Chat sbagliata

Scritto da , il 2019-11-09, genere etero

Stavo studiando, la settimana successiva avrei sostenuto l’ultimo esame per poter finalmente concludere la triennale “in suo tempo”. Disteso sul letto, il doppio cuscino dietro la testa, il libro poggiato sul petto ed il blocco degli appunti posato di fianco, ero concentrato su un passaggio importante che svisceravo e ripetevo dentro di me.
Sentii il tono di avviso del cellulare per un messaggio whatsapp in arrivo e, distrattamente, presi il telefono vedendo che il mittente era Claudia, la ragazza del mio miglior amico Alberto, mio omonimo. Era un video e diedi l’ok per scaricarlo pensando che fosse una di quelle cazzatelle divertenti che ogni tanto ci scambiavamo tra amici. Mi riconcentrai sullo studio e dopo forse dieci minuti, certo di aver capito bene ed aver fatto mio il punto, mi alzai per bere un bicchiere di latte fresco.

Rientrando in stanza mi ricordai del messaggio e, prima di riprendere lo studio, pensai di farmi una risata aprendo il video. Vidi il primo piano del musetto simpatico di Claudia.

- Ciao Alberto –

Aveva in viso un’espressione furbetta e mi apprestai a sentire cosa stava per dirmi senza preoccuparmi della stranezza dell’inviarmi un video anziché fare una normale chiamata o, al limite, una videochiamata.

- Ti sto pensando amore, vorrei averti qui. –

“cazzo” pensai, “ha sbagliato invio, questo è per Albe (per differenziarci, tra gli amici, ci facciamo chiamare Albe e Albi)” Stavo per chiudere il video, rispettando la loro privacy e pensando mentalmente al messaggio perculativo con cui l’avrei informata dell’errore, quando le immagini mostrarono chiaramente che poggiava il cellulare su un qualche supporto e si faceva indietro verso il letto… completamente nuda.

Avevo già visto Claudia in costume, anche in topless, e anche vestita in versione “vi faccio sbavare”, ma vederla così, tutta nuda, il triangolino di peli scolpito sopra le grandi labbra ben visibili… restai incantato a fissarla mentre sedeva sul letto e proseguiva:

- Mi manchi tanto sai. –

“mi manchi tanto?” pensai: in pratica si vedono quasi tutti i giorni anche se quella sera Albe era a dare una mano ad un amico al pub, anche per arrotondare le finanze.

- La mia patatina si sente sola, guardala come piange –

I miei occhi si fissarono sulle sue dita che aprivano le grandi labbra mostrando l’ingresso della vagina. Sul piccolo schermo non potei vedere bene ma… sì, sembravano tracce umide.

- mmmmhhhhhhh… mi piace toccarmi ma mi piace di più quando lo fai tu –

Ad occhi spalancati, seguii le sue carezze sulLA clitoride, le dita che entravano lentamente nella micina riuscendo inequivocabilmente bagnate. Avvertii un senso di calore all’inguine, mi stavo eccitando. Il pensiero di interrompere la visione passò e corse via nello spazio di un attimo, non riuscivo a staccare gli occhi, sinceramente me ne fregai della loro privacy ipnotizzato dalla spudorata esibizione.

- Oh Albe, vorrei che fossi qui a toccarmi, a leccarmi. –

Claudia sospirava e gemeva. Si mise due dita in bocca e le portò ai capezzoli carezzandoli circolarmente, due dita dell’altra mano dentro di lei che si muovevano piano. Per un lungo minuto ascoltai i suoi gemiti di godimento ad occhi chiusi, labbra serrate da cui faceva capolino ogni tanto la punta della lingua. I miei occhi scesero sulla mano che si muoveva lentamente sull’inguine e lì si bloccarono.

- Guarda cosa sono costretta a fare. –

Mi riscossi sentendo la sua voce, alzai lo sguardo e la vidi tendere la mano dietro di se. Riapparì con due dildo di media taglia, uno rosso ed uno bianco. Posò il rosso di lato e si portò alla bocca l’altro tirando fuori la lingua e facendola scorrere per tutta la sua lunghezza prima di stringergli le labbra attorno. Non riuscii a resistere: il vederla masturbarsi e mimare un pompino mi costrinse ad aprirmi i pantaloncini e liberare il mio cazzo congestionato.

