Attrazione irresistibile

Scritto da , il 2019-11-08, genere tradimenti

Ho raccontato di come ho sedotto il mio capo, per poi ritrovarmi travolta da un’ardente passione con lui. Non era, però, quella la prima volta che decidevo di usare il mio corpo per sedurre, per tradire. Bisogna tornare indietro di nove anni. Avevo diciotto anni all’epoca, iniziavo a scoprire il potenziale del mio corpo, delle mie forme e lo vedevo da come mi guardavano gli altri ragazzi, da come si approcciavamo a me. C’erano molte ragazze belle come, o più di me, ma la mia prorompenza fisica, l’unicità delle mie forme, quella era cosa per poche. Devo dire che non sono cambiata molto da allora, forse allora ero più tonica e ora più formosa, ma comunque gli uomini mi guardano ora come allora. Frequentavo il quarto anno di liceo classico e amavo platonicamente un ragazzo più grande di me e lo sapevano tutti, l’unico problema? Era fidanzato con una mia compagna di classe. Che poi questo ragazzo neanche era bellissimo, però ero molto ingenua e lui se ne approfittava, tenendomi legata a lui come un cane al guinzaglio. Erano le vacanze di Pasqua, per esattezza il giorno di Pasquetta e mi trovavo a casa di un’amica, quando mi arrivarono dei messaggi da Matteo, compagno di classe del ragazzo che mi piaceva, e iniziai a parlare con lui. Il mio amore non si affievoliva, però avere un altro ragazzo che mi dava tali attenzioni, per giunta più grande, mi piaceva. Nei mesi successivi Matteo fece bene il suo lavoro e mi portó a un punto tale che non riuscivo più a stare senza di lui. Uscimmo tre volte e finimmo appartati a scambiarci baci appassionati. Furono i miei primi baci appassionati, i primi concreti approcci al sesso. E da come le mani di lui indugiavano sul mio sedere durante i nostri baci iniziai a capire quanto potesse piacere il mio corpo. Avvenne un imprevisto: il ragazzo che mi piaceva prima scoprii di me e Matteo, ed essendo i due amici ne parlarono fino a che Matteo decise di troncare con me perché ciò faceva soffrire quell’eco ista del suo amico, che aveva capito di non avere più il suo giocattolino a portata di mano. Per mesi Matteo evitó qualsiasi contatto con me, fino a Capodanno. Venni invitato a una festa a casa di un mio compagno di scuola, dove era stata invitata molta gente del mio liceo, tra cui Matteo. Mi ero messa un corto e attillato vestito nero, con calze e stivali. Il sedere messo estremamente in risalto. Matteo fece di tutto per evitarmi, per mantenere la promessa fatta all’amico, mentre io invece avrei voluto solo l’occasione per stare da sola con lui. Arrivó al punto di nascondersi su un balcone a bere alcool in solitudine pur di evitare di incrociarmi. Una mia amica lo vide e me lo disse e io a quel punto andai da lui, che come mi vide si alzò e se ne andó al piano di sotto, dove c’era tutta la gente che ballava, ma non aveva scampo. Mi parai davanti a lui bloccandoli la strada, mi voltai e iniziai a muovermi sinuosamente. Ondeggiavo il mio sedere all’altezza del suo pisello, che divenne di marmo in pochi istanti. Ci tengo a precisare che avevo bevuto qualcosa, ma non tanto da essere ubriaca; tutto quello che stavo facendo lo volevo con perfetta coscienza. Le sue mani si strinsero sui miei fianchi mentre ballavamo. Sentivo che stava cedendo, quando d’un tratto mi spinse via e se ne andò. Rimasi per un istante li, poi sentii la necessità di piangere e mi andai a chiudere in una stanza, con una mia amica al seguito per starmi sfogare. Mi disperai per non so quanto tempo, fino a che qualcuno venne a bussare alla porta:” Sono Matteo. Erika apri dai...”. La mia amica si voltò verso di me:” Cosa faccio? Apro?” E io Non indugiai un attimo e feci si con la testa. La mia amica aprí e sulla soglia si parò un Matteo palesemente ubriaco. “ per favore lasciaci soli” disse rivolgendosi alla mia amica, che si voltó verso di me che annuii come per dire che poteva andare e lei uscí, lasciandomi da sola con lui. Venne verso di me. La sua faccia era attaccata alla mia. “ non riesco a starci senza di te “ e ci baciammo. Mi voltó, spingendomi contro la finestra. Di riflesso mi afferrai i bordi della gonna e me la tirai su. Il mio perfetto sedere si paró davanti a lui, che venne verso di me, mi abbassó calze e mutande quel tanto che li bastó per pentrarmi con le dita da dietro, mentre mi baciava famelicamente. Mi bagnai tanto, un fiume in piena, mugolavo dal piacere. D’un tratto mi afferró per i capelli e brutalmente mi spinse contro la scrivania nella stanza, gettó tutti i libri e oggetti vari che c’erano sopra per terra, mi afferró per I fianchi per sollevarmi e mettermici sopra sdraiata, afferrarmi le cosce con le mani e spingermi verso di lui ancora sdraiata. Si abbassò i pantaloni e le mutande, e mi si paró lo spettacolo del suo pisello dritto ed entró. Urlai sul momento, mi fece male , normale la prima volta, ma poi subito iniziai a godere sonoramente e lui mi scopó senza riserve, sfogando tutta la passione figlia di quei mesi di distacco. Venne in pochi minuti, schizzando il suo piacere sul mio ventre. Il sangue del mio sverginamento era ovunque e uscimmo allora di corsa da quella stanza, sperando che nessuno ci avesse notato. Andammo a prendere la macchina di lui per andare a casa sua, a passare il resto della notte insieme e Chi se lo poteva immaginare in quel momento che nove anni dopo avrei tradito quel ragazzo, tanto amato e desiderato in quella notte ti capodanno, col mio capito, iniziando una relazione sessualmente al limite.

