Il ragazzo dei giornali

Scritto da , il 2019-11-07, genere gay

Samuele aveva deciso che aveva bisogno un po' più di soldi, i suoi gusti per vestiti, palestra ed aggeggi vari erano diventati sempre più costosi e la paghetta che i suoi genitori gli passavano non era mai sufficiente, consegnare i giornali poteva essere la soluzione. Faceva due giri, uno di mattina prima della scuola con la sua bicicletta ed uno dopo. Prima di quello del pomeriggio tornava a casa, si cambiava con qualcosa di più casual e poi lo faceva a piedi dato che aveva più tempo. Lui era particolarmente popolare tra le ragazze della scuola perché aveva corti capelli biondi e penetranti occhi blu; era magro, ben fatto e con un accenno di addominali. Anche se sapeva di far colpo sulle femmine, non aveva la ragazza perché le ragazze non gli interessavano. Stava molto da solo ed era timido con gli altri. Un pomeriggio vide una coppia nuova che aveva traslocato in una casa ad alcune strade dalla sua. Mentre passava un giovane di circa 25 anni gli si avvicinò. L'uomo era piuttosto muscoloso, alto circa un metro e settanta, indossava t-shirt e shorts. Aveva la struttura di un giocatore di rugby, corti capelli scuri ed occhi marrone scuro. “Ciao!” gridò verso Samuele. Lui l’aveva osservato ed immediatamente aveva pensato che era piuttosto attraente. Aveva compreso recentemente che le sue attenzioni stavano orientandosi verso gli uomini piuttosto che verso le donne. La cosa non lo aveva messo in agitazione ma aveva scelto di non fare niente per la paura di essere messo in ridicolo a scuola.
“Oh, ciao!” Rispose nervosamente. Non sapeva se fermarsi a conversare o continuare a camminare. La decisione per conto suo fu presa dal ragazzo che si avvicinò. Sembrava accaldato e sudato, evidentemente stava trasportando mobili e scatole da un furgone alla casa.
“Dov’è il giornalaio? Io e la moglie stiamo traslocando qui. Mi piacerebbe che mi consegnassero il giornale.” “Oh, non è molto lontano da qui. Posso occuparmi io della consegna. Mi faccia sapere quello che vuole e dirò al capo di aggiungerla al mio giro.” L’uomo gli sorrise e gli diede uno schiaffo amichevole sul braccio: “Sei molto gentile. Voglio solo il giornale locale della sera.” Il contatto fisico fece immediatamente agitare l’uccello di Samuele nelle mutande strette. Dovette spostare la borsa dei giornali davanti ai pantaloncini da footing per nascondere il suo imbarazzo.
“A proposito, io mi chiamo Michele “Disse l'uomo sorridendo.
“Oh, io sono Samuele” Rispose lui: “Io... er... sarà meglio che mi dia una mossa. Buon trasloco.” Sam continuò il suo giro per non attardarsi vicino a Michele più a lungo e mostrare il suo imbarazzo.
“Ci vediamo, Samuele!” Gli gridò allegramente Michele mentre il ragazzo si allontanava.
Quel pomeriggio appena tornato a casa, Samuele era eccitatissimo, si precipitò sopra il suo letto, si abbassò shorts e mutande e si fece una sega rapida ed intensa, pensando continuamente a Michele. Sparò fiotti di sperma che gli atterrarono sulla faccia e nei capelli. Non si era mai masturbato meglio in tutta la sua vita. Il giorno seguente aspettò con impazienza il giro pomeridiano. Quando arrivò alla casa di Michele lo vide alla finestra del soggiorno che appendeva le tende. Era un caldo pomeriggio soleggiato e l’uomo indossava solo un paio di pantaloncini da football bianchi. Il suo torace era stupendo, lievemente peloso e muscoloso. Dagli addominali una striscia sottile di peli scendeva nella cintura del pantaloncini. Era chiaro che non portava mutande, si riusciva praticamente a vedere attraverso la stoffa ed il cazzo sembrava massiccio.
Dovette di nuovo mettere la borsa dei giornali davanti all’inguine, il cazzo gli stava diventando immediatamente duro alla vista di quell’uomo incredibile incorniciato nella finestra.
