Mamma di periferia - settimo episodio

Scritto da , il 2019-11-07, genere incesti

PREMESSA: la serie “mamma di periferia” avrebbe dovuto concludersi con l’episodio sesto. E’ stato grazie all’intervento di MrGwin, che ha sviluppato e completato una mia bozza che altrimenti sarebbe rimasta tale, se questo settimo episodio ha visto la luce. Pertanto da me e da MrGwin un augurio di buona lettura.


Un incontro di pugilato? Ma sei matto? - esclamo contrariata. Tutte le riserve di madre si affacciano alla mia mente.
Mio figlio mi ha appena rivelato questo folle progetto. E' una proposta fattagli dalla palestra dove va ad allenarsi 3-4 volte settimanali. Che è appunto una palestra di pugilato. A parte che non ho gran piacere che passi ore della sua giornata in quello squallido sotterraneo puzzolente di sudore, trovo che un conto sia l'allenamento pugilistico, con tanto di qualche scazzottata sul ring con un compagno di allenamento, un conto il combattimento vero e proprio, con i round, il pubblico vociante, ecc ecc.
- Mi dicono che ho un bell'allungo – si giustifica mio figlio, stando lì impalato in mezzo alla cucina.
- Non so cosa sia questo allungo - gli rispondo (veramente un'idea ce l'avrei, è molto snello e dinoccolato, dipenderà da quello) -ma non è certo una buona ragione per andarsi a prendere dei pugni in faccia. Non capisci che questi incontri convengono solo al tuo allenatore e alla tua palestra? Tu cosa ci ricavi? -
- Ma è appunto per loro che lo faccio, e poi… -
- E poi? - Lo incalzo io.
- E poi a me va. È un'esperienza che volevo fare -
Che dirgli. È maggiorenne. Sarà un'esperienza e va bene, mi dico. Ma l'idea che il volto di mio figlio venga colpito da pugni, che altri ne possa ricevere sul torace, nello stomaco, mi è francamente inaccettabile.
- Fa' come vuoi - sospiro.
Gli giro le spalle ritornando a sfaccendare nel lavello. Meglio dedicarsi alla pentola da lavare, c'è una macchia di bruciato in fondo che non si è tolta.
- Verrai a vedermi? - esordisce improvvisamente lui.
A momenti la pentola gliela tiro in testa. Così mi metto avanti con lavoro, visto che vuole fare esperienza di bernoccoli. In testa, e su quel sorriso scanzonato che gli colgo sul viso mentre mi giro. - Questo te lo scordi! - lo aggredisco - vai a farti ammazzare se vuoi, ma lontano dai miei occhi! Ci siamo capiti? -
Il giovedì sera di quella stessa settimana, siedo angosciata su una panca dentro il capannone della cooperativa dove è stato allestito l'incontro, maledicendo la mia cedevolezza.
Mio figlio non è l'unico che combatte, ovviamente. Gli incontri sono una decina, di tre round ciascuno. Il suo è il terzo. Attorno a me siede e si aggira un sacco di gente vociante, buona parte del vicinato, tra i quali probabilmente i genitori dei ragazzi che si esibiranno questa sera e anche volti sconosciuti, amici, amichette degli atleti. tutti quanti eccitati per la serata, dal riso facile e un po' isterico. Qua e là anche alcune donne, sul viso delle quali mi pare di scorgere l'ansietà di madre, e anche padri, seduti in punta di seggiola, anch'essi col sorriso un po' troppo facile, forse preoccupati di dover vedere il figlio fare brutta figura. L'unica seria e silenziosa sono io. E forse anche l'unica sotto sotto divertita di quella situazione grottesca nella quale mi sono fatta incastrare.
- Mah! Vedremo anche questa! - Penso. E mi predispongo a passare una brutta serata.
Iniziano le gare.
Il primo incontro finisce tra i fischi, perché i due, a quanto pare, non si sono menati abbastanza.
Il secondo, per converso, è un massacro. Persino l'arbitro interviene a calmare gli atleti che, a quanto pare, l'hanno presa troppo sul serio. Intanto però si sono fatti dei bei lividi ed hanno fatto contenti tutti. Se ne vanno tra le ovazioni.