Questo racconto di è stato letto 5 0 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti pori generi dei racconti eroticimeccanici gayi generi dei racconti eroticicornuto umiliatoracconti erotici zooracconti poenoracoonti eroticiracconti erticiracconti erotici animaliracconti erooticiracconti saffoincesti racconti veriracconti hardracconti erotici dominazioneracconti eraticiracconto cuckmia zia e una porcamia moglie è una vaccaracconti di sesso con ziaracconti sessmogli al cinema pornoraccontineroticiiraccontidimilustorie pornoracconti erotici stranierotici 69rracconti eroticiraccontivietatisorellina porcellinaracconti eros miluracconti la prima volta nel culoracconti di gang bangerotici racconritacconti eroticiracconti bisessualiracconti erotici donnaracconti porno eteroracconti erotici con animalistorie di sesso gayracconti erotici zoofilimia nipote mi fa una segaraccinti pornoracconti culi rotticconti eroticiconfessioni incestuoseclub prive raccontitracconti eroticistorie sesso con animaliracconti erotici sessostorie incestuoseracconti foot fetishvolluttuosoiomilu racconti eroticimogli troie in spiaggiasesso porno raccontiracconti adultiwww.eroticiracconti.itracconti erotici suoceroracconti zoccolestorie di culiracconti erotucimia suocera che troiazoofilia cavalloragazza scopa col caneracconti sesso scuolaracconti erotici padre figliaracconti erotici crossdresserracconti disessomammeincestuoseeros raccontiracconti erotici stupriraccomti miluraccontiberoticiracconti dominazione lesboracconti erotici giochirecconti eroticicane incula ragazzaracconti orgeracconti erotici e videoincesto fotoracconti porno breviporno fotoraccontilaura panerailetture erotiche gratisracconti.pornosesso a tre raccontostorie di mariti cornutiraccontieroticracconto erotico nonnaracconti di ragazze lesbichemoglie scopata dal ginecologoraccontie roticiracconti eropticitrampling storieracconti porno con caniincesto tra zia e nipoteracconti erotici natale