Quasi senza accorgermi, cominciai ad accarezzarmi al ritmo con cui lei faceva entrare ed uscire il dildo dalla bocca. Ero eccitatissimo, sentivo di non poter durare ancora molto.
Con fare sensuale, Claudia si tolse il dildo dalla bocca e lo fece scivolare sul suo petto, girare intorno ai capezzoli, scendere più giù sullo stomaco, sul ventre, fino ad arrivare al pube. Afferratolo con entrambe le mani, con decisione se lo affondò dentro:

- AAAHHHHHH, voglio il tuo cazzo amore….. sì, dentro di me, a fondo, sempre più a fondo –

Dovetti smettere di toccarmi per non sborrare in quello stesso istante. Claudia aveva il viso stravolto dalla libidine, i capelli che le scendevano disordinati sulle guance, la bocca semiaperta, il corpo incurvato in avanti mentre si fotteva da sola sempre più velocemente, negli occhi una luce eccitata.

- Guardami amore, guardami mentre…. –

Di colpo si fermò. Si girò di lato sul letto alzando una gamba. Vedevo perfettamente il dildo entrare ed uscire, ora lento, dalle grandi labbra spalancate, il rosa della carne che si estendeva aderendo e seguendo il movimento in uscita e si contraeva nel senso opposto accogliendo la plastica lucida di umori. Ero indeciso, sapevo che mi sarebbe bastato toccarmi appena per venire ma non volevo farlo subito, volevo attendere il suo piacere, godere virtualmente insieme a lei. Fece la sua apparizione l’altro dildo: senza che me ne accorgessi, concentrato sul lembo di carne che si muoveva insieme al dildo, Claudia impugnò il giocattolo rosso e lo accostò all’altro. Ad occhi sgranati la osservai mentre, con una certa fatica, se li infilava entrambi nella micina.

- OOOOHHHHHH, come mi riempiono amore…. Ma preferirei fosse il tuo cazzo; caldo, duro, che mi entra dentro e mi fa morire. –

Mi ero riafferrato l’uccello e lo sentivo pulsare al ritmo del mio cuore accelerato, ero veramente vicinissimo all’orgasmo. Mi costrinsi a fermare il video per andare in bagno ad asciugarmi il sudore che, copioso, mi inondava la fronte. Tornai in camera. La breve pausa era servita ad allontanare il mio bisogno impellente, non a scalfire la durezza del mio uccello che sporgeva dritto come un fuso. Mi risistemai sul letto e feci ripartire il video.

Claudia si stava scopando con i due dildo insieme, la sentivo gemere, vedevo il lattice dei due arnesi luccicare dei suoi umori. Muovendosi con una calma che mi metteva ansia se li tolse portandoli alla bocca e leccandoli brevemente.

- Oh amore, perché non sei qui? Devo fare da sola, sono costretta a…. –

Le sue mani scesero ancora impugnando gli oggetti in lattice, uno sprofondò subito, di nuovo, nella micina scomparendo per tre quarti della sua lunghezza, l’altro….. la vidi accostarlo al buchino grinzoso dell’ano, passarvi sopra in un massaggio circolare e poi, millimetro dopo millimetro, al rallentatore, spingersi dentro dilatando l’anello di muscoli.

- OOOOOHHHHHH, amore mio, vorrei tanto che fosse il tuo cazzo qui, nel mio culetto aperto. Mmmmmhhhhhhh… è duro, mi sento tutta piena…. –

Non ce la feci più, la mia mano impugnò il mio uccello e si mosse come se avesse vita autonoma, scivolando su e giù velocemente. Sborrai, urlai forse, mentre guardavo i due affari muoversi negli anfratti di lei spinti dalle sue mani. Fiotti caldi di seme si alzarono in aria ricadendomi addosso sulla maglietta, sui pantaloncini, sulle gambe, sulla coperta. Non so quanto sborrai, mi agitavo scoordinato preda di un piacere incredibile, e lei, nel filmato, muoveva più veloci i due dildo penetrandosi contemporaneamente e urlando di godimento.
Quando mi rilassai, lei si era rimessa a sedere, in mano i due cosi, avvicinatasi al cellulare, di nuovo in primo piano.

