"Tu non sei mio padre!"

Scritto da , il 2019-11-09, genere incesti

Quando il telefono vibrò per l’ennesima volta nella pochette che avevo appoggiata sull’addome, capì che forse era arrivato il momento di rispondere. Feci un cenno scocciato a Sara, con cui mi stavo scatenando a ballare, mimandole di dover rispondere al telefono e poi mi voltai verso l’uscita più vicina del locale, che altro non era che un enorme tendone montato in riva al mare, facendomi strada nella massa di corpi che ballava. Sgomitando qua e là per farmi strada riuscii solo dopo pochi minuti, e solo quando il telefono aveva smesso di vibrare di uscire all’aria aperta.
Inspirai profondamente l’aria notturna che ristorava un pochino dopo il calore dovuto al ballo, all’alcol ed a tutte le persone stipata vicino a me sotto il tendone e mi allontanai velocemente anche dagli ultimi rimasti che come me avevano pensato di uscire. Scesi un paio di gradini e mi trovai a camminare sulla sabbia morbida e calda, dovuto all’alta temperatura che anche di notte non scendeva poi chissà quando.
Tirai fuori il telefono dalla tasca e lo sbloccai.
7 chiamate perse, di cui 5 da mamma e 2 da Francesco, il suo compagno.
-Cazzo- sibilai scuotendo la testa. Quando ero uscita quella sera per andare a ballare l’avevo detto chiaramente che ci saremmo rivisti la mattina dopo, perché non mi lasciavano in pace?
Con uno sbuffo ricomposi il suo numero e non squillò più di una volta prima che rispondesse.
-Chiara! Che cosa ti avevo detto? A casa per le 2, per le 2! Sono le 3 e mezzo santo cielo. Mi sono svegliata e tu non eri ancora nella tua stanza. Ma cosa ti passa per la testa?! Vedi di tornare immediatamente a casa altrimenti vengo lì a prenderti!-
Alzai gli occhi al cielo e cercai di interrompere il fiume di parole incazzate che mi stava svuotando addosso.
-Mamma-chiamai più volte- mamma ascoltami! Ci sono tutti i miei amici qui, non sono mica sola, e poi solo Giovanni mi può dare un passaggio, è l’unico che non ha toccato un goccio di alcol ed ha la macchina! Vuoi mica che torni da sola a piedi a casa a quest’ora? Potrebbe esserci chiunque in giro-
Sapevo che questo l’avrebbe calmata. Avrebbe preferito mille volte vedermi tornare alle 6 di mattina in una macchina sicura, con Giovanni che anche lei conosceva ormai dai tempi delle medie,che sapermi in quel momento a piedi da sola per risalire dal mare a casa nostra. Non distava tantissimo, facevo quella strada mille volte di giorno per scendere al mare, andare a prendere qualcosa al solito bar in cui io ed il mio gruppo ci ritrovavamo da anni, ma di notte, con tutta la gente che girava per i lidi fino a tarda ora, spesso ubriacandosi o fumando, non si sarebbe mai sentita sicura a farmi tornare a piedi.
-Tornerai con Giovanni quando se ne va ma tu signorina, ti meriti una bella punizione! Non me ne importa nulla di quanti anni tu abbia o di quanto ti senta libera. In questa casa ci sono delle regole, e quando torni qui devi rispettarle! Vuoi farmi morire?! Non esiste che in casa mia si esca e si entri quando si vuole!-
La lasciai blaterare un altro po', mi finsi anche sinceramente dispiaciuta, ma sapevo che tempo qualche ora e se ne sarebbe dimenticata, anche perché il turno in ospedale le sarebbe iniziato da li a mezz’ora, quindi sarebbe tornata il pomeriggio, talmente stanca e sfinita che l’ultima cosa a cui avrebbe pensato sarebbe stata la ramanzina per me. In realtà pensavo solo a tornare il prima possibile a ballare, e a quanto speravo che luglio ed agosto passassero in fretta per potermene tornare al mio appartamentino all’università per non avere mia madre sempre attaccata al collo. Avevo 19 anni ed il mio primo anno all’università mi aveva aperto un mondo di libertà ed indipendenza che non avevo mai sperimentato prima. Non dovevo render conto a nessuno su quando uscivo, quando rientravo, con chi rientravo. Potevo fumare liberamente, portarmi in casa un ragazzo per una scopata senza nessuno nell’altra stanza, girare nuda per casa. Era stato l’anno più bello della mia vita, avevo sperimentato di tutto, e la mia casa aveva ospitato perfino un threesome con due ragazzi che mi avevano scopato in tutti i modi possibili.