Michele abbassò gli occhi dal suo lavoro, lo vide e gridò: “Ciao, Samuele!” “Dannazione, ricorda il mio nome...” Pensò Samuele tra di se: “Ciao!” Cinguettò e gli allungò il giornale attraverso la finestra.
“Questo lavoro mette caldo!” Sospirò Michele.
“Effettivamente mi sembra” Ribatté Samuele; una donna che stava nella stanza lo salutò allegramente agitando la mano. Lui pensò che fosse sua moglie.
“Cagna fortunata” Pensò rispondendo al saluto ed avviandosi. Ancora una volta corse nella sua camera un secondo dopo essere arrivato si masturbò ancora una volta intensamente. Questa volta immaginò di sparare il carico sugli addominali di Michele. Nei giorni seguenti lo vide raramente e pensò che, avendo finito il trasloco, avesse ripreso a lavorare e tornasse a caso quando il suo giro pomeridiano era già finito. Quando l’estate si trasformò in autunno, ebbe la miglior sorpresa che avrebbe potuto desiderare. Quando qualcuno era indietro con i pagamenti, il capo stampava una letterina per ricordare gentilmente al cliente quanto doveva. Samuele di solito metteva la lettera nella cassetta per le lettere del cliente col giornale. Quel giorno aveva una di quelle lettere da consegnare. Quando arrivò vide una macchina parcheggiata davanti alla casa di Michele. Era possibile che Michele fosse a casa? O era sua moglie? Forse erano ambedue in casa. Decise di non mettere la lettera nella casella e pigiò invece il campanello. Dopo qualche secondo la porta si aprì un po’ e la testa di Michele spuntò. Sembrava vestito di nero e lievemente senza fiato.
“Oh! Ciao!” Disse.
“Mi spiace, disturbo?”
“No, no! Affatto. Entra” Aprì la porta e Samuele lo seguì nel soggiorno.
“Cosa posso fare per te?” Chiese Michele.
Il soggiorno era moderno di color crema chiaro e marrone, nell'angolo c’era una scrivania con un moderno computer.
“Devo solo darle questo” Disse dandogli la lettera: “È solo un promemoria del suo conto.”
“Oh, cavoli! Sì, mi spiace. Siamo stati via e ci siamo dimenticati dei giornali. Guardo se ho dei soldi in giro.” Michele diede un'occhiata in giro nel soggiorno, frugando in cassetti ed armadio a muro.
Nel frattempo Samuele girava lo sguardo per la alla stanza e gli caddero gli occhi sul computer. Ci vollero un paio di secondi per mettere a fuoco ma quando si rese conto di quello che c’era sullo schermo, non poteva credere ai suoi occhi. Vide che c’era un video stoppato sullo schermo e mostrava un ragazzo che stava facendo un pompino ad un altro ragazzo. L’uccello di Samuele, già semi duro, divenne immediatamente completamente eretto. Michele finì di cercare i soldi e si girò verso Samuele. Il vestito gli si era aperto e Samuele ansò vedendo che indossava un paio di mutande bianche con una cintura rossa ed aveva una molto evidente erezione. Non fece alcuno sforzo per richiudere il vestito ma sembrò più interessato a liberarsi di quello che era sullo schermo.
“Er... mi spiace! Non dovevi vederlo.”
Samuele uscì dal suo silenzio e mormorò: “No, no, non di scusi, non ci faccio caso.” “Ma vedo...” Disse Michele guardando i pantaloncini da footing del ragazzo in cui era molto evidente la protuberanza.
“Oh!” Disse Samuele scioccato quando comprese che non era riuscito a nascondere la sua eccitazione con la borsa dei giornali.
Il cazzo duro di Michele sussultò nelle mutande strette: “Senti, Samuele, perché non torni domani pomeriggio così io preparerò i soldi.”
“OK” Disse il ragazzo accennando impazientemente.
“Perché non finisci il tuo giro prima si venire qui, potremo bere qualche cosa e chiacchierare...? Io sarò da solo.”
“OK” Disse di nuovo Samuele, ancora un po' sconcertato e scioccato.
