Hai voglia di scopare vero?

Scritto da , il 2019-11-07, genere masturbazione

Quando finirà questa pioggia?
Mi chiedo sfinita mentre metto a posto la mia borsa e le mie cose.
Non che non mi piaccia. Solo che rende tutto più difficile, anche solo un semplice spostamento. E più tardi mi toccherà uscire di nuovo per andare a lavoro.
E pensare che solo pochi giorni fa si poteva ancora andare al mare. Non che mi facesse impazzire un caldo asfissiante anche ad ottobre. Solo che, di sicuro, se anche oggi fosse stato bel tempo, sarei tornata a Napoli, fra treni e metropolitane, sudata e sfatta, ma con meno difficoltà!
Sono stata fuori due giorni ma mi sembra di mancare da casa da chissà quanto tempo. In realtà mi è mancato stare sola. Sdraiarmi sul letto mezza nuda e compiacere ad ogni costo il mio esigente e pretenzioso corpo.
E ora che mi muovo, lenta e a piedi nudi, attraversando ogni stanza, il pensiero di te si fa più insistente.
Lunedì non ho finito di dirti ciò che volevo dirti. Mi hai lasciata a metà discorso. Soprattutto quello che ti ho detto non te l'ho detto come avrei voluto dirtelo.
E continua a piovere. E ogni goccia che batte, violenta, sul ferro delle imposte chiuse, detta il tempo di ogni pensiero che con la stessa violenza batte in testa.
In accapatoio, allacciato alla meglio, mi siedo sul letto ancora disfatto.
Sono le 15 cazzo, e finalmente ti fai vivo rispondendo dopo ore alla mia incessante richiesta di farti vivo.
Ci scriviamo parlando del più e del meno, oggi che da dire ci sono un sacco di cose.
Sei contento, sei fiero.
Ricordi che effetto mi fa sentirti parlare così? Ascoltarti rapita mentre attento discuti del tuo lavoro e mi spieghi ogni cosa?
È da sempre che mi succede. Più argomenti le tue affermazioni, più mi eccito. È che se fossi qui, ora, con me e su questo letto, ti accarezzerei smaniosa il petto e ti lascerei parlare ancora. Sono fradicia e la sensazione costante di irrequietezza fra le cosce mi spinge a fare la zoccola accavallando le mie cattive intenzioni alle tue.
E ti parlo del bagno caldo di domenica. Ti sussurro del mio corpo bollente e lascivo ricoperto di schiuma morbida e profumata. Della voglia di toccarmi, di giocare. Di cercare qualcuno che mi assecondi più di te e soprattutto quando dico io.
E cambi registro, d'improvviso e senza preavviso.
"Hai voglia di scopare vero?"
La tua domanda arriva prepotente, dal nulla, invitandomi a lasciarmi andare.
Perchè il tuo scopare che poi è il mio, non è fare l'amore.
È fottere senza riserve. È farsi male. È graffiarsi la pelle, è mordersi la carne. È leccarsi ogni buco, è sputarsi addosso. È concedersi senza pudore, è godere di ogni centimetro del corpo dell’altro.
È dirsi in bocca parole sporche, è guardarsi negli occhi senza vergogna.
E me lo chiedi, si. Passando da un discorso all’altro. E te lo dico, si. Ho voglia di scopare! Adesso che piove, adesso che sono sola in casa. Adesso che tutto ciò che bramo è la tua faccia fra le cosce e la tua lingua nella fica.
Apro le gambe poggiando i piedi sul bordo del letto. Slaccio completamente l’accappatoio liberando le tette ancora umide e calde.
Ho voglia di scopare è vero. Ma così, mentre sono qui, stanca e desiderosa di godere, un pensiero fisso non mi dà tregua.
Il tuo cazzo fra queste tette.
Ti invio una foto, sono in primo piano.
Le vedi?
Ti immagino qui davanti a me. Con le mutande abbassate e i pantaloni a metà coscia. Con la fottuta sigaretta che fumi guardandomi negli occhi. Con la faccia seria e soddisfatta da figlio di puttana. Con la mano che impugna il cazzo e che punta nella mia direzione. Ti avvicini, io mi tocco. Prendo le tette in mano, stringo i capezzoli fra le dita. Mi ci sputo sopra, le bagno della mia saliva. Inizi a segarti, poi ti avvicini. Ti accolgo fra i miei seni, li sollevo per raggiungerti, ti stringo. Il tuo cazzo scivola fra le mie tette calde. Continuo a sputare sulla mia carne viva, sulla tua carne dura. Fai su e giù, giù e su, fino a toccarmi le labbra.
Ti seghi sfregandomi la pelle e sali su fino a farti toccare la cappella con la bocca.
Sei eccitato. Fottutamente eccitato. Stai per venire e ogni tanto guardi giù, verso la fica aperta, gonfia e pulsante.
Lo sento più grande, più duro. La tua espressione cambia, il respiro si spezza. Ti irrigidisci, poi esplodi.
Mi vieni addosso, sporcandomi del tuo sperma. La pelle pulita e fresca di doccia. La bocca insolente, la faccia da troia.
Ti scosti per accarezzarmi col cazzo imbrattato dei tuoi umori, i capezzoli turgidi.
Sei sazio?
Perché ho voglia di scopare, è vero.
E adesso che mi infilo due dita nella fica per goderti nell’orecchio, ascolta ogni mio gemito, ogni oscenità. Senti come vengo, come mi sbatto, prenditi il mio orgasmo.
E dimmi che verrai. Appena puoi. Dimmi ancora che sono una puttana, ora. Ora che mi tocco, ora che fremo. Una puttana. La tua. Nel letto e mai fuori dal letto.

