Sorellina porcellina 4

Scritto da , il 2019-11-07, genere incesti

Continuazione della racconto Sorellina porcellina 3, il day after di Tommy

Buonanotte un cazzo, pensavo tra me e me, appena sveglio sembrava che mi fosse passato addosso un camion. Non so quanto poco abbia dormito e non conto quante seghe mi sia sparato la notte scorsa al suo pensiero, con ancora il suo odore addosso. Dovrei essere a pezzi ma invece sono carico, tonico. É proprio vero che l’amore, il sesso e la libidine ti cambiano la vita.
La giornata scorre veloce, il mio cazzo é in uno stato di perenne eccitazione mistica, la vuole, desidera Marty, la mia sorellina troietta, almeno quanto me.
In men che non si dica l’orologio segna che l’ora di tornare a casa é finalmente arrivata. Per fortuna poco traffico, percorro la strada in compagnia dei miei Metallica e in mezz’ora sto già parcheggiando. Apro la porta di casa, saluto i miei, quattro chiacchiere con mio padre su come sia andata la giornata, ma di Marty neanche l’ombra. Cerco di nascondere a mio padre il mio disagio e la mia preoccupazione, le chiedo sorridendo dove fosse e mi dice che é su in camera sua a finire i compiti. Sospiro di sollievo, salgo le scale e busso alla sua porta.
“Ciao piccola” esclamo entrando in camera sua
“Ciao amo” fa lei, alzando la testa dal suo libro
Mi avvicino a lei per salutarla e lei, con mia grande sorpresa, mi stringe le braccia al collo e mi stampa un bacio con una punta di lingua.
Ottimo, penso tra me e me, ormai é andata.
Dopo pochi secondi si stacca da me, torna a sedere e con fare preso e distaccato mi fa:
“Oggi sono a pezzi, é stata una giornata di merda, che mal di testa. Finisco il capitolo e scendo”
Che piccola troietta, le piace giocare ma soprattutto le piace condurre il gioco. Stasera vedrai puttanella del mio cuore..
Con un sorriso fantastico, segno di assenso, giro le spalle ed esco dalla sua stanza con una idea ben chiara nella testa, stasera sarebbe cambiato tutto, amo giocare ma amo ancora di più invertire i ruoli, oggi comandi tu, domani io.
Doccia veloce e giù di corsa per dare una mano ai miei con la cena.
Il pasto si svolge in armonia, si ride e si scherza. Sono felice, e anche i miei sembrano cominciare ad apprezzare nuovamente la mia presenza a casa. Marty é più bella del solito, i nostri sguardi si cercano con insistenza e complicità. Questo gioco piace ad entrambi, tanto.
Finita la cena, mentre gli altri componenti della famiglia finiscono di mangiare, mi alzo e scusandomi con loro, mi alzo dicendo di avere una telefonata importante di lavoro da fare.
Inizia la fase uno del mio piano.
Salgo in camera, accendo una sigaretta e mi accomodo in poltrona. Non spalanco la finestra, in modo che l’odore di fumo possa essere persistente nell’ambiente. É tutto calcolato.
Passano pochi minuti e mia sorella entra nella stanza, sente l’odore forte di fumo..e mi guarda con fare incazzato
“Perché non mi hai aspettato pezzo di merda, non farmi incazzare, già oggi mi sento di schifo”
“L’ho fatto proprio per questo piccolina” ribatto io con un ghigno beffardo che lei sembra notare.
Mi alzo dalla poltrona e la bacio, non oppone resistenza anzi, la sua lingua cerca subito la mia. Che voglia che avevo di baciarla. Mi stacco a fatica da lei e le faccio segno di accomodarsi in poltrona. Ubbidiente si accomoda e mi guarda ansiosa e curiosa di capire la mia prossima mossa. Sfilo una camel dal pacchetto, l’accendo e la do a lei. Fa un lungo tiro e mi guarda perplessa. Sono di fronte a lei, vorrei spogliarla e prenderla li, ma non c’é fretta, lei è mia e io sono suo.