- La prossima volta lo facciamo insieme vero amore? Un bacio sul tuo pisellone. –

Il video finì così. Restai inebetito, incredulo che fosse veramente successo. Il mio uccello teneramente adagiato sui pantaloncini sporchi da buttare. Mi alzai e mi spogliai buttando gli abiti nella cesta dei panni sporchi, mi lavai le mani e mi spugnai le gambe togliendo il seme che vi era caduto. Stavo per entrare nella doccia quando sentii la suoneria del telefono che avevo lasciato sul letto. Mi precipitai: era Claudia.

- Pronto Albi, ti è arrivato un video che ti ho mandato per sbaglio. Ti prego, cancellalo senza… -

- Troppo tardi. –

Rimase in silenzio alcuni secondi, tanto che pensai fosse caduta la linea.

- Claudia? Ci sei? –

- Albi…. L’hai visto? –

La sua voce era impaurita.

- Sì, io…. –

- PERCHE’ L’HAI APERTO, NON ERA PER TE. –

Mi urlò contro, nella voce una nota isterica.

- Scusami Claudia, non volevo. Ti giuro che stavo per chiuderlo appena capito ma poi…. –

- POI COSA? COME HAI POTUTO GUARDARLO? –

Era decisamente isterica, aggiunse altro che non compresi. Cercai di calmarla preda di un senso di colpa, maledicendomi per non aver negato.

- Claudia calmati, ti prego. Non è successo niente, ti giuro che lo cancello subito, come se non l’avessi mai visto. Non …. –

- Perché hai continuato a guardare? –

- Eh? –

La sua voce si era calmata. Adesso era inquisitoria.

- Hai detto che stavi per chiuderlo, perché non l’hai fatto? –

- Io… non lo so. Claudia ascoltami, mi dispiace tanto. So che avrei dovuto chiuderlo subito e stavo per farlo ma poi ti ho vista nuda e… -

- E? –

Ero imbarazzatissimo. Come potevo spiegarle ciò che neanche io, razionalmente, sapevo? E poi mi dava fastidio quel suo farmi domande. In fondo l’errore era stato suo.

- E…. ma che cazzo Claudia, non lo so perché ho continuato a guardare. Forse perché ho visto una bella figa nuda, forse perché volevo vedere dove arrivavi, forse perché…. Ma che cazzo importa ora? L’ho fatto, ti chiedo scusa, cancello il video e per me è come dimenticato. Piuttosto tu stai attenta a chi cazzo mandi certe cose, ci sono capitato io e ti è andata bene. –

Parlai velocemente, mi ero agitato e stavo cominciando a incazzarmi. Parve comprenderlo e mutò atteggiamento.

- Aspetta Albi, aspetta. Hai ragione, ho sbagliato io per prima ma mi sono confusa con il nome…. Era per Albe, l’hai capito vero? –

- Certo! O chiami qualcun altro amore mio? –

- No… solo lui…. Scusami Albi, è che mi vergogno tantissimo a sapere che mi hai vista…. Veramente pensi che io sia una bella figa? –

Rimasi interdetto dal repentino cambio di argomento.

- Albi? Ci sei? –

- Sì, io…. Tu sei veramente una bella ragazza Claudia, scusa se ho usato quel termine. Dai, facciamo finta che non sia successo nulla, un errore può capitare e meglio con me che con chissà chi. –

- Sì, cancella il video e mi raccomando…. Non una parola con Albe, mi fido di te –

- D’accordo Claudia, ciao allora. –

- Ciao. –

Guardai il display con la chiamata che si chiudeva e richiamai il video per cancellarlo. Esitai ricordando il piacere provato nel guardarla, la sega “mondiale” che mi aveva ispirato. Collegai il cell al PC e vi travasai il video pensando: “si fida di me ha detto, ma che male c’è se lo tengo ancora un po’? E’ stato troppo bello e nessuno lo saprà mai”.

Con l’animo in pace ripresi a studiare, ma faticai parecchio a concentrarmi.

