La nostra prima notte

Scritto da , il 2019-11-06, genere saffico

E’ il tipico rumore di passi sul sentierino di pietre in mezzo al prato. Parole bisbigliate che non comprendo, i passi che poi si trasferiscono sulla piattaforma di mattonelle del bungalow.. Ascolto quei rumori e aspetto. A letto, coperta da un lenzuolo, ma non dormo. Le voci adesso sono più vicine, appena al di là della finestra semichiusa. Quella femminile bisbiglia “ti prego, ti prego”, quella maschile replica “no, dai no… qui? perché?”, ma dal tono non mi sembra tanto convinta. “Qui non ci vede nessuno”, dice la ragazza. Poi silenzio e, credo, il mugolio di un bacio. E dopo il bacio respiri più pesanti. “E se la tua amica ci sente?”, “ha il sonno pesante, quella, la conosco”. Due rumori in sequenza, uno leggero, un po’ sordo, l’altro ancora più leggero, un fruscio. Un ginocchio sul pavimento, i pantaloncini che calano, direi.

Poi la colonna sonora inconfondibile di un pompino. Succhi, risucchi, gemiti soffocati, sospiri. Non dura tanto, ma nemmeno poco. In teoria dovrebbe essere eccitante. In pratica lo è ma non moltissimo, anche se quasi inconsapevolmente porto una mano sul seno proprio mentre dall’altra parte del muro il maschio sussurra alla sua femmina un compiaciuto “cazzo!”, gonfio di piacere esasperato. Dopo quel “cazzo” i mugolii della femmina diventano una cantilena quasi disperata, soffocata dalla carne dura spinta in bocca. I respiri del maschio sono quasi dei rantoli. Tutto precipita verso quel finale che conosco bene.

– Lo volevo tanto, non sai il regalo che mi hai fatto… a dopo – sussurra lei.

La porta del bungalow si apre e si richiude alle sue spalle. Tutto ripiomba nel buio. Ma al buio sono ormai abituata, e la vedo.

– Sei sveglia? – sussurra la ragazza.

– Sì – rispondo piano.

– Mi lavo i denti, mi faccio una doccia e sono subito da te.

– Non ci pensare nemmeno, troia – le rispondo con un tono a metà tra il divertito e l’apprensivo – spogliati e vieni qui.

Mi scopro e mi mostro nuda. Ma penso che per vedermi debba un po’ abituarsi all’oscurità anche lei.

– Scherzavo… – risponde ridacchiando e iniziando a togliersi la maglietta e i pantaloncini. Tutto.

Si stende accanto a me. “Ti ho portato un regalo”, mi dice prima di baciarmi e infilarmi la lingua in bocca. Il sapore di sperma è ancora molto forte. Le passo la lingua sui denti e sulle gengive, per ripulire tutto quel che è rimasto. E’ la seconda volta in due giorni che bacio una ragazza cui hanno appena sborrato in bocca e ho scoperto che mi piace da morire. E’ una cosa tenera e oscena al tempo stesso. E con Serena anche molto più intima che con Tanita. Con quest’ultima, in fondo, è stato solo un caso, visto che ci siamo ritrovate a succhiare il cazzo dello stesso uomo nel buio di un parco londinese. Con Serena no, è una mia amica. Una notte, tre settimane fa, il giorno prima di partire per l’Inghilterra, l’ho desiderata, tantissimo. E gliel’ho detto, gliel’ho scritto. Poi mi è passata. Ma adesso, anche se con tutti i dubbi del caso, la voglia è tornata, sta tornando. E non sono la sola ad averla.

Credo che sia la prima volta che bacia una ragazza, anche se lo fa con una certa naturalezza. Ha appena fatto sesso, ma non le è bastato. E anche io ho fatto sesso da pochissimo e non mi è bastato. Perché stavamo correndo verso questo momento qui, un paio di ore prima dell’alba. Tutto ciò che è avvenuto prima, lo sapevamo, era solo un piacevole preliminare regalato a qualcun altro.

Quando sono arrivata qui, l’altra sera, non ci pensavo nemmeno più. Dopo tre settimane di Londra, la mia unica prospettiva era quella di crogiolarmi per qualche giorno al sole sulla spiaggia di questo villaggio vacanze dove lei lavora facendo foto alle famiglie di turisti e rivendendole la sera.

Quella sera ero distrutta. Un po’ per le folli ore che avevano preceduto la mia partenza, un po’ perché il viaggio mi aveva sballottata. Londra, Fiumicino, i miei che mi portano la valigia con le cose adatte a una vacanza sul mare, le loro attenzioni e le loro raccomandazioni, le solite cose. Poi l’aereo, il trasferimento qui. Non ho dormito quanto avrei voluto.