Quando finalmente chiusi il telefono mi bruciava l’orecchio dalle tante inutili parole. Scrollai le spalle e conservai il telefono.
Tirai fuori lo specchietto per ripassarmi il rossetto e controllare lo stato del mio trucco.
Ripassai sulle labbra il rossetto rosso freddo, che mi faceva apparire le labbra ancora più carnose ed i denti ancora più bianchi. L’eyeliner non era sbavato per nulla, era ancora al suo posto, e mi faceva ancora più allungati gli occhi già da gattina. Quella sera stavo proprio bene.
Mi rassettai le onde sui capelli che mi ricadevano molto lunghi fino al sedere ed erano di un rosso scuro molto intenso, che faceva girare la testa a molti uomini da sempre che io ricordassi. Abbinando poi gli occhi verdissimi, riuscivo a stregare praticamente chiunque.
Giovanni, l’unico mio amico storico che mi conosceva sin dai tempi in cui ero una bambina bruttina con l’apparecchio e piatta come una tavola, era l’unico a non rimanerne ammaliato, anzi. Mi prendeva in giro per il mio fare da “zoccola impertinente”, così mi chiamava. E a me andava bene così, in quanto era l’unico su cui potevo sempre contare.
Sistemai anche la scollatura del vestito che era scesa giù anche di troppo. Va bene che portavo i copricapezzoli, ma mostrare la mia quarta a tutta la discoteca mi sembrava di gusto discutibile.
Dopo poco meno di dieci minuti che ero uscita mi ributtai a capofitto nel tendone, ritrovando Sara, Antonella, Marco e gli altri. Mancava solo Giovanni all’appello, ma immaginai che ci stesse provando con qualcuna. Era in astinenza da troppo il ragazzo, da quando Valentina l’aveva lasciato non ci aveva più provato con nessuna, un po' perché stavano insieme da anni e lui era molto preso, un po' perché era capitato anche a cavallo dell’inizio della sessione estiva, ed in sessione non si ha tempo neanche per cercarsi del buon sesso.
Sara mi passò un mojito, dopo un po' un altro, ed ancora dopo coronammo il tutto con due shottini di vodka.
In una canzone particolarmente scatenata stavo saltando su e giù quando sentii una mano che mi palpava anche piuttosto rudemente il sedere. Contrariata feci per girarmi con sguardo incazzato per rimettere a posto chi di sorta, ma rimasi di stucco quando vidi il volto di Giovanni.
Per un attimo pensai che non mi avesse riconosciuto ma scartai subito l’idea. Ero troppo riconoscibile con i capelli chilometrici, ed il vestito bianco aderente.
Ciò significava che l’aveva fatto di proposito. Il mio migliore amico mi aveva appena toccato il culo, ed io non sapevo minimamente come reagire.
Lui mi fece girare di nuovo e mi cinse la vita. Cominciò a muoversi e ballare come se nulla fosse, ballavamo spesso abbracciati e nessuno della nostra compagnia ne pensava male, essendo amici storici.
Sentii la sua bocca vicino all’orecchio e rabbrividii ancora sconvolta.
-Stai tranquilla e continua a ballare. Non devono accorgersi di niente.- sobbalzai quando le labbra mi sfiorarono l’orecchio prima di staccarsi e ricominciare a ballare con me, come se nulla fosse.
Cercai di non tenere la faccia sgomenta che ero sicura mi ritrovavo e quando Sara mi guardò pensierosa ne ebbi la conferma. Allora mi stampai un bel sorriso in faccia e ricominciai a muovermi in simultanea con Giovanni che nel frattempo aveva iniziato ad appoggiarmi il pacco proprio sul sedere.