Mi inginocchio, le divarico quelle meravigliose cose sode e le alzo la gonna. Noto con piacere che la mia troietta preferita non ha le mutandine, sta crescendo proprio bene. La guardo un attimo prima di tuffarmi nel posto più bello del mondo, il suo sguardo é contrastante: se da un lato sembra dirmi -cosa aspetti- dall’altro con quegli occhi da cerbiatta sembra quasi avere vergogna di quello che stiamo per fare.
Adesso ho la sua fichetta dischiusa davanti a me. É un capolavoro, non l’avevo ancora ammirata in tutto il suo splendore. Liscia come una pesca e con un colore rosa meraviglioso all’interno.
Uno spettacolo.
La guardo e mi riempio le narici del suo profumo e di quell’odore di donna e di sesso che mi fa impazzire. Comincio a baciarle l’interno coscia, alterno morsetti e leccatine. Dopo qualche secondo di quel trattamento non resisto e affondo la lingua in quel paradiso terrestre. Una, due tre leccate direttamente nello spacco, volevo assaggiarla e il suo sapore non delude le mie aspettative.
Sublime, indescrivibile.
Continuo alternando colpi di lingua all’interno e sul clitoride, sul quale indugio di più. Lo succhio come fosse un piccolo cazzo, lo lecco e lo mordo delicatamente. La sento ansimare forte, il ventre inizia a contrarsi e del liquido comincia a colare abbondante dalla sua vagina. Che fortuna penso tra me e me, avevo una gran sete. Lo bevo tutto, non ne perdo neanche un po’. Buonissimo. La mia sorellina gradisce tanto il trattamento, alzo gli occhi verso di lei e noto che ora ë completamente abbandonata sulla poltrona con la testa all’indietro, che fuma beatamente la sua sigaretta mentre con una mano accarezza la testa del suo fratellino, che, con amorevole devozione le lecca la patata e beve i suoi umori. Esiste qualcosa di più rilassante e perverso?
Mentre ë in preda alla goduria più sfrenata il suo cellulare inizia a vibrare sul tavolino di vimini. Senza togliere la lingua dal suo clitoride le faccio segno di rispondere. Mi fermo un attimo per permetterle di allungarsi a prendere il telefono e mi faccio passare la sua sigaretta. Lei guarda il display, é Antonio, il suo ragazzo. Mi guarda, sorride maliziosamente e risponde. Mi strappa la sigaretta di mano e mi spinge la testa contro la sua figa. Riprendo a leccarla ancora più forte e con ancora più passione di prima. Inizia a dimenarsi sulla poltrona, cerca di mantenere un contegno essendo al telefono con il suo ragazzo, ma la cosa la eccita maledettamente. Continua a godere, i gemiti iniziano ad essere più forti e decisi. Vuole godere, capisce che deve tagliare corto al telefono, gli dice che sta scegliendo un film da vedere con me e che l’avrebbe richiamato tra pochissimo, prima di iniziare la visione. Stacca il telefono bruscamente e mi preme con decisione la testa nella sua intimità. Lecco forte, succhio e bevo qualsiasi cosa esca da lì. Faccio quasi fatica a respirare. Marty si muove spasmodicamente, sta venendo. Si porta una mano alla bocca per soffocare i suoi gemiti e gode, gode da morire. Si abbandona sulla poltrona ed ecco l’orgasmo che arriva, fortissimo, veloce, prepotente. Un mare di umori mi inonda la faccia e la mia bocca. Assaporo tutto e mi abbevero di quella delizia. Mi alzo, le prendo quel bellissimo viso stravolto dal godimento tra le mani e la bacio. Le lingue si trovano subito. Voglio farle assaggiare il suo sapore, lei apre la bocca, capisce le mie intenzioni e le sputo dentro. É la mia anima gemella. Riprendiamo a baciarci scambiandoci saliva ed umori. Poi mi stacco da lei, l’abbraccio e le dico:
“Adesso vai di la, riprenditi e chiama Anto, ma stavolta fai presto, che abbiamo appena iniziato”
Mi guarda con un misto di eccitazione e perplessità, probabilmente inizia a capire che il gioco oggi lo conduco io, mi bacia ed esce dalla stanza. Oggi la sto trattando come la puttanella diciassettenne che é, e la cosa ci eccita entrambi molto. Ho fatto uno sforzo enorme, il mio cazzo mi duole tanto é duro e teso. Ma adesso viene il mio turno.