Serena mi aveva accompagnata al suo bungalow, mi aveva detto di farmi una doccia e di raggiungerla a cena, insieme agli altri animatori, che ci avrebbe pensato lei a tenermi il posto e a mettermi qualcosa da parte. Invece, dopo la doccia, mi sono asciugata e rivestita. Prima di mettermi i sandali mi sono stesa “solo un attimo” sul lettone e ciao, se ne è riparlato la mattina dopo.

Se ne è riparlato per modo di dire, perché in realtà mi sono svegliata trovando sul comodino un biglietto sul quale c’era scritto che l’avrei trovata in spiaggia e che mi lasciava la card per fare colazione al bar, nel caso mi fossi svegliata troppo tardi per farla al ristorante. Sono uscita con indosso il vestitino con il quale avevo dormito, completamente spiegazzato ma sticazzi, ho fatto colazione e sono tornata nel bungalow. Qui per la prima volta mi sono resa conto del casino totale in cui vive Serena. Ho messo un po’ in ordine, mi sono infilata il costume e sono andata in spiaggia.

Mare formidabile, non c’è che dire. Spiaggia pure, con qualche lettino vuoto. Se non proprio finita, la stagione volge al termine. Serena mi ha vista prima che io vedessi lei e mi ha indicato il lettino. Proprio all’estremo, là dove comincia la spiaggia libera, ma almeno è in prima fila. Non mi dispiace per nulla. Mi ha detto di fare il cazzo che mi pareva, che lei avrebbe avuto da lavorare almeno fino a mezzogiorno e mezza, quando l’animazione finisce. L’ho ringraziata, mi sono stesa e dopo essermi messa le cuffiette mi sono fatta il solito impacco di crema solare. Mi sono messa a guardare la fauna, Serena che si allontanava con la Canon in mano provando a circuire bambini e bambine insieme a un altro ragazzo dell’animazione. In spiaggia nulla da segnalare, famiglie normali, coppie con o senza figli. Tranne un paio di casi. Due figaccioni nemmeno troppo in là con gli anni e con mogli al seguito. Una di queste era pure una figa spaziale. Una faccia da stronza antipatica, è vero, ma oggettivamente non le si poteva proprio dire nulla. Vista l’espressione e i tatuaggi sparsi sul corpo non lo avresti sospettato, ma era anche molto dolce e tranquilla con la bimba, lei sì una vera rompicoglioni. L’altro figaccione, con il fisico di uno che fa canottaggio o pallanuoto, si portava invece appresso una brunetta niente di che, che sarà stata trenta centimetri più bassa di lui. Proprio poco prima del bagnasciuga due ragazze, belle fighe pure loro, non c’è che dire, che misteriosamente preferivano starsene sdraiate sulla sabbia anziché sui lettini. Con dei costumi anche fuori luogo, visto il posto per famiglie. Voglio dire, non sono moralista, un microbikini come quelli che indossano, che ti sparisce tra le chiappe, ce l’ho anche io, anche se mamma si è ben guardata dal mettermelo in valigia, ma forse qui non l’avrei indossato. Erano a cinque o sei metri da me e parlavano dei fatti loro a voce anche un po’ troppo alta, di ragazzi soprattutto. Saranno state di Milano, o di Bergamo, o di Sondrio. Cazzo ne so io, non capirei la differenza. Avevano tutta l’aria di essere a caccia ma, a occhio e croce, da come si muovevano e da come parlavano, non qui sulla spiaggia. Forse nemmeno qui nel villaggio.

Dopo il bagno sono andata al chioschetto a prendere un po’ di acqua. Il gestore, un tipo sulla quarantina molto stempiato e con i peli che gli strabordavano da sotto la maglietta, per attaccare bottone mi ha chiesto “sei nuova? o lavata con Perlana?”. Per mostrarmi affabile, dopo un attimo di smarrimento l’ho guardato da sotto i Ray-Ban e gli ho detto che battute del genere le faceva mio padre, ma quando era giovane. Non ha fatto una piega, mi ha dato l’acqua e mi ha detto che lì sulla spiaggia, la sera, si balla, se ero interessata e un po’ di queste cose qui. Una volta chiarito che non ci stava provando ma che la sua era solamente una proposta, per così dire, commerciale, ho scelto la via diplomatica e gli ho detto che non sapevo ancora cosa avrei fatto la sera ma ci avrei pensato.