Nella mia testa rimasi sconvolta constatando che lo sentivo durissimo premuto contro il sedere morbido.
Cosa gli stava succedendo? Aveva per caso bevuto? Da quando lo eccitavo fisicamente?
Per me era sempre stato come un fratello sebbene non si potesse negare che fosse un gran bel ragazzo.
Alto più di 1,80, a fronte del mio metro e 58 per cui sembravo un nano vicino a lui, capelli neri sempre spettinati, occhi nerissimi, mascella squadrata, che mi attraeva tantissimo negli uomini, un gran bel fisico dovuto al fatto che facesse nuoto da quando era bambino, spalle imponenti, una discreta tartaruga, braccia muscolose.
Forse erano i fumi dell’alcol, forse il fatto che non mi facessi una vera e propria scopata da mesi, ma chissà perché non riuscii a staccarlo da me.
Su di giri per la vodka iniziai anzi a strusciarmi occasionalmente sul suo pacco quando riuscivo, ancheggiando sensualmente mentre ballavo. La sua mano ogni volta che lo facevo mi serrava sempre di più, e qualche volta mi strizzò di nuovo il culo senza farsi troppo notare.
Continuammo a ballare così per un’oretta, stuzzicandoci.
Il pensiero di quel cazzo nella figa mi era ormai entrato in testa, al punto che la fica aveva iniziato a bagnarsi ormai da tanto ed ero così eccitata che non vedevo l’ora di essere da sola in macchina con lui per dimostrargli quanto avevo gradito il suo approccio.
Quando ormai alle sei il nostro gruppo decise di lasciare la discoteca eravamo tutti esausti e con i piedi doloranti e, perlomeno io, mi ritrovavo ormai tra le gambe un lago, dovuto a tutte le palpeggiate e le strusciatine che ci eravamo dati. Un paio di volte avevo anche avuto il modo di toccargli il cazzo, trovando un’asta dura e lunga che mi aveva letteralmente messo l’acquolina in bocca.
Giovanni mi divorava il corpo con lo sguardo mentre ci avviavamo in macchina ed io cercavo di tenere lo sguardo fisso per non destare troppi sospetti, ma era maledettamente difficile.
Lo era ancora di più dovendo accompagnare a casa altri due del gruppo prima di portare a casa me.
Facemmo il viaggio in silenzio. Io con la testa reclinata fingevo di dormire per non dover fare troppa conversazione con Sara e Marco che sebbene fossero svegli ed ubriachi da tantissimo non avevano perso la parola. Nel giro di cinque minuti avevamo lasciato tutti e due, e Giovanni si diresse verso casa mia.
Il cielo era ancora scuro, e nella penombra della macchina la sua mano iniziò a muoversi sul mio ginocchio. Riportai immediatamente la testa diritta e senza esitare mi sistemai sul sedile facendo salire il vestito un po' di più. La sua mano mi stringe il ginocchio accompagnata da una sorta di gemito quando fu perfettamente visibile il perizoma bianco di raso che mi ero messa quella notte per uscire. Nel giro di trenta secondi mi ritrovai con la sua mano destra che mi sgrillettava il clitoride fradicio e la mia mano che gli serrava il pacco da sopra i jeans.
Inserì due dita nella figa, affondando senza fatica fino alle nocche ed iniziando a stimolarmi anche lì. Gemetti stordita mentre la macchina si arrestava sotto il mio palazzo e non persi tempo ad issarmi sopra di lui sul sedile del guidatore e baciarlo.
Iniziammo a toccarci ovunque come impazziti. Spostando il sedile all’indietro mi feci spazio tra lui e lo sterzo, stringendogli le cosce con le gambe ed iniziai lentamente a dondolarmi su di lui facendogli strusciare la figa sul pacco.
Nel frattempo, cercavo in ogni modo di slacciargli il bottone ed abbassargli la zip.