Ecco il turno di mio figlio. L'altoparlante scandisce i nomi tra generici applausi di accoglienza. Ma io nulla posso più vedere, essendomi alzata dalla panca e fuggita via. Proprio non ce l'ho fatta a rimanere lì. Incapace di andarmene definitivamente, sosto appena fuori, appoggiata al muro del capannone.
All'interno il gong risuona solenne, sancendo l'inizio del combattimento. I primi tonfi dei guantoni, accompagnati da sparute grida di incitamento.
Quando di tonfi dei guantoni diventano più fitti e potenti, anche dal pubblico sorgono scoppi di entusiasmo, seguiti quasi sempre da lugubri mormorii di delusione.
Di nuovo il gong. Primo round finito. La sala si riempie di un vocio indistinto, nel quale si distingue la voce del venditore di pop corn.
Di nuovo il gong. Comincia il secondo round.
Stavolta le grida di incitamento aumentano, il pubblico si va scaldando. Anche i colpi scambiati si fanno più copiosi e decisi.
D'improvviso un urlo unanime della folla mi fa trasalire. I colpi si susseguono a ritmo sostenuto.
Un altro urlo.
Un altro ancora.
A un certo punto il clamore si eleva assordante, quasi a far scoppiare il capannone. Pare non voler finire. Che è successo? In quel frastuono inarticolato un uomo, scandendo bene le parole, urla: - dieci,nove,otto … -
A quel punto tutto si fa buio attorno a me e il clamore della folla, la voce che conta alla rovescia si fanno lontane lontane.

Quando rinvengo, un cerchio di sguardi sopra di me mi circonda preoccupato (io ero scivolata a terra) ma nasce un mormorio di sollievo perché mi vedono rinvenire. Un signore, che poi si rivelerà l'allenatore di mio figlio, piegato su di me, alacremente agita un asciugamano sul mio volto.
- E' la madre, è la madre - sento mormorare attorno. Mi aiutano ad alzarmi.
Ma subitamente un'angoscia mi stringe il cuore: - come sta mio figlio? - chiedo, già timorosa della risposta.
Mio figlio ha vinto. E, del tutto ignaro di quel che è accaduto a sua madre, sta tranquillamente facendosi la doccia. A cadere, poi subito rialzatosi, era stato quell'altro.

- L'allungo- mi dice poi l'allenatore, come se quell'espressione servisse a motivare l'universo intero - l'allungo è stato determinante - e ripete, non senza una certa fierezza - l'ha preso d'incontro - con gli occhi che gli brillano di soddisfazione.
Stupisce quando dico che me ne voglio tornare a casa.
Ma come, non rimango a festeggiare? Io proprio non me la sento , mormoro qualche parola di ringraziamento e giro i tacchi, allontanandomi in fretta da quella bolgia.
Branco di cretini. Loro, l'allenatore, e mio figlio in testa. Mai, mai più andrò ad un incontro di pugilato.
Cammino nella notte, sola, per rincasare. Il quartiere mi scorre accanto lentamente, coi suoi piazzali, i suoi palazzi, le sue luci lontane.
Che figura. Chissà mio figlio, quando lo saprà. Dirà che sono una donnetta fragile e indifesa. Che è la realtà, del resto.
Ma che ci posso fare. Il suo corpo è come il mio corpo. Sentire i tonfi dei colpi scambiati semplicemente mi inorridisce.
Eccomi di nuovo a casa, alla luce rassicurante della cucina, tra quelle mura dove, pochi giorni or sono, io e mio figlio ci siamo stretti, incuranti del mondo.

Sono appunto assorta in questi pensieri quando lui rincasa.
Ha un bell'occhio nero, il disgraziato, e nel contempo un’espressione divertita dipinta su tutto il viso. Segno che gli hanno raccontato tutto.
Decido di giocare d'anticipo.
Guardandogli imbronciata l'occhio tumefatto: - e così avresti vinto? - l'apostrofo
- Ebbene sì - risponde lui ridanciano e avanza nella cucina - picchiava forte, ma io mi sono difeso e poi… -
- Sì lo so, l'allungo - lo interrompo esasperata.
- Cosa ne sai? - mi chiede lievemente stupito.
- Me lo ha detto il tuo allenatore. -
- Ah già è vero, che vi siete conosciuti – sorride – il signor Mario ha avuto un gran daffare stasera - e sorride ancora, canzonatorio.
- Ho creduto che fossi tu quello andato a terra - gli rispondo sempre più imbronciata.