In effetti, qui la sera non c’è molto da fare, mi ha spiegato Serena. Alle dieci e mezza l’animazione chiude, i bimbi vanno a nanna (forse) e lei se non è troppo stanca un salto in spiaggia lo fa. Poi però, in genere, va a fare di meglio. Quando me lo ha spiegato, però, io ero ancora un pochino sotto shock. Beh, forse sotto shock è un po’ troppo, diciamo frastornata. E il motivo ve lo spiego subito.

Ero rientrata un po’ prima di lei, per pranzo. Quando l’ho sentita aprire la porta del bungalow ero avvolta in un asciugamano mentre sciacquavo il costume nel lavandino. Si è spogliata e si è infilata sotto la doccia. Mi ha fatto un certo effetto perché era la prima volta che la vedevo nuda, ma sul momento non ho pensato alla mia sbroccata lesbica nei suoi confronti di qualche settimana fa. Lì per lì invece ho notato il suo pube glabro e mi è venuto in mente che invece, un po’ di tempo fa, aveva amabilmente confidato a una combriccola di semi sconosciuti che se la teneva avendo cura di lasciare una strisciolina di pelo. Non che io fossi stata da meno, eh?, visto che a mia volta avevo confessato di depilarmi integralmente. In ogni caso, osservando sia pure solo di sfuggita la sua nudità (Serena è una bella mora, a me piace molto) non avevo fatto pensieri particolarmente osceni su di lei. Anzi, per nulla.

In realtà, non sapevo nemmeno che pensieri fare. Sì, avevo il desiderio di raccontarle di Londra, della gente che ho conosciuto, dei miei eccessi, della scoperta di Tinder. Perché è chiaro, certe cose non si fanno per poi raccontarle, ma la voglia di confidarle a qualcuno poi ti viene. Starei per dire che quasi quasi ti viene mentre le fai. Ma in realtà tutta sta fretta non c’era, non c’era più. Avremmo avuto tutto il tempo. Serena però, almeno da questo punto di vista, è anche peggio di me. E quando vuole metterti a parte di una cosa non ci sono santi, te la deve dire. Penso che sarebbe capace di svegliarti per dirtela. Anzi, a pensarci bene adesso, mi stupisco che non mi abbia svegliata la notte scorsa, si vede che ha avuto pietà, che cazzo ne so.

– Adesso conoscerai Pino – mi ha fatto mentre si asciugava e io mi rivestivo – è il capo degli animatori. Quando siamo con gli altri facciamo finta di nulla ma è praticamente da quando sono arrivata che me lo scopo…

– Apperò… – le ho risposto non sapendo bene che altro aggiungere.

– Non penso di averti scandalizzata…

– No, non direi proprio… – le ho risposto – diciamo che mi hai un po’ presa alla sprovvista… per la verità stavo per chiederti se potevi prestarmi il deodorante che il mio è finito…

Era la verità. Ero lì, in mutande, a cercare di tirare fuori dalla bomboletta almeno l’ultimo spruzzo, ma quella stronza non ne voleva sapere.

– Fai bene a non scandalizzarti, visto che la colpa è tua – mi ha sorriso con una malizia anche troppo accentuata.

– Eh? Perché mia?

– Perché dopo che mi hai mandato quella mail sono impazzita – mi ha detto cambiando completamente il tono di voce e avvicinandosi, nuda, a non più di dieci centimetri – non penso che al sesso e a te, e dopo avere fatto sesso con lui penso di farlo con te, cavoli, ho pensato di essere diventata lesbica…

Sì lo so, dovreste avere letto i racconti precedenti per capirci qualcosa. Per farla molto ma molto breve: la sera prima di partire per Londra eravamo andate in una discoteca all’aperto e lei a un certo punto mi aveva mollata dicendo che andava via con un ragazzo. Ecco, in quel momento avevo avuto una fortissima voglia di lei, del suo abbraccio sudato, del suo corpo, mi sono immaginata di averla dopo che era stata di quel ragazzo. Non le avevo detto nulla, lì per lì, e sono finita a farmi scopare da due decerebrati totali, uno dei quali amico di Serena. Beh, non proprio amico, diciamo conoscente nonché sogno erotico-estivo-adolescenziale (in effetti dispone di un cazzo notevole che sotto il costume deve fare bella mostra di sé). E non le avevo detto nulla nemmeno della voglia furibonda che mi era presa di baciarla quando mi aveva accompagnata all’aeroporto il giorno dopo. Però una volta arrivata a Londra la prima cosa che avevo fatto era stata scriverle e dirle tutto di quella assurda notte. Non avevo ricevuto nessuna risposta, se non appunto una richiesta di informazioni sul cazzo di quell’idiota del suo amico. Mi ero detta vabbè, pazienza, almeno non ho tenuto nascosto un segreto a un’amica. Poi mi ero lasciata travolgere dalla mia vacanza-studio in Inghilterra.

