Paola la mia Dea

Scritto da , il 2019-11-06, genere dominazione

La solita giornata noiosa, tutto tace, Assopito sul letto , una vibrazione mi fa sussultare, apro gli occhi, leggo in anteprima dallo smartphone: “ my Queen”.
Eccola, finalmente dopo una settimana di assoluto silenzio cosmico, insopportabile.
Leggo il messaggio: schiavo, stasera alle 18 solito al bar, puntuale, ogni minuto di ritardo ti costerà caro.
Una scarica eccitatoria, attraversa tutto il mi corpo.
Guardò l’ora . Sono le 16 , mi devo preparare.
Barba , doccia, mi vesto , non mi piace, cambio il maglione, non sono convinto ma è tardissimo, mi metto in auto, come sempre un traffico terrificante.
Il cuore mi batte a mille, non posso arrivare tardi , non posso deluderla .
Finalmente parcheggio, mi incammino , mi sono dimenticato dove rimane il posto. Chiedo. Finalmente entro nel bar .
Ore : 18,05.
Merda.
Eccola, finalmente, è bellissima, seduta con il suo calice di vino , mentre finisce di prendere appuntamenti di lavoro .
Indossa un vestito amaranto che ne risalta tutta la sua carica erotica .
Tra di me penso quanto sono fortunato a poterla servire, adorare.
Mi avvicino al tavolo , non mi considera , rimango fermo in piedi , in attesa di un suo sguardo , cenno che tarda ad arrivare.
Inizio a sudare, la gente mi attorno mi guarda o almeno credo.
Finalmente alza la testa, posso finalmente baciare la sua mano.
Pelle morbidissima, profumo superlativo . Mi saluta con il suo solito sorriso, sono felice, ucciderei per un suo sorriso .
Improvvisamente cambia tono, sguardo, postura, mi gela, mi sento morire.
“ sei in ritardo di cinque minuti “
“Manterrai la castità per altri cinque giorni. Chissà se la prossima volta con le palle piene , arriverai puntuale .”.
Non posso che risponde : “ grazie Padrona, per prenderti cura della mia educazione “.
Si china , estrarre della borsa una scatola rossa.
“ vai in bagno, aprila , non c’è bisogno che ti dica cosa fare. Se non ci arrivi da solo, puoi anche andartene , non so cosa farmene di uno schiavo idiota “
Volo in bagno.
Fortunatamente non c’è nessuno.
Apro la scatola. Un plug anale con telecomando.
Metto il preservativo, me lo infilo nell’ ano.
Chiedo tutto, mi rivesto .
È abbastanza malleabile. Si adatta bene al mio sfintere .
Torno da Lei. Mi guarda con un ghigno sadico.
“ siedeti. Ti ho preso una birra chiara , lo so che non ti piace, ma poco importa, ho deciso, che la bevi lo stesso, perché tu fai quello che voglio io, sempre e comunque “
“ lo so PAdrona”.
“ bene , non si sa mai , meglio ribadire il concetto “.
Mi chiede come sto, di raccontarle le ultime news.
Le rispondo, spero di non annoiarla , quasi mi dimentico del plug .
Ridiamo e scherziamo . Amo passare del tempo così con Lei.
Adoro quando riesce a trattarmi da uomo e da schiavo , nel medesimo istante.
All’ improvviso , sento una scossa di un secondo, mi riporta alla realtà .
Cazzo il plug. Me ne ero dimenticato. È fortissimo.
Vibra in modo costante , quando Lei usa il telecomando ha degli acuti .
Vorrei gridare, godere . Urlarle che sono la sua puttana.
Non posso.
La guardò , la supplico . Lei gode. Lo so.
Sono sfinito .
Lei mi dice con fare sadico: “mmmm qui c’è qualcuno che si sta divertendo più di me, anche troppo.” Fine
Vai in bagno, lava tutto.
Eseguo, metto tutto nella scatola, ci metto anche un bigliettino : “ grazie Mia Dea , ogni istante delle tue attenzioni mi fa capire la fortuna che ho tra le mani”.
Torno da Lei.
Mi saluta: “ settimana prossima voglio andare alla spa, tieniti libero”
Si eclissa, sono combattuto. Triste e felice al tempo stesso.
Grazie Padrona

Questo racconto di è stato letto 1 5 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


escort storieraccon ti eroticisesso a tre raccontiracconti erotici generea69 racconti eroticimi fotto mia cuginaquel cornuto di mio maritoeroticiracconti.itracconti erotici di casalingheracconti eroticoi generi di racconti inceatostorie potnoracconti porno gratisracconi eroticiracconti trasgressionistorie con suoceraracconti erotici nuoraracconti erotici di mogliracconti hotincesto con cognatastorie di mariti cornutiracconti erooticimia cognata raccontieroti raccontimoglie inculata raccontierotici racvontiracconti erotici moglie scopatascambio di coppiestorie di sesso italianoracconti eroeroticiracconti.itraccont 69racconti feticismo piedisito racconti eroticiracconti porno nonnaracconti erotici.mi sono scopato mia suoceraracconti erotici massaggioracconti incesto nonnaracconti gay freeracconti cazzo grossoracconti porno lesbichesesso triosuperdotato raccontipornoracconti gratisracconti porno dal ginecologosculacciato dalla ziaracconti erotici amatorialiracconti efoticistorie porno tradimentoi generi racconti eroticiracconti erotici blogscopata con il cavalloclistere raccontofeticismo raccontiracconti erotici stuprataracconti porchiracconti erotici69racconyi pornoracconti gay hotracconti eortici gayculi rotti raccontistorie porno tradimentostorie zoofiliastorie pornierotciraccontierotici raccontostorie di adultiraccontierracconi pornoraccomti pornostorie hard gaystorie di donne maturestorie di adultiraconti erosscoparsi la vicina di casafidanzata esibizionistaracconti cuklodavventure eroticheblog marito cornutoracconti porno stuproraconti di sessoracconti erotici slaverqcconti eroticistorie sesso incestoracconto di miluracconti porno pompinivideo racconti gaymoglie scopata dal ginecologoracconti di sesso con la nonnastorie feticismo piediracconti erotici di punizioniraconti xxxarrizzacazziracconti erotici ripetizioniracconti porno zoogeniv racc