Lui si fa serio: - già, per fortuna no. -
Poi , come parlando a sé stesso: - l'ho colpito al mento e lui è andato giù. Ma è stato praticamente un caso. Credo che altrimenti mi avrebbe battuto. Sono stato fortunato, ecco. Il pugilato non diventerà il mio mestiere - ride - Non credo farò mai più un incontro -
- Meno male- rispondo con sollievo, dandogli le spalle.
Mio figlio approfitta per avvicinarsi. Una mano mi accarezza i capelli.
- Stai bene ora? - mi fa con tono improvvisamente premuroso
Un'onda di calore scende per la mia schiena - ho avuto solo un mancamento, adesso sto bene. -
- Il signor Mario era molto preoccupato per te, - prosegue - mi ha fatto rincasare il più in fretta possibile. -
- Il signor Mario è un uomo premuroso, ma sarebbe bastato non far salire mio figlio sul ring - ribatto – per evitarmi dei problemi.
Il suo viso si immerge tra i miei capelli. Vi alita: - mi dispiace mamma, che tu sia stata male per me.-
Combattendo la dolcezza che mi inonda, butto lì: - che cosa è un allungo? - Come previsto mio figlio si distanzia un poco.
- E' un pugno molto esteso, mamma, io ho le braccia lunghe e mi riesce abbastanza bene. -
- Lo avevo immaginato -
- E allora perché me lo hai chiesto? -
- Così, so così poco di te, ormai. -
Lui va a sedersi al tavolino, facendomi sentire l'aria della cucina improvvisamente fredda.
Appoggia le spalle e la testa al muro. Chiude gli occhi.
-Ma cosa vuoi che ci sia da sapere - il suo tono è amaro, stanco
Mi giro verso di lui: -mah, sei sempre tanto in giro, qualcosa farai no? -
- Sì, qualcosa, giusto qualcosa – gli occhi rimangono chiusi - sì, qualcosa faccio certo, - ripete - ma non è un granché, sai.
- Di questo non ne dubito - gli dico con un tenue sorriso - ho già avuto modo di dirtelo. Tuttavia - proseguo - anche se non sarà granché, come tu dici, e come anch'io penso, qualche cosa farai, e io non ne so nulla. Posso solo immaginarlo, ma nemmeno tanto, in fondo. E anche se sono contraria, e lo sai, vorrei lo stesso sapere che cosa sono, queste cose che fai, che sono comunque parte della tua vita.
- La mia vita, la mia vita…- ripete lui ancora assorto in se stesso. Il tenue sorriso sarcastico si spegne d'improvviso. Spalanca gli occhi, mi guarda come folgorato da un'idea meravigliosa - perché non vieni con me, una notte? -
- Chi, io? Ah no! - e scuoto la testa.
I suoi occhi non mi mollano: - così vedi in prima persona -
- Ah, no - ripeto, povera di argomentazioni, - sarebbe bella anche questa! -
- E perché no? - prosegue implacabile - anche stasera se vuoi. - Uno sguardo all'orologio della cucina: - che ore sono? -
- È tardi -
- No, è presto -
- È tardi -
-E' l'ora giusta. - conclude entusiasta. E si alza.
- Non credo… -
- Mettiti le scarpe da ginnastica - fa lui - sbrigati! -

Un quarto d'ora dopo, scendo circospetta le scale buie del condominio preceduta dalla sagoma scura di mio figlio. Per la seconda volta in questa giornata, sono proiettata in esperienze che mai mi ero sognata di fare. Con scarpe sportive, jeans, e una felpa spessa.
Non abbiamo acceso la luce delle scale, naturalmente, nessuno ci deve vedere. Una luce azzurrina scende dai finestroni semi-opachi del palazzo.
Eccoci sul piazzale deserto. E' vero non è molto tardi, ma già le finestre sono chiuse e le strade vuote. Solo le luci assorte dei lampioni fanno la guardia ai lati del deserto urbano.
- Dove andiamo? -
- Beh, ci sono i campi di spaccio o i locali della centrale termica. Dove vuoi andare prima? -
- mah, non saprei -
- Lascia fare a me – mi prende per mano e ci allontaniamo nella notte.
Le strade illuminate dalla luna crescente e dalla fredda luce dei lampioni mostrano una realtà degradata, la notte accentua questa laida tristezza che di giorno si nasconde dietro il sole.