La risposta, evidentemente, aspettava di darmela una volta che ci fossimo riviste. E infatti me l’ha data. Solo che l’ha fatto quando non ci pensavo nemmeno più. E questo mi ha un po’ destabilizzata. Ma mai quanto mi hanno destabilizzata le parole che ha aggiunto subito dopo.

– Stanotte andrò da lui, gliel’avevo promesso, ma non è questo… potrei pure dirgli di aspettare, che non mi va di lasciarti da sola e tutte ste cazzate qui… ma la verità è che voglio stare con lui e poi tornare da te… e voglio che tu… ora andiamo a pranzo, sennò facciamo tardi.

Detto questo, si è infilata un camicione, senza nulla sotto, e ha aperto la porta del bungalow, costringendomi a mettermi nascosta in un angolino mentre finivo di rivestirmi imprecandole dietro di chiudere quella maledetta porta. L’unica cosa che mi è venuta in mente di dirle, che però non le ho nemmeno detto, è che porca troia poteva farmi tutte queste rivelazioni prima che mi infilassi le mutandine. Perché in quel momento, ecco, oltre che frastornata mi sentivo anche un po’ eccitata. Un po’ tanto. Mica per niente, eh? Ma già fa caldo e si suda, se poi una deve stare anche con le mutandine bagnate...

Solo in pieno sole, sulla strada verso il ristorante, le ho domandato se la cosa si risapesse in giro. Mica che me ne fregasse qualcosa, giusto per non fare gaffe.

– In teoria no – ha risposto – in pratica lo sanno tutti. Figurati se quella troia che stava con me nel bungalow non ha spifferato ogni cosa. Te ne accorgerai da come mi guardano.

E sì, quando ho visto come le altre animatrici la guardavano ho capito cosa volesse dire. Così come ho capito il significato di quel “e poi voglio che tu...”. L’ho iniziato a capire quando l’ho sentita fare quel pompino proprio sotto al patio del bungalow. Quando si è spogliata e mi si è sdraiata sopra con quel bacio al sapore di sperma.

Mi piace, Serena, ve l’ho detto. Intendo proprio fisicamente, a parte tutto il resto. Magari non sarà un ideale di perfezione, non sarà una mannequin semianoressica (quella semmai sono io). Non voglio dire che sia un disastro, anzi tutt’altro. Magari avrà il busto appena appena un po’ ampio e la vita non sarà proprio quella di una vespa. Però anche sticazzi, dai, le sue forme ce le ha tutte. Tanto per cominciare ha le tette. E sono tette vere, a differenza delle mie boccette. Non ce l’ha enormi, ma sono indiscutibilmente tette. Con delle belle areole marroni e i capezzoli ben definiti. Poi è morbida, pur non avendo un chilo di sovrappeso (mah, un chilo forse sì). Bel culo e altrettanto belle gambe. E, incorniciato dai suoi lunghi capelli neri, ha un viso semplicemente stupendo, naturalmente sorridente, con gli occhi scuri scuri. Personalmente sono innamorata di quello spazietto tra i suoi incisivi bianchissimi. Ha una bella bocca, due belle labbra. E anche la lingua è molto bella. Lo so perché in questo momento sta leccando le mie, di labbra. Dà una leccatina e sorride, sorride e mi dà una leccatina. Nella penombra posso vedere anche il suo sguardo impertinente mentre lo fa.

Ha l’aria di una che aspetta, provocandomi, che io faccia qualcosa.

Dovrei essere eccitata ad averla qui accanto a me, nel letto. A stretto contatto, nude entrambe, con la sua coscia messa di traverso sulle mie gambe. E in verità un po’ lo sono. Il fatto però è che, in questo istante un po’ incerto e sospeso, in cui la cingo per le spalle e la stringo a me, riesco solo a concentrarmi su tre cose, diverse tra loro, anche contraddittorie se volete.

La prima è il suo seno che preme contro il mio. Cazzo, questo sì che è piacere sessuale puro. Il suo capezzolo lievemente inturgidito che spinge, che ogni tanto stuzzica il mio, che me lo fa diventare di pietra e mi fa venire i brividi.

