La perversione del mio capo

Scritto da , il 2019-11-06, genere tradimenti

Mi chiamo Erika, un’aspirante avvocato che sta svolgendo il praticantato in uno studio d’avvocati. Mi aveva stupito essere stata presa, ma il mio notevole curriculum universitario aveva aiutato. Col mio fidanzato avevamo fatto una grande festa per l’occasione, ma avrei scoperto a breve che c’era poco da festeggiare. Da subito il mio capo, lo stesso che mi aveva assunta, mi inizió a trattare scontrosamente e io che sognavo di risolvere casi giuridici mi ritrovai a fare fotocopie e portare caffè al mio superiore, il quale non mancava di apostrofarmi con velati insulti razzisti. Non ho ancora specificato di essere di colore, mio padre è di origine etiope. La cosa continuó e iniziavo a sentirmi pesantemente discriminata, ma non capivo perché il mio capo mi avesse assunta se la mia pelle era un così grande problema per lui, molti altri aspiranti avvocati più qualificati di me si erano candidati al posto. Era un gioco perverso il suo, pensavo, assumermi per poi denigrarmi gratuitamente. La svolta avvenne alla fine giornata lavorativa del 21 Ottobre. Lo studio era quasi vuoto, molti erano tornati a casa già. Anche io stavo per tornare a casa, prima avrei dovuto fare delle fotocopie, spillarle e portarle nell’ufficio del capo. Quel giorno indossavo una gonna corta beige a quadri e una maglietta nera. Ero intenta a fare le mie fotocopie quando mi voltai perché mi sentivo osservata e trovai il mio capo imbambolato a fissarmi il sedere. Mi si aprii un mondo, era come quella legge non scritta che più odi una cosa è perché ne sei profondamente attratto in realtà. Tutto tornava così e avevo una carta da giocarmi di fronte alle sue offese, se così fosse stato. Il capo, una volta colto sul fatto, bruscamente esclamó “ aspetto quelle fotocopie nel mio ufficio e se ne andó. Spillai così quelle fotocopie e andai nel suo ufficio, mi aspettava seduto dietro la sua scrivania. Li consegnai il fascicolo con i fogli, lo sfoglió, lo gettó sulla scrivania. “ non sei neanche capace di fare fotocopie decenti, lo sapevo che non dovevo assumere una come te”. Io alzai le sopracciglia:” una come me come ?” E lui mi rispose con sufficienza, mentre era intento a fare altro :” lo sai benissimo. Comunque puoi andare, finirai domani” e io feci per andarmene, arrabbiata e umiliata. Non potevo dargliela vinta. Mi fermai sulla porta e mi voltai: “ però come le piace guardarmi il sedere anche se sono di colore...”. Lui alzó la testa a quelle mie parole:” come hai detto scusa?”. A quel punto ero partita e ero un fiume in piena:” ho capito che tipo di persona è lei. Il tipico bianco che odia i neri. Poi torna a casa e si masturba sui video porno con ragazze di colore, o magari sulla sua stagista ventenne”. Lui mi guardó con un pizzico di stupore. Io non so cosa mi stesse prendendo, ma ormai mi sentivo in completo controllo della situazione e mi piaceva quella situazione. “ Anzi lo sa cosa penso? Che lei è talmente eccitato dal mio corpo che farebbe di tutto per averlo e questo pensiero la dilania dentro”. Lui si era alzato, dirigendosi poi verso la porta e spalancandola:” Se ne vada” esclamó. Ormai ero fuori controllo, anzi sentivo di tenerlo sotto controllo. Invece di uscire, come lui ordinava, arretrai fino alla scrivania, mi ci sedetti sopra e tirai leggermente su la gonna, allargando le gambe il più possibile: “ dimmi la verità: Cosa faresti per avermi una volta sulla tua scrivania?” Lui lasció andare le braccia lungo i fianchi, come fosse arreso, la porta si accostó dietro di lui. Sulla sua faccia, sempre così dura e ferma, si leggeva rassegnazione:” Qualsiasi cosa”. Sorrisi soddisfatta, avevo raggiunto il mio obbiettivo, era mio. “ Voglio che lei sappia che tutto quello Che faremo qui dentro sarà solo perché io voglio che avvenga” Era perverso, lo so, ma quella situazione mi aveva fatto venire voglia di dominarlo sessualmente, di sapere che ero io a scopare lui. Mi alzai la gonna davanti a suoi occhi. Indossavo un tipo di calze che avevano come un buco tra le gambe e rendevano perfettamente visibile il mio sedere. Lui quasi crolló di fronte a quella visione, immediatamente fece per tirarsi fuori il pisello. “ tu sei la mia ossessione “. Io come se non lo avessi sentito :” siediti sulla tua sedia “ e eseguì. Prima di sedermi a cavalcioni su di lui li dissi “ nessuna ti cavalcherà come io sto per fare” ero molto eccitata, devo ammetterlo, tanto che ormai non sapevo più perché lo stavo facendo, non riuscivo a giustificare quello sfrenato desiderio sessuale che ormai non potevo più dominare. Mi sedetti a cavalcioni su di lui e iniziammo quella furiosa cavalcata. Le sue mani si stamparono sulle mie chiappe, sculacciandomele. “ dimmi che sono la tua troia nera” li ordinai “ sei la mia troia nera” e io lo cavalcai, lo continuai a cavalcare fino allo stremo delle forze, fino a non ragionare più, fino a sentire che con un rantolo si abbandonava a un orgasmo dentro di me e a quel punto non mi trattenni da esclamare una serie di “si!” . Mi alzai, abbassandomi la gonna:” non trattarmi mai più come mi hai trattato fin’ora” e feci per andarmene: “ perché sennò che fai ?” E io mi voltai:” saprò come fartela pagare “ mi detti un provocatorio schiaffetto sul sedere e poi me ne andai

Questo racconto di è stato letto 7 8 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


www.eroticiracconti.itracconti porno gay gratisracconti erotici scambio di coppiaracconti zozziannuncio 69.itracconti puttanaracconti porno gay gratisracconti porno maturaeroticraccontiracconti sroticiracconti dal dottoresuocera maialaracc eroticisesso con la cognataracconti erotici familiaristorie bdsmstorie pormoracconti di bdsmracc erotil culetto di mia sorellaracconti suppostaracconti erotici 1945racconti pompini gayracconti erotici costrettaracconti eoritcistorie sissystorie pornoraccnti pornoracconti di scambioracconti zie troiemia madre mi masturbaporno racconti veristorie porno gratisfiglia ninfomanestorie sadomasosculacciate eroticheracconti scambio di coppiaracconti di spankingracconti erotici blogracconti erotici superdotatouna moglie insaziabileracconti erotici prima volta gayracconti transexzoofilia raccontitorie pornoerotici raccontoracconti erotivi gayraccontieroticidiguzzon59storie di sesso sfrenatocar sex raccontimia moglie è una vaccaconfessioni erotiche realiinculo mia suoceramammeincestiracconti erotici a69i segreti della ziaragazze che scopano in discotecaracconti-eroticiwww.eroticiracconti.itracconti eoriticigodemichèlibri erotici onlineracconti rroticiracconti moglie scopataracconti erotici di punizioniracconti pornoracconti roticiracconti erotici madreracconti incesti lesboracconti incesincesti familiariracconti sesso a treeritici raccontisesso safficoincesto madre figlio raccontistorie poenoracconti eroserotici raracconti hard al cinemaracconti lesbichebondage storiesracconti pornp