La telefonata evidentemente dura meno del previsto, perché dopo pochi minuti Marty entra di nuovo in camera mia. Io sono seduto in poltrona, l’aspettavo. Senza parlare si avvicina, sfila una camel dal pacchetto, l’accende e me la passa. Mi guarda intensamente negli occhi, ha capito perfettamente cosa voglio: si inginocchia davanti a me e inizia lentamente ad accarezzami il cazzo attraverso i pantaloncini. Non sembra stupirsi notando che è già duro, ne segue la consistenza con la mano, stringendolo a tratti con forza. Mi accomodo meglio sulla poltrona e lei capisce che é arrivato il momento di iniziare le danze. Molto lentamente mi sfila pantaloncini e boxer insieme e senza rendermene conto il cazzo sparisce nella sua bocca. Si dedica dapprima alla cappella, la succhia lentamente, la assapora, la tira fuori per leccarla e poi di nuovo dentro. Ci sa decisamente fare la troietta. Adesso aumenta l’intensità, l’asta scompare nella sua bocca e poi riappare per magia, per essere inghiottita pochi istanti dopo. Io fumo e beatamente mi gusto il pompino di mia sorella, che goduria. La sensazione di calore alla cappella è meravigliosa, il suo aiutarsi di tanto in tanto con la mano é perfetto. La sua bocca scivola sul mio cazzo con una delicatezza ma al contempo con una intensità e velocità spasmodica, é il bocchino perfetto.
Sono in estasi, vorrei riempirla, ma il bello deve ancora venire. Il pompino si fa più hard, sebbene non sia un amante del deepthroat, é meraviglioso vedere come Marty, con quella sua piccola boccuccia, ingoi buona parte del mio cazzo, spingendoselo fino in gola fin quasi a soffocarsi. Fiotti di saliva le scendono dai lati della bocca e il rumore del risucchio rende il momento estremamente erotico e perverso. Chissà quanti cazzi avrà succhiato la mia sorellina porcellina. Le afferrò la coda di cavallo e la spingo con decisione verso il mio cazzo, una, due, tre volte.
Le stringo la coda e la tiro verso di me, la bacio e le lecco via la saliva dalla bocca. Sa di cazzo, ma mi eccita, troppo. La stringo e condivido con lei l’ultimo tiro della sigaretta. La spengo e la invito a sedersi a cavalcioni su di me. Non se lo fa ripetere due volte, divarica le gambe e sale su. Mi getta le braccia intorno al collo e mi bacia intensamente. I nostri sessi, in questa posizione sono a stretto contatto l’uno con l’altro.
“Non ce la faccio più, ti voglio” mi sussurra all’orecchio.
Riprendo a baciarla e avverto una sensazione di calore sul mio membro. Realizzo, sto entrando dentro di lei, sto scopando con mia sorella. Il cazzo si fa strada nella sua passera come un coltello nel burro tanto era fradicia. Senza quasi accorgermene é tutto dentro di lei. La sento ansimare forte, come avesse tirato un sospiro di sollievo. Le mie mani afferrano le sue sode e perfette natiche e senza smettere mai di baciarla accompagno il movimento del suo bacino spingendomi sempre più dentro di lei. I nostri movimenti sono sincronizzati anche se quasi impercettibili. Il mio cazzo é piantato dentro di lei e si muove quel poco da creare scosse di piacere che partono dai sessi per diffondersi in tutto il corpo. Smettiamo di lìmonare furiosamente e noto con stupore che il nostro si trasforma in bacio quasi tenero, più consapevole, ma al contempo altamente erotico. Stiamo facendo l’amore. Oddio, penso, é magnifico.