La volta successiva che vidi Claudia, insieme ad Albe, tutto filò come se davvero nulla fosse successo. Ben presto la cosa fu come mai accaduta anche se, devo ammetterlo, almeno in due occasioni mi masturbai ancora guardando quel video, con la scusa per me stesso di rilassarmi dallo studio, sentendomi un po’ in colpa ma godendo tantissimo.


Una sera, tarda estate, andai a trovare Albe al pub, approfittandone per prendere un po’ di fresco. Ero seduto al tavolino fuori quando arrivò Claudia che salutò il suo ragazzo e poi si sedette al mio tavolo.

- Ciao, Albe ne ha ancora per venti minuti. Sono passata a prenderlo e tu? –

- Io mi sto godendo il fresco: una bella birra, nessun esame imminente…. Mi merito un po’ di relax –

- Sì, congratulazioni, Albe mi ha detto che ti è andata bene. –

- E’ stata dura, il professore mi ha massacrato ma ce l’ho fatta. Adesso vado una settimana dai miei e poi mi ributto sotto per la discussione –

- Sono contenta per te e senti…. È da un po’ che te lo volevo chiedere… -

- Dimmi –

- Beh, è imbarazzante ma… ti ricordi quel video? –

Sedeva con le mani in grembo intrecciate, un velo di rossore sulle gote, fissandomi esitante.
Cercai di fare l’uomo di mondo parlandone con noncuranza.

- Quale? Ah, quello che…. sì, ricordo, ma ora è tutto a posto no? O sei ancora arrabbiata con me? –

- No… mi vergogno un po’ a parlartene ma so che con te posso farlo. Io…-

Cercai di tranquillizzarla:

- Guarda Claudia che non è successo niente. Sono tante le coppie che si scambiano video… “intimi”. Nel tuo caso hai sbagliato numero ma può capitare, se io mi fossi chiamato Wolfango non sarebbe successo niente, sei stata sfortunata che mi chiamo Alberto come lui. -

La buttai sulla battuta strappandole un sorriso.

- Certo, però…. Albi, posso parlarti in confidenza? Posso essere sicura che quel che ti dirò lo terrai per te? –

Di colpo ritornai serio. C’era qualcosa che Claudia voleva dirmi e che riteneva importante.

- Sicuro, puoi fidarti di me. Spero non ci siano problemi con Albe –

- Quanto sei caro. No, è una cosa tutta mia. –

Sorrise ancora, amichevolmente, alla mia piccola cortesia.

- Il fatto è che volevo sapere…. Quando hai visto il video…. Io non sono sempre così, volevo fargli una sorpresa… è un gioco tra noi… quando mi hai visto… -

- Calma Claudia, prendi fiato, non ho capito. –

Era nervosa, le mani strette forti tra di loro, tanto da mostrare il bianco delle nocche, premevano sul tessuto della gonna leggera affossandolo.

- E’ che sono confusa anche io Albi, capiscimi ti prego, mi vergogno. –

- Stai tranquilla, dì quello che ti senti di dire, non ti devi vergognare con me, siamo amici –

Parve rilassarsi un poco e prosegui:

- Quella sera, quando ho riaperto la chat con Albe e non vi ho trovato il video sono andata nel panico. A chi l’avevo mandato? Ho cercato ed ho visto che eri tu e così ti ho chiamato sperando che non l’avessi aperto. Mi sono arrabbiata quando me l’hai detto. Nessuno a parte Albe mi ha mai vista così… è un gioco tra di noi, quando non ci vediamo ci spediamo dei video… particolari. Quella sera volevo stupirlo e… -

- Ed invece hai scioccato me, devo ancora riprendermi ah ah ah –

La interruppi per alleggerire la tensione che le leggevo dentro. Ridacchiò appena e continuò a parlarmi.