Appena riuscii a tirargli fuori il cazzo non esitai a spostarmi di lato il perizoma ed iniziare subito ad impalarmi su di lei.
Avevo così tanta voglia di scopare che non riuscivo a trattenermi un momento di più, ed evidentemente anche lui, perché appena sentì la mia figa su di lui emise praticamente un ruggito prima di strizzarmi i fianchi ed abbassarmi velocemente sul suo cazzo.
Mi puntellai con la mano sul finestrino prima di iniziare a dondolare i fianchi ed andare incontro a lui che da subito aveva iniziato a martellarmi velocemente. L’auto si riempì presto di gemiti e mugolii.
Portai la mia mano al clitoride, iniziando velocemente a sgrillettarlo per venire più in fretta. Cominciava a sorgere il sole, e sebbene non ci fosse ancora nessuno in giro, poteva da un momento all’altro arrivare qualcuno e vedermi quasi nuda che mi dimenavo su un cazzo mentre Giovanni aveva la testa tra le mie tette, le baciava, le succhiava, e mi aveva denudato fino alla vita facendo volare non so dove i copri capezzoli.
Anche lui comunque mi sembrava sul punto di venire, tant’è che quando finalmente il mio clitoride esplose in un orgasmo super intenso, strappandomi un grido si staccò immediatamente e mi tirò giù dal sedile, fino a farmi inginocchiare davanti a lui. Si segò velocemente tenendomi per i capelli prima di spingermi la testa sul suo cazzo.
Ingoiai con gusto e ingordigia tutta lo sperma che schizzò fuori, leccandogli poi la cappella per ripulirla bene. Lo stavo ancora leccando quando un colpo forte al vetro ci colse di sorpresa.
Trasalii alzando lo sguardo. Un moto di panico mi attraversò quando vidi che con uno sguardo super incazzato e la mano che sbatteva sul vetro c’era Francesco, il compagno di mamma.
Con il volto contratto dalla rabbia tirò un'altra botta dal finestrino.
-Esci immediatamente da questa cazzo di macchina Chiara! - disse arrabbiato. Non poteva urlare per non svegliare mezzo palazzo, ma già solo quel tono di voce incazzato mi faceva venire i brividi, unito ai pugni contratti, con le braccia muscolose ancora strizzate nell’uniforme da guardia carceraria.
Tutta la mia spavalderia si dissolse a guardare la sua faccia contratta dalla rabbia, ed anche Giovanni sembrava aver perso anche l’uso della parola. Si rimise velocemente il cazzo nei pantaloni mentre io scavallavo il freno a mano, mi sistemavo di fretta il vestito sul seno coprendolo in fretta e furia, recuperavo dalla borsa e scendevo dalla macchina sussurrando uno -Scappa immediatamente!- a Giovanni.
Non se lo fece dire due volte. La macchina partì a razzo mentre Francesco attraversava la poca distanza rimasta e mi afferrava per un braccio.
-Non mi toccare, mi fai male!- sibilai mentre mi teneva bloccata alla porta e girava le chiavi.
Senza curarsi minimamente della stretta che mi stritolava il braccio mi buttò dentro il portone di casa sprezzante facendolo sbattere alle sue spalle. Mi tenni al corrimano delle scale mentre lo guardavo. La sua mole imponente e la penombra delle scale lo facevano apparire ancora più minaccioso.
-Come cazzo ti permetti di metterti a scopare con quello stronzo fuori dalla porta di casa? MA NON TI VERGOGNI?- disse a bassa voce mentre mi riprendeva per lo stesso braccio già indolenzito e mi trascinava nell’ascensore.
Non riuscii a dire nulla. Tremando mi schiacciai in un angolo dell’ascensore sperando che non mi tirasse un ceffone mentre mi rendevo conto della cazzata che avevo fatto. Avrei potuto far salire Giovanni in camera molto prima ma avevo totalmente perso la razionalità, non mi ricordavo minimante che Francesco avrebbe finito il turno per le 6 di mattina e sarebbe tornato subito a casa a dormire.
