I Caduti ( capitolo 1 )

Scritto da , il 2019-11-07, genere sentimentali


Se solo i suoi poteri gli avessero permesso di leggere anche nelle menti dei suoi simili, Daniel avrebbe rovistato in ogni singolo angolo delle loro coscienze … Disprezzava i sei membri del concilio che si erano radunati a quella cena . Erano li per dargli il benvenuto ufficiale , erano li per concedere a lui il privilegio di sedere al posto del padre .. d’essere il 7 membro .
7 erano i continenti, 7 dovevano essere i membri del concilio. Ognuno di loro sarebbe stato il garante degli interessi dei caduti nel suo continente. Nessuno aveva mai rifiutato quel privilegio…lui avrebbe tanto voluto farlo, anche solo per togliersi la soddisfazione di vederli vacillare… ma era solo un sogno, sapeva che uscire dal concilio non gli avrebbe portato nessun vantaggio…
Daniel aveva in mente qualcosa e gli serviva ancora un pò di tempo ee se tutto fosse andato come lui sperava li avrebbe messi di fronte ad un verità, una verità che avrebbe cambiato l’ordine…le regole e le priorità.
Aveva sorriso, li aveva assecondati…era stato il perfetto padrone di casa , si era finto onorato di ricevere il ruolo del padre…ma ora la sola cosa che voleva era che se ne andassero via da casa sua.
C’era un “lavoro”che lo aspettava.
Quando finalmente se ne andarono , aspettò di vedere le loro macchine uscire dal viale della villa e scese nella cantina.
Gregory, il suo braccio destro , lo aspettava davanti ad una porta.
“L’hai portato?”gli chiese.
“Si”disse l’uomo
“Mia sorella è in casa, fai in modo che non scenda qui…”gli ordinò
“Si signor Hamilton”disse Gregory e andò verso le scale.
Daniel aprì la porta.
Era una stanza in pietra vista , senza riscaldamento e senza elettricità… nei secoli in cui quella casa era appartenuta agli Hamilton era stata usata per molti scopi… ogni caduto aveva nascosto da qualche parte una stanza come quella…vi state immaginando pentacoli e messe nere vero? Riti ed incantesimi esoterici?… non siete molto lontani …
“Ciao Prete!” disse Daniel accendendo la candela.
Un uomo sui 60 anni era seduto a terra e cercava di mettere a fuoco il volto di Daniel.
“Chi sei?”chiese strisciando fino all’angolo di quella stanza.
“Il figlio dell’uomo che 24 anni fa ha donato 7 milioni di dollari alla tua chiesa”
“Tu sei Daniel Hamilton…”disse
La conversazione con quell’umano sarebbe stata più intereessante del previsto , pensò Daniel.
“Bene…”sorrise avvicinandosi a lui e chinandosi per poterlo guardare negli occhi.
“Puzzi di fede..”sussurrò . Erano rimasti in pochi ad avere quell’odore, ma era ancora più divertente “giocare” con loro…Così certi della divina provvidenza, così sicuri della protezione che Dio gli avreebbe dato…così incosapevoli di come più facile manipolarli e leggergli la mente.
L’uomo chiuse gli occhi iniziando a recitare mentalmente un “padre nostro”
“Pregare non ti servirà Andrew , qui DIo non può sentirti”disse Daniel sentendo la sua preghiera come se la stesse recitando ad alta voce.
L’uomo aprì gli occhi
“Perchè mio padre ti ha dato quel denaro?”chiese Daniel
“Gli ho promesso che non avrei detto a nessuno il nostro accordo”disse l’uomo. Ma la sua mente pensò istintivamente ad un piccolo paese in Irlanda.
“Cosa c’è a Kilronan Andrew?”gli chiese Daniel
Ed eccolo ancora immerso nelle sue stupide preghiere mentali .
“HO DETTO: SMETTI DI PREGARE!!” tuono Daniel prendendolo per il collo.
“Tu non mi ucciderai…”disse l’uomo con la voce rotta dalla presa di Daniel “se mi uccidi non avrai le risposte che cerchi!”