Andò alla porta ed uscì per continuare il suo giro stordito. Ancora una volta, ritornato a casa, corse in camera e si fece una bella sega. Aveva visto realmente quello che aveva visto? Era tutto vero? Avrebbe realmente visto Michele nudo il pomeriggio dopo? Cosa avrebbero fatto? Il giorno seguente aspettò con impazienza che la scuola finisse. Immediatamente fece il suo giro e non perse tempo per tornare a casa a cambiarsi prima. Passando davanti alla casa di Michele vide la sua macchina ma non consegnò il giornale. Finito il giro ritornò alla casa e suonò il campanello.
Michele aprì la porta, sempre con lo stesso abbigliamento.
“Entra” Disse.
Samuele lo seguì in soggiorno e posò la borsa sul pavimento.
“Mi scuso di nuovo per ieri, veramente” Disse imbarazzato.
Samuele si chiese se l’aveva invitato solo per scusarsi ed ebbe un tuffo al cuore.
“Ma ho osservato che ti è piaciuto quello che hai visto.” Continuò Michele.
Il cazzo di Samuele cominciò ad agitarsi nei pantaloni neri.
“Mi sono chiesto come ti saresti sentito a dare un'altra occhiata.”
Samuele non poteva credere alla sua fortuna.
Senza dire un'altra parola Michele si slacciò il vestito e lo lasciò cadere sul pavimento. Ora era di fronte a Samuele con solo un paio slip rosa. Il cazzo era duro. Samuele gelò. Rimase fermo a guardarlo. Il suo torace muscoloso, le braccia enormi, gli addominali, le gambe come tronchi di albero... era tutto così perfetto.
“Vieni qui.” Disse Michele.
Samuele si avvicinò, Michele gli prese una mano e se la mise sul torace: “Sentiti libero di esplorare.”
Samuele mise ambedue le mani sul torace, poi le fece scendere sugli addominali prima di arrivare alla protuberanza nelle mutande. Gli strinse il pene.
Michele emise un piccolo anelito: “Che bello!” Disse.
“Vedo.” Bisbigliò Samuele, la sua voce era appena udibile, il suo cuore batteva così forte che pensava che sarebbe scoppiato fuori dal torace. Si mise in ginocchio, la sua faccia era a pochi centimetri dalla protuberanza di Michele. Afferrò la cintura delle mutande e le tirò al pavimento con un rapido movimento. Il cazzo massiccio di Michele saltò fuori libero quasi colpendolo sulla faccia. Samuele non poteva credere ai suoi occhi. Il pene era massiccio, lungo circa venti centimetri ed era così grosso che si chiese se le sue dita sarebbero riuscite ad avvolgerlo.
Afferrò la base del pene con la destra e mise delicatamente la lingua sulla testa che stava già brillando di pre eiaculazione.
“Leccami il cazzo, Samuele. Lecca il mio cazzo duro.” Gemette Michele.
Il ragazzo obbedì leccando la testa e facendo correre la lingua giù fino alla base dell'asta. L'odore dell’uccello era fresco, come se fosse appena uscito da un bagno. Samuele decise di proseguire e prese in bocca più che poteva di quel cazzo. Succhiò impazientemente per alcuni minuti.
Michele gli afferrò la nuca e cominciò a muovere le anche, spingendo l’attrezzo dentro e fuori della bocca del ragazzo ma non troppo violentemente per non soffocarlo. Di quando in quando l’uccello scivolava fuori dalla bocca e Samuele muoveva le labbra su ed in giù lungo l'asta prima di riprenderlo in bocca. Poi Michele gli fece segno di alzarsi, lui lo fece e l’uomo lo baciò con forza sulla bocca. Il ragazzo pensò di essere sul punto di esplodere. Non aveva mai baciato nessuno prima di allora. Mentre lo baciava, Michele gli afferrò la cravatta, gliela tolse, la gettò sul pavimento e cominciò a sbottonargli la camicia per poi strappargliela dal corpo.
Michele si chinò a baciare il nudo torace liscio del ragazzo poi si inginocchiò baciandogli il torso. Gli slacciò la cintura dei pantaloni, il bottone e lentamente gli tirò giù la cerniera della patta. La protuberanza di Samuele saltò fuori quando gli abbassò i pantaloni al pavimento. Samuele portava un paio di boxer rossi e stretti, glieli tirò giù ed il cazzo duro di 16 centimetri rimbalzò.
Michele prese il cazzo in bocca e cominciò a succhiare forte.
