La Domenica fai da te 3.

Scritto da , il 2019-11-07, genere etero

Passo la notte a casa di Milena e scopo fino all'ultima goccia di sborra. Dopo una dormita che mi rimette in forze, prendo un caffè con Milena e Kitti, poi vado a casa mia e, per prima cosa della giornata, chiamo Paola che mi dice di su sorella che Domani sarà trasportata con l'ambulanza a casa dato che la gamba fratturata è sostenuta da una struttura metallica ed allora dovrà rimanere da Sandra fino a quando non riavrà la gamba tornata sana. Chiudo la telefonata e noto Milena che sta fissando la finestra del salotto ed allora mi affaccio e le racconto di Sandra. Ci salutiamo poi ed allora decido di andare da Sandra per confortarla un poco ed anche per dare il giusto a Paola che gradisce sempre la scopata giusta al momento adatto. Quindi la richiamo dicendole che sto venendo da lei e le chiedo che mutandine indossa e lei ride felice di prendersi la sua razione di cazzo. Mezz'ora di traffico dentro Roma e sono lì a suonare il campanello: mi trovo difronte a Paola che indossa una vestaglia scura, semitrasparente che rivela sotto le sue bellissime gambe rivestite da calze a rete fitta grigio fumè ed uno slippino rosso bordeaux ed il reggicale nero. Lei fa l'indifferente e , dopo solo un bacio in bocca mi precede per andare in camera di Sandra che io saluto baciandola sulla guancia. Rimaniamo un poco a parlare poi Paola va in cucina a preparare il pranzo e subito dopo mi chiama ed io vado di corsa da lei pregustando lo spettacolo del suo corpo che ad una quarantottenne all'anagrafe, darebbe si e no poco più di trent'anni. Lei è già senza vestaglia ed allora le salto letteralmente addosso abbassandole le mutandine e leccando subito la figa già grondante di umori che succhio, ciucciando poi il clitoride intanto che mi calo a terra i pantaloni ed estraggo il cazzo dallo slip per infilarglielo in figa ma, dopo un lungo stantuffare, esco dalla figa e vado a forzare il culetto che ha l'ano dilatatissimo dal glande paurosamente gonfio, rosso violaceo che la fa gemere ma le tappo la bocca con una mano e spingo dentro vedendo poi che sta lacrimando dal dolore ma non riesco a trattenermi ed a fermarmi, così arrivo a sborrarle in culo rimanendo dentro ancora a lungo, immobile ma ancora rigido dai movimenti del bacino che Paola compie. Intanto il fornello ci richiama alla realtà col sugo che esce dal pentolino ed allora mi rivesto e torno da sandra a farle compagnia. Dopo pranzo Paola approfitta della mia presenza e va a fare un poco di spesa alimentare, così mi sdraio sul letto vicino a Sandra e ci guardiamo sorridendo...poco dopo ci accorgiamo che le nostre bocche si stanno avvicinando e si uniscono...proprio come facefamo anni addietro, quando avevo conosciuto lei e ci eravamo messi insieme, ma il rapporto finì dopo pochi mesi e fu proprio lei a suggeirimi che se volevo "rimanere in famiglia" potevo occuparmi di sua sorella, appunto Paola, che sbavava per me, desiderosa di sostituire Sandra. Molto scettico e poco convinto, invitai più volte Paola ad uscire con me ma i primi incontri non promettevano nulla, invece, dopo circa un mese fu Paola a parlarmi con franchezza, chiarendo che se fino ad allora non si era mai "esposta con me" è perchè voleva essere certa di me ma anche di se stessa nei miei confronti. Conclusione, dopo quella affermazione eravamo a Villa Borghese, al laghetto, su una barca, e quasi ci capovolgevamo per l'impeto messo ad abbracciarci e baciarci. Quel giorno, appunto, quel momento appunto, ci ritrovammo soli e desiderosi di rievocare le gesta del passato, così, essendo lei bloccata nei movimenti dalla struttura rggente la gamba, dovetti adattarmi io a mettermi col viso davanti alla sua fighetta depilata e profumata per leccargliela tanto focosamente da farla sborrare subito dopo i primi slinguamenti. Lei poi mi chiese di mettermi in piedi sul suo letto per porgerle il cazzo davanti alla sua bocca che lo ingoiò avidamente e lo segò a due mani ciucciandolo fino a farmi sborrare un fiume che lei badò ad ingoiare fino all'ultima goccia anche per non lasciare tracce sul letto del nostro "incontro". Avevamo appena terminato i giochi quando si sente aprire la porta di casa ed io vado incontro a Paola per prenderle dalle mani le borse da spesa ed andiamo in cucina. Lì Paola si avvicina e, senza esitare minimamente, mi slaccia i pantaloni e si prende il cazzo in bocca e lo ciuccia fino a farmi sborrare di nuovo e le gambe mi tremano dal piacere fino a quasi farmi sbandare ma mi riprendo subito e lei mi sussurra nell'orecchio che così anche senza di lei a casa, sarò così soddisfatto da non cercare di darmi piacere da solo e lì, malignamente, pensai che tanto solo, con Milena e Kitty non lo ero proprio! Dopo che la aiutai a mettere a posto la spesa, m'inventai che dovevo andare a casa a sistemare un mobile traballante, bisognoso di una tacchia di legno per rimanere livellato. Paola così mi abbracciò baciandomi in bocca, poi andai a dare un bacio sulla guancia a Sandra e me ne tornai a casa. Appena arrivai lì, eccoti Milena a chiedermi di Sandra e m'invita ad accomodarmi da lei per parlare comodamente seduti in salotto, dove ritrovo Kitty.

Questo racconto di è stato letto 1 3 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raconti sessoeriticiraccontiracconti eoriticracconti sesso genivracconti sesso con animaliracconti donne sottomesseincesto 69raccontisessualiracconti eroriciannusami i piedistorie di sesso con la cognatastorieroticheracconti porno incestuosial cinema porno con mia moglieamoreinfamiglia.blogspot.itgli ho dato il culoracontieroticiracconti erotici sodomiasorie pornoracconti eccitantiracconti erotici clisterecane incula padronala cognata raccontiscambio mail eroticheuomini che leccano i piedi alle donneracconti stupro gayracconyi pornoi raccconti di milustorieroticheracconti erotici tra fratelliracconti slavele storie di milumasturbazinestoriepornosborrata cavallostorie di sesso hardracconti erotici con vecchistorie lesboracconti eoriticracconti incesto pornoraconti sessoracconti erotici 2017racconti erotici zoofiliraccontu eroticiracconti di sesso e tradimentimettimi incintascopami poi ti spiego facebookracconti zoofiliaraccontieriticistorir pornoracconti porno di miluraccobti eroticiracconti sexracconti.pornoincesto69racconti incesto suoceraracconti ereoticiracconti gratis eroticiracconti animal sexstorie porno gratisracco.ti eroticiracconti erotracconti adultiracconti eroiticistoriw pornoraccontierotidonna caga in boccaracconti erotici in discotecastrapon raccontiracconi eroticieros gratisfratello e sorella raccontiracconti porno cornutoraconti eroticiracconti erotici anziane