Mentre l’ascensore saliva Francesco si era appoggiato con la mano alla parete e borbottava.
-Non so come ti sia anche solo venuto in mente, ma dove ce l’hai la decenza? Cosa ti dice il cervello?- mi guardò da capo a piedi, con sguardo sprezzante. Abbassai lo sguardo sui miei sandali neri alla schiava, il vestito bianco aderente che era troppo troppo in alto e rivelava ancora il perizoma, i capezzoli eretti per l’eccitazione di poco prima che non accennavano a tornare giù e il seno mezzo scoperto. Le labbra ancora umide di saliva e sborra. Mi ci passai la lingua sopra per asciugarle.
-Guardati. Vestita come una puttana, truccata come una puttana, scopi nelle macchine come le puttane. Non ti fai schifo?-
Quell’insulto mi colpi come una sberla in faccia, facendomi ritrovare di colpo la sfrontatezza. Mi raddrizzai sulle spalle e mi buttai i capelli all’indietro mentre rispondevo furiosa.
-Io non sono una puttana! E se non mi avessi tirata fuori da quella macchina in un secondo avrei avuto il tempo di sistemarmi il vestito! È stata una situazione inaspettata!-
-Certo,cosa dovevo fare, lasciarti finire di ingoiare sborra e fare la zoccola?- l’ascensore si aprii e Francesco si diresse verso casa aprendo la porta. Con un tocco leggero mi spinse dentro. Almeno non mi strattonava più, forse aveva un minimo di comprensione.
-Voglio dire,tutti siamo stati giovani, ma cazzo non puoi avere un po' di decenza? Non puoi usare il cervello? Non viviamo in un posto isolato, chiunque potrebbe averti visto anche senza essere per forza sulla strada. Pensa se qualcuno ti ha visto dalle finestre. Tua madre impazzirà a saperlo.-
-Non glielo puoi dire- ribattei con fermezza. -Lei non deve saperne assolutamente nulla, mi renderà l’estate impossibile…non hai nessun diritto di dirglielo.- mi buttai di getto contro il suo petto provando a tirargli un colpo. Brutta idea. Mentre il suo petto muscoloso di sicuro non aveva riportato danni la mia mano prese una botta dolorosa.
-Certo che glielo dirò. Che cazzo ti sei messa in testa all’università, di poter fare la troia quanto ti pare? Ci hai deluso Chiara, ci hai deluso tantissimo- disse severamente senza neanche accorgersi del colpo che gli avevo dato.
Ero frustrata, arrabbiata, esasperata e stanca. Volevo solo che tutto finisse ed ero incazzata nera con lui. Quindi formulai l’unica frase che sapevo essere veramente in grado di farlo arrabbiare.
-Ho deluso mia madre forse, ma non te. Tu non sei mio padre, non me ne frega un cazzo di deludere te.-
Si impietrì.
Per un attimo, solo per un attimo godetti nell’avergli fatto del male. Ma non avevo calcolato le conseguenze.
Contro tutte le mie aspettative la sua bocca non si riempì di urla e improperi ma si allargò in un sorriso sghembo.
-Allora, dato che non sono tuo padre.. vuol dire che non dovrò più trattenermi, ti pare?-
Prima che potessi reagire mi spinse contro il muro e mi afferrò le mani bloccandole con le sue prima di buttarsi sulle mie labbra e baciarmi.
Mugolai disgustata e sorpresa prendendo a divincolarmi selvaggiamente, ma era troppo forte. Per quanto potessi mordergli le labbra e la lingua non mi lasciava andare e continuava a baciarmi selvaggiamente, spingendo il suo corpo contro il mio, appoggiandomi l’erezione dura sulla fica coperta ancora malamente dal perizoma.
Una lacrima mi sgorgò dagli occhi. Era il compagno di mia madre, quello che stava facendo, l’eccitazione che provava per me era sbagliata sotto tutti i fronti.
Mi bloccò le mani in alto chiudendole in una delle sue mentre l’altra scendeva a strizzarmi selvaggiamente il seno.
Si staccò dalle mie labbra. Il bastardo sapeva che non avrei gridato per non fare casino nel palazzo.