“Oh mio Dio!” Gridò Samuele.
Pensò che sarebbe venuto immediatamente, ma facendo appello a tutti i suoi nervi ed alla forza di volontà, resistette.
Michele afferrò il suo sedere e continuò a succhiare, interrompendosi di quando in quando per leccargli le palle. Alla fine si fermò e si alzò, lo baciò di nuovo mentre si esploravano i corpi l'un l'altro con le mani e strofinavano i cazzi duri e bagnati uno contro l'altro. Samuele sentiva il sapore del suo uccello sulle labbra dell’altro. Michele lo condusse al divano e gli fece segno di mettersi a quattro zampe.
Il ragazzo si inginocchiò all'orlo del sofà, la testa appoggiata ai cuscini ed il cazzo bagnato pigiato nella seduta. Aveva il sedere in aria in attesa. Michele si inginocchiò dietro di lui, gli allargò le natiche e vi seppellì la faccia, scagliando la lingua intorno al buco.
“Oh, Dio!” Gridò Samuele, il suo uggiolare era appena udibile a causa della voce soffocata dal divano. Tutto il suo corpo si stava contorcendo e pensò che la testa gli stesse per esplodere.
Michele continuò il rimming schiaffeggiandogli le natiche di tanto in tanto quando si alzava per riprendere aria, poi seppelliva di nuovo la faccia nel sedere e leccava il buco. Lo circondò con una mano e gli afferrò il pene che era bagnato e sdrucciolevole di liquido pre seminale e della sua saliva.
Samuele si chiese quanto tempo avrebbe potuto durare prima di sparare sul sofà ma avrebbe voluto che durasse per sempre.
Michele si sedette sul sofà e guardò negli occhi blu del ragazzo quando lui rimosse ansimando la faccia dal cuscino in cui era pigiata.
Si sorrisero.
“Sei ok, Samuele? “ Chiese Michele.
“Cazzo, sì!”
“Vieni e siediti a cavalcioni su di me.”
Samuele salì sul sofà e si abbassò sopra l’altro con le ginocchia ai lati delle sue anche. Si chinò e Michele tornò a baciarlo. Abbassandosi ulteriormente senti la testa del cazzo pigiare contro il suo sedere. Tutto il suo corpo rabbrividì e si chiese se doveva spingersi il cazzo nel culo.
“Stai per incularmi?”
“Solo se lo vuoi.”
Senza dire nient’altro Samuele gli afferrò l’uccello, lo posizionò verso il suo buco e lo spinse delicatamente dentro. Ambedue emisero un lieve lamento quando il pene si ritirò e poi spinse ulteriormente dentro. Lasciato andare il cazzo, Samuele si inarcò indietro, si spinse in giù con tutto il peso e l’uccello scivolò dentro completamente.
“Ah!” Gridò Samuele, in parte per la sorpresa ed in parte per il dolore.
“Tutto ok?” Chiese Michele ansimando.
“Sì, dammi un minuto.”
Samuele si bilanciò con le mani mentre si abituava al pene nel suo culo. Il suo cazzo ora era molto duro, guardò in giù chiedendosi se avesse mai visto il suo uccello così eretto, così duro e così grosso.
“Ok.” Disse poi dandosi il segnale per cominciare a muovere le anche da un lato all’altro e rimbalzare su e giù.
‘Cristo, vengo inculato da un ammogliato’ Pensò tra di se.
Michele afferrò le anche del ragazzo e si mosse su e giù mentre il culo di Samuele rimbalzava sul suo cazzo. Riuscirono a trovare un ritmo giusto e Michele cominciò a lamentarsi rumorosamente mentre inculava il ragazzo dei giornali. Gli uggiolii di Samuele divennero più rauchi mentre rimbalzava più forte e più velocemente, sorpreso per essersi abituato tanto rapidamente ad avere l’uomo dentro di sé. Gli sembrava che il suo pene sarebbe esploso se Michele l’avesse solo toccato con una mano. Poi l’uomo lo sorprese avvolgendolo con le braccia e sollevandolo dal divano.
Michele si mise in piedi in mezzo al soggiorno, Samuele si afferrò a lui, le braccia intorno al suo collo e le gambe intorno alla vita mentre Michele continuava a scoparlo. Rimasero così per un paio di minuti finché le gambe dell’uomo non resistettero più e crollarono sul pavimento.