Non posso non notare la differenza rispetto a dieci minuti prima, quando quella troietta era in ginocchio a sputarmi sul cazzo. Cosa era cambiato? La piccola ninfomane sembrava essersi trasformata in tenera fidanzata.
Pochi minuti e sento montare la voglia di venire. Vorrei riempila di sperma. Vorrei venire con lei, dentro di lei, e rimanere così per tutta la notte. Marty comincia ad ansimare più forte, ed io la seguo a ruota. Aumento leggermente il ritmo e l’intensità delle mie spinte, quel tanto che basta per portarla all’orgasmo ma non venire subito come un pivello. Pochi affondi e la sento venire, si impala letteralmente sul mio cazzo e mi morde il collo per non urlare.
“Vengo anch’io amore” le dico a fatica.
Si sfila da me, torna in ginocchio e fa sparire il cazzo nella sua bocca, pochi su e giù ed esplodo in un orgasmo mozzafiato. Marty Serra le labbra intorno alla cappella non appena sente arrivare i primi schizzi, li ingoia e come se fosse la cosa più normale di questo mondo, spalanca la bocca continuandomi a segare. I restanti fiotti di seme caldo le colpiscono il viso, il naso e le labbra. Sto quasi per svenire per quanto sto godendo. Si rituffa sul cazzo continuandolo a ciucciare, gustando gli ultimi fili di sperma che fuoriescono e succhiandomi anche l’anima. Quando la cappella appare lucida, violacea e pulita si stacca da me con l’indice porta alla bocca tutta la sborra che ha sul visto. L’ ingoia e si lecca le dita ripulendo tutto.
Il ritorno della piccola troietta ninfomane. Mi sorride, e d io le ricambio il sorriso beato, o forse beota sarebbe il termine più appropriato.
Mi bacia teneramente, condividendo con me il sapore pungente del mio sperma, al quale mi stavo quasi abituando. Era un giusto prezzo da pagare per il suo certosino lavoro.
Ci gustiamo l’ultima sigaretta della serata stando abbracciati su quella poltrona, senza mai smettere di baciarci. Non parliamo, non c’è bisogno di dire niente. Finito di fumare Marty si congeda augurandomi la buona notte:
“Dormi bene amore mio”
“Dolce notte mia piccola sorellina porcellina”.

Continua...

Per info e commenti scrivetemi pure a:

Questo racconto di è stato letto 4 8 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porno realmente accadutir acconti eroticistorie poenoraccont eroticracconti erotici cornutozie troie raccontistorie di e per adultistorie erotic eracconti gay amiciracconti erotici clistereracconti erotocicugina zoccolaporno incesti raccontiracconti sconciracconti erotici paparacconto di un tradimentocognata porcelladonna scopa con animaliracconti per adulti gratisracconti di donne voglioseracconto clisterei generi dei racconti eroticiracconti eroticestorie erotracconti eroticheracconti eroticvinonna troia raccontigeneri di racconti eroticisito racconti eroticiracconti incesto miluorgia raccontola mia ragazza in toplessracconti porniracconti erotici vipracconti collantcugina racconti eroticiracconti porno prima voltarac erotraccont69racconti erotici donne anzianeracconti erotici tradimentiracconti incentuosistorie di sesso spintoracconti porno mia cognatalettere incestoracconti porno italiani gratisracconti di sesso con la nonnaracconti veri di sessopiccole trasgressioni raccontiraccontiincestuosiracconti hard con animaliracconti porno mamma e figlioracconti.pornoraccontizoofilialettere hard da leggere gratisracconti erotici suoraracconto oseracconto sexypunizione eroticapompini storieracconti facesittingracconti dincestoscopare con cavalloho scopato mia figliaracconti di figaracconti erotici sesso oraleracconti erotici di donne anzianepompino ad un cavalloeroticiracconti.itstorie di sesso con animalii racconti eroticidonna scopata da animalistorie erotiche gratisracconti erotici milfracconti erotici mogli infedeliracconti lesbicherracconti eroticieroticiraccontraconti sessoracconti di chiavateracconti eros 69racconti ereoticierotiracconti