegno e non tornerà fino a stasera.
Ernesto salutò educatamente e si girò per andarsene, quando la signora lo richiamò.
- Ti va qualcosa di fresco?
- Volentieri - non aveva nulla da fare e doveva pur ammazzare le ore che lo separavano dal pranzo.
- Entra pure e accomodati. Scusa il mio stato ma stavo facendo le pulizie approfittando della giornata in cui son sola…sono impresentabile non è vero? - Cinguettò con un che di invitante che lui non colse.
Seduto a tavola si stava assaporando la bibita fresca e conversava svogliatamente preso dal pensiero di come avrebbe trascorso quel cazzo di giornata, quando gli parve di percepire ma non fu certo, distratto com’era, il furtivo tocco sul suo polpaccio del piede della signora che peraltro aveva continuato a conversare imperterrita, come se nulla fosse accaduto.Sarà una mia fantasia, ma poi chi se ne infischia!
- Pensò un po’ perplesso, finendo di bere.
Posò il bicchiere e si alzò pronto ad andarsene.
- Grazie tante Signora, ora devo proprio andare.
Lei lo guardò sorniona, come lo stesse valutando e colta da un’idea improvvisa esclamò:
- Prima di uscire potresti farmi un piccolo favore? Dovrei sistemare alcuni oggetti in alto, sugli scaffali della mia camera e la scala non è troppo sicura. Potresti reggermela per qualche minuto?
- Ehm….certo, con piacere.
Pensava in realtà che proprio non ne aveva voglia, ma… pazienza.
- Attendi un attimo, arrivo subito.
Si assentò per qualche minuto ed eccola arrivare tutta allegra.
Sistemata la scala, Orietta si tolse le ciabattine e si arrampicò mentre Ernesto stringeva con forza gli staggi, rigido e tutto compreso nel suo compito.
Nel frattempo all’altezza del suo volto i piedi della donna erano in continuo moto: si alternavano nell’accarezzarsi sensualmente i cavi poplitei e i talloni, le loro dita si allargavano e si sollevavano spingendo sulle punte e mettendo in mostra interamente la pianta.
Ernesto fissava come ipnotizzato quella danza e, quando Orietta fingendo di cercare un appoggio più sicuro sul gradino, gli sfiorò con un piede il volto, lui apprezzò qualcosa che il web non avrebbe mai potuto dargli: il tocco caldo e vellutato della pelle di una femmina e il suo odore eccitante, così peculiare.
La donna che sbirciava volgendosi indietro, colse il rossore che colorava il viso del ragazzo e il dilatarsi delle sue narici; sollevandosi con nonchalance un po’ la vestaglietta e allargando le gambe, consentì al ragazzo una completa panoramica, dalla rotondità dei talloni fino alla sua figa - Orietta aveva approfittato del breve tempo occorsole nel recuperare la scala per liberarsi delle mutandine - che si stava bagnando per l’eccitazione.
Ernesto era in subbuglio per le inedite stimolazioni tattili e olfattive suscitate che sollecitavano il suo paleocervello così, d’istinto, le afferrò le caviglie attirandola verso il basso; lei docilmente ne assecondò l’azione e quando gli fu di fronte facendo un cenno di disapprovazione, lo apostrofò:
- Ma caro cosa stai facendo, non vorrai approfittarti di me?
Il sorriso che Orietta gli scoccò contraddiceva totalmente quel rimprovero - palesemente finto - e il ragazzo si sentì incoraggiato e afferratala per i fianchi la spinse deciso contro la parete, bloccandola. Le mammelle, insolenti nel loro rigoglio, parevano in procinto di far schizzare i bottoni della vestaglietta e si sollevavano e abbassavano al ritmo del respiro affannoso; Ernesto percepiva l’alito tiepido, profumato di quella bocca carnosa e la baciò ardentemente, mentre la sua mano si insinuava sotto l’orlo della veste leggera e si dirigeva tremante verso le cosce tornite, fino all’intimità fradicia di umori.
Il ragazzo, ormai travolto dalla passione quasi strappò il leggero indumento a Orietta che poté svelarsi nello splendore della sua nudità e fu risucchiato inesorabilmente verso la muliebre fessura profumata: la sua bocca affondò e si beò nel tripudio di sapori e profumi. Lei con le mani lo attirava incollandolo a sé, in un crescendo di piacere. Ernesto iniziò a spogliarsi freneticamente ma Orietta, che desiderava tenere sotto controllo la situazione, lo trattenne agitandogli l’indice sotto il naso in segno di diniego. Prendendo lei l’iniziativa abbassò la zip dei jeans liberando l’imponente erezione dalla sua angusta prigione. Le mani, la lingua guizzante, le sue carnose labbra si impadronirono di quel cazzo, massaggiandolo, giocando piacevolmente a farlo entrare ed uscire dalla bocca. La mani del ragazzo premevano sulla testa di Orietta per accentuare la penetrazione nel gioco erotico travolgente che si concluse con l’urlo di piacere trionfante di Ernesto che schizzava tutto il suo seme nella cavità orale che ospitava la sua verga di carne.
Altro che sesso virtuale! Qui tutti i sensi di Ernesto venivano coinvolti in un piacere carnale completo, a tutto tondo. Aveva smesso di leccare la buccia e aveva assaporato la polpa. Finalmente fatti e non pugnette!
Tornò a casa per l’ora di pranzo dove era atteso dai suoi genitori con la loro espressione distesa e felice.
- Com’è andata oggi? È dura senza internet, eh? - La loro ironia adesso non lo toccava minimamente.
- Proprio vero, è una palla immane!
Loro non capirono quello strano suo sorriso che gli si dipinse sul volto.

Questo racconto di è stato letto 2 7 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


ragazza si fa scopare dal suo caneracconti reali di incestiraccpnti pornoracconti sesso incestiracconti roticiultimi racconti eroticiracconti porno suocerestirie eroticheeroticiracamoreinfamiglia.blogspot.it.srorie pornoracconti lesbo incestoconfessioni incestuoseracconti erotici famosidonna scopa col canevideo storie di sessostorielle eroticheracconti erotivi gayincesto con la ziastoria cuckoldgiochi erotici raccontiracconti erotici per adultitarga troionaracconti erostoria porno italianoracconti gay ragazziwww racconti itraccoti pornoracconti gauclistere racconti eroticiracconti porno per donnesesso anale racconti eroticila troionastorie eoticheracconti sesmoglie ingravidatai racconti miluracconti particolariracconti poenoracconti veri di incestoracconti erotici di moglieannunci69 storieracconti erotici zoofiliaracconti i miluracconti suppostaannunci 69 racconti eroticiporno video raccontiracconti porno eccitantitacconti miluracconti potnoho messo incinta mia cognataracxonti eroticistorie erotiche vissuteeroticesega da mia cuginaracconti hard incestraccontu pornoracconti erotici classiciracconti erotici di anzianiraccontierotici.itracconti etoticiraccontineroticistorie eroticheracconti erotici figliaraccont69eroyici raccontiraccnti eroticiracconti porno bdsmraconti picantimia zia e una porcaracconti solleticoracco ti eroticiracconti feticismo piediracconti erotocostorie ponoracconti padre figliaracconti rtoticierotici gratisracconti erotici adulticerca racconti eroticiracconti eropticiracconti erotici trasgressiviracconnti eroticiraconti di miluracconti erotici per adultiracontimiluracconti erotici culo rottoraccnti erotici