“Continua ad incularmi!” Ansimò Samuele che si mise a quattro zampe, Michele si inginocchiò dietro di lui spingendo il pene dentro il ragazzo. Gli afferrò le anche e lo scopò più forte e più veloce che mai, le sue palle sbattevano contro il ragazzo che gridava sempre più forte, Michele non pensò se stava facendogli male o no perché sapeva che il ragazzo lo stava implorando per avere di più.
“Sto per venire, Samuele” Mormorò Michele che estrasse il cazzo dal culo e cominciò a masturbarsi velocemente, Samuele si girò ed aprì la bocca sporgendo la lingua verso la cappella. Michele si masturbava sempre più velocemente, poi gli afferrò la nuca e gli mise in bocca il cazzo che esplose.
“Cazzo, sì!” Gridò Michele mentre gli fotteva la bocca.
Samuele lottò per prendere tutto lo sperma ingoiando impazientemente più che poteva, Mentre il respiro dell’uomo cominciava a diventare più uniforme, Samuele si tolse l’uccello dalla bocca e lo leccò soffermandosi sulla cappella dove la sborra usciva ancora lentamente. Quindi si sdraiò sul pavimento e cominciò a farsi una sega.
Michele si inginocchiò tra le sue gambe leccandogli le palle mentre lui si masturbava furiosamente. Gli alzò le gambe e cominciò a leccargli il culo, seppellendo la lingua nel buco, assaporando dove fino a pochi momenti prima era stato il suo cazzo. Tutto il corpo di Samuele si inarcò mentre lui sparava grandi fiotti di sborra in aria che atterravano sul divano dietro di lui ed alcuni sulla sua faccia, qualcuno entrò anche nella sua bocca aperta. Dopo di che crollò ansimante.
Michele si sdraiò accanto a lui con un braccio avvolto intorno al suo torace.
“Sarà meglio che pulisca un po’” Ansimò: “Penso che ci sia sborra sul tappeto, sul sofà... insomma dappertutto. Oh e sarà meglio che ti dia i soldi dei giornali.”
“Sì” ansò Samuele.
“Perché...” Disse Michele “... se non lo faccio è probabile che tu debba venire di nuovo a trovarmi.”
Samuele ridacchiò: “Allora sarà meglio che tu mantenga il debito!”

Questo racconto di è stato letto 3 1 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti eoriciracconti sesso animaliracconto pompinoracconti erotici incesto gayracconti erracconti erotici italiaracconti erotici ragazzaracconti pornograficiil culo di mia suoceramio nonno mi scoparacconti con suoceraracconti sadoracconti erotici giocorqcconti eroticistorie di sesso realmente accadutera cconti eroticistorie di scambio di coppiesrorie pornoracconti di suocere troieracconti erotici mia mogliescopata dal cane raccontii generi di racconti eroticiraccnti pornoracconti erotici il vecchioincesto con cuginaracconti rapporti analistorie eccitantivisita medica eroticageneri raccontiracconti erotici italianicane incula padronastorie di scambi di coppiaracconti di sborratesadomaso raccontilesbo raccontiracconti erotici caneracconti erotiiiraccontieroticiracconti erotivizoofilia estremaracconti di gayracconti erotici primo pompinoracconti hot amatorialieacconti eroticicugina porcellinastorie erotiche amatorialimia suocera troiaracconto sexierotci raccontiracconti schiavoragazza scopa col canemilù raccracconti eortici gayracconti di bdsmsupertroiaporno ita netraccont69racconti69rac erotstorie porno amatorialiracconti erotici bondageracconti di escorti piedi di mia suoceraracconri eroticisadomaso raccontiracconti erotici per adultiraconti erosracconti erotici collegaraccontu pornozoofilia con cavallistorie erotichrcconti eroticimoglie zoccola raccontistorie erorichei generi dei racconti gayracconti porno nuovistorie hard gayracconti xxsculacciate eroticheracconti eccitantimia zia e una porcavideo porno grstuitiracconti eroraccobti eroticiracconti erotic iracconti pronoracconti erotici cornaracconti erotici di inculatelesbiche raccontiracconti.incestostorie di bondageraccpnti pornoracconti sex gratis