Umiliato dalle mie vicine con una racchetta da tennis

Scritto da , il 2019-11-08, genere dominazione

Sono un ragazzo di 29 anni, segaiolo incallito, sono timido e non ho avuto molte occasioni di godere con una donna.
Esco di casa con il mio sacco con la racchetta da tennis visto che vado a giocare con um collega. Sulla strada incrocio le vicine del palazzo di fianco: una biondina con gli occhiali, e la sua amica alta magra coi capelli neri e occhi azzurri: entrambe ventenni e carine. Ho avuto occasione di osservarle visto che la mia cucina da sulle loro stanze e ho passato tanto tempo spiandole mentre si cambiano per poi masturbarmi fantasmando di loro.

Non le conosco ma le saluto per cortesia come fanno anche loro per abitudine, e invece di proseguire come di solito la biondina mi butta la "ti piacciono le carote??!" più un affermazione che una domanda e io d´istinto rispondo "si, perché??" la mora mi allunga il telefono "lo sappiamo". Guardo la foto e vedo la mia cucina con io che sono piegato in avanti e con una mano mi sto masturbando e con l`altra mi sto infilando una carota nel culo!! un brivido mi corre per la schiena e l`imbarazzo è totale!!
Le due si guardano ridendo del mio imbarazzo " sarebbe divertente vedere il tuo palazzo tappezzato con `sta foto!!" dice la bionda "siete pazze, non potete,..." ribatto d`istinto, "e perché no?" dicono insieme ridendo, "vi prego, vi paghero`" esclamo io sottomesso"faro tutto quello che volete...!".
le due si guardano "soldi non ci interessano ma siamo stufe che ci spii sempre mentre siamo in camera e ti vogliamo punire!! piccolo porco perverso!" mi dicono" vi prego farò tutto quello che volete ma non fate vedere la foto!!" balbetto io umiliato "Ok, seguici!".
si incamminano e girano a destra in una stradina che porta ad un capannone dismesso, scavalcano una recinzione caduta ed entano per una porta che pende sui cardini. Ci troviamo in un ampio locale industriale con i lucernari distrutti che lasciano entrare il caldo sole pomeridiano.
"Spogiati" mi dice la mora "cosa?? sei pazza" rispondo io "sicuro! tu hai spiato noi e adesso mi pare giusto che siamo noi a guardarti!! se non vuoi vedere le tue foto appese"
Hanno loro il coltello dalla parte del manico... poso il mio sacco e mi levo la maglietta, mi slaccio i jeans e li calo alle caviglie, "toglili completamente" mi intima la biondina e io umiliato mi tologo le scarpe per levarmi i pantaloni. mi alzo sottomesso e mi trovo in piedi in mutande davanti alle mie vicine, non mi sono mai sentito cosí imbarazzato peggio di così penso... non faccio in tempo a pensarlo che "NUDO abbiamo detto!" senza scelta mi tolgo le mutande "guarda" dice la biondina "si eccita a spogliarsi in un putrido capannone!" e ridono
In effetti è vero il mio cazzo si sta un po` gonfiando, nonostante l`ulmiliazione una parte di me si sta eccitando!! "segati che vogliamo vederlo duro" mi dicono e io senza riusire a guardarle comincio a menarmelo. Mentre che mi sto masturbando la mora estrae la mia racchetta dal sacco "che bella racchetta" ride e la biondina " si! e ha anche un bel manico!!" e ride anche lei, nel frattempo sono diventato duro. La biondina prende la racchetta la posa per terra con l`impugnatura verso l`alto e mi dice "smetti di segarti e siediti su `sto manico!" "cosa?? sei pazza!!" ribatto, "senti mio piccolo pervertito, o ti apri le chiappe e ti siedi su sto manico o le foto..." non ho scampo lo so!! mi volto mi allargo il culo a due mani e mi siedo sul manico. Sento il duro manico che mi preme sul buco del culo, " cosa aspetti, spingi che entra" mi intima la biondina "E´ troppo grosso è impossibile" e provo a spingere di più, "ti aiuto io" ride la stangona e mi mette le mani sulle spalle e comincia a spingere... sento il manico che pian piano apre il mio culo, sento il manico che sfrega contro il mio ano, la pressione sulle mie spalle aumenta e di colpo il mio buco del culo cede e il manico mi penetra!!! è entrato solo un paio di centimetri ma mi sento il culo aperto come mai ho provato visto il diametro... " vedi che ce la fai!!" mi dice la biondina e le due si mettono a ridere, io umiliato, nudo, come se fossi seduto solo che è il manico della racchetta nel culo il mio appoggio... "adesso togli la racchetta" mi dice la mora, prendo la racchetta con una mano e mi alzo "che rotto in culo che sei " mi scherzano ridendo, "ora lo rifai ma senza aiuto" riposo la racchetta per terra e siedo il mio buco martoriato sul manico e comincio a spingere il mio culo fa resistenza, aumento la pressione e dilatandosi di colpo il mio sfintere accetta lo spessore della racchetta!! "Bene, ora scopati la racchetta" mi dicono e io comincio ad alzarmi un po` e poi riabbassandomi, il manico entra poco e non lo lascio uscire tutto, "non così mi dice la biondina" deve entrare più profondo e mi aiuta a scoparmi il culo spingendo sulle mie spalle, ad ogni volta che mi abbasso sento che il manico mi invade sempre di piú, "più veloce" mi intima e io mi alzo e mi abbasso più velocemente e ad ogni discesa la biondina mi spinge più forte, di colpo sento il freddo del metallo, l´impugnatura è completamente in me!! La biondina mi tiene schiacciato,"ecco è cosí che ci si siede su una racchetta" e ride "ora alzati " mi alzo e la racchetta rimane impiantata nel mio culo, apri di più le gambe che vogliamo vedere bene, mi intimano ed io mi eseguo, poi di colpo la biondina prende la racchetta e la sfila di un colpo secco. "ora ci fai vedere come la prendi tutta ancora una volta" prendo la racchetta e mi ci siedo sopra, il mio culo si apre e sento il manico che mi invade, spingo e mi sembra che non c´é più spazio tanto mi sta riempendo "Di più" mi dicono e io spingo fino a che non sento il ferro del manico. "Bene, ora ti masturbi mentre ti scopi la racchetta, vogliamo vederti sborrare!" comincio a segarmi mentre mi alzo e mi abbasso sulla racchetta, "più veloce con il culo" e io accelero i su e giù, mi sego e mi scopo, fino a in una fiammata di orgasmo vengo copiosamente!! resto li umiliato, senza fiato con la mano sporca di sborra e la racchetta ancora sprofondata nel culo!! "ci vediamo porco pervertito, spero che la lezione ti sia piaciuta" mi dice la mora e si girano ed escono dal capannone