-Sei un bastardo, un bastardo porco, lasciami immediatamente!- sibilai mentre continuavo a dimenarmi. Tutto inutile. Mi inchiodava al muro con il suo peso.
Sorrise eccitato, con gli occhi che brillavano.
-Così arrabbiata mi ecciti ancora di più. Da quando ti ho vista che succhiavi il cazzo di quel ragazzino ho avuto voglia di sentire la tua bocca sul mio. Mi sei sembrata brava, chissà se lo sai succhiare davvero.-
Mi abbassò di botto il vestito stracciandolo sul seno, tirandomi un forte schiaffo sulle tette.
Emisi un urletto di dolore. Incurante di tutto attaccò la sua bocca ai capezzoli.
Il corpo mi tradì. Sebbene la mia mente urlava quanto tutto quello fosse sbagliato, la lingua sui capezzoli aveva risvegliato la fica ancora pulsante per l’orgasmo e quel cazzo duro mi risvegliava pensieri sconci.
Mi dibattei sempre più debolmente fin quando spensi il cervello e cedetti del tutto, divaricando le gambe per sentire il suo cazzo premuto ancora più intimamente.
Francesco sentì la mia remissività e sollevò la testa guardandomi sorpreso mentre piccoli gemiti mi sfuggivano dalle labbra mentre mi strusciavo contro di lui.
-Sei davvero una zoccola allora. Ti sto eccitando? Ti eccita pensare al tuo patrigno che ti scopa? Troia.- con un altro schiaffo sulle tette si staccò da me per trascinarmi nella mia camera da letto, dove da poco avevano spostato il loro vecchio lettone matrimoniale.
Chiuse la porta a chiave. Non che ce ne fosse bisogno, la mamma non sarebbe tornata prima di pomeriggio. Forse era solo perché non potessi scappare, ma non credo ne avrei avuto voglia.
Ero troppo eccitata, il mio cervello era partito, complice l’alcol e la voglia di scopare. Mi spinse sul letto mentre di fretta si sbottonava i pantaloni della divisa e li toglieva insieme alla scarpe. Si avvicinò di nuovo a me. intanto mi ero sfilata il vestito ed il perizoma ma avevo lasciato i sandali. Li trovato molto eccitanti, e quando lo guardai ne ebbi la conferma.
I piedi fasciati dalle stringhe di tessuto nero con lo smalto in tinta, le gambe lunghe ed abbronzate, la fica completamente depilata, la pancia piatta, il seno sodo, la cascata di onde rosse che mi cadeva sulla schiena, sul seno, sulle braccia e il rossetto ancora rosso erano una visione altamente eccitante, anche per il mio patrigno. Vedevo nei suoi occhi la voglia di scoparmi fino allo sfinimento.
Con un gemito mi afferrò la testa e mi costrinse in ginocchio ai suoi piedi. Mugolando di piacere schiacciai il viso contro i suoi boxer neri semplici, baciandolo da sopra il tessuto. Il suo pene rispose con un fremito, allora non esitai a tirarlo fuori dai boxer ed emisi subito un suono sorpreso.
Aveva una bestia impressionante tra le gambe! Un pene chiaro, con le vene in rilievo, lungo almeno 20 centimentri e bello spesso svettava nelle mie mani.
Mi leccai le labbra alla visione. Fortunata che era la mamma!
-Questo ci vuole per le troie come te, un cazzo enorme. Forse almeno questo ti soddisfa, non come il cazzetto di quel ragazzino.- disse menandoselo un paio di volte eccitato davanti ai miei occhi sgranati.
Non potevo dargli torto. Giovanni aveva un pene normalissimo, ma questo..questo era spettacolare.
-Mio Dio..è enorme..- sussurrai mentre sentivo la fica che ricominciava a colare umori
-Succhia troia.- spinse di nuovo la testa tra le sue gambe.
Decisi di mettermi a lavoro. L’avrei stupito con il pompino migliore di sempre.