- Sì… non volevo aggredirti ma ero così… mi vergognavo tanto. Tu non c’entravi, ti chiedo scusa per come ti ho trattato. Poi ho riguardato il video per vedere cosa ti avevo mostrato e…. Albi, hai detto che non sei riuscito a chiuderlo una volta che avevi capito. Perché? –

La cosa si era fatta maledettamente seria. Claudia parlava con tono pacato, confidenziale, l’aria di chi sta aspettando che gli si dica qualcosa… ma io non sapevo cosa. Esitai e le risposi col suo stesso tono:

- Claudia… stavo per chiuderlo quando sei passata dal primo piano a inquadrarti per intero ed ho visto che eri nuda e… non potevo smettere di guardarti. Scusami, non lo so perché, e quando poi hai cominciato a toccarti… non riuscivo a staccare gli occhi dalla tua mano, dalla tua… -

- Ti sei eccitato –

- Io… sì, non lo nego, mi sono eccitato a guardarti, e quando hai preso i due dildo… lì sono andato fuori di testa –

- Cosa hai pensato, cosa hai provato? –

- … ero eccitatissimo Claudia. Le immagini, la situazione… la tua voce sensuale. Lo so che era per Albe ma sembrava quasi ti rivolgessi a me. –

- Ti sei masturbato? –


- Io… -
- Aspetta Albi, capisco che è difficile dirlo, ma ti spiego perché voglio saperlo: riguardando il video per capire bene cosa avevi visto io… mi sono eccitata, più di quando l’ho fatto solo per Albe. Sapere che qualcuno che non era lui, non importava se tu o un altro, mi aveva vista mentre…. Mi sono masturbata così, solo al pensiero che qualcuno potesse farsi una sega guardandomi. Non lo so cosa mi è preso ma … ero eccitatissima. Per questo voglio sapere se anche tu… io te l’ho detto… -

Ero confuso ed eccitato dalla sua confidenza. Stavo per risponderle con sincerità quando venimmo interrotti da Albe:

- Amore… scusami ma Mario mi ha chiesto di restare. Sta per arrivare una comitiva e non posso lasciarlo nei guai. Albi, fammi un favore, accompagnala tu a casa. Amore, ti prometto che mi sbrigo, massimo tra due ore arrivo. Lascia Albi, la birra te la offro io, e grazie, sei un amico –

Da seduto al tavolino mi ritrovai diretto alla mia auto, Claudia di fianco, che camminavo come un sonnambulo, ringraziando mentalmente Albe per avermi salvato dal rispondere.
Salimmo in auto per il tragitto di pochi minuti per casa di Claudia. I primi secondi furono di silenzio assoluto, poi:

- Non mi hai risposto –

- Cosa? –

- Ti sei masturbato guardando il mio video? –

Non avevo scampo. La sua voce era dolce, con una nota affettuosa, mi aveva posato una mano sull’avambraccio. Era calda, sentivo intensamente il contatto con la sua pelle.

- Io… sì. –

- E quando hai goduto? –

Mi sembrava di risentire l’audio di quel video, parole diverse ma ugualmente cariche di erotismo. Girai la testa per un istante e la vidi fissarmi con intensità.

- Quando… quando hai preso il secondo e… poco prima che godessi tu –

- Quando me lo sono infilato nel culetto? –

- Sì… non ce l’ho fatta più, dovevo sfogarmi, era troppo, non la finivo mai di sborrare –

Il silenzio calò di nuovo nell’auto, la sua mano abbandonò il mio braccio. Guidai per le ultime centinaia di metri e mi fermai davanti a casa sua. Non aprì subito la portiera ma si girò verso di me dicendomi, dopo qualche secondo:

- Vorrei finire il discorso, ti va di salire? –

Stetti in silenzio anche io guardandola. D’impulso spensi l’auto e aprii la portiera scendendo. Sì, il discorso era da finire: volevo capire il perché della sua curiosità, delle sue confidenze, non ultimo un senso di eccitazione per tutta la situazione. Non sarò tanto ipocrita da negare di aver pensato alla possibilità di “combinare qualcosa” con lei, ma ero sicuro che la mia amicizia con Albe mi avrebbe frenato se fosse avvenuto. Era attrazione per questa Claudia che non conoscevo, era il sapere di aver condiviso con lei qualcosa che non capivo ancora a fondo era… il faro nella notte ed io la falena.
Mi fece accomodare in casa e mi prese una birra dal frigo sedendosi poi vicino a me sul divano.