La seconda cosa è la sua fica. No, non è quello che pensate. Lo so che sembra una scemenza, ma non mi aspettavo di vederla depilata. Che cazzo vi devo dire? E’ così. Sapevo di una strisciolina di pelo che la ornava, ora che vedo che quella strisciolina non c’è più la cosa non so perché mi fa un certo effetto. Una stronzata, lo ammetto, ma quante volte ci lasciamo trascinare dalle stronzate?

La terza cosa su cui non posso fare a meno di concentrarmi è, invece, più esistenziale, per così dire. Ovvero: adesso che cazzo faccio? Voglio dire, se tutto questo fosse accaduto l’ultima volta che ci siamo viste, prima delle nostre rispettive partenze, a quest’ora starei probabilmente a baciarla ovunque, a massacrarle le tette, a succhiargliele, a leccarle la fica. Cristo, ero come impazzita dalla voglia.

Ora è un po’ diverso. Mi sento incerta. Non è che puoi dirmi “stanotte vado a farmi scopare, poi torno e mi scopi tu” e pensare che tutto sia così facile. Anche perché sì, ok, per lei è la prima volta con una ragazza ma non è che io abbia tutta questa esperienza. Non è che basta schioccare le dita. Tutta questa sua determinazione un po’ mi fa paura. E mi fanno un po’ paura anche le sue aspettative, qualunque esse siano.

Ci ho pensato sopra tutto il pomeriggio, in spiaggia, mentre dondolavo tra l’ombrellone e il chioschetto. Poi ho deciso di lasciarmi andare. Non l’ho fatto senza un motivo. Qualcosa, non so bene cosa però, mi è scattata dentro quando ho visto Serena parlare con il suo ganzo. Mi sono detta ok, andiamo a vedere cosa succede. Tanto qualcosa deve succedere per forza, no?

E in fondo è per questo che sono qui ora, a prendermi le leccatine di Serena sulle labbra. Le catturo la lingua e le rubo un bacio. Un bacio morbido, quasi timido, che però porto a termine mordicchiandole il labbro inferiore. Porto la mano dalla sua coscia un po’ più verso l’interno, verso l’inguine. Un gesto simbolico, direi.

– Non eri quella che si teneva una striscetta di pelo qui? – le domando senza toccarla.

– Sì, però – ridacchia – una sera Pino mi ha chiesto come mai e io, invece di mandarlo affanculo, la sera dopo mi sono presentata completamente rasata ahahahah… scema, no?

– Uh… ma no, perché? Ho conosciuto un tipo ultracattolico, una volta. Aveva una ragazza secondo la quale quelle che se la depilano sono delle puttane…

Serena mi guarda con un sorrisino divertito, di quelli che si tirano fuori quando non si sa dove l’altra voglia andare a parare. Io non è che voglia andare a parare da nessuna parte in particolare, solo che poiché ricordo chiama ricordo ripenso a quella scena e le dico quasi sovrappensiero:

– Nemmeno scopavano sti deficienti, niente sesso, niente di niente… quando gli ho fatto un pompino era talmente carico che a momenti mi annega…

Il sorrisino di Serena si trasforma in una risatina soffocata, ma nell’oscurità mi sembra di vedere gli occhi che per un momento le brillano.

– Qualcosa del genere mi è capitata anche stasera – aggiungo però subito dopo.

– Ah! Troia! – reagisce lei più per la sorpresa che per altro – E con chi sei stata? Giulio o Lucio?

La domanda non è senza motivo, visto che in spiaggia stasera, prima di andarsene, mi ha vista parlare con tutti e due.

– Giulio E Lucio, tesoro mio… anche se il pompino l’ho fatto a Giulio.

Che poi, a dirla tutta, gli avrei anche fatto altro. Solo che lui, boh, non so dire se sia strano o cosa… Cioè, questo Giulio è uno degli animatori. Il più carino, senz’altro. Alto, magro, riccetto. Non è che ci voglia molto a essere il più carino, eh? Perché a parte lui e, forse, Lucio, gli altri sono nella parte medio bassa della classifica. Per non parlare delle animatrici, che sembrano essere state reclutate nel reparto taglie forti di un grande magazzino.

Comunque, dicevo, questo Giulio è carino. Forse un po’ taciturno, ma nemmeno tanto timido. Se fosse timido non mi avrebbe invitata a fare una passeggiata sulla spiaggia di notte sfidando gli sguardi incazzati delle sue colleghe, no? E se fosse scemo non avrebbe capito, quando mi ha passato un braccio intorno alle spalle con la scusa di proteggermi dall’umidità e io mi sono lasciata completamente andare contro il suo corpo, che poteva anche osare altro. E infatti, arrivati oltre degli scogli e con le luci e la musica del chioschetto ormai in lontananza, ha osato. Ha osato dapprima farmi sedere sulle sue ginocchia, poi strofinarsi sul mio collo e infine baciarmi. Ok, tutto secondo protocollo.