Presi in mano l’asta cominciando a pomparla mentre con grandi lappate iniziavo a leccarlo dalla base verso la punta scendendo anche a leccare le palle.
Le prendevo in bocca una alla volta, stuzzicandole con la lingua prima di succhiarle e lasciarle andare con un lieve schiocco. Lo rifeci un paio di volte, venendo ricompensata da mugolii profondi. Passai poi al cazzo, accettando l’ardua impresa. Iniziai a metterlo in bocca piano, concentrandomi prima sulla punta, lavorando con la lingua, insistendo sul buchino della cappella, risucchiando poco alla volta, lasciandolo e riprendendolo di continuo.
I gemiti di Francesco mi galvanizzavano, sapevo che non si aspettava quel trattamento, e sentirlo mugolare mi eccitava davvero come una porca.
Pian piano riusci a prenderne in bocca sempre di più, arrivano a tre quarti del cazzo senza problemi, pompandolo con vigore, accarezzando le palle con la mano e con l’altra segando sempre lievemente la base.
Con un gemito roco mi prese di nuovo la testa tra le mani ed iniziò letteralmente a scoparmi la bocca.
Muoveva il cazzo velocemente e profondamente, mettendomelo tutto in bocca, arrivandomi alla gola. repressi i conati di vomito ma anzi mi impegnai per non perdere il ritmo del risucchio anche se era lui a decidere la velocità.
Non ci volle molto prima che mi stringesse per i capelli.
-Preparati troia. Ora ingoi tutta la mia sborra, vedrai che ti piacerà. Mmh, Dio si.-
Con queste parole mi scaricò in gola diversi spruzzi di sborra calda, rallentando i movimenti fino a fermarli del tutto. Ingoiai tutto con estremo piacere, leccandogli la cappella per ripulirla dalle ultime gocce.
Mi staccai per guardarlo provocante, mentre mi alzavo, strusciando addosso a lui le tette, e mantenendo la mano a giocare con le palle.
-Sei brava a leccare troietta. Chi se lo sarebbe aspettato. Ho goduto più di quanto tua madre mi abbia mai fatto godere.- mi prese per la vita, portandomi indietro sul letto. Quando lo toccai con le ginocchia mi ci sedetti sopra, e divaricai le gambe ancora fasciate dai sandali, mostrandogli la figa aperta e lucida dagli umori.
-Lo so che vuoi essere scopata.. vuoi il mio cazzo piantato fino alle palle nella figa. Che gran puttana che sei. Da oggi in poi potrò scoparti ogni volta che lo desidero, si. – con queste parole montò impazientemente sul letto e con gesto fluido infilò il cazzo profondamente nella mia fica.
Gemetti inarcando la schiena.
La sensazione meravigliosa di quel cazzo che mi riempiva, allargandomi la fica, mentre i miei muscoli lo stringevano mi faceva vedere le stelle dal godimento.
Quando iniziò a muoversi mi risultò molto difficile trattenere le urla.
Non solo mi dava colpi forti e ritmati ma ruotava anche il bacino ogni tanto, facendomi godere da impazzire.
Cominciai a muovere il bacino per assecondarlo nella scopata, e tutti e due iniziammo a gemere per l’intensità di quei colpi. Mi scopò alla missionaria per un po' di tempo prima di staccarsi di colpo, e girarmi con solo una mano, montandomi dietro per iniziare una fantastica pecorina. Abbrancandomi per la vita con una mano porto le dita sul clitoride, cominciando a stimolarlo velocemente, mentre portava alla mia bocca l’altra mano, spingendomi due dita in bocca per non farmi urlare. Tutto quello che mi usciva dalla bocca erano gemiti e miagolii rochi,di puro godimento. Mi sentivo la figa in fiamme, i muscoli che stringevano il cazzo ad ogni pompata. Ogni tanto staccava la mano dal clitoride solo per darmi qualche colpo sul culo, qualche sculacciata che mi provocava gridolini. I miei umori gli sporcavano il cazzo e colavano giù fino alle palle, ma sembrava trovarlo super eccitante. Più volte mi diceva che ero bagnata come una puttanella, la sua puttanella,e che mi avrebbe fatto godere come meritavo. Quando ad un certo punto, al limite del godimento spinsi ancora più in alto il sedere, con un’ennesima rotazione di bacino trovò il mio punto G.