- Albi, non voglio metterti in imbarazzo ma è una cosa che devo approfondire. Le mie amiche non mi hanno capito quando gliel’ho spiegato, forse tu puoi aiutarmi… con te non posso più avere vergogna lo sai –

Il rossore delle gote contraddiceva la sua ultima frase. Pensai che doveva avere un bel coraggio per affrontare il discorso proprio con me ma, in fondo, era vero: che vergogna avrebbe potuto aggiungere nei miei confronti?
L’incoraggiai a parlare con un cenno della testa e lei proseguì:

- Innanzitutto ti dico che con Albe va tutto bene, non ci sono problemi da nessun punto di vista. Hai visto che video gli mando e tralascio di farti vedere gli altri ed i suoi. E’ solo che…quello che ho provato sapendo che mi avevi visto, che poteva essere chiunque… mi sono toccata immaginando che ci fosse qualcuno davanti a me a spiarmi, un volto indefinito, un uomo che mi guardava e si toccava a sua volta. Ho goduto come poche altre volte… che mi sta succedendo Albi? –

Cercai di essere “professionale”, di parlare della cosa senza farmi trascinare dagli inevitabili pensieri sconci che mi passavano per la testa.

- Non sono uno psicologo Claudia, ma credo che tu abbia scoperto in te una vena esibizionista. Non ti era mai capitato prima? –

- No, io e Albe badiamo sempre ad essere soli quando … -

- E i video che vi scambiate? Non intendo giudicarti, puoi fare quello che vuoi, ma quando avete iniziato a mandarveli… che hai pensato? –

- E’ vero… lo trovavo un gioco eccitante, ma solo un gioco tra di noi in attesa di vederci. –

- E non ti piaceva di più? Non ti dava l’idea del “proibito”? –

- Beh, sì, era una cosa insolita ma eccitante. Di fatto poi fare l’amore con Albe era più bello –

- Credo sia questo allora. Claudia, è solo un lato della tua personalità che è venuto fuori all’improvviso. Nulla di grave, non è che sei diventata un’assassina psicotica. Hai scoperto che ti piace farti vedere e penso che non siano pochi quelli a cui piace, quindi stai tranquilla. Solo ti consiglio di fare più attenzione, se quel video fosse arrivato ad un altro od un’altra… avresti potuto avere problemi. Così l’unico guaio è stato quello di dovermi cambiare gli abiti ah ah ah. –

La ributtai sullo scherzo e lei rise insieme a me, il viso ora rilassato.

- Grazie Albi, sei un amico –

- Di nulla, però questa conversazione rimane tra noi due, non vorrei che Albe pensasse a male. –

- No no, sicuro che non glielo dico… -

Rimanemmo in silenzio mentre finivo la birra. Lei era seduta compunta guardandomi con aria assente, doveva star pensando qualcosa.

- Albi… stavo pensando… -

- Dimmi. –

- Io… non so se posso… ma se non posso con te…. dopo il video ho immaginato che… voglio scoprire com’è veramente… -

- Cioè? Cosa intendi? –

- Dicevo… davvero… farlo con una persona reale davanti. –

- Io non sono uno sconosciuto –

Mi incupii pensando alle possibili conseguenze con Albe, ci tenevo alla sua amicizia.

- Appunto, con te sono tranquilla, e poi mi hai già visto… -

Mille pensieri mi passarono per la mente ed uno solo rimase: la voglia di vederla ancora. Al solo pensiero avvertii il familiare calore al basso ventre. Claudia comprese e si fece un poco indietro sul divano, appoggiandosi al bracciolo, alzando la gonna e allargando le gambe.

- Guardami Albi, guardami ancora –

Inebetito, la vidi spostare la poca stoffa del perizoma e allargarsi le labbra della micina come aveva fatto nel video.

- Parlami Albi, dimmi quello che vedi –

- Io… io vedo una bellissima ragazza che mi sta mostrando il paradiso. –

- No, niente eufemismi, dimmi cosa vedi. –

- Vedo… vedo una bella figa rosea aperta e bagnata, vedo due dita che la carezzano, che entrano, veramente è il paradiso, -

- E ti piace quello che vedi? Ti piace vedermi così… eccitata? –

Gli occhi torbidi, la voce arrochita, la lingua che appariva e spariva tra le labbra, le dita che si muovevano sulla e nella micina. Stavo cominciando a sudare, l’uccello stretto nei pantaloni iniziò a farmi male.