Questo racconto di è stato letto 3 5 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


nuda per scommessaraccoti pornoracconti bisessualiracconti sesso con animaliracconti porno italiaracconti zoofiliporno racconti italianiracconti porno a fumettieroticraccontiracconto cornutoracconti lesbiciracconti erotici piccolaracconti i miluiomilu raccontisesso dopo massaggiocazzi bruttistorie erraccontihotzoofilia raccontiracconti eorticistorielle pornobird2012eroticiracconti.itracc incestracconti di spankingracconto analeracconti di sesso al cinemaracconti erotici ufficiomoglie esibizionista in vacanzaracconti gay giovaniraccconti pornotracconti eroticiracconti di sesso gratisracconti erotici fotograforacconti trasgressioniracconti travestacornuto storieraccpnti pornoracconti porno punizioniracconti lesbo gratisfoto racconti hardstorie di amori safficistorie di erotismoracconti erotici lesbo incestoracconti.eroticiracconti footjobdoppia penetrazione raccontisi fa scopare dal caneracconti lesbichestorie di tettoneracconti erotici mareraconti69sorie pornostorie di sesso italianoracconti erotici di coppiaraccconti pornoracconti ricattatawww.eroticiracconti.itracconti particolarimarito cornuto sottomessoracconti esperienze eroticheracconti incesto lesbicoracconti inceststorie di sesso con animaliracc lesboracconti porboracc sexstorie di sesso con la suoceraporno racconti realistorie hard gratisracconti porno ricattixxx storieracconti di donne con transracconti orgescambio di coppia in spiaggiaracconti miluùracconti hard di donne matureracconti erotici sesso a treracconti porcellipompino ad uno sconosciutoano dilatatoracconti erosraccconti eroticiracconti moglie cinemastorie di solletico eroticoracconti erotici stupratarracconti eroticiracontieroticiracconti erotici con vecchieracconti incetuosiracconti eroticiùgeniv storieracconto erotico mammaraacconti eroticistorie potnoracconto scambio di coppiaracconti di sesso al cinemaracconti eoriticraccontiincestogeneri racconti erotici