Ci sarebbe bisogno di maggiore attenzione da parte delle istituzioni, lasciare che si crescano qui dei figli è un crimine, che paga tutta la società.
Dopo aver camminato per venti minuti seguendo percorsi a me sconosciuti, arriviamo a ridosso di un enorme capannone sormontato da una grossa canna fumaria ormai spenta, qualche ciuffo d’erba nascosto tra lo scadente cemento, immondizia di vario genere ammucchiata su montagne di terra sporca della civiltà post-moderna.
- E’ questa la nuova centrale termica? - Chiedo mentre gli occhi vagano alla ricerca di punti di riferimento, che non trovo.
- Vieni - risponde mio figlio senza rallentare il passo.
S’infila in un corridoio tra un capanno e l’altro e raggiunge una piccola porta d’acciaio, bussa tre volte con lunghe pause, aspettiamo qualche secondo e infine ci apre un tizio basso e tarchiato con sopra la testa un ciuffo disordinato di capelli.
Indossa un giubbotto marrone, lurido e consunto, non dice una parola ma la sua faccia si muove in un ghigno che mi regala la certezza che conosca mio figlio, che dopo un “ciao” di circostanza entra nella pancia del capannone. Lo seguo, incuriosita e impaurita da questa gente che non conosco, da questi luoghi a pochi minuti da casa mia dei quali ignoravo l’esistenza.
C’è di tutto qua dentro, vecchi macchinari ormai esausti, mobilia trascinata da chissà quale discarica, tende tirate in angoli bui, come un sipario con un palcoscenico, solo che mi vengono i brividi a pensare quale spettacolo si possa proiettare dietro le quinte.
Mio figlio sembra a suo agio, ho capito subito che non è la prima volta che viene qui, è conosciuto, non so se rispettato ma si muove con naturalezza, senza alcuna circospezione.
Camminiamo seguendo il tizio per un lungo corridoio ai lati del quale ci sono alti scaffali, come se questo fosse stato un archivio, o forse sopra ci tenevano delle attrezzature, difficile capirlo adesso, quello che è certo è che non mi piace l’atmosfera che si respira qui, questo silenzio è peggio del caos, là mi sentirei più al sicuro, il fatto che ci sia mio figlio non mi tranquillizza affatto, anzi, mi mette un’inquietudine maggiore.
Davanti a noi si apre uno spiazzo enorme, dove c’è un grande scranno sul quale siedono una donna al centro e due ai lati.
Sono sorpresa, lo ammetto, questo non sembra un ambiente nel quale la femminilità possa moltiplicarsi, nè sopravvivere; mio figlio mi fa cenno di fermarmi, mi accosto a lui e smetto di guardarmi intorno, gli occhi incollati alla schiena del mio ragazzo, il suo trapezio è notevole, i fianchi stretti, i glutei sodi strizzati nei jeans, qualcosa si scioglie nelle mie mutandine, qui, in questo luogo freddo e inospitale, davanti ad una sorta di giudice donna, mi sto eccitando.
- Chi è la signora? -dice la donna sullo scranno.
Mio figlio si gira verso di me, mi prende per il braccio e mi fa fare qualche passo avanti, come a mostrarmi: “È mia madre, Lilly”, lei scende dal suo sgabello, lentamente, con passi felini, mi raggiunge, la mia lingua sembra essersi ritirata dentro la mia bocca, la saliva azzerata, non riesco a dire nulla, ho un senso di nausea.
-Perché l’hai portata qui? - chiede Lilly e le parole che escono dalla bocca di mio figlio rimbalzano tra la mia testa ed il cuore.
-Per offrirtela - dice senza neppure guardarmi; la donna lo guarda e poi rivolge i suoi occhi di ghiaccio su di me:
- Sai cosa significa? -
- Sì -.
- E lei, lo sa? -
- Lo scoprirà presto - risponde mio figlio.
- Questo è certo - conclude Lilly facendo un cenno ad ombre invisibili che si manifestano dietro di me afferrandomi per le braccia.
Ho paura senza sapere esattamente di cosa, cerco lo sguardo di mio figlio ma lui non si volta, chiamo il suo nome a voce sempre più alta mentre mi portano via, in fondo ad un corridoio buio e infine in una stanza grigia e vuota, illuminata da una lampada al neon, nella quale trova posto solo un letto di ferro ad una piazza, un cuscino e una coperta di lana marrone.