- Io… Claudia… sei uno schianto, non avrei mai immaginato che fossi così. -

- Così come… dimmelo. –

- Così sfacciata… così porca. Sì, porca, vedo una porca eccitata che si sta masturbando davanti a me e che mi sta facendo impazzire –

Continuò a penetrarsi con le dita per un minuto o poco più, sempre guardandomi fisso negli occhi, emettendo un gemito di tanto in tanto. Poi scattò in piedi spaventandomi. Si tolse in fretta la gonna, la camicetta, l’intimo e, completamente nuda, si rimise nella stessa posizione a gambe aperte.

- Sento caldo Albi, tanto caldo dentro di me. Mi piace che mi guardi, mi piace “come” mi guardi. Sei eccitato? –

- Sì… tanto. –

- Tiralo fuori Albi, tiralo fuori, toccati anche tu, facciamolo insieme –

Colsi al volo l’invito togliendomi le scarpe ed i pantaloni, facendo fuoriuscire dai boxer il mio uccello prepotentemente e dolorosamente teso. Lo impugnai e mossi la mano su e giù carezzandolo, gli occhi fissi sulla mano infilata, ora con tre dita, in lei, sull’altra che carezzava circolarmente il clitoride. Gemetti anche io.

- Hai un bel cazzo Albi, mi piace guardarlo così teso, rigido. Sto quasi per venire sai? Non smettere di guardarmi, non smettere di toccarti lascia che… aaaaaaahhhhhhhhhh. –

Il suo corpo si irrigidì, le dita si mossero più veloci in lei e Claudia godette mugolando forte, le cosce e la mano inondate dai suoi succhi. Solo quella visione bastò quasi per farmi godere. Smisi di toccarmi come la sera del video, sarebbe bastato poco ma sentivo che non era finita lì, che a Claudia non sarebbe bastato quel primo orgasmo frettoloso.

Lentamente le scosse che le scuotevano il corpo si placarono e rimase appoggiata allo schienale respirando affannosamente, gli occhi chiusi che riaprì con un sorriso felice sulle labbra.

- Bravo, sei ancora duro, ti sei trattenuto… dimmi Albi, cosa mi faresti? Cosa vuoi che io faccia? –

- Io… continua Claudia, continua così –

Avevo impugnato ancora il mio membro carezzandolo lievemente.

- mmmhhhh, sei un porcellino. Ti piace guardarmi allora… e a me piace farmi guardare… ecco… sono tutta bagnata –

Con entrambe le mani si aprì le labbra intime, fluidi le scorrevano sull’interno cosce, le dita erano inzuppate. Riprese a masturbarsi con una mano mentre l’altra scivolò sotto, verso il piccolo ano in cui introdusse l’indice muovendolo su e giù.

- mmmhhhh, a Albe piace tanto il mio culetto sai? Mi piace sentirmi riempire, sentirlo forte, duro, che mi scava dentro e mi fa impazzire…. Ahhhhhhh –

Stavo decidendo se accelerare la mia carezza e venire, iniziavo a sentire un senso di pesantezza ai testicoli per la troppa eccitazione non sfogata; mi incantai invece a vederla godere nuovamente, a brevissima distanza dal primo orgasmo, penetrandosi davanti e dietro con le dita, mugolando e poi urlando di piacere, ad occhi chiusi, labbra spalancate.
Non avevo mai visto una ragazza godere due volte in così poco tempo, il pene mi pulsava, lo sentivo scottare tra le mie dita. Attesi che si riprendesse anche questa volta perché volevo che assistesse lei al mio piacere, allo sperma che schizzava via, una mezza intenzione di sborrarle addosso. Quando riaprì ancora gli occhi mi fissò torbida:

- Albi… non mi basta, con le dita non riesco a soddisfarmi io…. –

Di colpo si tirò su e mi venne a cavalcioni strofinandomi la micina sull’asta dura.

- Solo per questa volta Albi, solo una… e Albe non dovrà mai saperlo –

Prima ancora che potessi rispondere avvertii il calore della sua vulva che mi avvolgeva il membro. Era così bagnata che scivolai in lei per tutta la lunghezza senza colpo ferire, i suoi muscoli che già mi stringevano dentro di se.