Questo racconto di è stato letto 3 5 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccont eroticierotico raccontirqcconti gayracconti pirnoracconti erotici.comstorie porno gratisstorie di sesso incestiracconti erotivciracconti eroticiiracconti porno incestoracconti porcaracconto clistereracconti sesso a scuolascopata con il caneracconti proibitiraccpnti miluracconti rtoticiracconti erotici generiraconti di sessoracconti.eroticiincesti nonne e nipotistoria eroticheracconti femdomracconti sesso amatorialeracconti.incestoracconti ertici 69racconti porno la prima voltaa 69 racconti eroticiesperienza eroticaracconti zozziracconti di una moglie troiaracconti mogli che tradisconoracconti maluracconti erotici in famigliaraccpnti pornoeros free on linestorie porniravconti eroticiracconti mia moglieraccont eroticprimo fistingracconti fetish piedistorie erotiche realizoofilia raccontiragazza si fa inculare dal canezia porconaracconti di giovani mogliracconti perversiracconti genero suoceraracconti padrona schiavorotici raccontiracconti eroticjrecconti eroticiracconti sesso con suoceraporno italiani storieracconti al cinema pornoraccomti di milucome masturbarsi yahooraconti hotracconti porno fantasieracc69raccondi eroticiracconti erotici maestradominazione raccontistorie reali pornostorie di tradimenti pornoracconti dominazione transracconti erpticieroti raccontiracco ti eroticiporno confessioniracconti di coppie con transracconti erotuciracconti erotici animalfeticismo forumiincesti italianiscopata casarecciasuperdotato raccontizie incestuosestirie pornovideo racconti gaydonne che fanno amore con animalistorie di sesso pornorac erotsorelle porcellegli ho dato il culoerotici racconto