Sto piangendo di disperazione mentre mi spogliano nuda e assicurano polsi e caviglie con corde di nylon.
I loro volti impassibili mi fanno più paura che se parlassero, mi sento ridotta ad un mero oggetto, ma ancora non so cosa mi aspetta.
Mio figlio, lo stesso che ho portato in grembo per nove mesi, che ho cresciuto e che nelle ultime settimane ho aiutato a diventare uomo, mi ha abbandonata, nessuno sa che sono qui tranne lui, quando le mie assenze dal lavoro avranno raggiunto i due giorni, telefoneranno a casa e sarà costretto ad inventerà una scusa, loro saranno tranquilli e nessuno mi verrà a cercare, ma soprattutto, non ho idea di cosa sarà di me.
Non so come ne quando mi sono addormentata, l’endorfine sprigionate dalla resistenza fisica ed il ronzio della lampada mi hanno anestetizzato, le braccia e le gambe mi formicolano, i polsi e le caviglie mi dolgono, forse il sonno è stato solo una reazione al dolore, per evitare di sentirlo il mio corpo si è spento.
Qualcuno mi ha coperto perché qui si gela, tendo l’orecchio ma non sento niente.
Ho perso la cognizione temporale, potrei trovarmi qui da ore o giorni, non saprei dirlo, non ho alcun punto di riferimento e il sonno mi ha smarrito.
La porta si apre e mio figlio entra, è solo:
- Ciao mamma - mi dice con tono freddo.
- Ciao figlio mio, perché mi stai facendo questo? - le lacrime scendono solitarie e improvvise, come se qualcuno avesse aperto un invisibile rubinetto, la tensione si scioglie nei suoi occhi chiari, come quelli di suo padre, leggo sul suo volto che qualcosa lo turba, in questo momento ho la certezza che un peso grava sul suo cuore.
-Non avevo scelta, era l’unico modo che avevo - mormora mentre mi asciuga le lacrime.
-C’è sempre un rimedio, dimmi cosa hai fatto, troveremo la soluzione - lo imploro.
-Non questa volta, non con questa gente - sembra rassegnato, le sue parole lo sono, poi mi chiede: -Hai freddo, hai dolore? -
-Sono nuda e legata in questa maledetta stanza gelida, credi stia bene? - grido con la tutta la rabbia che ho in corpo.
-Stasera sarà tutto finito - dice mentre mi rivolge un altro sguardo carico di colpa prima di voltarsi e uscire dalla porta, senza che abbia il tempo, la forza di replicare.
Dopo aver sentito la serratura scattare ripenso alle sue parole: -stasera sarà tutto finito -, allora la giornata non è ancora trascorsa del tutto, probabilmente la successiva al mio rapimento, ma è così importante?
Cerco di allontanare tutti i pensieri che mi vengono a trovare, sono i più diversi e torbidi ma nessuno probabilmente si avvicina alla realtà.
Credo di essermi di nuovo addormentata, non so per quanto tempo, le braccia e le gambe sono anchilosate, il sangue ristagna nelle membra intorpidite, il dolore è anestetizzato; sento la serratura scattare, entrano gli stessi uomini che mi hanno domata e legata qui, almeno mi sembrano loro, la vista è annebbiata dalla fame e dalla stanchezza, mi sciolgono i nodi afferrandomi per le spalle, mettendomi in piedi, ho un capogiro che quasi mi fa cadere, sento aghi di dolore che si conficcano nella carne, il sangue si rincorre di nuovo nelle vene, nel silenzio dei loro respiri e del mio affanno, nuda come sono mi portano fuori da questa stanza grigia, ho freddo.
Il corridoio buio è illuminato con regolarità da lampade al neon con quel loro fastidioso ronzio, che mi ha perforato il cervello in tutte quelle ore nelle quali sono rimasta su quel letto, credo che avrò problemi a stendermi ancora su un letto, almeno per qualche tempo, preferirò un morbido divano.
C’è come un ring dove sono ora, delle grosse corde perimetrano lo spazio, due gradini conducono sulla piattaforma approntata velocemente, quando i due cerberi mi ci portano sopra con accurata lentezza mi rendo conto che la sua superficie è molle, come quelli che si usano nel wrestling, dove si rimbalza per poi lanciarsi sull’avversario, la mia testa non riesce a ragionare: cosa ci faccio qua sopra, cosa vogliono da me, cosa intendeva mio figlio con quella frase?