Che non sia timido, peraltro, lo ha dimostrato anche il fatto che quando la limonata ha iniziato a farsi parecchio pesante non è che ci abbia pensato due volte a mettermi le mani sulle spalle – senza brutalità, eh? – e a sussurrarmi “ti va?”. Che poi “ti va” cosa? Potevo anche fare la finta tonta. Ma non l’ho fatta e sì, gli ho detto che mi andava. Un po’ perché la sua lingua in bocca e le sue mani sulle tette e sulle cosce non è che mi avessero lasciata indifferente, un po’ perché è vero – mi sono detta – che ho un appuntamento con Serena, d’accordo, ma non è che lei in questo momento stia recitando le novene, no?

Qualunque cosa gli sia passata per la testa dopo, credo che Giulio non si pentirà mai di avermelo chiesto. “In ginocchio sei una dea”, mi disse un mio amico al liceo. Io ancora non sapevo che fosse il verso di una canzone, ma è una definizione in cui mi sono sempre riconosciuta. Perché non solo mi piace da matti, ma perché è vera. Sono una divinità, in ginocchio. Lui tra l’altro ha anche un cazzo non male. Non mirabolante ma non male. Da annusare, gustare e poi farci tutto quello che una dea divinità pompini vi viene in mente ci possa fare.

Peccato sia durato poco, troppo poco. Non lo so, l’astinenza magari. Spero per lui. Complessivamente ci ho messo quasi meno tempo a farlo esplodere che poi a mandarla giù e a ripulirglielo per bene. Solo che poi lui, ecco, non so come dirvelo, subito dopo si è girato e con la scusa che la mattina dopo si doveva svegliare presto ha preso e se ne è andato.

– Non ho capito – domanda Serena cui ho appena finito di raccontare la storia – si è fatto fare un pompino e poi se ne è andato così?

– Esatto, brava, mi ha mollata lì sulla spiaggia…

– Da sola? Nemmeno ti ha riaccompagnata? – domanda stupefatta.

– Ma no, ti dico. Hai presente il boschetto a ridosso della spiaggia? E’ andato da quella parte, avrà preso una scorciatoia, che cazzo ne so…

– E tu cosa hai fatto?

– E che cazzo dovevo fare? Figurati, io mi ci vedevo già appiccicata addosso a uno degli alberi di quel cazzo di boschetto…

– Ma è matto? – domanda Serena.

– E che ne so? Lo conosci da più tempo, dimmelo tu…

– E poi?

– E poi cosa? Sono tornata indietro! Cosa cazzo dovevo fare, starmene lì tutta la notte? Sono tornata al chioschetto nelle condizioni che puoi immaginare…

– Incazzata – commenta Serena.

– Incazzata è solo una parte del problema, bella – rispondo – lo capisci, no?

Cioè, non lo so se capisce, ma per farglielo capire meglio mi chino su di lei e faccio quello che, in questo momento, capisco che avrei dovuto fare sin dal primo momento, a quella cazzo di festa di studenti fuorisede dove ci siamo conosciute. Le mordo un capezzolo strappandole un urlo e poi comincio a succhiarlo nemmeno fossi una neonata.

– AHIA! Fai piano! – strilla lei.

– Piano stocazzo – rispondo – non dirmi che non sai come mi sentivo…

– Sì… lo so – mi dice ansimando un pochino.

– Che cazzo ne sai – le dico con una voglia enorme di soggiogarla – tu a quell’ora ti stavi già facendo fottere in tutti i modi…

Glielo dico leccandole lo stesso capezzolo che prima avevo morso. Il suo strillo si trasforma in un gemito di voglia.

– Sì… – sospira. E non so se voglia dire “sì, continua” oppure “sì, mi stavo facendo montare e non me ne fregava un cazzo di niente”.

– Così sono tornata al chioschetto e ho visto Lucio. O meglio, lui ha visto me…

– E….? – mi domanda con uno sguardo che non capisco bene se vuole che continui a raccontare o che continui a lavorarle le tette.

– E niente, mi ha chiesto dove ero finita, che non mi aveva più vista… Non lo so se si sia accorto di qualcosa, non credo… Tra l’altro erano comparse quelle due troie che stavano stamattina in spiaggia… hai presente quelle due milanesi?