Mi scappò un urlo. Francesco sfilò le dita dalla mia bocca per poi riappoggiare tutta la mano sopra e tapparla, e poi cominciò a scoparmi fortissimi in quel punto.
-Forza troietta, fammi vedere come godi, fammi vedere come vieni sotto il mio cazzo, dai dai. Guarda come ti dimeni, ti piace proprio eh..stai tranquilla che da oggi ti scopo per bene appena posso mmmh-
Continuava a darmi della troia, ad incitarmi a venire, e non ci volle molto prima che spruzzai schizzi di liquido trasparente sporcandolo tutto.
Gemetti con la sua mano premuta sulla mia bocca, con le gambe che tremavano mentre l’orgasmo si prolungava potente.
Appena finii il mio orgasmo lui si tolse da me, e iniziò a strusciare il cazzo tra le mie grandi labbra, con un attrito che mi andò diritto sul clitoride, portandomi di nuovo a contorcermi sotto di lui.
Tolse la mano dalla mia bocca per portarla al suo cazzo e menarsi super velocemente. Meno di dieci secondi dopo proruppe in un’abbondante sborrata, sporcandomi il monte di venere, l’addome. Qualche schizzo mi arrivò anche sulle tette, e non persi tempo a prenderlo con le dita per leccarlo.
Non sapevo quanto tempo fosse passato dall’inizio della scopata. Girai a fatica la testa mentre Francesco si lasciava cadere vicino a me sul letto.
Erano le 10 di mattina. Erano passate più di tre ore.
Da allora Francesco divenne un piacevole intrattenitore delle mie estati lontane dalla vita universitaria.

Ciao a tutti! Ecco il racconto inaugurale di tutta la serie di racconti che non riguarda me personalmente ma che sono puramente frutto della mia fantasia. Fatemi sapere cosa ne pensate, accetto tutte le critiche.

In più, ho deciso che voglio darvi la possibilità di raccontarmi delle storie di vostre esperienze che potrò poi pubblicare magari romanzandole un pochino. Vi basterà scrivermi all'indirizzo
Baci speciali a tutti, Serena.

Questo racconto di è stato letto 8 6 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


luisa transstorie di corna e tradimentiracconti di sesso con superdotatiracconti lussuriosistorie pirnoracconti reoticistorie vere eroticheracconti erotici profracconti erotici.itracconti lesbicheracconti porno recentistorie di pompinipompinara raccontiincesto italiano padre figliaracconti amore gayracconti di tradimenti eroticiraccontierocrociera eroticaracconti erotici adultirotici raccontizia eroticaracconti sadoracconti erotici gay maturila vicina tettonaracconti gay trenoracconti sesso animaliracc eroticimammeincestiincesto gifracconti erotici gay incestoracconti incestcornuti e guardonistirie eroticheraccnti pornofidanzata esibizionistastorie poenostorie sesso con animalistorie ertichestorieroticheracconti erotici trioracconti erotici di mogli infedeliracconti erotici mutandineraxconti eroticiraqcconti eroticiraccontieroraccondi eroticierorici raccontiracconti eroti ciraccontierticiavventure eroticheracconti gay stuproracconti porno ginecologoracconti erotici gay eteroracconti crossdressingporno racconti amatorialiracconti dominazione gayracconti oornoinculata dal suo canemia moglie al cinema pornoracconti senza mutandineracconti sexerotici racvontistoriw pornovoglio prenderlo nel culorecconti eroticierotici rccontiracconti gay sadomasoracconti eraticieroticiraccontiracconti erotici nonna e nipoteeroticiraccontii generi raccontiracconti erotici con canistorie sesso incestodonna che si fa scopare da un cavalloeroticiracontieros raccontisesso anale storiestorie eroticoracconti porno sadomasoerotci raccontinuovi racconti gayracconti erootici