- Solo per questa volta Albi… muoviti ti prego… muoviti –

- Sì, solo per questa volta… io… sto godendoooooohhhhhh –

Non resistetti ai suoi movimenti, era da troppo che ero eccitato. Sborrai dentro di lei senza che smettesse di muoversi, anzi mi incitava a riempirla, a schizzarle dentro tutto il mio seme.
Lo feci sentendomi girare la testa, i suoi seni che mi sbattevano sul volto, i capezzoli che sfuggivano alle mie labbra che cercavano di afferrarli.
Ebbi la sorpresa, ed il piacere, di non perdere un’oncia della mia rigidità e lei se ne accorse:

- Aaaahhhh, ti sento… sei ancora duro Albi…. Oooohhhhhh. Dai, fottimi, fottimi, sto per venire ancora…. –

Strettamente abbracciati ci muovemmo in sincronia, le mie mani che la carezzavano dappertutto, i suoi seni che mi soffocavano, i suoi gemiti che mi riempivano le orecchie.

- Mettimi un dito dietro Albi, sto per godere. Dai, spingi… spingiiiiiiiiii AAAAAHHHHHHHH. –

L’accontentai ficcandole l’indice nell’ano, il muscolo che si contraeva ritmicamente stringendolo al tempo dei suoi muscoli vaginali che mi stringevano l’uccello. Godette sopra di me rovesciando la testa indietro e poi cercando le mi labbra, soffocando le grida nella mia bocca, le lingue che si attorcigliavano impazzite. Godetti anche io di nuovo e ancora il mio seme si spase nel suo ventre in lunghi fiotti.


Ci rilassammo ancora abbracciati, scambiandoci piccoli baci su occhi, orecchie, naso, bocca, poi si alzò da me mettendosi una mano tra le cosce.

- Accidenti… sto colando… accompagnami in bagno. –

La seguii e, mentre lei sedeva sul bidet, mi lavai nel lavabo, stille di piacere che ancora mi scorrevano lungo la schiena toccandomi l’uccello.
Quando me ne andai mi salutò sulla porta con un bacio leggero:

- Non accadrà mai più ma è stato bello Albi, grazie di tutto .

- Sono io a ringraziarti, è stato bello anche per me e…. è stato solo questa volta. –

Ci scambiammo questa promessa guardandoci fissi negli occhi pieni di affetto.
Mantenemmo la promessa evitando entrambi di ritrovarci da soli senza Albe il quale non ha mai saputo nulla. Non avrei saputo come giustificarmi con lui e adesso non sarebbe felicemente sposato con Claudia, in attesa del primo figlio. Abbiamo mantenuto i contatti dopo l’università, pur percorrendo strade diverse, e capita di ritrovarci tutti insieme e, ogni volta, io e Claudia rinnoviamo la promessa solo guardandoci fissi negli occhi.

Questo racconto di è stato letto 4 2 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotica raccontigeniv racconti eroticistorie erotiche transero racccome scoparsi la vicinaesibizioniste al mareracconti erotiviracconti porno violentiracconti di mogli troiestorie etotichedonne mature raccontiracconti transessualiraccontu pornofrocettoracconti erotici.racconti di figastorie pirnoracconti di bullerorici raccontiracconti erotici veri gratisracconti eccitantimi presti tua mogliefarmi leccare i piediiracconti di milùmasturbamimamme eroticheacconti eroticiracconti erotociracconti 69 eroticivideo storie di sessoraccconti pornogli ho dato il culoracconta eroticiraccontierracconti sado masoprima sega raccontiwww.racconti-erotici.itracconti erotici 2017storie pola mamma del mio amico raccontiracconti di sogni eroticiracconti erotici 69racconti porno maturaerotoci raccontiwww.eroticiracconti.itstorie eccitantiracconti porno casalingheracconti porno suorai generi dei racconti eroticiracconti di coppiaracconti porboracconti culoracconti erotici tettonatesti eccitantiiomilu comorge raccontiracconti incesto padre e figliaraccomti miluracconti video pornoracconti efoticistorie eroticeerotico raccontocuckold storie veremoglie racconti eroticiracconti erotici sessomoglie femdomracconti gratis eroticitorie pornoracconti porno sottomessaracconti primo analeraccoonti eroticii racconti di milouracconti cfnmracconti sesso ziaeroticiracconti.iterotico storie