Intorno comincio a vedere dei volti, che giungono dal buio fino al cono di luce nei quali posso scorgerli, sono molti e la mia nudità dimenticata fino ad allora adesso mi mette a disagio.
Mio figlio compare dopo pochi minuti, nei quali, ritrovata uno straccio di lucidità, mi sono rannicchiata sul pavimento celando il mio corpo agli occhi di quella platea che va sempre più aumentando.
La donna che sedeva sullo scranno, Lilly, fa la sua entrata, scortata da due ancelle, si siede su un trono improvvisato su una piattaforma che sa tanto di scenografia cinematografica; ecco, mi sento come se fossi l’attrice di un film e adesso che la regista è arrivata, lo spettacolo può cominciare.
Mio figlio deve essere il protagonista maschile, indossa un accappatoio e quando si muove serio e teso, vedo che sotto è nudo, non colgo subito la leggera erezione che spinge contro il tessuto e anche se adesso comincio a capire cosa debba accadere, ancora non riesco a mettere a fuoco tutta la situazione o forse, non voglio.
Lilly fa un cenno e il pubblico intorno al ring prende fuoco, le voci si alzano in una festante epifania, incitano mio figlio gridando il suo nome, lui sembra come in trance, scioglie l’accappatoio e il turgore che prima immaginavo adesso è dritto davanti a me; il suo pene, completamente scappellato, mi fissa col suo occhio.
Si avvicina e si sdraia accanto a me, non ho le forze per oppormi a nulla, le gambe sono molli, le braccia inconsistenti, mi bacia prima con dolcezza e poi con vigore, lasciando che le nostre lingue s’incontrino, la mano destra scorre il collo intorpidito per poi scendere sui fianchi, quindi è questo ciò che mi aspetta, un sacrificio sessuale davanti a questi volti sconosciuti di cui sento gli aliti e gli occhi puntati, ma dei quali non scorgo neppure un profilo.
In questo luogo lugubre e lercio, in questa condizione di schiava o prigioniera, dovrò concedermi totalmente a mio figlio; la testa è annebbiata, lo sguardo opaco, sto per svenire quando sento un frastuono che irrompe nel capannone, non riesco a vedere ancora nessuno ma sento voci che gridano, gente che corre in ogni direzione, alcuni passano sul ring, travolgendo mio figlio e rischiando di calpestarmi.
Un attimo prima di svenire definitivamente, vedo il volto familiare dell’allenatore di mio figlio, che pronuncia parole mute mentre mi afferra e mi copre con qualcosa di caldo, poi i miei sensi cedono e cado in un sonno profondo.
Sogno una stanza completamente bianca, illuminata da una grande finestra, un tavolino e due sedie, del tè con biscotti, io seduta e vestita con un abito color panna, davanti a mio figlio, finalmente sorridente, come non lo vedevo da giorni, mi versa la bevanda calda e mi parla, ma io non sento ciò che dice, fin quando non afferro una parola: Mamma! E allora le mie orecchie odono altri suoni, solo che aprendo gli occhi non mi trovo più in quella stanza ma nella mia camera da letto e seduto al mio fianco c’è mio figlio che ripete: - Mamma! -
-Si è svegliata - dice a qualcuno appostato sulla porta che però non riesco a vedere perché i miei occhi ancora non mettono a fuoco.
- È tutto a posto mamma, sei in salvo - aggiunge come se potessi sapere di cosa parla.
I miei viaggi ancora non sono finiti, mi sento stordita e stanca, il sonno mi rapisce per non so quanto tempo.
Sono nella mia camera, nel mio letto, apro gli occhi e riconosco tutto non appena mi abituo all’oscurità, il corpo è ancora dolente la testa è leggera ma mi sento riposata, stendo le gambe e allungo le braccia per sgranchirmi; mi giro e scorgo il profilo di mio figlio, dorme sul bordo del letto, come per lasciarmi più spazio, mi distendo e lo sfioro, sembra immerso in un sonno profondo, si è preso cura di me.