– Sì, Vicky e Oi – dice passandomi la mano sui capelli come se volesse tenermi la testa giù, assicurarsi che non smetta di baciarle il seno – sono di Verona…

– Sai che cazzo me ne frega – sussurro dopo averle lappato il capezzolo ormai duro come la pietra – che razza di nome è “Oi”?

– Che cazzo ne so – risponde un po’ ansimando e un po’ ridacchiando – le chiamiamo così perché una chiama sempre l’altra Vicky e Vicky dice sempre all’altra Oi… Che c’entrano quelle due?

– Nulla – rispondo e mi tuffo a succhiarglielo con delicatezza, quel capezzolo, godendomi per molto tempo i suoi sospiri e i suoi gemiti prima di ricominciare a parlare – non c’entrano nulla. E’ solo che ho avuto la netta sensazione che l’avessero rimbalzato e che fosse venuto a fare il cretino con me…

– Non mi piace tanto Lucio – ansima Serena imponendo la sua mano sulla mia, come ad ingiungermi di continuare a lavorarle la tetta.

Rinuncio a dirle che se è per questo non è che nemmeno il suo stallone sia un granché. Pino non è il mio tipo e, a dirla tutta, non avrei nemmeno pensato che fosse il tipo di Serena. Così, un po’ stempiato e irsuto. Anche se ha l’aria, e il fisico, di uno che non è che ci metta tanto a darti una castigata che te la ricordi per un pezzo.

– Sì, è vero, diciamo che arriva alla sufficienza – le rispondo colando un bel po’ di saliva sul capezzolo prima di ricominciare a succhiare e a leccare.

– In che modo ha fatto il cretino con te?

Invece di risponderle risalgo su e la bacio. E’ un bacio vero, stavolta. Non affamato, non furibondo, ma è comunque un bacio lungo, di possesso. Mio di lei e suo di me. Siamo stese su un fianco, i nostri corpi attaccati l’uno all’altro che cominciano a sudare, le sue tette sulle mie, la sua coscia sopra le mie gambe. La accarezzo e poi risalgo con la mano ad accarezzarle il sedere. Inizio a eccitarmi e anche parecchio. Vorrei che mi toccasse anche lei, vorrei che mi infilasse la mano tra le gambe e mi dicesse quanto sono bagnata. E che non lo sono soltanto perché sto ripensando a quanto è successo poco fa sulla spiaggia, ma perché sto con lei. Ma ho l’impressione che anche lei, nonostante tutta la sua determinazione, sia indecisa sul da farsi. Mi torna in mente la mia prima volta in assoluto con una ragazza, con quella stronza di Viola. Mi rivedo quasi in fotocopia nella passività e nelle incertezze di Serena.

– Ma nulla – sussurro mentre faccio scorrere i polpastrelli leggeri sulla sua pelle e la sento fremere – all’inizio nulla… io tra l’altro avevo bisogno di bere qualcosa, una birra, mi sentivo letteralmente di puzzare ancora del cazzo di Giulio, magari non era vero, però… lui ha detto al tipo del chiosco di non farmela pagare e poi ha iniziato a chiedermi che faccio a Roma, cosa studio, da quanto ci conosciamo io e te, se ho il ragazzo… sai, ste cazzate qui, le solite. Poi a un certo punto mi ha chiesto se volevo fare una scommessa.

– Che scommessa?

– Che prima della mia partenza mi avrebbe baciata.

– Ehehehe… e tu?

– Non lo so perché, ma gli ho detto “se è per questo ho appena fatto un pompino a uno che so a malapena chi sia”.

– Davvero? – chiede Serena spalancando un po’ gli occhi.

– Davvero.

– E lui?

– All’inizio è restato un po’ così… credeva che scherzassi, probabilmente, poi mi ha chiesto “a chi?” ma naturalmente non gliel’ho detto, sai com’è, no? Si dice il peccato… Poi sto scemo mi ha chiesto, ma chissà che cazzo gliene fregava, “hai ingoiato?”.

– Che gli hai risposto?

– Che ho ingoiato e ripulito. “Io ripulisco sempre”, gli ho detto, dovevi vedere la faccia…

– Non farti tirare fuori le cose con le pinze – sbotta Serena con la voce un po’ agitata – poi cosa è successo?

– E’ successo che eravamo dietro al baracchino, è vero che eravamo in ombra ma nemmeno tanto. E comunque magari qualcuno ci ha pure visti… E’ come impazzito, mi ha spinta addosso alla parete e mi ha baciata, e mentre mi baciava mi ha infilato la mano nei pantaloncini, anzi direttamente dentro le mutandine. Lì si è accorto che ero bagnata e mi ha spinto un dito dentro, ci è rimasto un po’ e poi me ne ha messo un altro…

– Cazzo, ma se c’era qualcuno?