“Sembra che non le avrò in ogni caso…”disse notando che il prete continuava a non pensare al motivo che lo legava a suo padre. Doveva ammetterlo , per essere un umano aveva una volontà di ferro ma sopratutto non temeva di morire…
“Parla Prete!!”disse lasciandolo “ci sono cose peggiori della morte che posso farti…”disse cercando nella mente di quell’uomo qualcosa a cui tenesse…
“Chi sono quei bambini che vedo …il prete che aiuta gli orfani…sei un clichè vivente Andrew…”
“Lasciali in pace…tuo padre aveva ragione su di te…sei l’Anticristo!!” disse il prete terrorizzato , daila visione che Daniel stava mostrando al suo cervello…
“Parla…” disse Daniel. Infondere il terrore nelle menti degli umani era la cosa che gli riusciva meglio, non si era mai chiesto se avrebbe davvero realizzato tutto ciò che mostrava loro, non era mai dovuto passare ai fatti …ma per com’era stato cresciuto , il bene ed il male non erano che punti di vista …spesso il bene di qualcuno è il male per un altro…le azioni il mezzo per raggiungere un fine….
“32 anni fa lavoravo per tuo padre…”disse il Prete “tu eri appena nato…” Daniel lo ascoltava in silenzio, vedere il suo orfanotrofio bruciare lo aveva convinto a parlare, al momento poteva uscire dalla sua mente “ Ero un archeologo…credevo che tuo padre fosse uno dei tanti miliardari con la passione per le antichità…sovvenzionava i miei scavi , il più delle volte quello che trovavo tuo padre lo rivendeva ai musei o ai governi dei paesi degli scavi…poi trovai una catacomba …e dentro ad una delle cripte c’era una pergamena…era un ritrovamento eccezionale, unico nel suo genere..”
“Cos’aveva di tanto prezioso?”chiese Daniel
“Risaliva ad un epoca precedente a quella delle catacombe, era scritta in Aramaico Giudaico , la lingua parlata all’epoca di Cristo in Galilea, ed era scritta con il sangue…chiamai immediatamente tuo padre…lui mi fece promettere che non ne avrei mai parlato a nessuno, che prima voleva vederla di persona…prese il primo volo e mi raggiunse… la visionò..credevo non conoscesse le lingue antiche, ma riuscì a tradurla in pochi istanti…”
“Parlare ogni lingua esistente è uno dei doni che deriva dal sangue angelico..stupido mortale!!”pensò Daniel, iniziando ad annoiarsi per quel racconto troppo carico di dettagli a lui inutili.
“Cosa c’era scritto su quella pergamena?”chiese Daniel
“In verità io vi dico , tenete lontani la Luce dal Buio. Rimangano divise… rimangano incosapevoli l’uno dell’esistenza dell’altra . Non lasciate che essi si fondano o il mondo conoscerà solo l’ombra” disse l’uomo .
Mentre la recitava , Daniel era tornato nella sua mente, per vederla, per vedere se riportasse ogni parola. Quello che l’uomo non disse era la firma di chi aveva scritto quelle parole “Nazareno”.
“dov’è ora quella pergamena?”chiese Daniel.
“Tuo padre l’ha portava via con se, dicendomi di fingere di non averla trovata, di non inserirla nell’inventario.
“Ma tu eri troppo eccitato per farlo…”disse Daniel
“si..lo dissi alla mia collega…quella stessa notte tornando in albergo abbiamo avuto un incidente ..è morta sul colpo… mi sono svegliato in ospedale 3 mesi dopo , tuo padre aveva pagato le mie cure…mi disse che aveva fatto studiare la pergamena da degli esperti e mi parlò di voi….guarii e presi i voti… 8 anni dopo, tuo padre mi ritrovò mi donò quei soldi …”
“in cambio di cosa Prete… non fare il furbo!!”disse Daniel accorgendosi che stava ancora cercando di tenerglielo nascosto.
“Non posso..”disse l’uomo iniziando a sentire nella mente invasa da degli spilli .
“non voglio farti male Prete…dimmi in cambio di cosa!!” disse Daniel .
Un rivolo di sangue iniziò ad uscire dal naso dell’uomo
“Dovevo nascondere la Luce !!”urlò di dolore .