Gli carezzo la schiena muscolosa, poi mi avvicino e lo abbraccio con dolcezza, infilando il mento tra il collo e la spalla, la sua mano afferra il mio braccio portandoselo sul petto, sembra che dorma ma non ne sono certa, non dico nulla, il mio corpo aderisce al suo, sento che la mia mano viene indirizzata verso il suo ventre, scivola involontaria sul suo pene, lo afferra, un pezzo di carne dura e calda.
Guidata da lui inizio a masturbarlo, un lento movimento prodotto con cura, scappuccio il glande sfiorandolo col pollice e finisco la corsa carezzando lo scroto gonfio e liscio.
Il petto si abbassa e si alza, seguendo i miei movimenti, il respiro si accorcia ad ogni mio allungo, lo sento muoversi, si volta verso di me, mi schiaccia delicatamente contro il materasso, il peso del suo corpo su di me, la sua bocca raggiunge la mia, la lecca per poi introdurvisi con lenta decisione, con la mano destra divarica le cosce e affonda due dita dentro di me, sono pronta per riceverlo, lo afferro e lo guido a contatto col mio fodero, la sua spada entra senza sforzo arrivando fino in fondo, poi si ferma, il mio bacino si sistema intorno al suo, le gambe si sollevano contro i suoi reni, il primo colpo è profondo, lungo, mi toglie il fiato, ansimo mentre nascondo la testa nel suo petto glabro, il secondo mi trova già fradicia, lo sento scorrere via sensibile, il terzo, il quarto, il quinto, smetto di contare e abbandono la testa sul cuscino, mentre afferro i suoi glutei sodi, sento i muscoli guizzare imprimendo la forza necessaria per strapparmi dei gridolini adolescenziali che avevo dimenticato, quando sento gonfiarsi il sesso dentro di me, contraggo la fica e veniamo, insieme.
Le pareti della vagina annegano nel suo balsamo caldo, che sento scivolare fuori, sulle cosce, il rantolo che emette vicino al mio orecchio mi scalda il cuore, gli afferro la nuca e lo stringo a me, il mio ragazzo è diventato un uomo e io sono la sua donna, oltre che sua madre.
Molte ore dopo, seduti in cucina, guardando il sole sorgere, mi racconta di come la Polizia, avvertita dal suo allenatore, abbia fatto irruzione nella centrale e abbia arrestato tutta la banda di Lilly, di come lui fosse ricattato per una partita di droga che avrebbe dovuto smerciare e che invece si era fatto rubare dalla concorrenza, di come l’incubo sia finito e grazie all’aiuto del suo allenatore abbia intenzione di andarsene da là, trovare un altro posto dove vivere.
Non so se andrò con lui o se rimarrò qua, l’importante è che lui si metta in salvo, che scelga un’altra vita da vivere, lontano da questa merda che lo circonda.
Una nuova speranza.

Questo racconto di è stato letto 5 7 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


conti eroticiracconti erotici di sessoracconti di zoofiliaracconti di guardonierorici raccontiraccontineroticiracconti erotici con anzianiracconti brevi pornoracconti erotiviracconti 69 annunciracconti nonnaracconti gay pretieroticraccontiracconti gay ragazziraccoonti eroticierotici raccontostorie di pornola moglie eroticaerotci raccontiracoonti eroticiracconti feticismo pieditracconti eroticiraqcconti eroticiracconti zooracconti eroiticipompinara raccontiracconti moglie infedeleracconti erotici costrettaracconti erotici vedovastorie di tradimenti pornomamma racconti eroticiracconti eoriticierotico raccontiracconto miluracconti gay bsxstorielle pornoi racconti di milyracconti erotici vietatiracconti cukracconti erotici annunci69racconti mamme troieracconti gay schiavoannunci69 incestostorie di sesso con animalieroriciraccontilibri erotici onlineracconti eroticheracconti porcaracconti per adulti gratisracconti di suocereraccontierotracconti erotici di incestiracconti hard 69clistere raccontiiraccontieroticisesso incestracconti erotracconti porno fantasieerotici racconti 69raccontieroticoerotici pornostorie harderticiraccontianacletus whipracconti di mogliracconti erotici gitastorie d'incestii racconti del clisterestorir pornofarsi penetrare dal canerapporti eroticiracconti erotiviracconto sexfidanzate esibizionisteracconti di sesso gratispunture erotichegli ho dato il culoracconti gay bsxal cinema porno con mia moglie