– Ah… che cazzo ne so… so solo che meno male che mi baciava, perché quando ha infilato il secondo dito sono schizzata e gli ho fatto un verso che se non mi avesse riempito la bocca con la lingua l’avresti sentito pure tu…

Sento Serena ansimare “oddio…”, mi dà un colpetto e mi stende sulla schiena, mi sale sopra. Cioè, non è che mi salga proprio sopra, diciamo che mi sale a cavallo di una gamba. All’inizio non capisco, ma poi sì, certo che capisco, è logico, è bello. Si struscia, la mia amica, si stropiccia la fica sulla mia coscia. Mi appoggia le mani sulle tette. Poi ci ripensa prende le mie, di mani, e se le porta sulle tette, fa pressione come per invitarmi a stringere. Io stringo, lei si dondola un po’, geme.

– Cosa cazzo è successo, dopo? – domanda affannata.

Le stringo ancora un po’ di più le mammelle, poi le pinzo i capezzoli costringendola a mordersi un labbro. Allargo la gamba rimasta libera, la allargo in modo osceno ma lei non se ne accorge. Quanto vorrei che mi toccasse, che mi sfiorasse il grilletto, che infilasse le sue dita dentro di me come ha fatto quell’altro.


– E’ un porco… – sospiro anche io ormai – non l’avrei detto ma è stato un vero porco… e ha anche detto che tu sei una zoccola…

– Ha detto che sono una zoccola? – miagola Serena strusciandosi.

– Di preciso ha detto: “Mi sa che sei più zoccola tu di quella zoccola della tua amica”.

– Adesso – sussurra – mi racconti tutto per filo e per segno, troia…

Serena quasi si lascia andare, il respiro le trema, la testa ciondola un po’, dà due lunghe strusciate di fica sulla mia coscia, ormai lì la sento scivolare che è una bellezza. Lascia la scia come una lumaca. Vorrei lasciarle la mia di scia, almeno su un dito. Ma lei non muove la mano. Si accascia anzi su di me, con le labbra quasi a contatto, accelerando di poco il ritmo degli sfregamenti. Ma capisco anche che è troppo tardi, che sta cercando il suo piacere strusciandosi sulla mia pelle, eccitandosi alle mie parole. Ed è buffo, sapete, stare qui a raccontare a voi di come la faccia godere con il mio racconto. E’ il racconto di un racconto, un corto circuito. Una cosa che mi ha affascinata quando poi ci ho ripensato. E che mi affascina ancora quando ci ripenso. La nostra prima notte.

Indimenticabile.

Questo racconto di è stato letto 3 4 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesti storieracconto cuckstorie porno gratisracconti di minui racconti di guzzonracconti perettaraconti eroticeracconti erorici gayeacconti eroticiraccontierracconti di rapporti analistorie 69racconti erotici fotoa69 racconti eroticiracconti erotici vacanzaracxonti eroticiracconti porno animalicornuto e contentoracconti erotici di ragazzerqcconti pornostorie di tettoneracconti travestitiracconto erotico prima voltaraconti hotmogli infedeli raccontiracconti erotucistorie sesso a treracconti gay cinemaracconti sensualiracconti erotici con la nonnaerotoci raccontimio fratello si masturbaguardoni maniaracconti di sesso con superdotatisesso fra donne e animaliscopami poi ti spiego facebookracconti sex gratisracconti incesto fratello sorellaracconti mariti cornutiracconto eroti racconti del clisterer acconti eroticiracconti poroscopare con cavalloracconti icestoracconti zia nipoteracconti porno freeracconti erotici lavororacconti perettacontatti eroticiracconti erotici la vicinaracconti erotici harry potterraconto pornoracconti dilatazione analeracconti di coppie scambisteracconti di sesso veritacconti miluvicina vogliosaracoonti eroticirscconti eroticiracconti segheracconto di una scopatastorie ertichemaurizio maurizio che non diventi un vizioi generi di racconti inceatoracconti pornograficierotici racontiracconti feticismo piediracconti eroticastorir pornoracconti piediniraccontimilraccontineroticimasturbazioni in pubblicoracconti di tradimentoracconti gay prime esperienzeracconti incesto gaystorie porniracconti porno sadomasoracconti erotici mistresseracconti eroticiraccontiposcopata in viaggio di nozze