“Da chi?”chiese Daniel allentando la presa mentale su di lui
“Dai caduti , dall’umanità e sopratutto da te…”disse esausto l’uomo.
“Bravo…vedi ..non è poi così difficile”disse Daniel alzandosi e sedendosi sull’altare di pietra dal lato opposto della stanza.
“Perchè da me?”gli chiese
“Non lo so..non me l’ha detto…ha solo detto che se ti avessi mai visto saresti stato la cosa più simile all’Anticristo che avrei mai potuto vedere camminare sulla terra… “
“Cos’è questa Luce che nascondi da 24 anni…”
“ti supplico..24 anni fa tuo padre fece la scelta giusta…”
“Giusta? La giustizia è solo il punto di vista di chi decide…Mio padre ha fatto una scelta, Punto! Ma ora sono io al suo posto , lui sta nutrendo i vermi sottoterra…e sai perchè? “disse Daniel infastidito “Perchè il tuo Dio ci ha condannati a morire come voi mortali!!! Hai anche solo una vaga idea di quanto sia irritante sapere d’essere chi siamo , avere poteri che voi non potrete mai avere e morire come cani senza poter fare niente? Quindi -disse cercando di tornare calmo- ora tu sarai così gentile da dirmi cosa nascondi …ed io valuterò quale sia la scelta da fare…so già che qualsiasi cosa sia si nasconde a Kilronan…non farmi sprecare tempo …”
“La luce non è una cosa…ma una persona…non so come tuo padre l’abbia trovata…”
“Chi è ?”chiese Daniel e nell’esatto momento in cui fece la domanda vide il suo nome ed il suo viso nella mente di Padre Andrew. Amylee Duncan.
Non diete al prete il tempo di rispondere o di dire altro. Lo addormentò e gli cancellò la memoria di quelle ultime ore.
Uscì dalla cantina, Gregory era in cucina , seduto a mangiare gli avanzi della cena.
“Riportalo nella sua chiesa..”
“Subito signore…”

Questo racconto di è stato letto 6 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotici raerotici rccontiracconti porno i generiinculate raccontiraccpnti eroticiracconti erotici nuoreracconti erotici di guzzonracconti erotici mogli infedeliracconti porno scambistiracconti erotici con canestorie di sesso in famigliaa69 raccontiracconti moglie scopataracconti minuscampio coppieracconti zia e nipoteracconti reali eroticiracconti anali di donne matureracconto sculacciataracconti erotici vedovastorie porno moglieracconti erotici eccitantiho scopato la suoceraracconti erotici cavalloracconti erotici canieroriciraccontistorie pornierotico storieracconto miluracconti erotici d autoreracconti pornograficistorie x adultiracconti intimiporno moglie al cinemamogli troie e mariti cornutisesso con la cognataracconti incrstiracconti erotici amatorialii generi di racconti inceatoraccontierotiracconti e video eroticidonna scopa col canevogliadipornoracconti femdomracconti erotici giocoracconti erotuiciacconti eroticiraconti sexracconti hard incesttravestiti raccontiracconti incesto lesboscambio mail eroticheracconti erotticiracconti erotici con la nonnaracconti rroticicougar raccontiertici racconticorna raccontigiocare con la sexy sorellastradominazione femminile raccontiracconti erotici mamma e figlioracconti erotici con animalistorie di sesso con transracconti sex 69racconto di sessoracconti erotici di scambistiracconti porno fantasyraccondi eroticieroticiracconti.itracconti erotici adolescenzaeroticiraccontii generi dei racconti eroticiracconti stupro gayracconti erotici.itracconti cougarracconti bollentinonna troia raccontiracconti di sesso in vacanzaracconti pormoti prego scopamimogli puttane raccontiracconti erotici moglie scopatastorie erotiche gratisi racconti di miluraccinti eroticiracconti erotici di tradimentivideo racconti porno gratisracconti erotici di vita realeho inculato la mammaracconti porno animaliraccconti eroticiracconti di zoccoleracconti erotici 2016racconti eroticoracconti incetoracconti cuginetradimento racconti