Sabrina la vacca (Brutalizzata dal Padrone)

Scritto da , il 2019-11-09, genere dominazione

Buongiorno, sono sempre io, Sabrina. Il mio sadico Padrone mi ha ordinato di scrivere come sono stata usata al ritorno dal club prive. Spero di non annoiarvi con questa specie di diario della mia inutile vita da vacca. In questo momento che vi sto scrivendo sono nuda. Seduta su un enorme dildo che mi lacera il mio povero buco del culo. I miei poveri capezzoli sono serrati tra le ganasce di due tagliole per topi. Mi fanno molto male, ma una vacca come me serve solo a soddisfare il proprio Padrone. Solo quando mi usa mi sento utile. Ma non voglio annoiarvi con le mie condizioni che tanto non interesseranno a nessuno.
Al ritorno mi ha portata nella stalla di un suo amico. Non ce la facevo quasi più a reggermi in piedi. Mi ha fatto mettere in ginocchio. Il mio bel culo rivolto all'insù. Le mie tettone, a causa delli spilloni che le penetrano stanno rivolte come salami verso l'esterno del torace. Porto quasi una quinta, ricordate? Il mio viso poggia in terra mentre con le mani mi reggo le gambe. Sono nuda. Il mio lurido corpo emana eccitazione e lordaggine. "Sono sfinita" riesco a sussurrare "ma mi usi pure come preferisce."
Il mio sadico Padrone si diverte a calpestare le mie grosse mammelle. Ad ogni pestone o pedata i miei grossi capezzoli perdono qualche goccia di sangue. Le mie cosce sono rigate da gli umori della vagina. Vagina oscenamente dilatata. Le labbra sono ancora stirate ed ammagliettate dolorosamente al grosso dildo che sfascia il mio povero ventre. Stanco delle mie luride mammelle, ormai sporche e livide, il mio adorato Padrone, senza preoccuparsi delle mie condizioni afferra il dildo che mi spacca il mio povero buco del culo e con fare deciso te lo strappa via dal culo strappandomi dallo sfintere gran parte dei punti. Il mio culo è lacero. Sembra una caverna. Piango. Mi rendo conto che il mio esile corpo nudo, con le mie tettone gonfie, burrose e doloranti ed il mio bel culo all’aria completamente aperto e lacero offre uno spettacolo osceno ed invitante. Il mio adorabile Padrone mi toglie le ultime magliette rimaste nella carne del tuo sfintere ed inizia un profondo fisting anale. Sento il mio povero sfintere aprirsi in maniera impressionante. Mi cedono le ginocchia e cado ansimante a terra. Il mio corpo è sconquassato da forti tremori. Dalle labbra della mia lurida fica, ancora chiuse assieme con le graffette, rilascio una grossa quantità di piscio. Il Padrone con un piede mi calpesta un seno ed inizia a pisciarmi sul viso sul viso. Adoro la sua piscia calda. Apro la bocca e tiro fuori la lingua come una cagna cercando di prenderla in gola il più possibile. Svuotato la vescica si siede e con il cazzo ritto e mi ordina di sedermici per incularmi. Esegui a fatica. Il mio Padrone ha un cazzo enorme, circa 30 cm per 6 di diametro. E’ davvero enorme, adoro il suo immenso cazzo. Lentamente riesco a raggiungerlo sulla sedia. Sono ridotta oscenamente male. Il mio povero corpo sfatto odora di piscio. Il suo grosso cazzo mi scivola dentro il culo senza problemi, tanto è dilatato. Inizia ad incularmi con forza mentre con le mani prende a mungermi le grosse mammelle. Gemo, urlo, miagolo. Sono in estasi per come sono trattata. Mi sento realizzata. Perdo saliva dalla bocca socchiusa. Le braccia mi cadono lungo i fianchi.Le grosse mani del mio sadico padrone mi stringono con forza inaudita le mie povere tettone da vacca. La sensazione della carne martoriata dei miei seni è bellissima. Li stringe e tira con forza. Ormai lascio solo qualche lamento. Mi afferra le luride mammelle da sotto e strizzandole oscenamente inizia una lunga dolorosa mungitura. Lascia scivolare le mani dalla base fino al tuo grosso capezzolo. Le mie mammelle si gonfiano come palloni mano a mano che la sua stretta micidiale si avvicina al capezzolo. Quando la stretta delle sue mani arriva vicino ai miei martoriati capezzoli i miei grossi seni si plasmano in lunghi salami. Il grosso capezzolo, circondato dalla grossa aureola, rossa e pulsante, si gonfia e lascia spuntare fuori il grosso spillone. Ogni volta che arriva a strizzarmi i capezzoli le mie mammelle rilasciano una goccia di sangue, mentre io, stupida troia lascio un urlo soffocato e perdo umori dalla fica. Continua la mia mungitura per molto tempo. Ormai i miei grossi seni sono lividi e sfatti. Mi lascia scivolare in terra. Prende una gomma e con dell'acqua fredda lava il mio lurido corpo da vacca. Quindi con un asciugamano mi asciugo il corpo. Mi accarezza i capelli e mi sussurra "Sei stata brava, ma stasera vedi di non lamentarti con quegli uomini che verranno per stuprarti. In fondo è colpa tua se hai un corpo da vacca." Poi mi lascia nuda, sdraiata in terra ansimante, sfinita. Spengo le luci della stalle ed esco. Mi sento sven

Scusatemi, ma devo interrompere il racconto. Il mio Bravo Padrone mi vuole. Devo fare da cesso ad un suo amico che ha bisogno di svuotarsi. Se posso ed il mio sadico Padrone me lo concederà tornerò a scrivervi.
La vostra vacca, Sabrina.

Per commenti e suggerimenti

Questo racconto di è stato letto 1 8 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di dominazione femminileraccontineroticizie troie raccontiracconti erotici sul busracconti erotici con fotoracconti zoofiliasito racconti eroticidottoresse voglioseracconti erotici nipotinastorie cornutolibri eros da leggere online gratisracconti porno mammeracc incestbdsm pissingracconti genivrscconti pornoracconti hard con animaliracconti eoticistorie erotiche tradimentii piedi di mia ziaracconti esibizionistimarito cornuto racconticougar raccontidonne che scopano caniscopate raccontimia moglie rotta in culoracconti porno suocereracconti di sesso 69porno racconti transil mio primo bocchinoescort storieracconti di massaggi eroticiraccomti pornoracconti proibiti realiracconti erotici ricattoracconti erotici animalimasturbarsi con spazzolino elettricor acconti eroticiracconti eroyiciporno ita netstorie di travestitiraccpnti eroticiracconti marito sottomessoracconti erotici fortiporno racconti tradimentiracconti erotici di milùstorie mogli troieracconti sex 69storie di escortrecconti eroticiscambisti storieraccconti pornoracconti strip pokerstorielle eroticheracconti di sessoracconti erotici storie vereracconti porno zoofiliaporn raccontiracconti di massaggiracconti erotici animalracconto bondageracconti erotici tradimentostorie vere sexstorie di scambistiracconti cucoldstorie porno italianostorie eroticrac erotracconti erotici storie vereracconti milu comtrav raccontiracconti erotici sorellastoriw pornoerotici racvontiracconti femminilizzazioneracconti erotici masturbazione femminileracconti erotici pornoracconti lesbracconti camionistiracconti di mogli infedeliracconti di slave